• Opsonline.it
  • Facebook
  • twitter
  • youtube
  • linkedin
Visualizzazione risultati 1 fino 7 di 7
  1. #1
    Partecipante Veramente Figo L'avatar di kyaky
    Data registrazione
    16-10-2004
    Residenza
    FERMO
    Messaggi
    1,046

    Pedagogista=psicologo?!?

    Ciao ho appena letto sul sito della fiped, federazione italiana pedagogisti quanto segue:
    "Il 16-12-1983 con Parere n. 53 - paragrafo 5 - il Consiglio Nazionale Sanitario recita “Pedagogisti: tali figure, purché in possesso del Diploma di Laurea, richiesto…. sono equipollenti al profilo professionale dello Psicologo di cui all’allegato 2 del D.P.R. n. 761/1979 ed ascrivibili nelle corrispondenti posizioni funzionali in relazione agli specifici requisiti previsti dal D.M. 30-1-1982”.

    E POI:
    "2.La Circolare del Ministero della Sanità n. 100/SCPS/2/5340 del 5 aprile 1994 avente per oggetto “linee guida sugli istituti ed i centri per il recupero e la riabilitazione funzionale” dichiara che le prestazioni che si devono svolgere in tali istituti e centri sono di natura: “medica, psicologica, pedagogica e sociale”.
    3.La Sentenza del Consiglio di Stato – sezione V – n. 763 del 13-7-1994 ribadisce il parere n. 53/1983 del Consiglio Nazionale Sanitario – “Le posizioni funzionali di pedagogista, psicopedagogista e simili, sono equiparate al profilo professionale dello psicologo di cui all’art. 2 del D.P.R. 20 dicembre 1979 n. 761 ove i dipendenti che le rivestono siano in possesso del diploma di laurea. In tal caso, pertanto, l’inquadramento nei nominativi del personale non di ruolo deve essere effettuato ex art. 3 della legge 20 maggio 1985 n. 207 nel profilo professionale di psicologo collaboratore”.
    4.Il D.P.R. 14-1-1997 pubblicato sulla G.U. n. 42 del 20-2-1997 (Approvazione dell’atto di indirizzo e coordinamento alle regioni e alle province autonome di Trento e Bolzano, in materia di requisiti strutturali, tecnologici ed organizzativi minimi per l’esercizio delle attività sanitarie da parte delle strutture pubbliche e private) dispone alle pagine 27 e 61 che il trattamento nei centri di riabilitazione avviene con un …”apporto multidisciplinare medico-psicologico-pedagogico”. Nelle stesse pagine dichiara inoltre che il personale presente in tali centri “…devono possedere… personale medico specialista, personale dell’area psicologica e pedagogica, tecnici della riabilitazione, educatori e personale di assistenza sociale”, (dunque si menziona il personale di area pedagogica ben distinto e differenziato dagli educatori) … tutto questo personale deve essere garantito nei centri ad internato e diurnato (pag. 61) e nelle strutture ambulatoriali, extramurali, domiciliari e nei centri occupazionali (pag. 27)."

    CIOE' MA è POSSIBILE DICO IO?
    MA PUò ESSERE CHE NOI POSSIAMO FARE SOLO GLI PSICOLOGI PERCHè LA NOSTRA LAUREA NON è EQUIPOLLENTE A NESSUN ALTRA LAUREA MENTRE TUTTI GLI ALTRI LAUREATI POSSONO FARE IL NOSTRO LAVORO?
    FACCIAMO QUALCOSA.
    QUESTI PEDAGOGISTI MI HANNO PROPRIO STUFATO!

    Chiara
    ______________________________
    Ciambellana dei Film dell'anno 2005/06
    _____________________________________________


    www.caniamici.org
    caniamici il blog

  2. #2
    Partecipante L'avatar di robertar
    Data registrazione
    30-03-2005
    Residenza
    Milano
    Messaggi
    30
    In questi casi, secondo me, conviene fare "la solita" segnalazione all'Ordine...

    E' l'unico che può agire... concretamente (spero...)

    Ciao
    Roberta

  3. #3
    Partecipante Assiduo L'avatar di marianna5
    Data registrazione
    10-07-2003
    Residenza
    ragusa
    Messaggi
    167
    io TEMO che lo scopo ultimo di tutto ciò è quello di equiparare ed inglobare pedagogia e psicologia.... secondo me è già tutto deciso....penso che se una federazione così in vista come la fiped scrive una cosa del genere avrà già preso i suoi accordi con chi di dovere tra i "nostri" rappresentanti, non trovate?

  4. #4
    Partecipante L'avatar di robertar
    Data registrazione
    30-03-2005
    Residenza
    Milano
    Messaggi
    30
    Se cosi' fosse... avremmo dovuto essere informati.

    Anche perchè, da quello che so, sembra che l'ordine della Lombardia si stia impegnando molto sul fronte della tutela professionale e della difesa da usurpazioni varie o equiparazioni illecite.

    Non mi sembra quindi proponibile un accordo a monte... perchè sarebbe una contraddizione dei principi ispiratori del nostro codice deontologico.

  5. #5
    atenanike
    Ospite non registrato
    Scusate ma mipare che pedagogia siano anche molti esami in meno,un mio professore del liceo era laureato in lettere e come seconda laurea aveva pedagogia,sicuramente l'ha presa aggiungendo degli esami.

  6. #6
    psicosarix
    Ospite non registrato
    anche secondo me la segnalazione all'ordine è l'unico modo per fare qualcosa.

    se non si riescono a fermare queste equipollenze , però, secondo me dobbiamo cambiare punto di vista ...


    equipollenza significa equivalenza ... allora
    A = psicologo e B = Pedagogisti

    se B è equipollente ad A allora necessariamente A è equipollente a B

    significa che se loro possono fare il nostro lavoro, noi possiamo concorrere per il loro ... dunque nell' noi possiamo fare i pedagogisti!

    pensiamoci ... nel caso ...


  7. #7
    Partecipante Assiduo L'avatar di marianna5
    Data registrazione
    10-07-2003
    Residenza
    ragusa
    Messaggi
    167
    si ma in un ottica prettamente economica (perchè è inutile prendersi in giro ... interessa anche quello oltre che alla passione!) i pedagogisti sono pagati la metà degli psicologi, ergo mi domando: da questo punto di vista l'equipollenza va a farsi.... benedire?

Privacy Policy