• Opsonline.it
  • Facebook
  • twitter
  • youtube
  • linkedin
Visualizzazione risultati 1 fino 10 di 10
  1. #1
    Partecipante Esperto L'avatar di maryflower
    Data registrazione
    06-06-2006
    Residenza
    firenze
    Messaggi
    453

    le onlus per il osstegno psicologico

    Salve ragazzi,

    poco tempo fa ho contattato una famosa associazione esistente in toscana che si occupa di lotta ai tumori. lo fa tuttavia in modo particolare perchè si occupa più che altro di prevenzione e di altro,ma a livello medico. il sostegno psicologico è previsto, ma a livelli non esagerati.
    Mi chiedevo: se volessi ( e lo vorrei) fondare una onlus che abbia come scopo principale il sostegno psicologico ai familiari dei malati terminali, o anche ai malati stessi, come potrei fare? dove trovare i colleghi che siano disposti a collaborare?
    vi ringrazio dei suggerimenti!

  2. #2
    Partecipante Affezionato L'avatar di isottaII
    Data registrazione
    07-11-2004
    Messaggi
    95
    Ciao! Io stò fondando una ONLUS proprio ora, il consiglio che ti dò è, visto che hai già individuato il tuo ambito d'interesse di vedere bene nel territorio cosa viene offerto di simile. Le tue leggi di riferimento per la costituzione saranno la 383/2000 (x associazioni di promozione sociale) e la 460/1997 proprio sulle onlus. Avrai bisogno di un commercialista (io ho faticato tanto xchè nella mia zona pochissimi si occupano di questo ambito) e di un Notaio(se vuoi redarre lo statuto e atto costitutivo come atto pubblico e partecipare cosi ai finanziamenti, qualora nella tua zona uscissero bandi)..Penso che se indichi la zona di provenienza colleghi che abbiano voglia di fare con te questa cosa non avrai problemi a trovarne..l'utenza..puoi trovarla affiancandoti ad altri servizi, come l'associazione che dicevi, che non curano a fondo l'aspetto del sostegno che invece tu potresti garantire...io sono stata per 5 mesi dietro all'assessorato, servizi sociali, altre associazioni e usl per capire come potevo muovermi nella mia zona, ti consiglio di fare lo stesso! In bocca al lupo!

  3. #3
    Partecipante Esperto L'avatar di maryflower
    Data registrazione
    06-06-2006
    Residenza
    firenze
    Messaggi
    453
    Per me la difficoltà non è tanto questa, perchè ho tanti amici che mi possono aiutare....da un punto di vista puramente burocratico, però! Il punto nodale è trovare dei colleghi che siano disposti a dare un pezzetto del loro tempo per portare avanti questo progetto.
    Ragazzi se siete di Firenze e dintorni fate un fischio!!!!!!!!

  4. #4
    Partecipante Esperto L'avatar di maryflower
    Data registrazione
    06-06-2006
    Residenza
    firenze
    Messaggi
    453
    a proposito isotta, ma la tua onlus di cosa si occupa? e sei sarda pure tu?

  5. #5
    Partecipante Esperto L'avatar di saperessere
    Data registrazione
    13-10-2005
    Residenza
    Ferrara
    Messaggi
    425
    Originariamente postato da isottaII
    Ciao! Io stò fondando una ONLUS proprio ora, il consiglio che ti dò è, visto che hai già individuato il tuo ambito d'interesse di vedere bene nel territorio cosa viene offerto di simile. Le tue leggi di riferimento per la costituzione saranno la 383/2000 (x associazioni di promozione sociale) e la 460/1997 proprio sulle onlus. Avrai bisogno di un commercialista (io ho faticato tanto xchè nella mia zona pochissimi si occupano di questo ambito) e di un Notaio(se vuoi redarre lo statuto e atto costitutivo come atto pubblico e partecipare cosi ai finanziamenti, qualora nella tua zona uscissero bandi)..Penso che se indichi la zona di provenienza colleghi che abbiano voglia di fare con te questa cosa non avrai problemi a trovarne..l'utenza..puoi trovarla affiancandoti ad altri servizi, come l'associazione che dicevi, che non curano a fondo l'aspetto del sostegno che invece tu potresti garantire...io sono stata per 5 mesi dietro all'assessorato, servizi sociali, altre associazioni e usl per capire come potevo muovermi nella mia zona, ti consiglio di fare lo stesso! In bocca al lupo!
    Credo che la cosa sia più semplice. Credo comunque dipenda dalle singole regioni.
    Lo Statuto e Atto costitutivo si possono fare da soli, basta trovare un testo (si trova) e registrarlo come atto privato all'Ufficio delle Entrate (ex Ufficio del Registro), 300 euro credo e ha lo stesso valore di un atto pubblico e poi iscriversi all'Albo Regionale, che qui in Emilia esiste, in altre regioni non so.
    Io sono di Ferrara e ho già lavorato per un'assiociazione che si occupa di assistenza domiciliare medico-infermieristica ai malati oncologici. Sono uscito con medici e infermieri e ho seguito una quarantina di casi. Se troviamo compatibilità di zona, se ne può parlare.
    Penso invece, al contrario, che trovare l'utenza non sia facile. Perché l'assistenza domiciliare spesso è convenzionata con l'ASL e quindi per i pazienti è gratis.
    Se si operasse autonomamente bisognerebbe far pagare lo psicologo alle famiglie e non credo che sia facile. Quindi o ci affianca a qualcuno di già convenzionato ed economicamente in grado di pagare anche lo psicologo, oppure bisogna provare a dialogare con i servizi sociali e aspettarsi un po' di volontariato prima che capiscono che hanno bisogno e siano pronti a scucire.
    Sono disponibile a fare brainstorming su questa cosa per trovare le soluzioni.
    Ultima modifica di saperessere : 27-06-2006 alle ore 13.23.21

  6. #6
    Partecipante Esperto L'avatar di maryflower
    Data registrazione
    06-06-2006
    Residenza
    firenze
    Messaggi
    453
    Qui a Firenze esiste una "società della salute" voluta dall'assessore cioni; fra gli altri, ha anche il compito di fornire sostegno economico alle onlus che, presentando un progetto che sia conforme allo spirito della società della salute, possono ricevere dei finanziamenti rinnovabili annualmente. L'aspetto economico non mi preoccupa, sinceramente.
    Nelle mie idee la "mia" onlus dovrebbe offrire servizi gratuiti, dovrebbe non sostituirsi ai servizi già esistenti, ma essere a questi complementare. Saperessere, ti ringrazio della disponibilità e dei suggerimenti. spero di poter giungere a qualcosa di buono!

  7. #7
    Partecipante Affezionato L'avatar di isottaII
    Data registrazione
    07-11-2004
    Messaggi
    95
    Forse come diceva saperessere ogni regione ha una sua legislazione, xchè ho dovuto per forza contattare un notaio...la registrazione come atto pubblico deve passare per forza da lui purtroppo...pena il pericolo di non poter parteciapre ad alcuni bandi per stanziamento fondi...poi ovviamente dipende da come uno vuole lavorare..l'associazione puo nascere benissimo anche con semplice scrittura privata. Statuto e atto costitutivo anche io li ho fatti da sola...ma ci sono alcune piccole clausule indispensabili che, anche esse, rischiano di diventare limitanti o motivo di esclusione..per questo poi sono ricorsa al commercialista.
    Si maruflower, sono sarda...anche tu? Io sono stata fuori a studiare per 12
    anni,ora sono inserita nella progettualità integrata in Sardegna in collaborazione con la provincia e altre realtà del sociale...il progetto di cui mi occupo riguarderà i disturbi dell'apprendimento..

  8. #8
    Partecipante Esperto L'avatar di maryflower
    Data registrazione
    06-06-2006
    Residenza
    firenze
    Messaggi
    453
    Ma pure io!!!!!!!!!!!!!!!!!! Che gioia!!!!!!! Sono di Macomer, vicino a Nuoro, ma vivo in Toscana da parecchi anni perchè mio babbo fu trasferito con il lavoro. La voglia di tornare a casa è tanta, anche se mi rendo conto che le prospettive purtroppo sono limitate....devi essere davvero in gamba, complimenti! Inserirsi in una realtà dove i posti scarseggiano, tornando oltretutto dal continente, avrai avuto difficoltà immagino.....beata te!

  9. #9
    superlisa
    Ospite non registrato
    ciao, io sono di Pistoia e sono in fase di ricerca e definizione della mia professionalita....uuhhh, dopo questa frasona importante mi piacerebbe sapere se cerchi collaboratori e a che livello.
    quello che vorresti fare mi piace, avevo già un mezzo progetto sempre basato sul sostegno ai malati. nello specifico volevo creare un'associazione con un mio amico avvocato per la difesa del malato, in quanto io oltre ad essere psicologa iscritta all'albo ho anche un master in psicologia giuridica e l'ambito mi interessa molto.
    certo è un po' diverso dal tuo progetto ma mi interessa comunque. anche perchè dobbiamo davvero darci
    da fare per creare qualcosa da soli, qui in toscana le possibilità sono davvero
    poche....

    se ti va scrivimi qui delgatto@psychology.it

    ciao!!

  10. #10
    Partecipante Affezionato
    Data registrazione
    15-02-2006
    Residenza
    savona
    Messaggi
    98
    Io sono della provincia di Savoa e sarei interessata,
    c'e' qualcuno ? Grazie Daniela

Privacy Policy