• Opsonline.it
  • Facebook
  • twitter
  • youtube
  • linkedin
Pagina 1 di 2 12 UltimoUltimo
Visualizzazione risultati 1 fino 15 di 20
  1. #1
    Partecipante Super Esperto L'avatar di panicosa
    Data registrazione
    14-01-2007
    Residenza
    cagliari
    Messaggi
    630

    campioni sperimentali tesi

    qualche anima gentile mi sa dire qual è l'ampiezza minima di un campione sperimentale per una ricerca di tipo correlazionale tra due variabili semplici?
    (Cioè in ciascun soggetto misuro entrambe le variabili per vedere se all'aumentare di una si associa l'aumento anche dell'altra.)

  2. #2
    Postatore OGM L'avatar di willy61
    Data registrazione
    20-09-2004
    Residenza
    Albino (BG)
    Messaggi
    4,192
    Blog Entries
    281
    Dunque...

    La risposta non è immediata.

    Per conoscere l'ampiezza minima di un campione sperimentale per una ricerca sulla correlazione tra due variabili, ipotizzando di avere a disposizione due gruppi composti dallo stesso numero di persone, occorre sapere che test intendi utilizzare.
    Questo perché, ipotizzando un alfa di 0.05 (cioè accettare un errore di primo tipo inferiore al 5%), occorre ipotizzare qual'è la differenza che ti aspetti tra le medie dei due gruppi e conoscere la deviazione standard attesa del test che utilizzi.

    Fammi sapere. Se hai dubbi, piemmizzami.

    Buona vita

    Guglielmo
    Dott. Guglielmo Rottigni
    Ordine Psicologi Lombardia n° 10126

  3. #3
    Postatore OGM L'avatar di willy61
    Data registrazione
    20-09-2004
    Residenza
    Albino (BG)
    Messaggi
    4,192
    Blog Entries
    281
    Comunque, solitamente le correlazioni che si ottengono in campo psicologico variano tra 0.40 e 0.60.

    Se desideriamo che la potenza del test (la potenza del test è la probabilità che il test rilevi una differenza realmente esistente tra i due gruppi esaminati) sia maggiore di 0.80 con un livello di confidenza del 95% (p<0.05), allora il numero minimo di soggetti sarà:

    r=0.40 n=50
    r=0.45 n=37
    r=0.50 n=29
    r=0.55 n=24
    r=0.60 n=20
    r=0.70 n=14
    r=0.80 n=10


    Buona ricerca

    e buona vita

    Guglielmo
    Dott. Guglielmo Rottigni
    Ordine Psicologi Lombardia n° 10126

  4. #4
    Partecipante Assiduo L'avatar di jijia blacky
    Data registrazione
    02-09-2005
    Residenza
    frosinone
    Messaggi
    249

    Riferimento: campioni sperimentali tesi

    Citazione Originalmente inviato da willy61 Visualizza messaggio
    Comunque, solitamente le correlazioni che si ottengono in campo psicologico variano tra 0.40 e 0.60.

    Se desideriamo che la potenza del test (la potenza del test è la probabilità che il test rilevi una differenza realmente esistente tra i due gruppi esaminati) sia maggiore di 0.80 con un livello di confidenza del 95% (p<0.05), allora il numero minimo di soggetti sarà:

    r=0.40 n=50
    r=0.45 n=37
    r=0.50 n=29
    r=0.55 n=24
    r=0.60 n=20
    r=0.70 n=14
    r=0.80 n=10


    Buona ricerca

    e buona vita

    Guglielmo
    ciao gluglielmo!
    a distanza di anni il problema della ragazza si sta ripresentando anche a me!! sperando che ti colleghi ancora su ops, come mi consigli di agire? cosa devo fare per vedere se il mio campione è adeguato? per adesso ho 36 soggetti e non riesco a capire se siano sufficienti anche perchè non penso di superare un campione di 50!!! come devo agire?!

  5. #5
    Partecipante Assiduo L'avatar di jijia blacky
    Data registrazione
    02-09-2005
    Residenza
    frosinone
    Messaggi
    249

    Riferimento: campioni sperimentali tesi

    Citazione Originalmente inviato da willy61 Visualizza messaggio
    Comunque, solitamente le correlazioni che si ottengono in campo psicologico variano tra 0.40 e 0.60.

    Se desideriamo che la potenza del test (la potenza del test è la probabilità che il test rilevi una differenza realmente esistente tra i due gruppi esaminati) sia maggiore di 0.80 con un livello di confidenza del 95% (p<0.05), allora il numero minimo di soggetti sarà:

    r=0.40 n=50
    r=0.45 n=37
    r=0.50 n=29
    r=0.55 n=24
    r=0.60 n=20
    r=0.70 n=14
    r=0.80 n=10


    Buona ricerca

    e buona vita

    Guglielmo
    ciao gluglielmo!
    a distanza di anni il problema della ragazza si sta ripresentando anche a me!! sperando che ti colleghi ancora su ops, come mi consigli di agire? cosa devo fare per vedere se il mio campione è adeguato? per adesso ho 36 soggetti e non riesco a capire se siano sufficienti anche perchè non penso di superare un campione di 50!!! come devo agire?! ps: il campione è unico! c'è solo lo sperimentale!

  6. #6
    Partecipante Assiduo L'avatar di jijia blacky
    Data registrazione
    02-09-2005
    Residenza
    frosinone
    Messaggi
    249

    Riferimento: campioni sperimentali tesi

    ciao gluglielmo!
    a distanza di anni il problema della ragazza si sta ripresentando anche a me!! sperando che ti colleghi ancora su ops, come mi consigli di agire? cosa devo fare per vedere se il mio campione è adeguato? per adesso ho 36 soggetti e non riesco a capire se siano sufficienti anche perchè non penso di superare un campione di 50!!! come devo agire?! ps: il campione è unico! c'è solo lo sperimentale!

  7. #7

    Riferimento: campioni sperimentali tesi

    io non sono uno psicologo, ma uno statitico, quindi penso di poterti aiutare....la numerosità campionaia come si dice nel post precedente è in funzione della variabilità e della differenza che si vuole stimare(anche se hai un solo campione, può darsi che quello che tu voglia sia poter stimare la sua differenza da 0)senza questi dati non so che dirti...se sei più chiara posso darti una mano...
    Ultima modifica di niandra1982 : 06-04-2010 alle ore 01.00.24

  8. #8
    Partecipante Assiduo L'avatar di jijia blacky
    Data registrazione
    02-09-2005
    Residenza
    frosinone
    Messaggi
    249

    Riferimento: campioni sperimentali tesi

    Grazie Mille....
    guarda l'obiettivo dell'analisi statistica è questo:
    "Tutte le variabili categoriche verranno riassunte mediante frequenze assolute e relative, mentre per le variabili di tipo continuo si utilizzeranno statistiche appropriate quali media, deviazione standard, mediana e range. I valori di maggiore interesse verranno riportati con il loro intervallo di confidenza al 95%. Gli unici test di verifica di ipotesi che saranno utilizzati sono quelli che riguardano la correlazione tra strategie di coping e qualità di vita. Dopo aver verificato la natura delle variabili verranno applicati test parametrici (Pearson) o non-paramentrici (Spearman) più opportuni"

  9. #9

    Riferimento: campioni sperimentali tesi

    ma non c'è un confronto?, perchè se non c'è la numerosità campionaria non è importante...non serve per le correlazioni, ceto che maggior unità hai e più facile è vedere che tipo di correlazione ci sia
    Ultima modifica di niandra1982 : 13-04-2010 alle ore 10.59.55

  10. #10
    Partecipante Assiduo L'avatar di jijia blacky
    Data registrazione
    02-09-2005
    Residenza
    frosinone
    Messaggi
    249

    Riferimento: campioni sperimentali tesi

    Citazione Originalmente inviato da niandra1982 Visualizza messaggio
    ma non c'è un confronto?, perchè se non c'è la numerosità campionaria non è importante...non serve per le correlazioni, ceto che maggior unità hai e più facile è vedere che tipo di correlazione ci sia
    un confronto tra 2 gruppi dici?! No, tra 2 gruppi no! è solo uno! l'obiettivo principale è la valutazione delle 2 variabili in questione e la rilevazione di una loro eventuale correlazione (che spero vivamente ci sia!). Quindi 50 pazienti potrebbero bastare giusto? solo ke è più difficile che ottenga risultati significativi, ma non è una ricerca scorretta. Ho capito bene?
    ps: grazie ancora x l'aiuto!!

  11. #11

    Riferimento: campioni sperimentali tesi

    non è scorretta, le correlazioni si possono trovare anche con poce variabili....se pensi che ci sia e non vedi correlazione direta, prova a trasformare le variabili, magari viene..

  12. #12
    Partecipante Assiduo L'avatar di jijia blacky
    Data registrazione
    02-09-2005
    Residenza
    frosinone
    Messaggi
    249

    Riferimento: campioni sperimentali tesi

    Citazione Originalmente inviato da niandra1982 Visualizza messaggio
    non è scorretta, le correlazioni si possono trovare anche con poce variabili....se pensi che ci sia e non vedi correlazione direta, prova a trasformare le variabili, magari viene..
    in che senso provo a trasformare le variabili???
    scusa se ti chiedo in continuazione delucidazioni ma non ho fatto mai un'analisi statistica in vita mia!!!

  13. #13

    Riferimento: campioni sperimentali tesi

    nel senso che i test che vuoi fare ti diranno se c'è una correlazione lineare, ma in realtà le correlazioni possono anche non essere lineari, ma quadratiche, cubiche o logaritmiche.....lo so che non sarà molto chiaro ma non saprei come dirtelo in maniera più semplice...
    a livello pratico: se non rovi correlazione tra le variabili, prova a farne il quadrato: es se hai variabile A e B e tra le due non c'è correlazione, prov con A^2 (a al quadrato) e B, oppure LOGA e B, oppure A^3 e b....

  14. #14
    Partecipante Assiduo L'avatar di jijia blacky
    Data registrazione
    02-09-2005
    Residenza
    frosinone
    Messaggi
    249

    Riferimento: campioni sperimentali tesi

    non so come si fa.....ma grande!!!
    mi stai aprendo gli occhi a più possibilità!!

  15. #15

    Riferimento: campioni sperimentali tesi

    su che programma ce l'hai i dati?, excel?....

Pagina 1 di 2 12 UltimoUltimo

Privacy Policy