• Opsonline.it
  • Facebook
  • twitter
  • youtube
  • linkedin
Visualizzazione risultati 1 fino 15 di 15
  1. #1
    Partecipante Affezionato
    Data registrazione
    10-02-2006
    Residenza
    lombardia
    Messaggi
    75

    Di Che Cosa Si Occupano I Liberi Professionisti???

    mi rivolgo a coloro che hanno aperto uno studio privato o lo stanno per aprire: di cosa vi occupate precisamente? e siete psicologi o psicoterapeuti?
    tigrabianca

  2. #2
    Partecipante Assiduo L'avatar di jack kerouac
    Data registrazione
    25-09-2004
    Messaggi
    121
    Tigrabianca se sei solo laureato sei solo...laureato..o meglio dottore in Psicologia.
    Se hai fatto anche l'esame di stato sei uno psicologo abilitato ed eventualmente iscritto all'albo!
    Se invece hai frequentato una scuola di specializzazione, pubblica o privata che sia, di 4 anni riconosciuta dal MIUR o dal ministero della sanità, diventi uno psicoterapeuta e puoi iscriverti all'albo degli psicoterapeuti e svolgere la professione di psicoterapeuta (ufficialmente).


  3. #3
    Partecipante Assiduo L'avatar di jack kerouac
    Data registrazione
    25-09-2004
    Messaggi
    121
    Cmq il libero professionista, oltre a svolgere la libera professione di psicologo (o psicoterapeuta) può occuparsi di partecipare a progetti di valutazione o intervento di realtà di diverso genere, fare perizie, consulenze, assistenza psicologica, ecc..

  4. #4
    Partecipante Affezionato
    Data registrazione
    10-02-2006
    Residenza
    lombardia
    Messaggi
    75
    non avevo bisogno che qualcuno illustrasse che differenza c'è tra un dottore in psicologia, uno psicologo e uno psicoterapeuta, anche perchè penso che sia alquanto banale come classificazione! avrei solo voluto approfondire, magari solo in termini statistici, quali sono le specializzazioni più frequenti di chi decide di praticare la libera professione siccome penso che fare i tuttologi sia decisamente controproducente.
    ci sono psicologi che si occupano di disturbi dell'apprendimento altri che fanno training autogeno, altri counseling ecc.... altri fanno tutto pur di recuperare qualche soldo. forse mi sono spiegata meglio.
    tigrabianca

  5. #5
    samalotti
    Ospite non registrato
    Ciao. Ho letto le risposte ed aggiungerei che un libero professionista; è uno che ha delle competenze e le propone. Questo per dirti che: cosa fa uno psicologo o psicoterapeuta come attività privata dipende molto dalle opportunità del territorio.

  6. #6
    Partecipante Affezionato L'avatar di zibboooo
    Data registrazione
    14-09-2005
    Residenza
    roma
    Messaggi
    101
    la tua domanda tigrabianca mi sembra mal posta...anche io ti avrei risposto come jack kerouac!!!se invece volevi aprire un post per fare una campagna contro i tuttologi beh....mi trovi al tuo fianco!
    "Chi ha occhi per vedere e orecchi per intendere si convince che ai mortali non è possibile celare nessun segreto. Chi tace con le labbra chiacchiera con la punta delle dita, si tradisce attraverso tutti i pori.."(S. Freud, 1905)

  7. #7
    Partecipante Figo L'avatar di tata_moni
    Data registrazione
    21-02-2006
    Residenza
    Bologna
    Messaggi
    974
    Originariamente postato da tigrabianca
    non avevo bisogno che qualcuno illustrasse che differenza c'è tra un dottore in psicologia, uno psicologo e uno psicoterapeuta, anche perchè penso che sia alquanto banale come classificazione! avrei solo voluto approfondire, magari solo in termini statistici, quali sono le specializzazioni più frequenti di chi decide di praticare la libera professione siccome penso che fare i tuttologi sia decisamente controproducente.
    ci sono psicologi che si occupano di disturbi dell'apprendimento altri che fanno training autogeno, altri counseling ecc.... altri fanno tutto pur di recuperare qualche soldo. forse mi sono spiegata meglio.
    In un altro 3d qualcuno (non ricordo il nick, scusami!!!!!) ha saggiamente consigliato: per capire cosa può fare uno psicologo, perchè non guardate le voci del tariffario degli psicologi? Da lì si capisce bene cosa fa uno psicologo!

  8. #8
    Partecipante Affezionato
    Data registrazione
    10-02-2006
    Residenza
    lombardia
    Messaggi
    75
    io volevo solo sapere in che cosa sono specializzati i liberi professionisti che frequentano ops, ovvero che tipo di pazienti/clienti ricevono. nella mia città ci sono diversi psy e alcuni ad esempio fanno solo il training autogeno altri fanno di tutto e di più, altri ancora fanno solo consulenza aziendale!

    mi sto rendendo conto che è molto difficile ottenere info a riguardo, forse perchè i liberi professionisti sono molto pochi.
    tigrabianca

  9. #9
    Partecipante Assiduo L'avatar di jack kerouac
    Data registrazione
    25-09-2004
    Messaggi
    121
    Concordo con la battaglia contro i tuttologi, ma purtroppo nel mercato del lavoro che ci riguarda credo sia importante adattarsi a fare quanto ci viene proposto.
    Non credo che abbiamo molte possibilità di scelta. Tutt'al + possiamo scegliere l'area in cui lavorare, ma se ci viene proposto un lavoro che nn è proprio quello che pensavamo ...io personalmente mi adeguo.
    Tento di fare al meglio quello che so fare e provo d imparare quello che nn conosco.

    Cmq i progetti a mio avviso sono un buon punto dipartenza. Counseling, assitenza in ambito scolastico, ricerca o altro possono risultare comunque interessanti. Purtroppo nn è sempre così facile rientrare in un progetto.

  10. #10
    Partecipante Figo L'avatar di tata_moni
    Data registrazione
    21-02-2006
    Residenza
    Bologna
    Messaggi
    974
    Originariamente postato da tigrabianca
    io volevo solo sapere in che cosa sono specializzati i liberi professionisti che frequentano ops, ovvero che tipo di pazienti/clienti ricevono. nella mia città ci sono diversi psy e alcuni ad esempio fanno solo il training autogeno altri fanno di tutto e di più, altri ancora fanno solo consulenza aziendale!

    mi sto rendendo conto che è molto difficile ottenere info a riguardo, forse perchè i liberi professionisti sono molto pochi.
    A bè, allora se è una curiosità personale su cosa fanno gli psicologi di ops...
    Io mi occupo di demenze: valutazione neuropsicologica, stimolazione cognitiva, sostegno ai caregivers.

  11. #11
    Partecipante
    Data registrazione
    14-02-2005
    Messaggi
    54
    Anch'io sopno una libera professionista. Faccio psicologia scolastica (sportelli d'ascolto, corsi per docenti e famiglie...), orientamento e formazione in ambito relazionale.
    Credo di essere una tuttologa, ma io voglio un lavoro che dia da vivere e credo che, almeno inizialmente, sia necessario fare così...

  12. #12
    Partecipante Super Esperto
    Data registrazione
    26-07-2003
    Messaggi
    743
    Io lavoro con minori: bambini, genitori e scuole.
    Sopra i 14 anni dico subito che non è il mio campo e cerco di specializzarmi il più possibile all'interno dell'età evolutiva.
    Per il momento non ho aperto nessuno studio perchè ho avuto troppe poche richieste e così collaboro con associazioni e scuole.
    Nelle scuole mi occupo soprattutto di formazione agli insegnanti ed educazione affettiva in classe: a volte c'è il passaparola fra scuole, ma spesso me le devo cercare e su 20 progetti che mandano me ne approvano al massimo uno e nemmeno tutto...
    Vimae

  13. #13
    Partecipante
    Data registrazione
    14-02-2005
    Messaggi
    54
    Scusa se sono sfacciata...
    ma a livello economico specializzarsi è una scelta sostenibile?

  14. #14
    Partecipante Assiduo L'avatar di jack kerouac
    Data registrazione
    25-09-2004
    Messaggi
    121
    Se ti interessa saperlo nelle scuole universitarie il costo annuale è di circa 1200 E, mentre le private richiedono cifre che vanno dai 2500 E in su.


  15. #15
    Postatore Compulsivo L'avatar di ste203xx
    Data registrazione
    04-08-2003
    Residenza
    Latina-Roma
    Messaggi
    3,140
    capasanta wrote:
    ma a livello economico specializzarsi è una scelta sostenibile?
    In che senso ?
    Nel senso che chi punta su un unico "prodotto", cioè offre solo un preciso servizio psicologico, guadagna di più? ;-) :-P

    Secondo me: senza dubbio sì

    Per "specializzarsi" però, personalmente non intendo "iscriversi a una scuola di specializzazione quadriennale in psicoperapia", ma ritagliarsi una nicchia, perfezionarsi su un'area ben circoscritta e offrire servizi relativi a quella, come quei piccoli negozi che vendono un preciso prodotto specialistico, più che come un ipermarket in cui trovare di tutto un po'.


    Anzi non è solo una scelta, ma una necessità, per il discorso tante volte affrontato su questi schermi che non si può essere tuttologi. Ma secondo me, non si può rimanere neppure "generici", spizzicando consulenze qua e là.

    Conviene/è necessaria un ulteriore specializzarsi, in modo che:

    - si è facilmente identificabili ("lo psicologo che tratta le fobie"), quindi più facilmente trovabili dai potenziali clienti.

    - si progredisce più in fretta, perché si diventa esperti su quella determinata patologia e si riesce a trattarla meglio, clienti più soddisfatti - che fanno passaparola - quindi arrivano più clienti in studio con patologie che quello psicologo sa trattare meglio -> più guadagni . Io se fossi fobica preferirei andare da uno che ha trattato 100 casi di fobia più che uno che ha trattato una fobia, una depressione, un po' di questo e un po' di quell'altro, non mi ispirerebbe fiducia e non lo sentirei come esperto.


    - si stabiliscono più facilmente coi colleghi rapporti di collaborazione più che di concorrenza: è davvero triste parlarsi male alle spalle o contendersi l'ultimo nevrotico del quartiere, eppure è cosa che avviene spesso tra psicologi .

    - preveniamo il rischio di burn-out che è altissimo, a forza di trattare "tutto", si disgrega la propria identità professionale e non si sa più chi si è, cosa di pùò fare, quali sono i prorpi limiti e le proprie capacità


    l'interrogativo è sempre quello: come posso offrire un servizio che, come quello psicologico (o formativo), deve essere sempre e comunque di qualità elevata? Anche la risposta è sempre quella: aggiornandosi continuamente su quel determinato problema, documentandosi, confrontandosi coi colleghi e con altri professionisti che si occupano di quel problema, facendo una costante analisi dei bisogni del target che ha quel problema, facendo una costante analisi della domanda, frequentando corsi a tema, migliorando continuamente le competenze...in una parola, specializzandosi .

Privacy Policy