• Opsonline.it
  • Facebook
  • twitter
  • youtube
  • linkedin
Visualizzazione risultati 1 fino 3 di 3
  1. #1
    Postatore Compulsivo L'avatar di Calethiel
    Data registrazione
    19-04-2005
    Residenza
    Roma provincia
    Messaggi
    3,590

    educatore: in pratica cosa fa?

    Visto che dalla settimana prossima si torna al lavoro gratis, a cui se ne aggiunge un altro, sempre gratis, pensavo di guadagnare qualcosina facendo l'educatrice da qualche parte. Visto che tanto come psicologi non si trova niente, e poi così vedrei anche l'altra faccia della medaglia. Mi piacerebbe lavorare con i bambini disabili, ma in pratica un educatore cosa fa? mi stanno venendo mille dubbi. Non ho esperienza, quindi devo scordarmi anche un'assunzione in questo ambito?

    Mentre il saggio indica la luna, lo stolto guarda il dito

    Non ti curar di loro, ma guarda oltre e passa

  2. #2
    Partecipante Affezionato L'avatar di anna81.s
    Data registrazione
    13-05-2006
    Residenza
    pavia
    Messaggi
    96
    ciao! io ho fatto l'educatrice in un CDD e spero di farla ancora, legge permettendo. infatti sembra che d'ora in avanti andranno bene solo laureati in scienze della formazione e filosofia (equipollente), mentre noi psicologi saremo tagliati fuori...
    cmq, come educatrice nei CDD il lavoro che fai... non c'entra nulla con lo psicologo...infatti si tratta di stare con persone disabili, assisterle nelle attività del pranzo e della toilette ( dall'imboccare paraplegici al cambiare persone non autosufficienti), e durante la giornata fare attività come cucito, disegno, bricolage... bisogna avere tanta pazienza e alquanto stomaco, secondo la mia personale esperienza!
    di solito ti fanno iniziare con delle sostituzioni, per poi se ti va bene dopo anni essere assunta. almeno da noi funziona così! spero di essere stata utile, in bocca al lupo, ciao ciao

  3. #3
    Partecipante Esperto L'avatar di maryflower
    Data registrazione
    06-06-2006
    Residenza
    firenze
    Messaggi
    453
    Io lavoro come educatrice di ruolo, ho una classe di 18 bambini e una di questi è idrocefalica. Tecnicamente dovrei avere due colleghe, in realtà ne ho tre dato che la bimba deve essere seguita con molta più costanza rispetto agli altri. Noi abbiamo elaborato un piano didattico apposta per lei, mirato per le sue esigenze e le sue capacità. Mi spiego: le abbiamo insegnato a stare a tavola, cosa non facile dato che ha un deficit di attenzione/iperattività, ad aspettare il suo turno quando si fa un gioco, a piangere per le cose "serie" e non per qualunque cosa, a mettersi il ciuccio da sola, a sedersi nel water, e soprattutto a giocare con gli altri bambini. Resta ancora molto da fare ma ci riteniamo soddisfatte.
    Nel complesso direi che il lavoro di educatore, almeno per come lo facciamo noi, ha molto a che fare con quello di psicologo: tutte noi siamo laureate chi in psicologia, chi in pedagogia, direi che esercitiamo le nostre professioni, sebbene in modi un pò inaspettati.

Privacy Policy