• Opsonline.it
  • Facebook
  • twitter
  • youtube
  • linkedin
Visualizzazione risultati 1 fino 12 di 12
  1. #1
    alessiadecarlo
    Ospite non registrato

    Firenze e dintorni.... come iniziare un'attività?

    Ciao, sono una neo-laureata in psicologia a Firenze (2004), che attualmente sta svolgendo l'esame di stato (speriamo bene...)
    In questi mesi mi sono guardata molto intorno, sia durante il tirocinio che durante il lavoro.... ma purtroppo ho ancora le idee molto confuse! Ecco perchè sono qui: c'è nessuno a Firenze e provincia (io abito a Montespertoli) a cui piacerebbe lavorare con l'infanzia e si sente pronto a spiccare il salto verso una libera professione indipendente? Vorrei poter trovare colleghi con cui confrontarmi e che abbiano entusiasmo ed idee in questo senso.
    Grazie a tutti quelli che risponderanno!

    Alessia.

  2. #2
    Partecipante Assiduo L'avatar di cieffe
    Data registrazione
    12-08-2004
    Residenza
    Toscana
    Messaggi
    232

    Ciao!

    Ciao Alessia!

    Non so se l'hai visto sul forum, ma ho postato attivato anch'io un thread alla ricerca di persone con cui condividere un salto del genere.....

    Io sono laureato in psicologia del Lavoro a Firenze e mi piacerebbe trovare giovani colleghi disposti ad unire le proprie energie ed idee per "inventarsi" un lavoro.

    L'area che hai citato non è propriamente la "mia", anche se talvolta può essere utile unire competenze diverse per presentare progetti complessi.

    E poi, in fondo, siamo pur sempre (quasi) psicologi..

    In linea di massima cerco contatti nella zona di prato/Pistoia/Firenze, per cui non sei certo lontanissima...

    Ciao,
    Cieffe

    P.S. sto aspettando il risultato della seconda prova anch'io...in bocca al lupo.
    Ultima modifica di cieffe : 18-08-2006 alle ore 16.33.22

  3. #3
    alessiadecarlo
    Ospite non registrato
    Si, avevo visto il tuo thread, ma avevo ben capito che si tratta di aree diverse: io vorrei prevalentemente lavorare con i bambini e stavo anche esplorando le possibilita' che offre la camera di commercio per l'imprenditoria femminile per aprire un asilo nido... tuttavia non e' facile in una regione dove le cooperative imperano trovare un certo tipo di spazio...

    Però ho ancora le idee confuse quindi teniamoci in contatto per sostenerci a vicenda.

    In bocca al lupo anche a te per la seconda prova!

    Alessia.

  4. #4
    Partecipante Assiduo L'avatar di cieffe
    Data registrazione
    12-08-2004
    Residenza
    Toscana
    Messaggi
    232
    Crepi il lupo!

    Sarei lieto anch'io di mantenere il contatto.

    Se ti va, possiamo sentirci con i messaggi privati (un po' più discreti) anche per approfondire un po' le nostre reciproche idee...non si sa mai, magari sembrano distanti e invece non lo sono.

    Indipendentemente da tutto, comunque, anche se facessimo cose diverse potermmo in effetti sostenerci a vicenda, magari collaborando in qualche modo.

    Ti saluto,
    a presto.

    Cieffe
    "La religiosità è talmente simile alla pazzia che è impossibile distinguerle".

    Il mio web-mondo

  5. #5
    Partecipante Assiduo L'avatar di cieffe
    Data registrazione
    12-08-2004
    Residenza
    Toscana
    Messaggi
    232

    nel frattempo....

    Già che ci sono,
    inserisco un link che forse potrebbe aiutarti.

    Buona lettura.

    Cieffe

    http://users.libero.it/scarmela/pagi...renditoria.htm

  6. #6
    serena79
    Ospite non registrato
    Ciao! mi intrufolo anch'io in questo argomento...sono di firenze e anche se non ho ancora l'abilitazione sono interessata all'argomento anche perchè ho gia lavorato con i bambini sia come educatrice/animatrice che con progetti educativi. Se pensate possa esservi utile...
    Sere

  7. #7
    alessiadecarlo
    Ospite non registrato
    Grazie mille Cieffe e granzie anche a te Sere (dovremmo approfondire il discorso dei progetti educativi).
    In questo periodo il pensiero di dover "inventare un lavoro", pensiero eccitante ed insieme terrificante, ha fatto elaborare al mio cervello una decina di idee diverse ogni giorno.
    Ma quando mi chiedo: qual è l'idea? Mi rispondo solo in base a teorie studiate, pratiche presso asili &CO, esigenze personali e recenti colloqui con affermati psicoterapeuti il cui esempio ho deciso di non seguire.
    La nebbia non si dirada. E qui vi chiedo un parere: può un paese come l'Italia guardare ai trend europei? Nei civilizzati paesi del nord lo psicologo è una figura professionale diffusa e ben inserita da tempo ormai, per le strade del paese del tè in bustina appaiono cartelli luminosi all'attenzione degli automobilisti con scritto "Frustrtion may cause accidents". Ma vi rendete conto. Sono avanti, e qui la frustrazione prende me che per oggi, dato l'umor nero, andrò in autobus...

    Alessia.

    alessiadecarlo@yahoo.it

  8. #8
    Partecipante Affezionato L'avatar di RANSIE79
    Data registrazione
    15-03-2006
    Residenza
    firenze
    Messaggi
    116
    ciao a tutti,,anch'io sono della prov di firenze , tra quella di pistoia e quella di firenze in realtà..anch'io aspetto l'eds..indirizzo clinico..comincio il serviz civile in un asilo nido..così anche per fare esperienza..sarebbe bello fare un progetto comune..
    mi interessa l'area della psico scolastica ma non saprei che corsi scegliere visto che i soldi scarseggiano e non vorrei vanificare tutto.
    se avete qualche consiglio..

  9. #9
    Partecipante Assiduo L'avatar di cieffe
    Data registrazione
    12-08-2004
    Residenza
    Toscana
    Messaggi
    232

    su con la vita!!

    Ciao Alessia!

    In effetti è difficile darti torto.

    Trovare un lavoro è un incubo per chi ha avuto la pessima idea di studiare psicologia...

    In Italia siamo sempre visti come gli stregoni, quelli che si occupano solo delle idiozie da vip (grazie anche alla tv)...

    nelle aziende (in moltissime ancora) si riconosce l'importanza di aspetti psicologici nel lavoro ma poi si preferisce mettere tutto in mano a ingegneri e avvocati...

    insomma è frustrante.

    meno male che esistono gli stage! Quelle bellissime esperienze pseudo-retribuite utili solo a chi le offre....

    Tuttavia, credo si debba reagire provandoci, inventandosi qualcosa, misurandosi col mondo del lavoro...la creatività è molto utile nel nostro settore, credo..

    La confusione è comprensibile, ma ad un certo punto bisogna buttarsi. Non credi?

    Prima o poi ci allineeremo...è solo questione di tempo!

    Forza e coraggio.

    Cieffe

  10. #10
    sandra.g
    Ospite non registrato
    Ciao, anch'io desidero lavorare con l'infanzia.
    Sono abilitata da Settembre dello scorso anno. Sono 2 anni che faccio l'insegnante di sostegno. Sto frequentando un master in psicologia scolastica e vari approfondimenti sui disturbi dell'apprendimento. Ho realizzato un progetto di prevenzione delle difficoltà d'apprendimento nella scuola dell'infanzia (durante il tirocinio del master). Ho mandato un sacco di curricum e progetti ovunque, ma figuriamoci se è venuto fuori qualcosa!!!!!
    La mia idea sarebbe quella di fondare un'associazione che si occupi ad esempio di sostegno scolastico, riabilitazione disturbi apprendimento, consulenze psicopedagogiche ai geniori, progetti nelle scuole....
    lo so che non è facile, e che usciti dall'università, pensare di poter fare tutto ciò ci sembra molto difficile, ma io credo che insieme, sostenendoci e continuando a formarci possiamo farcela.
    Dunque, qualcuno di Firenze o dintorni sarebbe interessata a informarsi seriamente su come aprire una associazione e tutto il resto?
    Sperando con tutto il cuore di tirarne fuori qualcosa di concreto vi saluto.
    Ciao ciao

  11. #11
    alessiadecarlo
    Ospite non registrato
    Ciao Sandra... bel master che stai frequentando! Io sto ancora meditando sul link che ha evidenziato Cieffe sull'imprenditoria femminile:

    http://users.libero.it/scarmela/pagi...renditoria.htm

    In realtà c'è modo di poter "tirare fuori qualcosa di concreto", è cioè poter presentare a più di un paio d'occhi le nostre idee in proposito, e ricevere dritte pratiche.
    La preoccupazione prima quindi è che cosa presentare, la stesura di un progetto molto dettagliato, preciso e che sottostà alla legge della domanda e dell'offerta.
    Vogliamo dunque incontrarci tutti prossimamente e buttare giù un pò di idee?
    Il vantaggio di questo confronto credo sia utile per tutti, almeno, il mio gatto si è stancato di sentirmi fantasticare e, di fatto non mi dà nessun aiuto....

    Alessia.

  12. #12
    sandra.g
    Ospite non registrato
    Io ci sto Decidiamo quando
    Ciao ciao

Privacy Policy