• Opsonline.it
  • Facebook
  • twitter
  • youtube
  • linkedin
Pagina 1 di 4 123 ... UltimoUltimo
Visualizzazione risultati 1 fino 15 di 55
  1. #1
    Matricola L'avatar di julih
    Data registrazione
    17-10-2004
    Residenza
    Palermo
    Messaggi
    24

    nuova legge su ordini professionali

    salve.
    vorrei sapere se ci sono delle novità introdotte dalle nuove proposte di ddl in materia di ornini professionali per noi psicologi
    grazie a tutti

  2. #2
    Partecipante Figo L'avatar di tata_moni
    Data registrazione
    21-02-2006
    Residenza
    Bologna
    Messaggi
    974
    Io non lo so ma la domanda mi sembra interessante, spero che qualcuno risponda presto!

  3. #3
    Partecipante Esperto L'avatar di maryflower
    Data registrazione
    06-06-2006
    Residenza
    firenze
    Messaggi
    453
    Copio pari pari da "Il Giornale":
    "il pacchetto Bersani prevede l'abolizione delle tariffe obbligatorie dei listini professionali e la possibilità di concordare con il cliente i compensi per le prestazioni, che potranno essere legati agli obiettivi da raggiungere (..........) e la possibilità, per i liberi professionisti, di nfarsi autopromozione, pubblicizzando titoli, specializzazioni e prezzo delle proprie prestazioni anche attraverso riviste informative di pubblica utilità. Restano esclusi i professionisti che operano nel SSN e strutture private convenzionate."

    Questo entrerebbe comunque in contrasto con il codice deontologico........l'Ordine ancora non ha emanato alcuna direttiva, magari nei prossimi giorni dirà qualcosa........almeno spero! In ogni modo mi pare una manovra utile specialmente per chi è alle prime armi, perchè se non è giusto vendersi per una manciata di spiccioli, non è nemmeno giusto, a mio avviso, che sia l'Ordine a stabilire quanto devo chiedere ai miei clienti, specialmente quando uno ha appena iniziato a esercitare e deve farsi un giro.
    Poi non vedo per quale motivo ci è sempre stato impedito di farci pubblicità: va bene l'etica professionale, ma che ci piaccia o meno facciamo parte di un mondo che purtroppo è basato sulla pubblicità: impedire a un professionista di farsi autopromozione mi sembra assurdo........se lo fa rispettando una certa etica, non vedo quale sia il problema! Quindi, se le cose stanno davvero come le ha messe Bersani, ben venga la sua riforma.

  4. #4
    Partecipante Esperto L'avatar di rosjbee
    Data registrazione
    19-05-2003
    Residenza
    Pescia
    Messaggi
    267
    anche io voglio capire bene, ma sostanzialmente mi sembra giusto il provvedimento. Non ci sarà un eccessivo gioco al ribasso se in giro ci sono dei buoni professionisti io credo. Mi piace il ragionemento "per obiettivi", anche se devo riflettere sull'operatività della cosa.....sostanzialmente d'accordo su questa riforma.......

  5. #5
    Partecipante Esperto L'avatar di maryflower
    Data registrazione
    06-06-2006
    Residenza
    firenze
    Messaggi
    453
    Poi naturalmente dobbiamo vedere che dice l'Ordine e dobbiamo vedere l'effettiva applicazione del decreto...........ma sinceramente alcune direttive dell'Ordine mi sono sempre sembrate un pochino anacronistiche: se questo decreto può portarci a una rivisitazione di certe norme, beh, speriamo bene!

  6. #6
    Postatore Compulsivo
    Data registrazione
    08-12-2001
    Residenza
    Roma
    Messaggi
    3,834
    purtroppo la questione scotta e gravitano attorno interessi economici enormi...

    sicuramente la nostra professione è spesso imbrigliata da antichi vincoli... vedi la normativa sulla pubblicità (di chiaro stampo sanitario - contesto dal quel nasce il nostro Ordine e la legge 56/89)...

    tuttavia anche la scomprasa dell'Ordine apre problematiche assai preoccupanti... che pochi citano...
    all'interno di una simile Riforma SICURAMENTE diverranno concorrenti paritarie anche altre figure professionali (ad oggi riconosciute dal CNEL, ma non regolamentate per legge)...

    vedere counselor, pedagogisti clinici, mediatori, ecc... che sicuramente tenteranno di dare una bella spallata alla psicologia clinica...

    vedere consulenti del lavoro e counslor organizzativi che sicuramente tenteranno il salto di qualità in ambito "lavoro e organizzazione"...


    insomma, la caduta degli Ordini in potenza offre più flessibilità, ma nella pratica ci butterà in un calderone di professioni completamente deregolamentate...
    la psicologia sarà ing grado di rimanere a galla e/o emergere?
    voi pensate sia solo questione di qualità e competenza? vero che non lo pensate?
    sapete che gli equilibri macro si muovono prima di tutt per interessi di altro genere, vero?

    bene... se passa questa legge, scommetto che tra una ventina di anni la nostra professione sarà completamente rivoltata come un calzino... molte professioni ci avranno "preso" pezzettini di competenza a loro utili... fino a svuotarla di significato e di "competitività e riconoscibilità" sul mercato...


    troppo pessimista?
    io mi vedo invece molto realista

    buona domenica a tutti
    nico

  7. #7
    jung
    Ospite non registrato
    CERTO CHE DIPENDE TUTTO DA COME VERRA APPLICATA LA RIFORMA. SONO D'ACCORDO SULLA PUBBLICITA IN QUANTO CREDO CHE L'ORDINE ABBIA NORME TROPPO DA "GRANDE FRATELLO", MA LO SONO MENO SUL TARIFFARIO. IMMAGINATE GLI PSICOLOGI CHE SI SVENDONO (E CE NE SARANNO) PER 20 EURO L'ORA? SE NON C'è REGOLAMENTAZIONE DIVENTA UN FAR-WEST

  8. #8
    LaMaralda
    Ospite non registrato
    Ciao a tutti
    Io penso che il fatto di poter applicare tariffe basse vada a nostro vantaggio.
    Attualmente una terapia costa dai 50 euro in su a seduta (che sono molteplici) e molti, non possono permetterselo.
    Rendendo più accessibili le terapie o i colloqui di sostegno secondo me non si svaluta affatto la professione ed inoltre il nostro servizio può diventare maggiormente accessibile, anche per chi fino ad oggi non se lo poteva permettere.
    Soprattutto dal momento che il sostegno psicologico non viene da tutti vissuto come "necessario" (al contrario ad esempio delle visite mediche) ma come qualcosa di aggiunto. Tariffe più basse probabilmente possono avvicinare più persone. Magari si guadagna di meno sul singolo cliente, ma in teoria si dovrebbe lavorare di più.
    Mi piace fare il paragone con i telefonini: una volta i primi tacs, di monopolio della sip, costavano un occhio dalla testa e li utilizzavano pochissime persone. Oggi che telefonini e tariffe sono accessibili a tutti il mercato è esploso. Magari sarà così anche per noi ciao!!!
    Ultima modifica di LaMaralda : 03-07-2006 alle ore 01.41.12

  9. #9
    Partecipante Esperto L'avatar di rosjbee
    Data registrazione
    19-05-2003
    Residenza
    Pescia
    Messaggi
    267
    purtroppo la questione scotta e gravitano attorno interessi economici enormi...

    insomma, la caduta degli Ordini in potenza offre più flessibilità, ma nella pratica ci butterà in un calderone di professioni completamente deregolamentate...
    la psicologia sarà ing grado di rimanere a galla e/o emergere?
    voi pensate sia solo questione di qualità e competenza? vero che non lo pensate?
    sapete che gli equilibri macro si muovono prima di tutt per interessi di altro genere, vero?


    premesso che l'Ordine degli Psicologi è sempre stato deboluccio e statico su molte questioni e che non ha mai efficacemente messo i paletti soprattutto con la POTENTE categoria dei medici, io ho letto questa liberalizzazione,almeno nelle sue parti principali, e non mi sembra ci sia altro che l'abolizione del tariffario e la possibilità di farsi pubblicità. Il che, se fatto con la dovuta intelligenza, potrebbe risultare un vantaggio alla lunga nei confronti di chi, per esempio, è medico....non ne sono sicura però....è un concetto al quale sto lavorando su...


    Rose

  10. #10
    Partecipante Esperto L'avatar di maryflower
    Data registrazione
    06-06-2006
    Residenza
    firenze
    Messaggi
    453
    Scusate ma questo decreto non comporta l'abolizione degli ordini, è una scelta che non è nemmeno contemplata.... noi resteremo comunque legati agli ordini, ma con criteri diversi! Tutto qui!

  11. #11
    Partecipante Figo L'avatar di tata_moni
    Data registrazione
    21-02-2006
    Residenza
    Bologna
    Messaggi
    974
    Io non sarei d'accordo all'abolizione degli ordini. Infatti, sebbene non siano molto potenti, tuttavia ci danno alcune tutele.
    La pubblcità di può fare, con certe regole, perchè dite che non è così?
    Infine il tariffario lo puoi sempre gestire, c'è un massimo e un minimo, inoltre ci sono casi in cui si può diminuire il minimo.
    Dunque, scusate, se ho capito bene, la novità sta nel fatto che:
    - non c'è un tariffario (così si giocherà al ribasso, soprattutto per chi ha contratti non con un cliente ma con un'organizzazione)
    - si può fare pubblicità più liberamente (quindi scrivere esplicitamente di cosa ci si occupa?)

  12. #12
    Partecipante Esperto L'avatar di rosjbee
    Data registrazione
    19-05-2003
    Residenza
    Pescia
    Messaggi
    267
    http://www.dsonline.it/allegatidef/bersani_def35549.pdf non dice granchè di più mi sembra....
    se trovo qualcos'altro lo posto....

    Rose

  13. #13
    Partecipante Esperto L'avatar di rosjbee
    Data registrazione
    19-05-2003
    Residenza
    Pescia
    Messaggi
    267
    http://www.cittadinolex.kataweb.it/a...41895&idCat=54 quello che riguarda gli ordini professionali è l'articolo 2...


    Rose

  14. #14
    Partecipante Esperto L'avatar di saperessere
    Data registrazione
    13-10-2005
    Residenza
    Ferrara
    Messaggi
    425
    Originariamente postato da nico


    tuttavia anche la scomprasa dell'Ordine apre problematiche assai preoccupanti... che pochi citano...

    Grazie Rose per il link.

    Nessuno a parlato di scomparsa dell'Ordine.

    Si parla di abolizione delle tariffe minime e massime, che vorrà dire che nessun professionista, di qualunque tipo, potrà trincerarsi dietro un "Mi dispiace, me lo impone l'Ordine" e far pagare cifre esorbitanti per delle fesserie.

    Il decreto non si preoccupa in maniera specifica di questo o quell'ordine, cerca solo di favorire la concorrenza e la possibilità per l'utente di negoziare il compenso.

    Starà ad ogni professionista, psicologi compresi, essere talmente efficace da ottenere il giusto compenso. Dubito che 10-15 euro di differenza a seduta, perché di questo si tratterà, possano cambiare la vita di qualcuno di noi.

    Dal decreto si evince che gli Ordini possono emanare tutte le direttive che vogliono, ma se diventa legge la devono applicare e le direttive, nonché ciò che oggi regolamentato dall'Ordine stesso, diventa nullo.

    Secondo me è una buona cosa. Gli Ordini sono spesso centri di potere, come tutte le corporazioni e questo Governo sta cercando di rendergli un po' la vita difficile. Mi trovo pienamente d'accordo
    Ultima modifica di saperessere : 03-07-2006 alle ore 16.41.53

  15. #15
    Registered User L'avatar di effina
    Data registrazione
    11-07-2003
    Residenza
    Firenze
    Messaggi
    144
    anche perchè sennò addio esame di stato.......
    Comunque io sono contro!!!!!!!

Pagina 1 di 4 123 ... UltimoUltimo

Privacy Policy