• Opsonline.it
  • Facebook
  • twitter
  • youtube
  • linkedin
Visualizzazione risultati 1 fino 5 di 5

Discussione: Un consiglio..!

  1. #1
    Partecipante L'avatar di Luna81
    Data registrazione
    22-04-2003
    Residenza
    Parma
    Messaggi
    31

    Un consiglio..!

    Ciao a tutti!
    Svolgerò il secondo semestre di tirocinio in una neuropsichiatria infantile. Vorrei cercare un lavoro per qualche pomeriggio la settimana o magari il sabato. Vorrei però restare nel settore educativo, tipo seguire bambini con problemi scolastici a domicilio o in qualche struttura apposita, sempre per bambini (tipo centri gioco..).
    Potete darmi qualche consiglio? Ad esempio, se mi rivolgo al mio Comune, presso quali Servizi potrei dirigermi ed informarmi?
    Vi ringrazio..buon proseguimento!!

    Luna
    Ultima modifica di Luna81 : 16-08-2006 alle ore 01.07.03

  2. #2
    Partecipante Assiduo L'avatar di Faby78
    Data registrazione
    19-05-2002
    Residenza
    Roma
    Messaggi
    179
    Ciao! Qui a Roma esiste un progetto denominato SISMIF rivolto ai minori con difficoltà familiari e scolastiche... In pratica si tratta di andare a domicilio per 4/6 ore la settimana (in genere divise in due pomeriggi) e seguire i minori nelle attività educative... Puoi vedere se esiste qualcosa del genere anche nella tua città rivolgendoti agli assistenti sociali del comune. Qui a Roma è gestito dai Municipi e dalle cooperative.
    Un'altra opportunità sono le ludoteche e gli spazi baby, basta trovare l'elenco tramite il sito della città o direttamente al comune...
    In genere la paga non è altissima ma è un'ottima opportunità formativa!
    In bocca al lupo!

  3. #3
    Postatore Compulsivo L'avatar di ste203xx
    Data registrazione
    04-08-2003
    Residenza
    Latina-Roma
    Messaggi
    3,140
    Ciao Luna, un modo per avere questo lavoro è "riceverlo dall'alto", e in questo caso il requisito migliore è conoscere qualcuno già in alto, o che conosce qualcuno già in alto, o che conosce qualcuno che conosce qualcuno già in alto che può fare il tuo nome e ti fa assumere (il network di conoscenze), ma c'è anche un altro modo per avere questo stesso lavoro, cioè, "costruirselo dal basso". Forse è più impegnativo, ma molto coinvolgente e spesso è l'unico modo se non conosci già qualcuno che può introdurti, dopo che hai disseminato curriculum ovunque e nessuno risponde (se non qualche coperativa ''alla canna del gas'', con condizioni contrattuali al limite del lecito ).


    Come fare?

    Ad esempio, se adesso hai il sabato libero, vai in un parco giochi pubblico, anche solo per un'ora, meglio se sempre alla stessa ora, meglio se in un parco piccolo, frequentato sempre dalle stesse mamme, e senza giostre elettroniche così che i bambini possano fare giochi liberi e di gruppo. Siediti su una panchina davanti ai giochi e osserva i bambini che giocano. Poi osserva anche le mamme e familiarizza con loro (prima con sorrisi, poi vedrai che vi scambiate brevi commenti, ecc).
    Io ho fatto così dai primi anni di università: dopo un po' di giorni le mamme iniziano a chiederti chi sei, spieghi che studi psicologia infantile e vedrai che meraviglie accadranno!!! Le mamme ti assaliranno con richieste, ti chiedono commenti, ti parlano dei loro bambini, si sfogano, ti chiedono il numero di telefono...così facendo, tu avrai fatto un'analisi dei bisogni reali delle mamme e dei bambini, per poter offrire un servizio che risponda davvero alle loro esigenze: spesso infatti (come avrai potuto notare "tirconinando" in neuropsichiatria) le istituzioni intervengono in modo standardizzato (cosa che contribuisce a rendere inefficaci gli interventi stessi), oppure intervengono superficialmente sui sintomi, come con i classici disturbi d'appredimento, senza considerare che ''sotto'' possono esserci altri problemi affettivi, sociali, ecc senza i quali un intervento per difficoltà scolastiche e cose del genere è destinato a fallire (per mancanza di fondi e di quant'altro..."ti somministro la wisch, qualche farmaco e via").

    Dunque, parlando con le mamme e osservando i bambini, riesci a rilevare i loro bisogni, i loro problemi quotidiani e preparati meglio e...saranno le mamme stesse a chiederti di "venire a casa di sabato per aiutare Riccardino a fare i compiti" . Ti quindi avrai ottenuto proprio quel lavoro che cercavi, anzi, anche di più. Saprai decifrare meglio anche questa richiesta (proprio perché a forza di andare al parco ti sarai addestrata ad ascoltare e a capire i problemi) e vedere cosa puoi fare di utile anche con la madre (è riduttivo intervenire solo sul bambino, occorre ''studiare' e intervenire anche sulla relazione con il caregiver, come sappiamo dai numerosi manuali ingurgitati all'uni), facendo anche le tue prime ''proto-consulenze'': da studente o tirocinante, saranno basate solo sull'ascolto e sull'empatia, non potrai osare nient'latro, ma per una mamma è già tanto! Oppure al massimo puoi condividere con lei delle nozioni di psicologia dello sviluppo e sottoporle al suo vaglio critico .

    Poi la madre, maturando una fiducia in te, ti chiederà se sabato prossimo, dopo i compiti, vuoi portare tu Riccardino a giocare al parco (e il lavoro per te aumenta ...). Inoltre conosci Riccardino anche oltre la sola prestazione cognitiva (altroa cosa che sarebbe riduttiva) e il tuo intervento di ''aiuto scolastico'' sarà dunque più efficace. La mamma farà poi il tuo nome anche alla vicina di casa. (E il lavoro aumenta ancora di più). E così via! In più, ti sarai costruita anche un giro di potenziali clienti per quando sarai psicologa, che a volte persino uno psicologo ha difficoltà ad avere . Avrai dunque ottenuto il lavoro che desideri e lo svolgi anche bene, e saranno le mamme stesse a cercarti.

    Poi, se proprio continui a preferire lavorare da dipendente, una volta che ti sei fatta un nome tra le mamme, chiederai a queste i nomi dei personaggi-chiave della asl o pediatri o altro che si occupano di progetti domicialiari e simili, e potrai presentarti a loro con le loro credenziali, allora ti prenderanno più in considerazione, li conoscerai e ti introdurranno nel giro...o ti segnaleranno a qualcuno del giro...a quel punto, se proprio vuoi, potrà entrare in azione anche il metodo 1, quello del "network di conoscenze" (ricevere lavoro grazie a segnalazioni di conoscenti o conoscenti che conoscono qualcuno e così via a catena), perché avrai agganciato il primo anello della catena

  4. #4
    Partecipante Figo L'avatar di tata_moni
    Data registrazione
    21-02-2006
    Residenza
    Bologna
    Messaggi
    974
    ste203xx le tue idee mi piacciono alla grande!!!

  5. #5
    Partecipante L'avatar di Luna81
    Data registrazione
    22-04-2003
    Residenza
    Parma
    Messaggi
    31

    Grazie!!

    ..vi ringrazio, sono davvero ottimi consigli, a dire il vero non ci avevo pensato..!!!

    Luna

Privacy Policy