• Opsonline.it
  • Facebook
  • twitter
  • youtube
  • linkedin
Pagina 1 di 2 12 UltimoUltimo
Visualizzazione risultati 1 fino 15 di 16
  1. #1
    Partecipante Esperto L'avatar di moon2007
    Data registrazione
    09-10-2006
    Messaggi
    315

    informazione sulla pubblicità

    Ciao a tutti,
    volevo porvi una domanda, fermo restando che comunque penso che per evitare ogni dubbio chiamerò l'Ordine al momento necessario.
    Comunque volevo chiedervi, riguardo alla pubblicità: va chiesta l'autorizzazione per le targhe da apporre esternamente all'edificio, vero?
    Un'altra cosa: se si volesse, ad esempio, organizzare un mini corso o incontri su argomenti specifici, aperti al pubblico, come è possibile sponsorizzarli in maniera giusta?
    Ciao e grazie!!

  2. #2
    Partecipante
    Data registrazione
    21-01-2005
    Residenza
    Firenze
    Messaggi
    39
    ciao moon, per le targhe e necessario l'autorizzazione all'ordine e anche dal comune ( almeno per molte città)
    Per la promozione i metodi che conosco sono
    passaparola
    brochure locandine
    internet
    non sò se si tratta della maniera GIUSTA e molto dipende dalla città
    Per esempio una ricerca dell'ordine della toscana ha dimostrato che il passaparola funziona meno a firenze

  3. #3
    Partecipante Assiduo L'avatar di lisa mielenero
    Data registrazione
    19-04-2006
    Residenza
    Livorno
    Messaggi
    150
    Blog Entries
    1
    per la pubblicità consiglio brochure e volantinaggio di ogni tipo, da lasciare in punti strategici...
    internet può servire o meno, a seconda dei casi, e anche per questo ci sono vari modi, per es un sito, un banner da lasciare nei siti giusti, e una newsletter ai contatti che hai.
    diffondere in tutti i modi che ti vengono in mente, insomma.
    il passaparola credo funzioni in piccoli centri.
    ciao
    il.mio.arcobaleno.dopo.la.tempesta.

  4. #4
    Partecipante Super Esperto L'avatar di quattrostracci
    Data registrazione
    06-07-2006
    Messaggi
    717
    In molte città esistono dei circuiti (così detti delle affissioni) di proprietà del comune.

    Hanno dei costi irrisori (tipo una decina di euro per avere una quindicina di manifesti per circa dieci giorni...) e una resa solitamente molto alta.

    L'unico requisito che chiedono è quello di essere un'associazione (culturale, senza fine di lucro, etc.). Non è possibile farlo come società, come professionista singolo, etc.

    Questo proprio per i prezzi "popolari".

  5. #5
    sibina71
    Ospite non registrato
    Mi intrufolo nella discussione con una domanda:
    le brochure devono avere il nulla osta dell'Ordine?

    Grazie e scusate davvero la banalità della questione...

  6. #6
    Partecipante Assiduo L'avatar di lauryspriz1980
    Data registrazione
    23-01-2005
    Residenza
    brescia
    Messaggi
    159
    [QUOTE]Originariamente postato da quattrostracci
    [B]In molte città esistono dei circuiti (così detti delle affissioni) di proprietà del comune.

    Hanno dei costi irrisori (tipo una decina di euro per avere una quindicina di manifesti per circa dieci giorni...) e una resa solitamente molto alta.

    L'unico requisito che chiedono è quello di essere un'associazione (culturale, senza fine di lucro, etc.). Non è possibile farlo come società, come professionista singolo, etc.

    Ciao!Io sarei molto interessata a questa cosa che midici. Mi potresti spiegare meglio? A chi mi rivolgo di preciso?Grazie.Tu di che città sei?
    Laura

  7. #7
    Partecipante Super Esperto L'avatar di quattrostracci
    Data registrazione
    06-07-2006
    Messaggi
    717
    Originariamente postato da lauryspriz1980
    Ciao!Io sarei molto interessata a questa cosa che midici. Mi potresti spiegare meglio? A chi mi rivolgo di preciso?Grazie.Tu di che città sei? Laura
    Nella mia città si chiama "ufficio affissioni pubbliche" ed è una divisione comunale. Immagino, per cominciare, che ti convenga chiamare l'URP del tuo comune.

    Ciao

  8. #8
    Partecipante Affezionato L'avatar di cpz
    Data registrazione
    10-07-2004
    Residenza
    milano
    Messaggi
    112
    l'ordine della lombardia mi ha detto che noi non possiamo assolutamente fare brochure da lasciare nelle sale d'aspetto dei medici (ad esempio)

  9. #9
    Partecipante Super Esperto
    Data registrazione
    26-07-2003
    Messaggi
    743
    Anche a me è stato detto: possiamo, però, lasciare la brochure al medico (insieme a qualche biglietto da visita) in modo che sappia chi siamo e cosa facciamo e possa, se lo ritiene opportuno, segnalarci a qualche paziente dandogli il nostro biglietto da visita.
    Inoltre, se lavoriamo in uno studio con altri professionisti, si può mettere una locandina alla parete in cui si avvisa che nello studio, nei giorni TOT è presente lo psicologo dottor....

    Non è tantissimo ma dopotutto io nell'anticamera del mio medico finora ho visto solo brochure di lassativi e creme antirughe, non so che effetto farebbe se ci fosse accanto quella di un professionista...
    Vimae

  10. #10
    Neofita L'avatar di beaaaaaa
    Data registrazione
    30-01-2005
    Residenza
    Milano
    Messaggi
    11
    Originariamente postato da cpz
    l'ordine della lombardia mi ha detto che noi non possiamo assolutamente fare brochure da lasciare nelle sale d'aspetto dei medici (ad esempio)
    Scusate se m'intrometto ma... davvero???
    E il famoso Decreto Bersani dov'è andato a finire??
    Ma siamo proprio sicuri che possano vitarcelo? Io non ci capisco più niente!!

  11. #11
    sibina71
    Ospite non registrato
    Ho capito,
    quindi darle al medico descrivendo la propria attività e poi lui fa un invio, ma non nella sala d'aspetto.

    Tutto sommato mi sembra equo.

    Comunque la si lascia sempre previo nulla osta dellìOrdine, corretto?

    Grazie in anticipo per le risposte!

  12. #12
    Partecipante Super Esperto L'avatar di quattrostracci
    Data registrazione
    06-07-2006
    Messaggi
    717
    Scusate l'intervento "brutale"..., ma avete detto proprio bene: "E il decreto Bersani"?

    Io personalmente me ne fregherei altamente di quello che dice l'Ordine della Lombardia... ma stiamo scherzando? Un Ordine professionale che crede di avere più peso di una Legge dello Stato... nemmeno le corporazioni sotto Mussolini arrivavano a tanto...

    Alle volte l'etica personale ha più valore di qualche regolamento ordinistico...

  13. #13
    Partecipante Esperto L'avatar di moon2007
    Data registrazione
    09-10-2006
    Messaggi
    315
    Ragazzi non ci si capisce più nulla... a me è stato detto che se voglio stampare depliant o brochoure, da dare anche solo al medico per avere poi eventuali invii, devo comunque avere il nulla osta dell'Ordine!
    Voi che dite?

  14. #14
    Neofita L'avatar di beaaaaaa
    Data registrazione
    30-01-2005
    Residenza
    Milano
    Messaggi
    11
    Originariamente postato da quattrostracci
    Scusate l'intervento "brutale"..., ma avete detto proprio bene: "E il decreto Bersani"?

    Io personalmente me ne fregherei altamente di quello che dice l'Ordine della Lombardia... ma stiamo scherzando? Un Ordine professionale che crede di avere più peso di una Legge dello Stato... nemmeno le corporazioni sotto Mussolini arrivavano a tanto...

    Alle volte l'etica personale ha più valore di qualche regolamento ordinistico...
    Assolutamente d'accordo, ma rimane il dubbio...possono comunque sanzionarci?? Come verificare se "quello che dice l'ordine della Lombardia" corrisponde al vero o è solo una pretesa arrogante che viene fatta passare per un divieto grazie eclusivamente alla nostra ignoranza riguardo i nostri diritti? A chi chiedere per fare chiarezza una volta per tutte?
    E se io la broshure volessi lasciarla, per esempio, al mio faramacista, che di certo non fa invii ma al massimo la espone sul bancone tra quella del neuropata e quella dell'iridologo? Mah..!

  15. #15
    Partecipante Assiduo L'avatar di lauryspriz1980
    Data registrazione
    23-01-2005
    Residenza
    brescia
    Messaggi
    159
    Io me ne fregherei....come fa l'ordine a controllare????solo se uno psicologo prende il volantino, chiama l'ordine e chiede se quel volantino era autorizzato.....praticamente impossibile. Sul sito dell'ordine ci sono tutte le spiegazioni del decreto bersani: dice che si può fare pubblicità rientrando sempre nell'etica della professione: ad esempio non si può scrivere "Venite alla studio tal dei tali!!!Ci sono gli psicologi più bravi del mondo a prezzi convenienti".....in questo senso.

Pagina 1 di 2 12 UltimoUltimo

Privacy Policy