• Opsonline.it
  • Facebook
  • twitter
  • youtube
  • linkedin
Visualizzazione risultati 1 fino 12 di 12
  1. #1
    Partecipante Affezionato L'avatar di cpz
    Data registrazione
    10-07-2004
    Residenza
    milano
    Messaggi
    112

    dubbi fiscali (help me)

    lavoro come educatrice di sostegno e ho un contratto a progetto con una cooperativa che gestisce tali servizi. Il contratto a progetto dura fino a dicembre, da gennaio vorrebbero farmi il contratto a tempo determinato.
    In questi giorni, però, si apre la possibilità per me di cominciare a fare consulenze psicologiche come psicologa privata.. Dovrei quindi aprire la partita iva... Ma mi chiedo: per legge sono obbligata a mantenere una sola posizione lavorativa ovvero come libera professionista psicologa e in quel caso emettere fatture alla cooperativa anche se poi per loro svolgo il ruolo di educatrice oppure posso essere libera professionista ed emettere fatture come psicologa privata e contemporaneamente avere un contratto a progetto e poi a tempo determinato come educatrice ?
    vi prego rispondetemi.

  2. #2
    valyvaly
    Ospite non registrato
    per quanto ne so io puoi sia intraprendere il lavoro di dipendente presso la coperativa sia iniziare parallelamente un'attività privata...
    non penso che una cosa plecluda l'altra anche perchè in molti altri settori (vedi medicina) specialisti dipendenti in ospedali hanno allo stesso tempo i loro studi privati.
    la cosa che mi sento di consigliarti è però quella di chiedere conferma all'albo...loro sicuramente sapranno che dirti e come muoverti!

    in bocca al lupo e complimenti vivissssssimi!!!


  3. #3
    Partecipante Assiduo L'avatar di robypsycho
    Data registrazione
    18-10-2004
    Residenza
    Torino
    Messaggi
    140
    sono d'accordo con cpz, credo che una cosa non precluda l'altra.
    chiedi comunque conferma all'ordine e magari ad un commercialista!

  4. #4
    Partecipante Super Figo L'avatar di **Ayax**
    Data registrazione
    25-08-2005
    Residenza
    Derry, Maine (USA)
    Messaggi
    1,689
    Sì, come no...

    Originariamente postato da robypsycho
    chiedi comunque conferma all'ordine e magari ad un commercialista!
    Lascia perdere l'Ordine in prima battuta!..che consigli volete che le diano!

    Dà retta a un cretino (io, piacere!) continua pure la tua collaborazione come dipendente e, contestualmente, esercita per conto tuo senza partita i.v.a. (prestazioni occasionali).

    Con la Bersani non sei tenuta ad avere partita i.v.a. fino ad un volume d'affari di 7000 euro.

    Buon lavoro.

  5. #5
    Partecipante Assiduo L'avatar di robypsycho
    Data registrazione
    18-10-2004
    Residenza
    Torino
    Messaggi
    140
    Originariamente postato da **Ayax**
    Sì, come no...



    Lascia perdere l'Ordine in prima battuta!..che consigli volete che le diano!

    Dà retta a un cretino (io, piacere!) continua pure la tua collaborazione come dipendente e, contestualmente, esercita per conto tuo senza partita i.v.a. (prestazioni occasionali).

    Con la Bersani non sei tenuta ad avere partita i.v.a. fino ad un volume d'affari di 7000 euro.

    Buon lavoro.
    Davvero? e, in caso di verifiche, come puoi dimostrare di avere un volume d'affari inferiore a 7000 euro? le prestazioni occasionali devono essere in qualche modo certificate?
    grazie!

  6. #6
    Partecipante Assiduo L'avatar di dandina79
    Data registrazione
    20-03-2006
    Messaggi
    127
    Ciao Ayax, io sapevo fino a 5000euro, ero informata male?

  7. #7
    Partecipante Super Esperto
    Data registrazione
    25-07-2003
    Messaggi
    743
    Prova a sentire un commercialista per sicurezza: quello dell'ordine è gratuito (almeno in Lombardia) ma se temi sia "di parte" penso vada bene chiunque.
    Comunque da quanto ne so (o almeno da quanto mi ha detto il mio commercialista) tu puoi aprire partita IVA come psicologo e intanto avere un'attività come dipendente/cococo/cocopro in un altro settore (educatrice, insegnante,...).
    Sull'effettiva utilità di aprire partita IVA per entrate molto basse la questione è controversa...
    effettivamente fino ad un tot (anche io sapevo 5000) si può fare senza ma c'è il fatto che la professione di psicologo è regolamentata da un ordine e pare che sia comunque obbligatorio aprire partita IVA anche per cifre irrisorie (però in realtà molti non lo fanno e non credo che nessuno abbia avuto guai, quindi potrebbe essere una leggenda...).

    Dal punto di vista professionale però se io vado da un medico mi rilascia fattura (se è onesto), se vado da uno psicologo e mi rilascia un pezzo di carta che non è una fattura classica mi chiedo il perchè... siamo sicuri che è uno psicologo vero? Un vero psicologo in quanto professionista mi rilascerebbe fattura... (forse io sono un pò paranoica ma non credo di essere l'unica che potrebbe farsi questo ragionamento).
    Oppure se ho qualche competenza fiscale noto che non ha aperto partita IVA perchè probabilmente ha un'entrata molto bassa... ma allora non è poi così bravo se ha così pochi clienti... (sì, lo ammetto sono decisamente paranoica).

    Dall'altra parte c'è che nei primi 3 anni di apertura di P. IVA hai degli enormi sgravi (e qui bisogna vedere se aver fatto prestazioni occasionali in passato ti impedisce di aprire la P. IVA agevolata: informati bene perchè è veramente agevolata ed è un peccato non usifruirne) ma proprio per questo conviene non "bruciarsela" col rischio di avere guadagni praticamente nulli.
    Per dati un'idea con la P. IVA agevolata paghi il 10% di tasse invece del 20 o 23%: quanto più è alta la cifra che ti entra tanto più risparmi di tasse e quindi guadagni...
    Inoltre dopo il 1° anno sei soggetto a studi di settore che stabiliscono in base a dei parametri (ore lavorative, anzianità, metratura dello studio,...) quanto dovresti aver guadagnato.
    Se hai guadagnato quella cifra ok, se hai dichiarato meno significa che hai evaso le tasse (dire che non hai avuto clienti pare che venga considerato una scusa e non la triste realtà...).
    Perciò a maggior ragione se hai aperto p.IVA e non hai entrate consistenti rischi pure di avere problemi con il fisco...

    Data la delicatezza e le implicazioni della materia ti consiglierei di sentire un commercialista: ti assicuro che sono soldi ben spesi.
    Vimae

  8. #8
    Partecipante Super Esperto L'avatar di nebelexe
    Data registrazione
    20-03-2006
    Residenza
    ovunque e da nessuna parte
    Messaggi
    593
    Anche io come Ayax, che si definisce cretino ma a me personalmente non pare proprio, so che fino a 7000 euro non devi dichiarare nulla.

  9. #9
    Partecipante Affezionato L'avatar di cpz
    Data registrazione
    10-07-2004
    Residenza
    milano
    Messaggi
    112
    grazie a tutti ragazzi...
    il commercialista lo sentirò lunedì... per le prestazioni occasionali con ricevuta anche io, come vimae, avevo sentito che non si può se la professione è regolamentata da un albo...
    in passato ho avuto un contratto di collaborazione occasionale (per 150 ore) come animatrice...ma non c'entra nulla vero? non è che questo mi impedisce il regime agevolato dei primi tre anni vero?

  10. #10
    Partecipante Super Figo L'avatar di **Ayax**
    Data registrazione
    25-08-2005
    Residenza
    Derry, Maine (USA)
    Messaggi
    1,689
    Ti ringrazio
    Originariamente postato da nebelexe
    Anche io come Ayax, che si definisce cretino ma a me personalmente non pare proprio, so che fino a 7000 euro non devi dichiarare nulla.
    Confermo quanto sopra scritto, nella sostanza e nella forma.
    Naturalmente non voglio entrare nelle pieghe dei discorsi (convenienza e modalità di fatturazione delle prestazioni, etc...) per ovvie ragioni.

    Invito a una riflessione : i commercialisti, ovviamente, invitano spesso a complicarsi la vita per avere la possibilità di gestire altre contabilità..etc..etc...

  11. #11
    Partecipante Super Figo L'avatar di Pedrita
    Data registrazione
    08-07-2003
    Residenza
    Roma
    Messaggi
    1,880
    Blog Entries
    2
    Originariamente postato da **Ayax**

    Con la Bersani non sei tenuta ad avere partita i.v.a. fino ad un volume d'affari di 7000 euro.

    Buon lavoro.
    come? non ho capito? non è obbligatorio aprire la p.iva sotto i 7000? quindi se ho 2 pazienti faccio tutto in nero? legalmente?

    [<<<Tutti sul lettino>>>clikka!
    questo è un video di sedute psicoanalitiche nei diversi film!
    il mio avatar è un quadro di BoB ArT

  12. #12
    Partecipante Super Figo L'avatar di **Ayax**
    Data registrazione
    25-08-2005
    Residenza
    Derry, Maine (USA)
    Messaggi
    1,689
    Io non ho detto "in nero".... si tratta di redditi che rientrano nelle c.d. prestazioni occasionali, a fronte delle quali dovresti solamente rilasciare al tuo cliente una semplice ricevuta.......
    I redditi di questo tipo dovrebbero poi essere dichiarati dal prestatore ai fini del calcolo dell' imposta sul reddito.Certo se hai due clienti.....

    p.s. comunque da adesso in poi presto consulenze fiscali solo via mp!


Privacy Policy