• Opsonline.it
  • Facebook
  • twitter
  • youtube
  • linkedin
Pagina 1 di 2 12 UltimoUltimo
Visualizzazione risultati 1 fino 15 di 23
  1. #1
    Partecipante Veramente Figo L'avatar di manuelas
    Data registrazione
    19-11-2004
    Residenza
    modena
    Messaggi
    1,268

    Centri di animazione giovanile (C.A.G.)

    Ciao!
    sono da poco stata assunta in uno di questi centri. Il lavoro è più complesso di quello che sembrava, perchè i ragazzi che vi partecipano sono molto difficili...e soprattutto MASCHI in maggioranza, il che nn aiuta!

    se qualcuno di voi conosce questa realtà potremmo conforntarci sui metodi e sugli strumenti...
    io ho qualche idea, ma non ho un'esperienza specifica...

  2. #2
    Partecipante Affezionato
    Data registrazione
    20-10-2004
    Residenza
    milano
    Messaggi
    100
    ciao Manuelas,
    ho lavorato 4 mesi in un cag, oltre ad avervi fatto il tirocinio.
    Effettivamente, come tu stessa hai potuto vedere, la realta' e' un po' quella che hai descritto: grande prevalenza di ragazzi (molto spesso stranieri, con evidenti episodi di intolleranza e razzismo da parte dei ragazzi italiani), bassissima utenza femminile (un po' piu' alta nello spazio del doposcuola) ma ti diro'...io ho piu' facilmente agganciato i ragazzi che le ragazze. (ma questo anche perche' avevo in comune con loro il fatto di sapere giocare a calcio, a calciobalilla, e di sapermela cavare bene in tutti gli sport organizzati all'interno del centro). Per quanto riguarda strumenti e metodi...posso dirti che il lavoro di équipe è fondamentale, anche perchè nei cag facilmente si ha la sensazione di 'perdere tempo' e di non costruire nulla a livello educativo. Quando lavoravo al cag ritagliavo sempre dei tempi per chiacchierare con i ragazzi. Molti hanno bisogno di essere ascoltati. (anche se poi, molto spesso, cercano di tirarti in mezzo in discorsi sessuali spinti). Come saprai, provocano continuamente, e li' sta un po' a te. Io ho notato che avere la risposta pronta e farsi vedere sicura aiuta molto. Poi dipende dal carattere, ma credo che sapendo questo con un po' di pratica si riesca a controllare ogni situazione. Anche per quanto riguarda i discorsi su tematiche sessuali, credo siano una buona occasione per affrontare (o accennare) il discorso della contraccezione. Soprattutto le ragazze gia' a 14 anni hanno i primi rapporti sessuali (non protetti). Ritornando all'organizzazione del cag....dove lavoravo mi e' stato proposto di strutturare, una volta alla settimana, un'attivita' (a mia libera scelta) che potesse stimolare l'affluenza e la partecipazione delle ragazze. Poi c'erano i momenti (aperti a tutti) dedicati alla Ludoteca, al cinema, allo sport, ecc.
    Non so se posso esserti stata un po' di aiuto...
    ciao
    "Io non mi stupisco di coloro che cercano di spiegare l'incomprensibile, ma di quelli che credono di aver trovato la spiegazione...".
    Gustave Flaubert

  3. #3
    Partecipante Veramente Figo L'avatar di manuelas
    Data registrazione
    19-11-2004
    Residenza
    modena
    Messaggi
    1,268
    grazie sei stata gentilissima...

    infatti io penso che il mio primo obiettivo sia proprio far arrivare delle ragazze e da lì costruire qcs di buono..
    mi sto scervellando, ma oltre a pensare di andare nelle due classi collegate al CAG e paralre con l'insgnante e diretamente con loro propnendo uno spazio di discussione e confronto con le ragazze, magari in spazi diversi da quelli dei maschi, non mi viene in mente niente...
    come posso fare?
    tu cosa avevi pensato?

  4. #4
    Partecipante Affezionato
    Data registrazione
    20-10-2004
    Residenza
    milano
    Messaggi
    100
    Senza forzare troppo l'affluenza a mio avviso l'aspetto difficile, iniziando un'attività, è che il coinvolgimento puo' non essere sollecitato adeguatamente, proprio perche' non si conosce bene l'utenza. In poche parole...quando ho dovuto presentare l'attivitià e coinvolgere le ragazze ero in cag da solo alcuni giorni. Questo aspetto ha avuto una certa influenza sull'andamento delle presenze all'attività. Nelle attività iniziali sono state presenti SOLO le ragazze che avevano condiviso con me i momenti del doposcuola e avevano cosi' avuto modo di conoscermi un po'. In seguito, dopo circa 3 mesi, la partecipazione e' stata piu' intensa. Cmq... io all'inizio avevo presentato un'attività 'leggera' (manuale, tipo costruzione scooby-doo, dècoupage, e altro). Il materiale era il piu' svariato, cosi' c'e' stato chi ha fatto lo scooby-doo e l'ha insegnato agli altri (questa attività ha avuto anche la presenza dei ragazzi che erano curiosi e interessati a cio' che facevamo) c'e' chi ha fatto dei regalini per il suo ragazzo e cosi' via. E' stata una bella occasione in cui ragazzi e ragazze erano presenti nella stessa attività, per questo si e' scelto di tenere il laboratorio aperto a tutti. La seconda attività ha riguardato la lettura di giornali per ragazze, con l'intenzione di parlare della dimensione dei sentimenti e dell'affettività. Sono stati affrontati anche discorsi relativi alla sessualità, al rapporto amore-sesso, alla contraccezione e alla scopertà e al rispetto di sè.
    Pero' quest'ultima attivita' sconsiglierei di farla all'inizio perche' presuppone che si sia instaurata una minima fiducia tra l'educatrice e le ragazze.
    "Io non mi stupisco di coloro che cercano di spiegare l'incomprensibile, ma di quelli che credono di aver trovato la spiegazione...".
    Gustave Flaubert

  5. #5
    Partecipante Veramente Figo L'avatar di manuelas
    Data registrazione
    19-11-2004
    Residenza
    modena
    Messaggi
    1,268
    ok grazie mille sei preziosissima...

    spiegami questa attività scooby-doo che cos'è...
    e un'altra cosa...queste attiità tipo decoupage, le gestivi tu o chiamavi qualcuno esterno?

  6. #6
    Partecipante Affezionato
    Data registrazione
    20-10-2004
    Residenza
    milano
    Messaggi
    100
    Gli scooby-doo sono quegli 'affari' (scusa ma non trovo altra parola) che trovi appesi alle cartelle di scuola...
    Se vai in cartoleria e chiedi i fili per gli scooby-doo credo capirai.
    Le attivita' le gestivo unicamente io (perche' erano semplici da realizzare e non servivano competenze di un certo tipo)
    ciao!
    "Io non mi stupisco di coloro che cercano di spiegare l'incomprensibile, ma di quelli che credono di aver trovato la spiegazione...".
    Gustave Flaubert

  7. #7
    asilea79
    Ospite non registrato
    ciao Manuelas!
    Io ho lavorato per 4 anni in un CAG a Modena e per me è stata un esperienza bellissima e utilissima dal punto di vista formativo. Se posso portarti la mia esperienza, io ho visto che importantissima è la conoscenza del territorio nel quale si trova il Centro per evitare che ci siano proposte simili o concorrenti nello stesso quartiere (che spesso disorienta i ragazzi); quindi ti consiglio di conoscere i servizi sociali, le associazioni, la scuola, la parrocchia e chiunque altro faccia proposte per ragazzi della fascia d'età che segui per poter lavorare in rete (psico di comunità docet). Cerca di conoscere i luoghi informali nei quali i ragazzi si trovano e fare un po' di educativa di strada per conoscerli e coinvolgerli.
    Per quanto riguarda le attività secondo me è bene inizialmente fare delle proposte (semplici, non pensare di essere obbligata a saper fare chissa che cosa o di dover spendere chissa quanti soldi) ma nel tempo cercare di far emergere dai ragazzi quelle che sono i loro desideri e le loro passioni (cosa molto complessa dato che spesso non lo sanno neanche loro) e cercare di capirle anche solo da una frase o da un comportamento.

    sono molto d'accordo sul lavoro d'equipe perchè quella dell'educatore di CAG è un'attività che può diventare stressante e certe situazioni vanno condivise sia per avere una strategia comune davanti ai ragazzi sia per sopportarle meglio.

    mi fa tanto piacere che si parli di questo lavoro che è poco conosciuto ma che per me può essere un'ottimo aiuto per i ragazzi.

  8. #8
    Postatore Compulsivo L'avatar di LuisaMiao
    Data registrazione
    07-02-2005
    Residenza
    Monza
    Messaggi
    3,204
    ciao ragazze
    volevo chiedervi un piccolo aiuto: conoscete per caso i riferimenti normativi per i CAG? ho provato a carcare ma nn trovo nulla.....
    Grazie mille!!! E buon lavoro :-)
    Não sei o motivo pra ir
    só sei que não posso ficar
    não sei o que vem a seguir
    mas quero procurar.
    (Mafalda Veiga)

    Il mio blog

  9. #9
    Partecipante Veramente Figo L'avatar di manuelas
    Data registrazione
    19-11-2004
    Residenza
    modena
    Messaggi
    1,268
    ciao asilea..cavolo mi era sfuggito il tuo post..menomale per luisa che ha tirato su la discussione...

    scusami se non ti ho risposto...

    la tua opinione mi è molto utile ti ringrazio...

    penso anche io che non si aun lavoro semplice, ma che vada progettato e valutato bene in ogni fase...

    spero che potremo confrontarci ancora.

    per le attività iniziali io temo che loro non abbiano voglia di farle, essendo stati abituati l'anno scorso a giocare solo a calcio...
    pensavo inizialmente a giochi di conoscenza reciproca perchè alcuni sono nuovi, ma non so bene come..vedremo...

    in secondo luogo vorrei creare con loro un regolamento condiviso che valga tutto l'anno.

    tu cosa afcevi esattamente? perchè qui nessuno mi dice niente.. e io mi sto inventando delle cose ma non so se vadano bene...

    luisa, a che normative fai riferimento?

  10. #10
    Postatore Compulsivo L'avatar di LuisaMiao
    Data registrazione
    07-02-2005
    Residenza
    Monza
    Messaggi
    3,204
    ciao manuelas :-)
    intanto in bocca al lupo!

    mi riferivo alle normative per aprire i CAG.... una mia amica ha questa idea e mi ha chiesto di informarmi meglio, ma nn riesco appunto a trovar un bel nulla... :-(
    Não sei o motivo pra ir
    só sei que não posso ficar
    não sei o que vem a seguir
    mas quero procurar.
    (Mafalda Veiga)

    Il mio blog

  11. #11
    Partecipante Affezionato
    Data registrazione
    20-10-2004
    Residenza
    milano
    Messaggi
    100
    Dunque,....il regolamento scritto non so quanto possa essere utile. E' cmq necessario esplicitare determinate regole, ma teniamo conto che spesso vengono trasgredite e che e' soprattutto importante ribadirle ogni qual volta questo accade (a volte lo si fa anche all'infinito, constatando dell'inutilita' della cosa).
    Dove lavoravo regolarmente arrivavano 1-2 ragazzi nuovi. Tuttavia non abbiamo mai pensato a dei 'giochi di conoscenza', questo perche' se si tratta di adolescenti e' difficilissimo 'tirarli in mezzo' in cose che per loro non hanno un senso apparente (una specie di tornaconto) inoltre credo sia piu' bello che l'educatore/trice prenda il nuovo ragazzo, lo presenti e inizi a coinvolgerlo a poco a poco.
    Per le varie attività...non avete pensato al Fantasport? (solitamente tenuto dall'educatore uomo)...non c'e' nel tuo c.a.g il doposcuola? come e' suddivisa la settimana? alcuni momenti per i preadolescenti sono divisi da quelli degli adolescenti?
    "Io non mi stupisco di coloro che cercano di spiegare l'incomprensibile, ma di quelli che credono di aver trovato la spiegazione...".
    Gustave Flaubert

  12. #12
    Partecipante Veramente Figo L'avatar di manuelas
    Data registrazione
    19-11-2004
    Residenza
    modena
    Messaggi
    1,268
    non ho ancora iniziato quindi non ti so dire bene, per ora solo gran progettazione...

    il fantasport mi manca...avevo pensato a dei tornei ma non so bene come organizzarli...

    io sono da sola fondamentalmente nessun uomo in giro... in cosa consiste?

    ti ringrazio mi sei molto utile..
    per i regolamenti no ho proprio idea luisa mi cogli del tutto impreparata...
    di solito sono progetti comunali però, prova a chiedere al comune o alla provincia...

  13. #13
    Postatore Compulsivo L'avatar di LuisaMiao
    Data registrazione
    07-02-2005
    Residenza
    Monza
    Messaggi
    3,204
    Originariamente postato da manuelas

    per i regolamenti no ho proprio idea luisa mi cogli del tutto impreparata...
    di solito sono progetti comunali però, prova a chiedere al comune o alla provincia...
    il fatto è che nel comune in questione il CAG non c'è... e ce ne sarebbe bisogno :-)
    cmq grazie mille!!

  14. #14
    Postatore Compulsivo L'avatar di LuisaMiao
    Data registrazione
    07-02-2005
    Residenza
    Monza
    Messaggi
    3,204
    alla fine, navigando navigando sono riuscita a trovare qualche riferimento legislativo.
    vi posto il link, magari a qualcun'altro può servire

    http://web.tiscali.it/rete.cag/pages/links.htm

  15. #15
    Partecipante Affezionato
    Data registrazione
    20-10-2004
    Residenza
    milano
    Messaggi
    100
    scusa manuelas, ma siete tutte donne nel c.a.g? stranissimo! di solito ci sono 2-3 educatori uomini e una sola educatrice.
    Cmq...il fantasport e' quel gioco che si fa comprando la gazzetta tutte le settimane e vedendo, in base ai punteggi dati ai giocatori, quanti punti si fanno. Non so spiegartelo bene perche' non l'ho mai condotto. Cmq magari su internet trovi qualcosa.
    Di solito una mezza giornata (dopo il doposcuola) e' dedicata alla 'ludoteca' (giochi in scatola). Li' sta un po' agli educatori (tenendo conto anche delle possibilita' economiche della cooperativa) comprare i giochi (valutando un po' quali possono essere i piu' coinvolgenti). Solitamente risiko e monopoli vanno bene sempre.
    Credo cmq che sia importante che in questa progettazione che stai realizzando tu coinvolga anche gli altri educatori (o sei sola???).
    E visto che non hai ancora avuto modo di conoscere un po' i ragazzi (ma se gli altri educatori ci sono, non ti hanno dato dei feedback?) credo che tu debba aspettare prima di progettare delle cose. Anche perche' solo conoscendo la tipologia di utenza puoi poi organizzare al meglio le varie attivita'.
    se hai ancora bisogno sono qui.
    ciao
    un consiglio: non preoccuparti troppo all'inizio....e' sempre difficile cominciare, ma poi tutto va al meglio.
    "Io non mi stupisco di coloro che cercano di spiegare l'incomprensibile, ma di quelli che credono di aver trovato la spiegazione...".
    Gustave Flaubert

Pagina 1 di 2 12 UltimoUltimo

Privacy Policy