• Opsonline.it
  • Facebook
  • twitter
  • youtube
  • linkedin
Visualizzazione risultati 1 fino 5 di 5
  1. #1
    psychologie
    Ospite non registrato

    progettare un software per la riabilitazione

    ciao a tutti,
    sto cercando qualcuno che sappia usare con una certa dimestichezza programmi informatici e che si sia occupato di progettazione di sofware per la riabilitazione neuropsicologica ...non ho alcun badget...quindi non sto offrendo lavoro...ma se oltre a me c'è chi ama questo lavoro e "tanto per la gloria" abbia voglia di aiutarmi a realizzare un programma pensato ad hoc per una paziente che sto seguendo....chissà che non possa dimostrarsi un esperienza utile per tutti...
    PS: io lavoro a Roma....

    lasciatemi un messaggio su questo tread.....

    buon lavoro a tutti

  2. #2
    Super Postatore Spaziale
    Data registrazione
    31-08-2006
    Residenza
    ...
    Messaggi
    2,935
    ma scusa, perchè vuoi progettare un software ad hoc per un pz?non è un dispendio eccessivo di tempo e fatica se non anche di costi? Nel senso, sei sicuro che per quella tipologia di paziente non esista gia qualche programma che possa andare bene? Che ne so, dal cogpack puoi utilizzare esercizi che van bene per molte tipologie di pazienti. Oppure se proprio volessi costruire qualcosa tu, ti consiglio il programma superlab, è leggerissimo gira su un vecchio floppy e con quello puoi realizzare tu come vuoi prove di attenzione selettiva, sostenuta, nonchè liste immagini per la memoria vs in modo che ...come disse il buon vecchio Paivio con la teoria del doppio codice ...molti pz possono trarre giovamento

  3. #3
    psychologie
    Ospite non registrato
    ciao laura,
    non conosco superlab, proverò a cercarlo.....è qualcosa come e-prime?
    ciò che ho in mente è di informatizzarle degli esercizi che le sto già proponendo carta e matita, esercizi che sono stati pensati e costruiti sulla base delle sue specifiche difficoltà .....
    avendo un software a disposizione, lei potrebbe esercitarsi quotidianamente, o addirittura anche due volte al giorno, da sola a casa sua ...

  4. #4
    Super Postatore Spaziale
    Data registrazione
    31-08-2006
    Residenza
    ...
    Messaggi
    2,935
    io personalmente sarei per continuare con la linea della carta e matita per gli "esercizi domestici" senza nessun supporto informatico lasciando le cose piu di spessore per le sedute di riabilitazione. Viceversa mi sembrerebbe di sminuire il ruolo del terapista senza poi considerare la tipologia di paziente con cui hai a che fare, per i quali a volte lo strumento informatico viene a rappresentare una nuova modalità di apprendimento e quindi una difficoltà eccessiva. La tua proposta è lodevole senza ombra di dubbio ma avrei dei dubbi in questo senso, magari parlo in nome di una sterile difesa coorporativa, magari c'è anche questa componente oltre all'aspetto piu strettamente metodologico

  5. #5
    Partecipante Affezionato L'avatar di Daevorn Li
    Data registrazione
    20-10-2004
    Residenza
    Mialno
    Messaggi
    59
    Prova a guardare questo sito
    www.neurovr.org
    sono ambienti virtuali sviluppati dall'Istituto Auxologico per applicazioni neuropsicologiche e cliniche della realtà virtuale.

    In pratica hai un editor in cui modifichi gli ambienti preimpostati e un programma per far girare il paziente negli ambienti da te modificati.

    Tra l'altro, un gruppo di ricerca sta sviluppando il test MAZE e un altro test in RV. altri in USA hanno adattato l'Errands Test in un ambiente virtuale, il campo è nuovo e molto stimolante.

    Se hai bisogno di altre notizie chiedi pure

Privacy Policy