• Opsonline.it
  • Facebook
  • twitter
  • youtube
  • linkedin
Pagina 1 di 2 12 UltimoUltimo
Visualizzazione risultati 1 fino 15 di 16

Discussione: percentuale?

  1. #1
    Partecipante Affezionato L'avatar di cpz
    Data registrazione
    10-07-2004
    Residenza
    milano
    Messaggi
    112

    percentuale?

    forse ho trovato uno studio dove collaborare. Dovrei incontrare il medico settimana prossima.
    Non so se lui è proprietario dello studio... mi ha detto che ci sono 4 stanze e collaborano altri professionisti. E' stato molto gentile..
    Però ora mi chiedo... che proposta dovrei fare?
    Non so se tutti pagano un affitto o se lui è proprietario dello studio ed è lui ad affittare agli altri...
    Io pensavo che essendo all'inizio potrei dare una percentuale su paziente... (ogni seduta giusto?)
    E se invece tutti pagano l'affitto? io non posso permettermi di pagare troppo soprattutto perchè magari all'inizio non viene nessuno o solo una persona... Voi cosa mi consigliate?
    Grazie

  2. #2
    Penso che la proposta più sensata sia quella di dare una percentuale (di solito il 20%) della tariffa che applichi, perchè pagare l'affitto non ti conviene, soprattutto se avrari pochi pazienti. Negli studi con cui collaboro funziona così (anche per gli altri specialisti). Ciao

  3. #3
    Partecipante Figo L'avatar di tata_moni
    Data registrazione
    21-02-2006
    Residenza
    Bologna
    Messaggi
    974
    Anch'io stessa esperienza di pallina, però per me l'affitto è (purtroppo!!) del 30%. Quindi senti cosa ti dice, ma tieni presente che puoi fare questa proposta.

  4. #4
    Partecipante Affezionato L'avatar di cpz
    Data registrazione
    10-07-2004
    Residenza
    milano
    Messaggi
    112
    grazie mille... scusate le domande un pò stupide ma è la prima volta che mi capita di lavorare con un medico.. Voi come vi organizzate?
    ipotesi: Se ad esempio mi offre la possibilità di occupare lo studio un pomeriggio alla settimana (quando lui non c'è... e mettiamo caso non ci siano neanche gli altri professionisti) come fa il medico a sapere che quel pomeriggio x io vedo solo 2 persone e non 4...? Insomma come funziona? si segnano gli appuntamenti su una agenda comune?
    e come vi accordate con il medico? avete definito , ad esempio, il venti per cento a parole? o vi siete impegnati a firmare una sorta di contratto tra voi (dove il medico si impegna a lasciare lo studio a voi un giorno alla settimana e voi date il 20% a seduta)..
    le percentuali su ogni seduta vengono date al medico a fine mese?.. scusate ma non so come si gestiscono queste cose.. Grazie mille (meno male che c'è questo forum!!)

  5. #5
    Partecipante Figo L'avatar di tata_moni
    Data registrazione
    21-02-2006
    Residenza
    Bologna
    Messaggi
    974
    Io non so riferirti quando il rapporto è con un medico direttamente. Infatti io uso uno studio in un poliambulatorio privato dove c'è una segreteria che prende gli appuntamenti, che riscuote le parcelle e che a fine mese mi fa un bonifico con quello che devo avere (e io gli porto la fattura). Dunque loro così hanno tutto sotto controllo.
    Nel caso del medico nello specifico, lui ha una segretaria?
    Se no, mi sa che tu devi riscuotere e poi dargli l'affitto. Che tu faccia il numero adeguato di pazienti penso che sia scontato, anche perchè se un pomeriggio passa lì "per caso" e ti becca in fallo sei fritta!

  6. #6
    Nello studio dove vado io c'è una segretaria e quindi segna lei gli appuntamenti sull'agenda comune. Per quanto riguarda gli studi c'è sempre uno studio libero, in quanto i medici hanno orari diversi e in più ci sono le stanze per gli psecialisti, quindi occupo semplicemente una stanza quando ho il colloquio e non per un intero pomeriggio. Per l'importo da versare nel mio caso c'è stato un accordo a voce con il medico, per cui ogni 4-6 sedute do alla segretaria in una busta quanto devo con un foglietto di promemoria (ovviamente ho detto a voce al medico quale tariffa applico e lì si tratta di fiducia e onestà). Spero di esserti stata utile, se hai altre domande chiedi pure.

  7. #7
    Partecipante Assiduo L'avatar di musicalmente
    Data registrazione
    06-12-2004
    Messaggi
    151
    scusate una domanda.. ma siete già specializzati tutti oppure fate sostegno psicologico da psicologo e basta? :shy2:
    "e vivo di poche parole, di poche pretese, di mille altre cose.. fuori dal mondo.. la testa fra le nuvole" J.B.

  8. #8
    Partecipante Figo L'avatar di tata_moni
    Data registrazione
    21-02-2006
    Residenza
    Bologna
    Messaggi
    974
    Originariamente postato da musicalmente
    scusate una domanda.. ma siete già specializzati tutti oppure fate sostegno psicologico da psicologo e basta? :shy2:
    Ma quale "specializzati"!!! E soprattutto, perchè "sostegno psciologico e basta"??
    Dal mio punto di vista la consultazione è una fetta rilevante della richiesta del cliente, non è detto che per aprire uno studio occorra essere psicoterapeuti. Basta il buon senso di capire cosa si sa o non si sa fare.
    Questo è il mio punto di vista.

  9. #9
    ***betty
    Ospite non registrato
    ciao sono anch'io una non specializzanda e sarei molto interssata a questo "sostegno psicologico", anch'io vorrei aprirmi uno studio. mi spiegate nello specifico chi sono i vostri pazienti, come li trovate e che servizio offrite? grazie mille.

  10. #10
    Partecipante Assiduo L'avatar di musicalmente
    Data registrazione
    06-12-2004
    Messaggi
    151
    Originariamente postato da tata_moni
    Ma quale "specializzati"!!! E soprattutto, perchè "sostegno psciologico e basta"??
    Dal mio punto di vista la consultazione è una fetta rilevante della richiesta del cliente, non è detto che per aprire uno studio occorra essere psicoterapeuti. Basta il buon senso di capire cosa si sa o non si sa fare.
    Questo è il mio punto di vista.
    si si, concordo.. era per sintetizzare :shy2: figurati!!!
    "e vivo di poche parole, di poche pretese, di mille altre cose.. fuori dal mondo.. la testa fra le nuvole" J.B.

  11. #11
    Partecipante Figo L'avatar di tata_moni
    Data registrazione
    21-02-2006
    Residenza
    Bologna
    Messaggi
    974
    Originariamente postato da ***betty
    ciao sono anch'io una non specializzanda e sarei molto interssata a questo "sostegno psicologico", anch'io vorrei aprirmi uno studio. mi spiegate nello specifico chi sono i vostri pazienti, come li trovate e che servizio offrite? grazie mille.
    Per me la situazione è un po' "privilegiata", nel senso che io lavoro in ospedale (anche se da poco) nell'ambito delle demenze e quindi conosco parecchi medici che mi mandano in libera professione le persone che a loro volta vedono in libera professione. Faccio valutazione neuropsicologica e colloqui di sostegno ai famigliari. Delle volte mi capita che mi siano inviati anziani depressi, ma li indirizzo ad altri professionisti, perchè non mi sento competente per questo tipo di intervento.
    Riassumendo: il lavoro in libera professione non è moltissimo e una parte lo evito volontariamente, consapevole dei miei limiti.

  12. #12
    ***betty
    Ospite non registrato
    ciao quindi secondo te io cosa potrei fare per iniziare a fare consulenza?dovrei solo cercarmi degli psicologi ceh mi vogliano aiutare?!non credo di essere così fortunata!!!!forse non c'è speranza!cmq mi spieghi meglio quanti colloqui puoi fare e le persone che ti affidano i pazienti ti danno delle indicazioni su come fare o impari "sul campo"?grazie.

  13. #13
    Partecipante Affezionato L'avatar di cpz
    Data registrazione
    10-07-2004
    Residenza
    milano
    Messaggi
    112
    l'incontro con il medico è andato bene! posso cominciare a fare consulenze nel poliambulatorio. Darò una percentuale al medico s seduta, la segretaria mi prenderà gli appuntamenti però sono io che prenderò i soldi direttamente dai pz. Quindi io emetterò fatture direttamente alle persone e non allo studio.

    Ora ho delle domande da fare:

    - non è negativo il fatto che ci sia un terzo (la segretaria) che prende gli appuntamenti? magari la gente si trova ancora più in difficoltà così...

    - avete messo un cartello in sala d'aspetto dove si avvisano i pazienti della vostra presenza? il medico mi ha detto di scrivere qualcosa che attiri l'attenzione della gente, colpisca nel segno... ma io non so cosa mettere se non che c'è la psicologa e riceve il giorno x all'ora x... avete dei suggerimenti?

    -per chi tratta direttamente con il paziente il lato economico: fatturate ogni seduta o alla fine del mese ad esempio?

    ... domandone da cento milioni di dollari: ma alla fine la gente viene da noi che lavoriamo in un poliambulatorio?

    grazie mille a tutti

  14. #14
    Cioa,
    -per la prima domanda finora io ho fatto così: la segretaria prende il primo appuntamento oppure, se il paziente preferisce parlarmi direttamente, lascia il mio numero per i pazienti (ho due nuemri sulla stessa sim, uno privato e uno per il lavoro), poi, dopo il primo colloquio lascio io direttamente il numero al paziente;
    -io non ho fatto nessun cartello in sala d'aspetto. In un poliambulatorio hanno messo la targhetta con il mio nome e il mio titolo accanto agli altri specialisti dello studio;
    - per il lato economico ogni specialista lo tratta privatamente con il paziente e non tramite la segretaria: io lascio libertà al paziente di pagare ogni volta o a fine mese, come preferisce (anche se di solito sarebbe meglio ogni volta per evitare spiacevoli dimenticanz) e per le fatture chiedo se va bene ogni mese circa (se preferiscono diversamente lo dicono).

  15. #15
    Ah scusa, per l'ultimo "domandone": qualche paziente arriva, dipende anche da quanto sono "sensibili" ai problemi psicologici i medici del poliambulatorio; in ogni caso è un modo per farsi conoscere e iniziare.
    Ciao

Pagina 1 di 2 12 UltimoUltimo

Privacy Policy