• Opsonline.it
  • Facebook
  • twitter
  • youtube
  • linkedin
Pagina 1 di 2 12 UltimoUltimo
Visualizzazione risultati 1 fino 15 di 24

Discussione: roma

  1. #1
    Partecipante Assiduo L'avatar di rachele*
    Data registrazione
    18-02-2005
    Residenza
    roma
    Messaggi
    193

    roma

    ... grossa crisi per me che sono di roma...
    sx-dx-sx!

  2. #2
    Partecipante Assiduo
    Data registrazione
    01-04-2006
    Residenza
    roma
    Messaggi
    121
    anche io sono di roma..ti capisco

  3. #3
    Partecipante Assiduo L'avatar di GRONCHIO
    Data registrazione
    18-10-2004
    Residenza
    Roma/Viterbo
    Messaggi
    127
    Beh...complimenti rachele !!!è bastato un piccolo segnale come questo..."grossa crisi per me che sono di Roma" ed ecco che mi sento esplodere....un vulcano in eruzione!Pronti...via!!!
    Non posso non aggiungere il mio nome nella lista di Roma, nella lista della MIA città, così amata e disprezzata nel contempo...
    Non avrei avuto il coraggio di scrivere un messaggio così ma ora che l'input è giunto, posso rispondere in qualche modo ad un grido, che sento così tanto, troppo, familiare.
    Del resto, questo forum dovrebbe essere quella piazza virtuale dove incontrarsi e scambiarsi consigli e, perchè no, sostegno tra noi.

    L'inizio dell'anno è sempre carico di buoni propositi ma davvero sono stanca di dirmi sempre che devo avere fiducia, che ci devo provare, che devo far vedere che ho buona volontà, che sono intraprendente, che ho nuove idee.
    Sono disgustata dall'arroganza delle segretarie di medici, dirigenti vari, politici, assessori, che filtrano le telefonate come se avessero il potere di stabilire chi può avere accesso e chi no ad alcune informazioni.
    Sono disgustata dal non avere mai una risposta, pur se negativa, dopo avere inoltrato migliaia di domande e curriculum.
    Sono disgustata da gente che prende appuntamenti e non viene, che fa ritardo in continuazione, che disdice... perchè a Roma c'è sempre traffico e non si riesce ad arrivare...e poi, il rimando degli uffici, "Le passo il responsabile"(che non è mai quello giusto!)...e musica di sottofondo...avete mai provato a chiamare la Regione Lazio?...e le informazioni al Comune?
    Non posso credere che sia solo per colpa mia che non si riesce a fare breccia da nessuna parte...vogliamo parlare dell'attività privata a Roma? Migliaia di psicoterapeuti ovunque, crescono come funghi...o c'è un virus?
    Tutti esperti e tutti fanno tutto....depressione, ansia, disturbi dell'alimentazione, del sonno, sessuali, disturbi di personalità....e via dicendo....
    A me 4 anni di specializzazione e tirocini di anni ancora non mi bastano...è così difficile organizzare un valido progetto terapeutico e continuamente valutarlo, modificarlo laddove necessario.
    Non gliene frega niente a nessuno che tu vuoi avviarti, che sei disposta a pagare percentuali in cambio di qualche invio...i medici di base si nascondono sotto la scrivania quando vedono arrivare l'ennesimo psicologo con annessi bigliettini da visita.
    I docenti della specializzazione? Per quanto empatici e ben disposti, non possono aiutare tutti..per cui...il resto si arrangi!
    I concorsi? Lasciamo stare...eppure qualcuno sul forum di ops ci racconta che si può fare, ci si riesce...non so come, ma forse c'è qualche possibilità.
    Eppure, le settimane spese a correre al parco e a studiare chiusa in casa ci sono state e non è servito a niente..
    Nelle asl mi hanno detto che nel Lazio è da 25 anni che non bandiscono un concorso...forse, ultimamente qualcosa...ma sempre da dirigente, con vari anni di esperienza alle spalle.
    Terzo settore e imprenditoria? Provato anche quello...la mia cooperativa in 3 anni solo ora riesce a lavorare per una miseria...ma sicuramente siamo state noi a non essere state capaci di farla funzionare...o forse anche i bandi che escono sono fatti ad hoc? Mah...mistero...
    Vi sto vomitando tutto addosso, lo so, me ne rendo conto, non voglio pacche sulle spalle e gente che continua a dirmi "Vedrai che qualcosa verrà fuori"...
    Qui non viene fuori niente, sembra che quello che si è fatto non sia mai abbastanza e sono così stanca, umiliata, arrabbiata.
    Nella testa mi frulla solo l'idea di lasciare Roma, di lasciare la mia città...e che tutto vada al diavolo!
    Grazie della pazienza.
    Sono pronta ed in attesa di ascoltare le altri voci di Roma...
    I miei sogni sono lucciole, perle di un animo ardente. Nelle tenebre calme della notte lampeggiano in frammenti di luce. Rabindranath Tagore.

    La cambio io la vita che
    non ce la fa a cambiare me
    bevi qualcosa, cosa volevi
    vuoi far l'amore con me
    la cambio io la vita che
    che mi ha deluso più di te
    portami al mare, fammi sognare
    e dimmi che non vuoi morire...

  4. #4
    Partecipante Assiduo
    Data registrazione
    01-04-2006
    Residenza
    roma
    Messaggi
    121
    anche io sono di Roma...l'unica differenza è che io non ho fatto la specializzazione e credo che neanche la faro' visto che a quanto pare non porta a niente...anche io ho mandato curriculum a destra e a sinistra..ma niente...so solo che voglio andarmene via di casa..voglio sposarmi avere figli...ma questi sogni normali di donna sembrano essere diventati impossibili...rassegnata sto cominciando a cercare come commessa o come cameriera...è abbastanza mortificante dopo aver preso una laurea,ma dovro' almeno guadagnarmi due soldi in qualche modo!!il bello è che anche x questi lavori vieni esclusa o perchè non hai esperienza o perchè sei troppo vecchia(ho 29 anni)e loro vogliono solo ventenni...tu stai pensando di lasciare roma...io invece sto pensando di rinunciare a voler lavorare come psicologa..di questo passo arriverò a 50 anni ancora senza una lira non sposata e senza figli...invece la costruzione di una mia famiglia è la mia priorità su tutto...piu' dell'ambizione di lavorare cm psicologa e quindi per costruirmi la famiglia a questo punto basta un lavoro qualsiasi..onesto e dignitoso(a trovarlo)..io invidio le mie amiche diplomate che hanno cominciato a lavorare anni fa e si sono potute togliere sempre le loro soddisfazioni...ora sono sposate e con figli...tornassi indietro forse non prenderei piu' la laurea..o forse cambierei tipo di laurea...ai tempi pensavo che avrei fatto un sacrificio nello scegliere di andare all'università rispetto alle mie amiche e che questo sacrificio sarebbe stato ripagato alla fine..che avrebbe portato dei frutti...invece mi ritrovo senza niente..solo una pergamena affissa al muro che certifica la mia laurea.....

  5. #5
    Partecipante Assiduo L'avatar di sorrisjhs
    Data registrazione
    05-06-2006
    Messaggi
    143
    Ciao..io non sono di roma ma ho studiato lì poi dopo aver preso la mia bella laurea ho deciso di tornare a casa carica di speranze....
    pensate che in questi giorni stavo rivalutando l'idea di tornare a Roma..dopo aver letto i vostri interessi ci ripenso..ma nel molise le cose non sono diverse..anzi meno opportunità.....
    che si fa???

  6. #6
    Partecipante Assiduo
    Data registrazione
    01-04-2006
    Residenza
    roma
    Messaggi
    121
    io non so piu' che pensare... sono troppo amareggiata

  7. #7
    Partecipante Assiduo L'avatar di GRONCHIO
    Data registrazione
    18-10-2004
    Residenza
    Roma/Viterbo
    Messaggi
    127
    Ciao claudette77, ho letto con davvero grande interesse il proseguimento dell'altro thread "psicologa o commessa".
    L'ho letto cercando di osservare la reazione degli altri colleghi di fronte alle tue parole (che in fondo erano anche le mie) e devo dire che il primo pensiero che ho avuto è stato quello di immaginare come devono sentirsi quelle persone, che soffrono di depressione e ricevono dai parenti, dagli amici, dalle persone che dovrebbero capirle di più, osservazioni sul fatto che è necessario reagire, che bisogna rimboccarsi le maniche, che è stato difficile per tutti e quindi bisogna insistere...e poi, soprattutto, basta, basta, basta con quest'atteggiamento passivo, remissivo e lamentoso...
    Per carità, loro hanno ragione, pure tanta...
    Se non avessimo la forza di rialzarci in piedi e di correre verso gli obiettivi della vita, che cosa ne sarebbe di noi? Sdraiati su un letto a fissare il soffitto ci perderemmo mille piccole occasioni per essere felici, ogni giorno.
    Ma questo non basta. Razionalmente sono tutte cose che ben sappiamo eppure qualcosa ci paralizza, no?
    Il mio periodo più brutto è stato quando ad Aprile dello scorso anno ho compiuto 30 anni. Anche io, come te, ho un ragazzo, che fatica ad inserirsi nel lavoro (ed è anche lui specializzato); anche io, vivo con i miei e butterei giù con il trattore la mia "cameretta"; anche io vorrei la mia indipendenza.
    I figli..non lo so, sono combattuta ma la mia posizione attuale è: "Vade retro Satana".
    Anche io osservo, in disparte, i successi delle amiche, quelle che hanno fatto studi diversi dai miei, quelle che hanno avuto la "spintarella" e non ti dico quanto guadagnano, quelle che non hanno fatto l'università e magari sono felici casalinghe con prole.
    Una volta un docente di fronte alle mie lamentele mi disse: "Certo che voi donne siete tutte uguali a 30 anni!". Puoi ben immaginare come mi sono sentita.
    Non ho risposto, ma pensare che ci sono professionisti che vanno avanti per stereotipi e pregiudizi...chissà, forse voleva solo sdrammatizzare...
    Vorrei farti arrivare con tutto il cuore la mia vicinanza alla tua situazione, vorrei dirti che ciascuna delle persone che ha risposto, a modo suo, ha provato a darti suggerimenti e supporto, però permettetemi di insistere che solo chi ci sta passando può avvicinarsi a comprendere.
    Non critico chi dice di avere pazienza, costanza, intraprendenza, entusiasmo ma so bene che vuol dire fare 200 Km per svolgere tirocini, vedere che hanno bisogno di personale (vedere i responsabili scrivere lettere in cui richiedono psicologi per il servizio) e sentirsi sempre dire che non ci sono soldi per assunzioni (ma pure rimborso spese a me andrebbe bene). Arrivare là e aspettare pazienti, che si permettono di non disdire..tanto sono nel pubblico. E io sempre con il sorriso....
    A chi manca l'esame di stato, chi sta agli inizi della scuola di specializzazione sta anni luce lontano da chi si trova a non avere più davanti a se un percorso tracciato ma ...una strada chiusa.
    Ricordiamoci anche che, ahimè purtroppo, ormai è stato dimostrato (anche se ci sono infinite discussioni su questo tema) che il "pessimismo", o per meglio dire le ipotesi sui bias dell'elaborazione selettiva delle informazioni nelle depressioni si avvicinano ad una sorta di realismo depressivo; cioè le valutazioni dei depressi sono per certi versi più accurate e "realistiche" di quelle dei soggetti non depressi.
    Bisogna fermarsi a riflettere su cosa sta a significare puntare tutte le nostre risorse su un unico obiettivo, come se fossimo azionisti in borsa: puntare il 100% su un titolo significa che accettiamo il rischio di perdere tutto.
    Fai un brain storming, crea nella tua mente una lista di tutte le possibili soluzioni, vedrai che ce ne saranno molte più di quanto credi adesso. Concentrati, come in molti ti hanno detto, sulle tue risorse e su tutto quello che pensi di saper fare.
    Ci saranno momenti in cui ti sentirai meno triste di adesso e ti verrà fuori una rabbia che deve diventare il tuo punto di forza, diventerà una risorsa da canalizzare nel cercare sempre nuove soluzioni. Per lo meno, questo è quello che sento io da pochi giorni...voglio davvero cambiare tutto, quest'anno.
    Per ora, fermati e chiediti dove vuoi arrivare. Potresti sorprenderti a pensare cose nuove di te stessa e di ciò che ti aspetti dal futuro.
    Tieniamoci in contatto. Se posso esserti utile per qualsiasi cosa....
    Un bacio e un abbraccio grande!
    I miei sogni sono lucciole, perle di un animo ardente. Nelle tenebre calme della notte lampeggiano in frammenti di luce. Rabindranath Tagore.

    La cambio io la vita che
    non ce la fa a cambiare me
    bevi qualcosa, cosa volevi
    vuoi far l'amore con me
    la cambio io la vita che
    che mi ha deluso più di te
    portami al mare, fammi sognare
    e dimmi che non vuoi morire...

  8. #8
    Partecipante Assiduo
    Data registrazione
    01-04-2006
    Residenza
    roma
    Messaggi
    121
    grazie..continui ad essere l'unica a capirmi..a capire come ci si sente in questa situazione...non ce la faccio piu' a stare dentro casa..ho voglia di togliermi anche io qualche soddisfazione..di non arrivare a fine mese con i soldi contati(paghetta dei miei di 150 euro al mese ,di cui 65 vanno per la palestra,perchè non me la pagano e gli altri servono x campare durante il mese)vedo le diciottenni che prelevano dalle banche..che hanno già un loro conto..il bancomat..io non ho mai avuto niente di tutto questo..possono sembrare banalità..stupidaggini..ma ci sto male..non essere indipendente mi strugge...quando stavo all'università e avevo la paghetta,mi dicevo vedrai che quando sarai laureata lavorerai e ti toglierai tutte le soddisfazioni che vuoi...invece niente...ora sto cm prima..speravo che quest'anno fosse diverso..iniziasse meglio..speravo di non ritrovarmi piu' a piangere nella mia stanza..speravo di non vedere piu' mia madre dannarsi l'anima perchè la figlia non è realizzata(ci sta male anche lei)..non solo soffro perchè sono disoccupata,ma soffro anche nel vedere le persone intorno a me che stanno male..i miei genitori..il mio ragazzo..speravo di sposarmi come tutte le donne di quest'età...speravo tante cose..
    purtroppo se guardo dentro di me..non trovo molte risorse..forse non le trovo perchè sono troppo depressa...non mi sento capace di fare altre cose..non sono abile nel pc..o brava nelle lingue...ho sempre e solo lavorato come promoter e hostess(si lavora solo nei weekend,quindi se ricominciassi non cambierebbe nulla,perchè guadagnerei solo x 2 giorni a settimana)come cameriera in un pub,come babysitter...non ho fatto altro...sto scegliendo 1 scuola di specializzazione ma ho tante perplessità...non so quanto mi porterà di buono..se non tanti sacrifici(tanto x cambiare)...mi chiedo sempre perchè x alcune persone la vita sembra filare liscia come l'olio,senza ostacoli o difficoltà..e per altre invece è sempre in salita..e bisogna sudarsi sempre tutto?vi prego non ditemi che non devo guardare gli altri..è impossibile..vivo..mi guardo intorno..e poi è impossibile..anche se non ci voglio pensare,poi mi arriva sempre qualche chiamata da parte di vecchie amiche che annunciano di sposarsi o aspettare figli..ed ecco che ricado nella depressione invece di essere felice x loro...ti ringrazio per le email che scrivi..mi piacerebbe tu fossi di roma,magari potremmo diventare amiche...

  9. #9
    Partecipante Assiduo L'avatar di GRONCHIO
    Data registrazione
    18-10-2004
    Residenza
    Roma/Viterbo
    Messaggi
    127
    Ma si che sono di Roma!! Difatti è, forse, anche per questo che comprendo bene lo schifo che c'è intorno a noi.
    Ripeto, per l'ennesima volta, non si tratta di autocommiserazione e tendenza alla solita lagna ...credo di avere fatto più progetti io nello scorso anno che Pippi calze lunghe...forse, ecco, mi rimprovero di essere stata caotica e quando le energie si disperdono troppo in varie direzioni è davvero stressante. C'erano giorni in cui non sapevo dove sbattere la testa, avrei dovuto dividermi in 4 per fare tutto ciò che dovevo portare avanti. E fare progetti quando dentro c'è il vuoto è davvero terribile...
    scrivimi un pm che ti do la mail e cell...chissà magari abitiamo pure vicino...io sono a Viale Libia...Tantissimi baci.
    A presto!!
    Elena
    I miei sogni sono lucciole, perle di un animo ardente. Nelle tenebre calme della notte lampeggiano in frammenti di luce. Rabindranath Tagore.

    La cambio io la vita che
    non ce la fa a cambiare me
    bevi qualcosa, cosa volevi
    vuoi far l'amore con me
    la cambio io la vita che
    che mi ha deluso più di te
    portami al mare, fammi sognare
    e dimmi che non vuoi morire...

  10. #10
    Partecipante Assiduo L'avatar di lailetta77
    Data registrazione
    01-02-2005
    Residenza
    Sicilia
    Messaggi
    130
    Ciao Ragazze anch'io come voi tra qualche mese compirò 30 anni.....sono laureata da ben 5 anni e ancora niente...! Condivido in pieno tutto quello che dite e anch'io come voi provo gli stessi sentimenti e le stesse frustrazioni.
    Anch'io vorrei lasciare la mia cameretta con i miei poster e andare a vivere da sola....ma è impossibile
    Certe volte penso forse è meglio lasciare tutto e andare al nord, ma poi forse mi accorgo che lì le cose per noi psicologi sono le stesse, forse leggermente migliori, ma nn del tutto diverse.
    Anch'io vedo persone più piccole di me laureati in ingegneria, economia, scienze della comunicazione...o diplomati che già lavorano ovviamente poi i paragoni tra me e loro sono d'obbligo e mi fanno stare molto male e come se io nn mi volessi dare da fare
    Di Gronchio mi ricordo, come me ha tentato il concorso nell'esercito e vedere che qualcuno dei "nostri" l'abbia superato forse mi fa sperare

  11. #11
    Partecipante Affezionato L'avatar di lucyboxx
    Data registrazione
    26-04-2006
    Residenza
    Roma
    Messaggi
    81
    Mamma mia ragazze...che disastro!
    Anche io di Roma...anche io laureata, abilitata e sto facendo la scuola di specializz..e poi...un bel niente!!
    Mi spacco di lavoro in una ludoteca assolutamente mal pagata xchè si tratta di servizio civile e prendo 400 euro!!
    Anche io ho mandato migliaia di curricula e ci fosse qualcuno che mi ha risposto! Solo una volta mi hanno offerto un posto come AEC e io ho rifiutato xchè mi avevano presa x il servizio civile...mi sa tanto che ho fatto una cavolata...almeno avrei guadagnato qualcosa in più.
    Ho fatto il tirocinio post lauream in un'ospedale molto importante di roma e vi assicuro che anche se non mi davano una lira ci ho passato tutti i miei giorni x un anno e per me non era un sacrificio x quanto amo fare veramente il nostro lavoro!Ovviamente finito il tirocinio una bella pedata lì dove non batte il sole e bay bay!
    Ora ogni volta che mi metto in macchina x andare a lavoro mi viene da vomitare!
    Anche io ho fatto di tutto...
    Quest'anno non mi faccio fregare! Provo a buttarmi sul versante selezione del personale e formazione...Almeno se riesco a combinare qcosa faccio la psicologa, anche se non clinica, e non l'operatrice della ludoteca o l'assistente domiciliare!!
    Anche io circondata da gente che lavora e guadagna! Che pensa al mutuo x la casa e a sposarsi....
    Anche io sono diventata una rompipalle e mi rendo conto di stressare i miei e il mio ragazzo con la mia ansia! Loro poveracci soffrono con me di questa situazione!
    Non so cosa altro dirvi se non che vi capisco, che condivido in pieno la vostra frustrazione...
    Non credo che chi non si trova nella nostra situazione possa veramente capire...
    Auguro a me stessa e a tutte voi di farcela in questo 2007!
    Sperare e lavorare sodo servirà a qualcosa?!

  12. #12
    Partecipante Assiduo
    Data registrazione
    01-04-2006
    Residenza
    roma
    Messaggi
    121
    auguro anche io la stessa cosa...speriamo che quest'anno sia l'anno buono(anke se per me è già iniziato male..visto che non ho 1 straccio di lavoro)..finalmente mi sento capita e compresa...odio le persone che troppo superficialmente ti dicono"dai che prima o poi"..oppure"non ti scoraggiare"..questo non vuol dire che io abbia il bisogno di essere compatita...ma compresa!grazie quindi a tutte voi!

  13. #13
    Partecipante Super Figo L'avatar di **Ayax**
    Data registrazione
    25-08-2005
    Residenza
    Derry, Maine (USA)
    Messaggi
    1,689
    Dài, tiratevi su!
    Un consiglio che mi sento di darvi è questo : non chiudetevi, cercate di continuare a frequentare persone, ad alimentare contatti, conoscenze. La fortuna e le opportunità arrivano quasi sempre mediante la conoscenza di persone, attraverso i contatti apparentemente più impensabili.
    Paradossalmente può essere più produttivo frequentare ambienti con tante persone e farsi conoscere, piuttosto che spendere soldi per specializzazioni che non portano a nulla.
    Come dico io : "la fortuna è a caso!".
    Ciao e buona fortuna a tutte!

  14. #14
    ilariade78
    Ospite non registrato
    anch'io sono nella vostra stessa situazione...ho deciso di fare volontariato x imparare il più possibile di iscrivemi alla specializzazione xò sono molto scoraggiata anche xchè vedo come sia difficile trovare un lavoro
    il lavoro è solo x le persone che sono sponsorizzate molto bene e dalle persone giuste è proprio questo che deprime!!!
    non è x polemica putroppo questa è la triste realtà

  15. #15
    Partecipante Affezionato L'avatar di lucyboxx
    Data registrazione
    26-04-2006
    Residenza
    Roma
    Messaggi
    81
    Purtroppo si....
    ma è anche vero che la rete di conoscenze in qualche modo uno se la deve fare....
    in questo il volontariato ti aiuta. E i tirocini...bisogna cercare di farli nei grandi ospedali o in piccole strutture che però funzionano bene (non nelle coop sfruttatrici!!!).
    Non che questo mi abbia portato fino ad ora da qualche parte....ma....non si sa mai....uno la buona volontà ce la mette...

Pagina 1 di 2 12 UltimoUltimo

Privacy Policy