• Opsonline.it
  • Facebook
  • twitter
  • youtube
  • linkedin
Visualizzazione risultati 1 fino 15 di 15

Discussione: sesso e mal di testa

  1. #1
    Partecipante Veramente Figo L'avatar di orange78
    Data registrazione
    17-03-2005
    Residenza
    Collesalvetti(LI) ...anche se vorrei star a Dharamsala (India)
    Messaggi
    1,397

    sesso e mal di testa

    curiosità:mi sono sempre chiesta se esiste una cconnessione tra il mal di testa e il sesso...alcuni lo usano come scusa ..voi che ne pensate??io nn ho proprio idea...

  2. #2
    Partecipante Leggendario
    Data registrazione
    30-05-2003
    Messaggi
    2,051
    La connessione tra sesso e mal di testa esiste (ma adesso voi donne non vi dovete sentire più sicure nell'utilizzare l'emicrania come SCUSA )!!

    La connessione esiste, però, come conseguenza dell'orgasmo: cioè raggiunto l'orgasmo, sia l'uomo che la donna, possono essere colpiti da una forte emicrania!

    La spiegazione?? Nulla di una più semplice emicrania da sforzo!

  3. #3
    Partecipante Veramente Figo L'avatar di orange78
    Data registrazione
    17-03-2005
    Residenza
    Collesalvetti(LI) ...anche se vorrei star a Dharamsala (India)
    Messaggi
    1,397
    ....è vero ne avevo sentito parlare...

  4. #4
    Partecipante Affezionato L'avatar di ananke03
    Data registrazione
    19-08-2005
    Residenza
    perugia
    Messaggi
    63
    c'è un articolo su ops a tal riguardo.... emicrania come conseguenza di un desiderio sessuale più elevato! cercate emicrania e desiserio sessuale,legame inatteso!

  5. #5
    Partecipante Veramente Figo L'avatar di Francy*
    Data registrazione
    15-06-2005
    Residenza
    toscana
    Messaggi
    1,202
    A me dopo mi passa tutto...sto che è una meraviglia,niente mal di testa..idem il mio fidanzato...ergo fatelo se avete mal di testa..ma fatelo sciolti eh
    "Lo Zahir è un pensiero che all'inizio ti sfiora appena e finisce per essere la sola cosa a cui riesci a pensare...."

    Paulo Coelho.


    "Sull'orlo del baratro ho capito la cosa più importante miagolò zorba"
    "Ah sì? e cosa hai capito?chiese l'umano"
    "Che vola solo chi osa farlo miagolò zorba"

  6. #6
    Postatore Epico L'avatar di claudiapitt
    Data registrazione
    13-09-2004
    Residenza
    provincia varese
    Messaggi
    18,837
    Blog Entries
    62
    L'emicrania DOPO aver fatto sesso, riguarda prevalentemente il sesso maschile perchè generalmente ha un ruolo più attivo durante il rapporto, con un’intensità proporzionale all’eccitazione – molto probabilmente, infatti, è sostenuta dalle variazioni pressorie correlate a quest’ultima – e viene ulteriormente classificata in preorgasmica e orgasmica a seconda del momento di comparsa.
    Gli aspetti che la caratterizzano sono: l’imprevedibilità sia della durata degli attacchi (da un minuto a tre ore) sia del decorso (può presentarsi una volta sola come pure ripetutamente o a intervalli irregolari e senza alcun legame con altri fattori estranei al rapporto sessuale, l’impatto psicologico sul paziente è notevole perché teme gravi e imminenti complicanze.
    Alcune posizioni, come per esempio lo stare in piedi, predispongono a questo tipo di cefalea. Si tratta quasi sempre di pazienti già emicranici, nei quali una serie di fattori (alimenti quali vino, formaggi, cioccolata, crostacei, condizioni di stress e sovraffaticamento), che insorge rapidamente e si scatena in maniera violenta: i pazienti si spaventano, si accasciano anche per terra e pensano di avere avuto un grave malore.
    Tra l’altro questi episodi si verificano spesso in concomitanza di relazioni trasgressive, caratterizzate quindi da una maggiore componente di tensione ed emotività.
    Per prevenire questa cefalea è fondamentale che il paziente eviti l’attività sessuale in prossimità di un attacco emicranico, per evitare che il rapporto, che comporta uno stress psicofisico, faccia esplodere una crisi violentissima di cefalea.
    E’ da sottolineare che anche alcuni farmaci, tra cui il Viagra, inducono talvolta il mal di testa a seguito della loro azione vasodilatatrice per cui, se assunti prima del rapporto, facilitano ulteriormente l’emicrania.
    Qualche buona regola per fare l’amore senza mal di testa:
    Il carattere trasgressivo determina una carica emotiva che può facilitare l’insorgere dell’emicrania: evitare perciò situazioni di particolare stress e comportarsi con estrema serenità e tranquillità.
    Prestare attenzione agli alimenti assunti prima del rapporto.
    Fare in modo che il rapporto sessuale avvenga in condizioni di rilassamento e non di stanchezza.
    Utilizzare con cautela i farmaci (vasodilatatori) che stimolano l’erezione.




    Credi nell'amore a prima vista o devo ritornare?

    "here I am: Mary Fuckin' Poppins" (S.Jones- S&TC)

    La setta dei gufatori
    Dea della vendetta
    Ex-Inquisitore boia del fu-F.E.R.U.

  7. #7
    neuropsy33
    Ospite non registrato

    Cefalea da attività sessuale

    Oggi il problema esiste davvero; sebbene in passato venisse ritenuto una semplice scusante per evitare di dire che ci si era stancati del partner, la cefalea da attività sessuale esiste veramente.
    L'ho riscontrata in un ragazzino di 14 anni che da poco pratica del sesso con la fidanzata sua coetanea; mentre me ne parlava, è addirittura scoppiato in una fragorosa risata che giudicherei isterica!
    Oggi pomeriggio sono arrivati i risultati degli esami arteriografia, TAC, PET e puntura lombare: tutto negativo per altre patologie. La cefalea ha sede nella regione occipitale, ma senza riscontri organici o di alterate attività nei meccanismi di trasmissione nervosa.
    Nonostante le statistiche sull'effetto farmacologico, vedo implicata una componente psicologica in tutto questo. Probabilmente una conversione. Secondo voi farei bene a trattarla con psicoterapia o dovrei seguire la linea farmacologica? Io credo comunque che si tratti di una conversione.

    Consigli di qualsiasi tipo sono accetti, purché non si esca dall'argomento principale con le solite provocazioni e uscite "infelici" di altri topic...

    Grazie a tutti!
    Ultima modifica di neuropsy33 : 21-07-2007 alle ore 04.10.35

  8. #8
    Partecipante Super Figo L'avatar di Stefano83
    Data registrazione
    06-06-2007
    Residenza
    Nella nebbia... (Mi)
    Messaggi
    1,609
    Blog Entries
    1
    improbabile che coi farmaci si possa risolvere qualcosa. penso che il ragazzino abbia qualcos'altro che lo blocchi e che il tutto converga nella soluzione più semplice e cioè un impedimento all'atto sessuale. non penso voglia evitare il partner ma l'atto.
    Io dall'alto della mia ignoranza la tratterei come psicoterapia anche vista la giovane e delicata età del soggetto è probabile che abbia qualche tipo di problema a fare sesso.
    Somewhere over the rainbow skies are blue, and the dreams that you dare to dream really do come true

    ...è restando spesso sotto la pioggia di un cielo grigio, che imparo ogni giorno di più, ad apprezzare appieno l'emozione di un arcobaleno...

    Se ti va aggiungimi su facebook!!! LINKETE

  9. #9
    Partecipante Super Figo L'avatar di Stefano83
    Data registrazione
    06-06-2007
    Residenza
    Nella nebbia... (Mi)
    Messaggi
    1,609
    Blog Entries
    1
    poi sai cosa... se davvero fosse un problema insito nel ragazzo a puro livello mentale, temo che somministrargli dei farmaci potrebbe avere l'azione prettamente inversa a quella desiderata. Il somministrargli dei farmaci potrebbe essere per lui la conferma di avere davvero un problema e di essere malato. A quel punto anche se all'inizio il farmaco avrebbe la funzione di pallativo si rischierebbe di creare una dipendenza. Finiresti per dover trattare con la psicoterapia anche la sua dipendenza da farmaci.
    Somewhere over the rainbow skies are blue, and the dreams that you dare to dream really do come true

    ...è restando spesso sotto la pioggia di un cielo grigio, che imparo ogni giorno di più, ad apprezzare appieno l'emozione di un arcobaleno...

    Se ti va aggiungimi su facebook!!! LINKETE

  10. #10
    Super Postatore Spaziale L'avatar di Accadueo
    Data registrazione
    31-03-2003
    Messaggi
    2,536
    Neurospy33 allego la tua discussione qui
    Per il resto invito te e gli utenti che vogliono partecipare alla conversazione a non riferirsi al "caso" specifico descritto da Neuropsy33, perchè sappiamo tutti che 3 informazioni non consentono di dare consigli di intervento fra psicoterapia o farmacologia.
    Neurospy33 mi spiace, ma questo non è un forum che consente la "supervisione" dei "casi" che si stanno trattando. Racconti che lavori in una clinica, ebbene, "sfrutta" quell' ambiente per chiedere consigli.

    Cefalea da attività sessuale: è più utile trattarla con la psicoterapia, con la farmacoterapia o cosa?
    buona continuazione

  11. #11
    neuropsy33
    Ospite non registrato
    Ok, mi scuso per il riferimento e ti ringrazio.

  12. #12
    Postatore Compulsivo L'avatar di riversky
    Data registrazione
    05-07-2005
    Residenza
    Milano
    Messaggi
    3,984
    Blog Entries
    1

    Re: sesso e mal di testa

    Originariamente postato da orange78
    curiosità:mi sono sempre chiesta se esiste una cconnessione tra il mal di testa e il sesso...alcuni lo usano come scusa ..voi che ne pensate??io nn ho proprio idea...
    Studi recenti dimostramno che il sesso, aumentando la produzione di determinati neurotrasmettitori(credo, endorfine) diminuisca la percezione del dolore, per cui, anche del mal di testa. Un bel colpo alla classica vecchia scusa: "caro, no. Ho mal di testa. " Che usavano le nostre nonne...
    Il discorso è molto più complesso...
    la notizia, però, era stata pubblicata diverse volte, anche sui free-press che distribuiscono la mattina in metro.
    "The road of excess leads to the palace of Wisdom..." W. Blake



    Il mio primo blog!!!

  13. #13
    neuropsy33
    Ospite non registrato
    Beh, riversky, ti ho portato il caso di un ragazzo a cui piacerebbe tanto far sesso ma ha mal di testa. Non vi è alterazione nei neurotrasmettitori.

  14. #14
    Postatore Compulsivo L'avatar di riversky
    Data registrazione
    05-07-2005
    Residenza
    Milano
    Messaggi
    3,984
    Blog Entries
    1
    allora, neuro, sperando di non beccarmi un ban , posso riportarti quello che mi è venuto da pensare in immediato dei 3 elementi che ci porti, che, come fa' notare lo stesso acca, non sono sufficienti a delineare un caso clinico, tuttavia rappresentano, credo, un caso più specifico del generico"cefalea da attività sessuale, è giusto trattarla con i farmaci? ".
    Purtroppo non ho mai sentito parlare di questo tipo di mal di testa, di cui Claudia, invece, sembra molto più preparata, per cui, di primo acchitto, mi verrebbe da ricollegarlo alla tensione per le prime volte...
    Però ammetto mille volte la mia ignoranza in materia!!!!!!!!!!!!
    (e, haimè, quella di molti psicologi operanti presso consultori familiari pagati con le nostre tasse... )
    La questione, non credo sia quale dei due trattamenti sia più efficace, ma quale dei due può ottenere un risultato efficace.
    Alla luce dei pochi dati che esponi, io propenderei per l'iniziare una cura del sintomo, per cui, se il ragazzo reagisce bene agli analgesici, perchè fargli aspettare più e più anni per districare le complicate matasse che ritieni , alla luce di altri particolari che non racconti, esser alla base del fatto....

    Cioè...prova a metterrti nei suoi panni: hai 14 anni, e ti dicono che devi aspettare due o più anni di terapia per sc in maniera decente??????
    Dopodichè, poichè mi sembra di aver capito che il tuo orientamento sia molto spostato verso le psicoterapie dell'insight, proporrei, se ritieni che ne abbia bisogno e, soprattutto, se riesci a far nascere in questo ragazzino un interesse (mi sembra che, nel trattamento di pazienti adolescenti, venga sconsigliato-detto in termini "profani"-di "andare a scavare troppo nel profondo" ), un percorso che consenta di dare un senso e capire quelle che possono essere le ragioni del suo disagio, di cui il mal di testa ti sembra essere(mi sembra di capire, seguendo il tuo ragionamento) solo un epifenomeno.
    Ma intanto gli risolvi un problema!

    ci pensavo giorni fa' parlando con un conoscente "aracnofobico". Come sai, per il mio orientamento, la soluzione è semplice: ti piazzi davanti il tuo bel ragnone peloso...e passa la paura!
    però, forse, mi è venuto da pensare, questa persona, che mi parla di questo forte disagio, vorrebbe anche capire le ragioni di questa paura così smisurata rispetto al pericolo reale ( e poi...mandarlo in Guatemala, dove esistono le poche specie di ragni velenosi e proporgli una terapia casereccia basata sull'esposizione...non mi sembrava il caso ) . Sta a te capire di cosa questo ragazzo necessita e che tipo di terapia è disposto ad accettare...
    Tornando alla questione più generica, alla luce del poco che ho visto in CA, quando c'è di mezzo un problema sessuale, con un adolescente, io proporrei sempre una soluzione "immediata" , fossero anche i farmaci. Una volta risolto il "sintomo", credo che si possa stabilire un buon rapporto di fiducia per proporre o far nascere la necessità di una consultazione, usando anche le tue conoscenze-competenze in materia di insight. Se, avuta la cura, il ragazzo si volatilizza, non ti preoccupare. Gli hai comunque fatto presente che, nel caso avesse voglia di affrontare un discorso del genere, tu ci sei.

    edito: per soluzione immediata mi riferisci a un tipo di terapia efficace nel breve termine... ovviamento non ho mai detto di prescrivere VIAGRA per gli insuccessi da ansia delle prime volte...
    Ultima modifica di riversky : 24-07-2007 alle ore 15.07.50
    "The road of excess leads to the palace of Wisdom..." W. Blake



    Il mio primo blog!!!

  15. #15
    neuropsy33
    Ospite non registrato
    Grazie per il consiglio: è molto utile.

Privacy Policy