• Opsonline.it
  • Facebook
  • twitter
  • youtube
  • linkedin
Visualizzazione risultati 1 fino 4 di 4
  1. #1
    DARKANGEL68
    Ospite non registrato

    Gestione della rabbia...

    Vorrei qualche consiglio su dei testi , possibilmente online, che parlino della gestione della rabbia, perchè credo di conoscere una persona che potrebbe avere bisogno di aiuto, in quanto ho il sospetto che picchi la sua ragazza . ha sempre cercato di far finta di niente quando ho provato ad affrontare l'argomento, (anche se "alla lontana"ovviamente).
    Lei mi sembra la perfetta "vittima sacrificale", è completamente succube di lui.
    Lui è un ragazzo molto giovane , con una madre malata di cancro e un padre naturale che lo picchiava quando aveva pochi mesi, da cui la madre è dovuta fuggire , dato che picchiava pure lei...
    Poiche' è con me sul luogo in cui lavoro mi farebbe piacere avere un consiglio da qualcuno che abbia esperienza di situazioni del genere per capire se mi sbaglio oppure se ho ragione, e soprattutto quale comportamento tenere per cercare , eventualmente di fargli comprendere che un comportamento violento è un problema da affrontare per evitare di rovinarsi la vita...
    Grazie in anticipo a chiunque voglia rispondere

  2. #2
    Partecipante Assiduo L'avatar di grillo parlante
    Data registrazione
    31-03-2005
    Residenza
    roma
    Messaggi
    172
    da cosa deduci che picchia la ragazza?
    Hai notato qualche comportamento che ti fa "dedurre" questo? Te ne ha parlato lui o la sua ragazza o qualche amico del ragazzo?
    Deduci questo solo per via della situazione familiare?
    Scusa se ti faccio tutte queste domande, ma sospettare qualcuno di violenza è impegnativo, e vorrei sapere cosa ti ha spinto a pensarlo.
    Dacci qualche elemento in più e poi vediamo di ragionarci insieme.
    Fammi sapere

    un bacione
    grillo parlante

  3. #3
    Partecipante Esperto
    Data registrazione
    16-10-2004
    Residenza
    Prov Mi
    Messaggi
    254
    Io ho avuto un'esperienza simile quando andavo alle superiori. Una mia compagna di classe veniva picchiata dal suo ragazzo. Veniva a scuola con i lividi e negava tutto.

  4. #4
    DARKANGEL68
    Ospite non registrato
    Lui è un ragazzo simpaticissimo, ma a tratti è come se si sdoppiasse in due : da un lato pare esserci un bambino spaventato che ha paura di tutto,dall'altro un piccolo mostro che a tratti esce e lo fa comportare in modo orribile...
    Ultimamente ha avuto delle reazione molto violente con dei colleghi, anche se non si è arrivati al peggio...
    Questo sta' creando problemi nel gruppo di lavoro, poiche' tutte le colleghe ora lo temono e lui comunque nega anche l'evidenza del suo cattivo comportamento....
    Stranamente io sono l'unica a non temerlo, e questo perchè sento in lui una grande sofferenza, a volte è strafottente ma con me si modera perchè lo metto in soggezione, anche se sono una persona gentilissima!
    Non lo so' spiegare, ma è come se le barriere che lui mette verso gli altri per me non esistono, riesco a comprenderlo, ne ho avuta la conferma anche da una persona che lo conosce molto bene e che insieme a me sta' consigliando alla sua ragazza di parlare con qualcuno specializzato...
    Nel frattempo il suo posto di lavoro è a rischio a causa delle sue intemperanze e mi preoccupa pensare come potra' reagire , una persona cosi' problematica , all'eventuale perdita del lavoro...
    Si lo so' io sono troppo, disponibile e preoccupata degli altri, ma è la mia natura, non posso evitarlo! E il pensare che una persona cosi' giovane possa rovinarsi la vita in questo modo mi fa star male...
    Grazie ancora per l'interessamento

Privacy Policy