• Opsonline.it
  • Facebook
  • twitter
  • youtube
  • linkedin
Pagina 1 di 2 12 UltimoUltimo
Visualizzazione risultati 1 fino 15 di 22
  1. #1
    Partecipante Esperto
    Data registrazione
    28-05-2004
    Messaggi
    329

    L'Illusione della Criminologia...

    Premessa: nelle prossime righe sarò molto esplicito... qualcuno potrebbe percepirmi come "sferzante", ma l'intenzione è quella di essere assai chiaro... scusatemi in anticipo se mi riterrete "troppo duro".

    Mi piange un pò il cuore a vedere tutta questa passione diffusa per la criminologia, la psicologia investigativa, etc., che spinge le persone a spendere cifre da capogiro per Master, corsi e corsetti che, nella maggior parte dei casi, NON forniscono affatto strumenti professionali, e tantomeno NON PERMETTONO AFFATTO di "andare a fare il criminologo/psicoinvestigatore".

    E' NECESSARIO TOGLIERSI L'IDEA CHE DOPO AVERE FATTO IL MASTER X O QUELLO Y DI CRIMINOLOGIA/PSICOLOGIA INVESTIGATIVA/ETC., ANDRETE MAI A LAVORARE COME "CONSULENTI PSICOINVESTIGATIVI" O SIMILI; SI TRATTA DI FIGURE CHE NON CORRISPONDONO AFFATTO ALLA REALTA'. NEMMENO PER I PIU' BRAVI, MOTIVATI E PREPARATI, NEMMENO PER I PIU' "AGGANCIATI" (CIOE' QUELLI CHE PENSANO "MAGARI CI RIUSCIRANNO IN POCHI, MA IO SARO' PROPRIO UNO DI QUEI POCHI").
    QUESTO SETTORE ALLA "CSI" O "SILENZIO DEGLI INNOCENTI", IN REALTA', NON ESISTE. PUNTO.

    Qui bisogna distinguere con attenzione i due ambiti: la psicologia giuridica (ambito peritale, settore CTU/CTP, carcerario o riabilitativo) esiste, ed è un settore importante e delicato; ma, al contrario, tutta quella pletora di corsi e corsetti, condotti da personaggi più o meno "noti e carismatici", che promettono "affascinanti" approfondimenti dei settori investigativi e similari sono, nella maggior parte dei casi, SOLO dei modi per separare i giovani "sognanti" dai loro soldi, nella maniera più rapida possibile, senza fornire la MINIMA possibilità di lavorare veramente nell'ambito.

    Tanto per essere chiari, QUALUNQUE COSA VI VENGA DETTA, in realtà NON lavorerete mai come "consulenti esterni delle forze dell'ordine"; NON farete MAI "emozionanti indagini sui serial-killer"; nessuno vi chiamerà MAI per "aiutare ad incastrare il colpevole di un crimine"; non andrete MAI sulla "scena del crimine", in stile CSI, a fare rilievi/indagini/analisi/consulenze; non farete MAI il "criminal profiling" della personalità di un inafferrabile criminale. Anche chi vorrebbe entrare nelle Forze dell'Ordine ("voglio entrare nella polizia scientifica, i RIS, l'UACV, etc.etc."), percorso del resto molto più selettivo e completamente diverso da quello che uno si immagina, si renda subito conto che sono CENTINAIA I RAGAZZI CHE OGNI ANNO HANNO LO STESSO IDENTICO SOGNO, CON TANTO DI MASTER, CORSI E CORSETTI. Ebbene, anche gli psicologi-poliziotti che operano e lavorano proprio nella Scientifica, NON fanno assolutamente i criminal profiler o attività "cinematografiche" di questo tipo.
    Fanno "semplicemente" i poliziotti.

    Quello della Criminologia è, nella sua quasi totalità, un grande Business; ma non certo per chi sogna di fare un giorno il "criminologo", ma solo per chi FORMA a pagamento (spesso a caro prezzo) le persone che si illudono di poterlo fare. Esistono, questo è vero, corsi seri che formano, seriamente, ai ruoli di psicologia giuridica: corsi che sono costruiti onestamente e professionalmente, e che sono ovviamente orientati a "tutt'altri contenuti" rispetto a quelli "di forte impatto e fascino". Ma bisogna saperli discriminare, in un mercato formativo davvero "drogato" e carico di illusioni.

    Scusate la mia rustica franchezza, ma purtroppo vedo in continuazione decine di persone che, ancora a metà della loro formazione di base o dopo averla appena terminata, e senza avere le idee ben chiare sulla realtà del mercato del lavoro, si lanciano a testa bassa con un convincimento autolesionistico in questa "ragnatela" di corsi ed illusioni... perdendo troppo spesso il loro tempo, molto soldi e scontrandosi alla fine, assai brutalmente, contro un "muro di disillusioni"... mentre avrebbero potuto investire in direzioni molto più concrete e realistiche, e più importanti dal punto di vista della loro formazione teorico/professionale.

    RIFLETTETE CON CURA ESTREMA prima di avventurarvi in un settore del genere.

    Lpd

  2. #2
    Partecipante Super Figo L'avatar di Anandamyde
    Data registrazione
    27-07-2005
    Messaggi
    1,800
    Blog Entries
    1
    una domanda...magari O.T.

    ...ma era la risposta aqualche altro post o hai iniziato così un 3ad?

    questa è l'unica cosa che non capisco...per il resto...a malincuore...ma sono daccordo con te

    per entrare in reparti tipo RIS o UACV bisogna essere delle forze dell'ordine, non entri come "esterno collaboratore"...non a quei livelli almeno...e la riposta me l'ha data direttamente l'UACV...in quanto ho scritto speranzosa chiedendo il da farsi per entrare nel settore

    per quanto riguarda i vari criminologhi italiani (bruno, crepet...) di base hanno una formazione psichiatrica, poi credo abbiano fatto corsi tipo medicina legale, scienze balistiche e cose del genere, chemagari nell'insieme danno la possibilità di definirsi "criminologo"...ma non svolgono il lavoro di Grissom

    la psicologia giuridica è un campo molto interessante, decisamente, personalmente vorrei approfondirlo...ma non so dove sbattere la testa...qualche consiglio?

    corsi post e pre laurea, convegni, conferenze, qualsiasi cosa sull'argomento è ben gradito!
    baciuz'

  3. #3
    Avete perfettamente ragione, ma allora se una persona vuole fare questa realisticamente che può fare??è un discorso che riguarda l'Italia questo, visto che qui da noi non esiste un albo per criminologi o un discorso in generale?
    ...ci penserò domani..

  4. #4
    Partecipante Super Esperto L'avatar di frankula
    Data registrazione
    24-10-2006
    Residenza
    pirri city
    Messaggi
    614
    daccordissimo con te!!!io però continuo a cercare la mia strada nel campo della criminologia, ma non tanto per testardaggine, ma perchè almeno sono sicura di scegliere un percorso di studi che mi risulta interessante, poi se magari ci sarà un posto anche per me nel settore lavorativo ben venga!!!ormai la sto prendendo con filosofia, e molta anche!!!! cmq,io non credo che tutta questa gente che partecipa al forum stia vivendo di semplici e pure illusioni, perlomeno non io!!!e spero neanxhe loro!!!! quello che vorrei fare io è avere un livello di conoscenze nel campo della psicologia giuridica in tutte le sue varie sfaccettature per poter fare un giorno delle collaborazioni con gli avvocati nel campo dei tribunali minorili o delle perizie psicologiche....mi piacerebbe lavorare nei carceri minorili, riuscire a superare il concprso per entrarvi e poter far parte di quel presidio psicologico che esiste nei carceri e che si chiama servizio nuovi giunti.... è illusione???non lo so, per ora non ci voglio neanche pensare, daltronde come diceva un noto filosofo spagnolo: LA VIDA ES SUENO!!!!
    OCCORRE ESSERE CAPARBI E AVERE I COGLIONI E I CONTROCOGLIONI(SCUSATE LA VOLGARITA!!!)

  5. #5
    Partecipante L'avatar di Sarrigna
    Data registrazione
    29-07-2005
    Messaggi
    38
    Gentile lpd vista la tua conoscenza del campo vorrei chiedere la tua opinione sui CTU nei tribunali. Sto seguento un corso che corrisponde a un modulo della scuola di Psicologia Giuridica. Sto valutando la possibilità di accumulare anche gli altri moduli, per poter avere una sorta di specializzazione in campo giuridico, un orientamento quantomeno.. Cosa ne pensi?

  6. #6
    Partecipante Esperto
    Data registrazione
    28-05-2004
    Messaggi
    329
    Rispondo "a massa"

    Anad, si, ho iniziato il thread perchè ce ne erano tre simili uno sotto l'altro, tutti relativi al tema della formazione in criminologia, ed allora, per esigenze di sintesi e di non dispersione tra i tre diversi thread...

    Per quanto riguarda il settore "giuridica", sicuramente c'e' qualche spazio in più rispetto alla "criminologia investigativa" (che è la vera "trappola" cui stare attenti): perizie, collaborazioni con studi di avvocati (ma attenzione: civilisti più che penalisti !), o lavori come CTP se ne possono anche trovare... a patto di essere molto in gamba, molto formati e molto "fortunati".

    Per i CTU, invece, si viene chiamati appunto "d'ufficio", quindi è il Magistrato che ti chiama... se ti conosce e si trova bene con te ok, altrimenti puoi essere bravissimo e non verrai mai chiamato. Tenete conto che entrare nel novero dei CTU NON è facile. Nel senso di NON è facile (nella maggior parte dei casi, meglio toglierselo dalla testa...). CTP, appunto, è "più facile" (ti chiama la parte in causa), ma ovviamente devi saperlo fare MOLTO bene (e quindi avere una qualificazione più che ottima, che normalmente prevede laurea specialistica, abilitazione, master/perfezionamento di riferimento possibilmente universitario, spesso specializzazione che aggiunge ulteriori strumenti di lavoro, anni di pratica specifica nel settore...).

    Il discorso inoltre è più generico, non riguarda solo l'Italia (molti dicono, di solito per sentito dire o leggenda urbana: "in Italia è così, ma all'estero lo psicologo criminale esiste e fa questo e quello..." ... attenzione alle chimere, il discorso della criminologia è pressochè uguale ovunque e da nessuna parte esistono "eserciti di PsicoCSI", nè in Italia nè in Europa nè i USA...).

    Se interessa il discorso delle perizie, conviene farsi un Master di "giuridica", MOLTO SERIO, ed iniziare a praticare con avvocati e simili. Importantissimo anche un approfondimento post-lauream MOLTO SERIO nell'ambito della valutazione psicologica e dell'assessment testistico, che rappresentano uno strumento centrale nella costruzione delle perizie... e iniziare a costruirsi un buon background di base di diritto, sia civile che penale (e procedurale...).
    Molti pensano alla psicologia "criminale penalistica", in realtà il 90% di coloro che lavorano in questo settore si occupano di "perizie civilistiche". Ed è questo il settore da approfondire veramente.

    Per la psicologia carceraria (servizio per i nuovi arrivi e "valutazione scientifica" - che in realtà non vuol dire niente e poco ha di "scientifico"), il problema è il blocco delle assunzioni nel comparto, che perdura da anni... nel carcere come psicologo al momento attuale si entra solo tramite cooperative e come educatore... ma anche lì non è nè semplice nè scontato.

    Ciao a tutti,
    Lpd

  7. #7
    Partecipante Affezionato L'avatar di D.M.F.E.
    Data registrazione
    30-08-2006
    Residenza
    padova
    Messaggi
    71
    Sto pensando seriamente a questo Master della Sapienza: Master di II livello in
    Psicologia investigativa, giudiziaria, penitenziaria
    Direttore: Prof.Francesco Avallone

    E' molto caro (4000 euri....) Che ne pensate?

    Sapete darmi un'alternativa? Conoscete un Master universitario di II livello sulla Psicologia Giuridica?... io non ne trovo....

  8. #8
    Partecipante Esperto L'avatar di Milich-82
    Data registrazione
    31-03-2006
    Residenza
    roma
    Messaggi
    359
    io sono della specialistica lavoro, e per i tirocini mi sto orientando verso il settore delle risorse umane, ma in un futuro vorrei essere "specializzata in psicologia giuridica". Il nostro corso di laurea prevede un solo esame di questo tipo......
    Come si ottiene tale specializzazione per poter dire "sono specializz in psi giuridica"??? facendo master? scuole di specializzazione?

    grazie....vi vedo molto ferrati in materia!
    Se mi rilasso collasso mi manca l'aria e l'allegria, devo dare di gas voglio energia metto carbone e follia!!

  9. #9
    Partecipante L'avatar di Sarrigna
    Data registrazione
    29-07-2005
    Messaggi
    38
    Originariamente postato da Lpd
    Rispondo "a massa"


    Ciao a tutti,
    Lpd
    Grazie LPD!!

  10. #10
    Partecipante Esperto
    Data registrazione
    28-05-2004
    Messaggi
    329
    Mah, dipende anche dal proprio ambito di interesse.
    Diciamo che come consiglio soggettivo direi che quelli più orientati a prospettive "realistiche" di lavoro, e quindi con approfondimenti "civilistico-assicurativi" (che magari saranno meno "interessanti", ma sono molto più realistici e concreti a livello professionale) sono da preferirsi.
    A Padova ce ne è uno di secondo livello, orientato al conseguimento di competenze peritali, e che si chiama "Neuropsicologia e Psicopatologia Forense".
    I costi sono comunque alti anche in questo caso (credo sui 3500-4000 euro, link da www.unipd.it e lì post-lauream - master), quindi è una scelta da fare in maniera molto oculata e ben motivata.

    Al momento attuale (e prevedibilmente anche nel prossimo futuro) non esiste una "specializzazione" in Psicologia Giuridica o affini; il titolo di più alto livello formale conseguibile è quello del Master universitario di secondo livello. Quindi, a stretto rigore formale, non è mai possibile definirsi o pubblicizzarsi come "specializzati in psicologia giuridica"; al limite si può scrivere "master in...".

    Ciao,
    Lpd

  11. #11
    Partecipante Affezionato L'avatar di D.M.F.E.
    Data registrazione
    30-08-2006
    Residenza
    padova
    Messaggi
    71
    [QUOTE]Originariamente postato da Lpd
    [B]Mah, dipende anche dal proprio ambito di interesse.
    Diciamo che come consiglio soggettivo direi che quelli più orientati a prospettive "realistiche" di lavoro, e quindi con approfondimenti "civilistico-assicurativi" (che magari saranno meno "interessanti", ma sono molto più realistici e concreti a livello professionale) sono da preferirsi.
    A Padova ce ne è uno di secondo livello, orientato al conseguimento di competenze peritali, e che si chiama "Neuropsicologia e Psicopatologia Forense".
    I costi sono comunque alti anche in questo caso (credo sui 3500-4000 euro, link da www.unipd.it e lì post-lauream - master), quindi è una scelta da fare in maniera molto oculata e ben motivata.

    pensa che io abito a Padova... però per una serie di ragioni non voglio fare il Master nella mia Università.... ho bisogno di cambiare aria... in effetti questo di cui parli l'avevo preso in considerazione...però basta Padova!!!
    Vorrei poter trasferirmi... magari a Roma... ma ci vorrebbe anche un lavoro....

    intanto provo ad entrare in qualche Master... poi vedremo che fare....

  12. #12
    Buondì!sono molto interessata all'ambito giuridico; nello specifico alla possibilità (molto ardua..) di entrare come educatrice in carcere.
    A Pescara due lunedì al mese viene svolto un Corso in scienze psicologiche ed Analisi delle condotte criminali:costo 250€;la durata è fino a giugno per info consultate il sito dell'AIPC sede Roma. L'anno scorso ho fatto questo corso; di certo non apre opportunità lavorative; ma è ben organizzato e il costo permette di accedervi senza svuotare il già vuoto portafogli!..
    Io abito in Toscana e attualmente faccio il tirocinio nel Carcere di Sollicciano; non so se diventerà un lavoro retribuito; per adesso la passione prevale sulla retribuzione..nonostante 26 anni....

  13. #13
    Partecipante Esperto L'avatar di Milich-82
    Data registrazione
    31-03-2006
    Residenza
    roma
    Messaggi
    359
    ok grazie per la info!
    i costi dei master sono molto elevati e soprattutto bisogna stare attenti a quale si sceglie dato che molte volte neache sono riconosciuti......
    pero avere competenze in ambito psi. giuridica mi piacerebbe molto.......
    Se mi rilasso collasso mi manca l'aria e l'allegria, devo dare di gas voglio energia metto carbone e follia!!

  14. #14
    Neofita
    Data registrazione
    19-09-2006
    Residenza
    perugia
    Messaggi
    2
    Non corcordo perfettamnte con quanto scritto da lpd anche se molte cose sono esatte e purtroppo vere. In Italia non c'é u albo, nè tantomeno le forze dell'ordine permettono che vi entri qualche esterno come consulente, comunque c'è da dire che è una disciplina nuova ed in continua evoluzione e chi vuole cimantarsi in questo ambito deve avere tanta passion e procedre per gradi cercando di specializzarsi continuamnte (non per forza a pagamento). Si può lavorare da liberi professionisti, nei tribunali e nei penitenziari. Per il resto qualcosa sta cambiando, si va verso una più aperta collaborazione tra le diverse tipologie d'investigazione sempre che le forze dell'ordine, gelose come sono della loro esclusiva posizione, ce lo permettano!

  15. #15
    Partecipante Super Figo L'avatar di Anandamyde
    Data registrazione
    27-07-2005
    Messaggi
    1,800
    Blog Entries
    1
    ma oltre a master e corsi di specializzazione vari...come ci si puo' far conoscere a livello di "volenterosi aspiranti collaboratori" dalle forze dell'ordine?

    è possibile fare volontariato nelle strutture penitenziarie?

    le strutture stesse organizzano "corsi di formazione" per volontari o collaboratori part time...anche se non strettamente qualificati in ambito psicologico?

    dove si possono trovare certe informazioni?...magari entrando a far parte "della famiglia" e facendosi conoscere prima...dopo la laurea si ha dei punti in più!
    baciuz'

Pagina 1 di 2 12 UltimoUltimo

Privacy Policy