• Opsonline.it
  • Facebook
  • twitter
  • youtube
  • linkedin
Visualizzazione risultati 1 fino 4 di 4
  1. #1
    Partecipante Super Figo L'avatar di CaptiveSoul
    Data registrazione
    28-02-2006
    Residenza
    Siena - Padova
    Messaggi
    1,646

    medicina (pensieri notturni e paranoie)

    è l'una di notte, domani mattina mi sveglio presto e torno a casa dei miei genitori e io ancora devo fare la valigia ma non importa, rimango qui.. non ho voglia!
    a parte questo, ho fatto un giro per il forum in stanze che non visito frequentemente e ho trovato un thread che mi ha un po' inqietato:
    questo
    tratto dalla stanza dei sogni.. viene richiesto che laurea ci piacerebbe come seconda... e ho risposto medicina (neurologia per l'esattezza ) poi ho dato un'occhiata a ben 15 pagine di risposte per accorgermi che un sacco di gente ha detto medicina..
    ma siete pentiti della vostra scelta di laurearvi in psicologia?? vorreste aver scelto medicina? oppure si tratta soltanto davvero di una SECONDA laurea in futuro?

    in scrubs (prima serie, una delle prime puntate) i medici hanno un incontro con una psicologa e il primario la definisce
    una che non è riuscita ad entrare nella medicina vera (qualcosa del genere insomma) non è davvero così, vero, gente? non è che critichiamo tanto i medici, l'approccio scientifico, la loro alterità e superiorità soltanto perché in fondo li invidiamo per ciò che sono diventati? non voglio scoprire che tutto il mondo che mi ero costruita si basava sull'invidia invece che su qualcosa di autentico

    [scusate il messaggio sconclusionato, ma è tardi e sono stanca, inoltre l'ho scritto con l'idea di scrivere un post di "pensieri liberi", poi però ho pensato di dare alle mie parole un minimo di dignità loro e ho creato un thread.. in realtà l'ho fatto perché mi interesserebbero i vostri pareri, i vostri pensieri al riguardo, che spero smentiscano queste mie idee notturne]

  2. #2
    Postatore OGM L'avatar di Lunete
    Data registrazione
    23-04-2004
    Residenza
    Cagliari
    Messaggi
    4,231
    Mio padre avrebbe voluto che studiassi medicina..ma essendo io in una famiglia di medici lo posso capire..io ho scelto la psicologia perchè volevo solo quella,non mi serve diventare medico per mettere in atto i progetti che ho in mente..certo dopo la laurea una bella scuola di psicoterapia vorrei farla,ma si vedrà..comunque la categoria degli psicologi non ha niente da invidiare a quella dei medici,sono solo due approcci diversi.

  3. #3
    Postatore Compulsivo L'avatar di Calethiel
    Data registrazione
    19-04-2005
    Residenza
    Roma provincia
    Messaggi
    3,590
    Anche io avrei scelto medicina, con successiva specializzazione in neurologia (o seconda scelta neuropsichiatria infantile). Ma non al posto della laurea in psicologia. L'ho scelta solo xkè sarebbe un completamento alla mia profesisone, mi darebbe tante conoscenze che mi servono nella pratica giornaliera, occupandomi di neuropsicologia. Sono contenta di fare la psicologa, ma mi fa rabbia tutte le agevolazioni che hanno in più i medici. E parlo per esperienza. La loro specializzazione è pagata, poco, ma meglio di noi che ce la paghiamo! E poi per loro è molto più facile essere "sponsorizzati" dalle case farmaceutiche e ottenere così borse lavoro. La mia invidia si esaurisce qui, e non al tipo di lavoro

    Mentre il saggio indica la luna, lo stolto guarda il dito

    Non ti curar di loro, ma guarda oltre e passa

  4. #4
    Partecipante Super Figo L'avatar di CaptiveSoul
    Data registrazione
    28-02-2006
    Residenza
    Siena - Padova
    Messaggi
    1,646
    Grazie per le vostre risposte, davvero mi rincuorano
    In particolare mi riconosco molto nelle parole di Calathiel, anch'io non invidio la formazione o l'approccio medico, però alle volte mi sembra che per loro tutte le strade si aprano ai loro passi, dando loro molte più possibilità che a molti altri laureati, per non pensare soltanto a noi..

    un abbraccio e un grazie sincero
    "Ogni volta che una cellula nervosa muore abbiamo un neurone in meno per pensare."
    (M. Bear, B. Connors, M. Paradiso, "Neuroscienze, Esplorando il cervello", trad. it. a cura di C. Casco e L. Petrosini)




Privacy Policy