• Opsonline.it
  • Facebook
  • twitter
  • youtube
  • linkedin
Visualizzazione risultati 1 fino 5 di 5
  1. #1

    Il disorientamento iniziale

    Per tutti noi arriva un momento in cui si deve compiere una scelta.
    E' vero la vita è un cocatenarsi di eventi, di azioni, di scelte e di decisioni.
    Per i laureati di psicologia, e forse in particolare per chi ha fatto degli indirizzi clinici, arriva il momento di scegliere la scuola di specializzazione
    Ecco che inizia il pellegrinaggio da amici, conoscenti, nel web, cercando spasmoticamente una scuola che possa rispondere a dei criteri precisi:
    1) corrispondenza della scuola con le inclinazioni personali (decisamente questo dovrebbe essere il primo e fondamentale criterio)
    2) vicinanza dell'istituto, per non continuare a fare chilometri per poter seguire le lezioni
    3) economicità, dato che le scuole costano un po'
    4) si iniziano a calcolare le possibilità di inserimento una volta terminato il percorso.
    I dubbi all'inizio sono davvero tanti.
    La mia esperienza è stata all'inizio proprio questa, ma poi tutto si è chiarito e adesso sono all'ultimo anno.
    Sono arrivata alla SEF - Scuola Europea di Psicoterapia Funzionale- consigliata dalla responsabile dell'ospedale dove facevo il tirocinio.
    Non ne avevo mai sentito parlare, ma mi è bastato seguire dei seminari introdduttivi del modello per capire che tutto si sposava bene con il mio modo di essere.
    La persona è un organismo complesso che funziona armoniosamente: non si è solo mente e non si è solo corpo, ma un tutto integrato.
    Per chi come me ha una visione circolare della persona e non piramidale (dove è la sola mente a governare tutto) la SEF è la scuola adatta.
    Scegliere una scuola di specializzazione e non sposarne il modello vuol dire farsi violenza, vuol dire non essere soddisfatti di ciò che si sta imparando e di ciò che si andrà a fare.
    Questo non è possibile in una professione d'aiuto come la nostra, per poter essere d'aiuto dobbiamo innanzitutto essere soddisfatti noi.
    Ma condividere un modello non vuol dire poi mettere dei paraocchi e non tenere nient'altro in considerazione ed è questo un'altro lato positivo della SEF è un modello integrato che nel corso di studi curriculari permette ad esponenti di altri indirizzi di tenere lezioni e rendere quindi la preparazione professionale (e vi assicuro anche personale) sempre più armonica ed organizzata, da' una visione a 360 gradi.
    Adesso concludo, ho parlato fin troppo, ma vi invito a capire quali sono le vostre vere inclinazioni prima di scegliere.
    Carmensef

  2. #2
    Partecipante Esperto L'avatar di pallina2
    Data registrazione
    05-04-2006
    Residenza
    Pisa
    Messaggi
    252
    scusa carmensef, ma non mi sembra tanto carino nè tantomeno velato il tuo tentativo di fare pubblicità a questa scuola...e poi, scusa se te lo dico, ma il tuo discorso sembra ricopiato da un depliant informativo dell'istituto (di cui sei forse un docente?)...questa non è la sede per fare pubblicità!!!!

    grazie

  3. #3

    solo un vissuto

    Magari potessi essere una docente sarebbe una bella soddisfazione!!!!!!!
    Mi spiace che da quanto ho scritto avverti questo perchè non era mia intenzione, sono solo una nostalgica, che è arrivata all'ultimo anno di un percorso che è stato duro non solo professionalmente, ma sopratutto personalmente.
    Ho visto gente sprecare tempo, cambiare scuola, dopo aver pagato un anno intero, voleva solo essere uno spunto di riflessione, nulla di più.
    Comunque tanti auguri di buon anno
    Carmensef

  4. #4
    Partecipante Assiduo
    Data registrazione
    01-04-2006
    Residenza
    roma
    Messaggi
    121
    a me invece la tua presentazione mi ha incuriosito...io sto cominciando adesso a scegliere la scuola di specializzazione e davvero non so da dove iniziare...mi daresti altre info?quanti anni sono?quanti esami?se è obbligatorio il percorso personale di psicoterapia,se si' è compreso nella scuola?costi approssimativam?io sono di roma..

  5. #5

    Ciao Claudette77

    Originariamente postato da claudette77
    a me invece la tua presentazione mi ha incuriosito...io sto cominciando adesso a scegliere la scuola di specializzazione e davvero non so da dove iniziare...mi daresti altre info?quanti anni sono?quanti esami?se è obbligatorio il percorso personale di psicoterapia,se si' è compreso nella scuola?costi approssimativam?io sono di roma..
    Tanto per cominciare cerca di chiarire a te stessa quale è la tua vera inclinazione.
    Conosco bene il senso di disorientamento che si prova, ci sono passata. E' da un po' che penso che sarebbe opportuno istituire delle settimane di orientamento per la scelta delle scuole di specializzazione, come già si fa per la scelta delle facoltà universitarie.
    Comunque per rispondere ai tuoi quesiti:
    per tutte le scuole di specializzazione che preparano a diventare psicoterapeuti gli anni sono 4 (c'è qualcuno che richiede un 5 anno, ma sono poche)
    per la scuola di psicoterapia funzionale gli esami nei 4 anni sono 21 e sono tutti orali con dispense e libri che vengono forniti direttamente dalla scuola (ma che bisogna pagare, ma i costi per i materiali fino ad oggi non sono esosi) in più c'è una tesi finale da discutere
    il percorso personale è previsto, ed è obbligatorio dal 2 anno e si tiene con psicoterapeuti dello stesso modello che prevede una seduta settimanale a prezzo fisso (convenzione) per gli studenti
    il prezzo annuale è forse leggermente inferiore a quelli che si sentono in giro (fino allo scorso anno era di 2,800)
    la scuola ha diverse sedi firenze, padova e napoli che inglobava roma e catania ma adesso dovrebbero iniziare i corsi nelle sedi automone di roma e catania cmq puoi andare sul sito e fughi altri tuoi dubbi www.psicologiafunzionale.it
    Spero di essere stata esaustiva e ripeto cerca di chiarire a te stessa ciò che ti piacerebbe e di renderebbe effettivamente soddisfatta.

Privacy Policy