• Opsonline.it
  • Facebook
  • twitter
  • youtube
  • linkedin
Visualizzazione risultati 1 fino 11 di 11
  1. #1
    Partecipante Veramente Figo L'avatar di promises78
    Data registrazione
    13-04-2004
    Residenza
    Banchette (To)
    Messaggi
    994

    Qual è l'ascolto giusto?

    Ciao a tutti...
    apro questa discussione per chiedere a voi quale sia l'ascolto giusto.
    So che non è una domanda facile, ma mi sono sempre chiesta quale sia il confine tra l'ascoltare e l'andare oltre. Comunicare è un'arte, ma ascoltare credo lo sia ancora di più.
    Se avete qualche cosa da raccontarmi...sono qui...

    vi ascolto...
    Foglia che cade nel fiume, anche se il fiume la porta via, muta l'aspetto del fiume...


    http://promises78.spaces.live.com/PersonalSpace.aspx?_c02_owner=1

  2. #2
    Postatore Epico L'avatar di Ember
    Data registrazione
    22-07-2002
    Residenza
    Urbino
    Messaggi
    11,724
    L'ascolto giusto? Oddio... non so proprio come risponderti. Quando ascolto, credo di aver fatto un "buon lavoro" se ascolto perchè davvero voglio sentire quello che l'altro mi sta dicendo... ma a volte l'ascoltare va oltre le parole, si può riferire ad altri tipi di comunicazione... come il silenzio, lo sguardo, il respiro...
    *** Homo sum: humani nihil a me alienum puto ***

    oPS-StaNZa Di uRBiNo iL Mio FoRuM



    Anche Ember nella setta dell'ASD *asdatrice musicista*
    [thanks to Angelus, fondatore della setta]

  3. #3
    LucyVanPelt
    Ospite non registrato

    Re: Qual è l'ascolto giusto?

    Originariamente postato da promises78
    ma mi sono sempre chiesta quale sia il confine tra l'ascoltare e l'andare oltre
    Cosa intendi per "l'andare oltre"?

  4. #4
    Partecipante Veramente Figo L'avatar di promises78
    Data registrazione
    13-04-2004
    Residenza
    Banchette (To)
    Messaggi
    994
    "Andare oltre"...nel senso di diventare empatici...sentire in modo diverso l'altro
    Foglia che cade nel fiume, anche se il fiume la porta via, muta l'aspetto del fiume...


    http://promises78.spaces.live.com/PersonalSpace.aspx?_c02_owner=1

  5. #5
    Postatore Epico L'avatar di Ember
    Data registrazione
    22-07-2002
    Residenza
    Urbino
    Messaggi
    11,724
    Credo dipenda soprattutto dall'alchimia tra due persone... il piacere dell'ascolto non si impara, a mio avviso.
    *** Homo sum: humani nihil a me alienum puto ***

    oPS-StaNZa Di uRBiNo iL Mio FoRuM



    Anche Ember nella setta dell'ASD *asdatrice musicista*
    [thanks to Angelus, fondatore della setta]

  6. #6
    Postatore Compulsivo L'avatar di HellSt0rm
    Data registrazione
    02-03-2004
    Residenza
    Maleventum
    Messaggi
    3,337
    Originariamente postato da Ember
    Credo dipenda soprattutto dall'alchimia tra due persone... il piacere dell'ascolto non si impara, a mio avviso.
    Quoto!
    "La sincerità è il primo passo verso la solitudine..."

    "Chi parla male degli altri con te, parla male di te con gli altri"

    "Ste pagliacciate e fann sul e viv, nuje simm serie, appartenimm a mort!"

    A computer is like an air conditioner, it stops working when you open Windows.

    Prendete e cliccatene tutti...questo è un mio video

    Omen Mortis Live @ Heinjoy

    Omen Mortis - Delirium Tremens live @ Heinjoy

  7. #7
    Partecipante Esperto L'avatar di Egocentrum
    Data registrazione
    27-11-2005
    Residenza
    Viterbo-Roma
    Messaggi
    417
    io... non ho capito la domanda...
    Non cè persona sulla faccia della terra che io possa capire del tutto, ma non ce n'è e non ce n'è mai stata una che non riesca a capire affatto
    ------------------------------------------------
    Ho fallito... non importa... vorrà dire che la prossima volta fallirò meglio!

  8. #8
    LucyVanPelt
    Ospite non registrato
    Il confine tra l'ascoltare e l'andare oltre credo stia nella sensibilità delle persone costruita su esperienze proprie passate...nel ritrovare qualcosa di sè nelle parole e nei sentimenti che si ascoltano, nel farsi penetrare dalle espressioni e dai gesti. Così, nell'ascoltarti, posso provare empatia, commuovermi, mostrarti solidarietà anche se ti incontro per strada per la prima volta.
    Se invece ti ascolto mentre mi parli di qualcosa che io comprendo, ma non riesco a legare in qualche modo alla mia esperienza, posso sì starti vicino ma entro il confine, pur essendo la tua più grande amica.
    Non so quale sia l'ascolto giusto, forse sta nel mezzo, forse non c'è una regola, forse non deve necessariamente essere empatico....ad esempio, credo sia un buon ascolto anche quello non propriamente empatico ma che, proprio per questo, si adopera ancora di più per cercare di capire...

  9. #9
    Partecipante Figo L'avatar di valex82
    Data registrazione
    23-10-2004
    Residenza
    roma
    Messaggi
    914
    parli di ascolto giusto in quale occasione?

    io non credo ci sia un solo tipo di ascolto, ma che in ogni relazione ci sia il modo giusto di ascoltare, di stare vicino, di comprendere l'altro, oppure di non capirlo, ma mostrargli comunque la nostra disponibilità.

    credo che l'ascolto migliore sia quello in cui chi ascolta sospende ogni giudizio, non cerca di dare consigli, ma semplicemente di dare sostegno...ed è molto difficile da mettere in atto.

  10. #10
    Partecipante Super Esperto L'avatar di sarinstellin
    Data registrazione
    27-05-2006
    Residenza
    su una stella
    Messaggi
    621
    LucyVanPelt ha espresso esattamente ciò che penso anch'io..
    Sarò una stella che migra curiosa da un polo all'altro dell'infinito, affonderò nel tuo collo, m'insinuerò nei tuoi sogni, ambirò i tuoi pensieri e nel silenzio più totale, tu assomiglierai a me.

  11. #11
    psicologiaela
    Ospite non registrato
    forse quello istintivo...puro...
    quello che nessuna laurea in Psicologia puo' insegnarti...penso sia una dote innata....o l'hai o non l'hai.....

Privacy Policy