• Opsonline.it
  • Facebook
  • twitter
  • youtube
  • linkedin
Visualizzazione risultati 1 fino 7 di 7
  1. #1
    Partecipante Veramente Figo L'avatar di alea
    Data registrazione
    11-04-2002
    Residenza
    torino
    Messaggi
    1,253

    PROVIAMO A PRENDERE PER LA CODA GLI INCUBI

    .. l'idea mi è venuta dopo il post di Psicoivan83 ... INCUBI da film dell'ORRORE ... un post per raccogliere INCUBI "INCUBOSI" e provare raccontando a smorzarne potere ansiogeno e ... ci state ??????
    "Il Signore, il cui oracolo è a Delfi, non dice nè cela, ma accenna" Eraclito

  2. #2
    Amus
    Ospite non registrato
    Certo che ci sto Bella idea Sono qui ad aspettare i Vs incubi nella speranza di non averne uno io questa notte Temo che se mi spremo ben bene, qualche incubuccio :cry: riaffiorerà dalla mia remota memoria

  3. #3
    Partecipante Veramente Figo L'avatar di alea
    Data registrazione
    11-04-2002
    Residenza
    torino
    Messaggi
    1,253
    nessuno ha ancora accolto l'invito.
    [size=24:20f57fa4d3][color=indigo:20f57fa4d3]Comincio Io [/color:20f57fa4d3][/size:20f57fa4d3]:
    E' una notte di quelle mie solite, i miei sono già a letto che dormono io non riesco a prendere sonno e per non fumare in cucina che ho già chiuso porte, finestre e serrande, come mio solito mi rifugio in bagno tutto buio la luce in bagno è quella piccola dello specchio del lavandino mentre fumo , intorno silenzio , butto fuori il fumo e nella nebbiolina che si crea davanti a me mi sembra di scorgerci non nitidamente ovviamente , la figura di un'anziana signora che mi guarda , SONO SVEGLIA ma è notte, il buio e il silenzio intorno fanno ATMOSFERA, resto un po' perplessa da questo gioco della mia fantasia e anche un po' turbata, comunque mi decido ad andare a letto. Mi infilo sotto le coperte e stranamente prendo quasi immediatamente sonno (normalmente mi giro e rigiro almeno 3000 volte) a questo punto .... non un Sogno dei soliti ma uno STRANISSIMO SOGNO TATTILE sono sdraiata sulla schiena, e sento dal lato sx (per intenderci quello che da verso l'esterno del Letto Matrimoniale) mani e mani che mi toccano come se si infilassero tra il materasso e la schiena dai piedi fino al collo forse una decina di mani diverse, gelide, MI SVEGLIO CON UN URLO AGGHIACCIANTE (svegliando marito e figlio) con ancora questa sensazione fisica e presente di essere stata toccata ...............
    "Il Signore, il cui oracolo è a Delfi, non dice nè cela, ma accenna" Eraclito

  4. #4
    [color=#9663CF:42e1dd3fd5]anch'io ho avuto uno, anzi due incubi "tattili" da piccolina...e ancora adesso nn riesco a dormire se nn coprendomi ogni centimetro quadrato
    la prima volta (avrò avuto 3 o 4 anni), letto attaccato alla parete, sogno un mago che esce dal muro, mi prende il braccio e tira, e tira...
    la seconda volta invece un demone, anche questa volta mi tira per il braccio...
    entrambe le volte mi sveglio urlando (ma questa purtroppo è una cosa che mi capita spesso ) e la sensazione di essere presa e tirata, l'angoscia, la sento ancora adesso se ci penso...[/color:42e1dd3fd5]
    [“Tutte le lettere sono d'amore”]>>Yellow Letters

  5. #5
    Amus
    Ospite non registrato
    Sogni tattili Anche io ne ho fatti Ero piccola, forse adolescente... forse anche ventenne Se non erro, credo di aver smesso solo quando sono andata via dalla, per così dire, casa di famiglia, e sono andata a vivere da sola
    Francamente non ricordo i particolari dei sogni ma ricordo... i risvegli Respiro corto e terrore che qualcuno mi "afferrasse i piedi" Invariabilmente, tutte le volte, rendendomi conto di avere i piedi scoperti, sentivo l'impellente necessità di coprirli, quasi a volerli proteggere, ma non riuscivo a fare nessun movimento... ero letteralmente paralizzata Si creava così un circolo vizioso, io che avevo paura che mi affferrassero i piedi, "loro" lì in bella vista con me che non sapevo prendermi cura di loro, il terrore che cresceva... :cry: Dopo un tempo che non riesco a quantificare ma che ricordo lunghissimo (minuti? ore? ), con un gesto veloce e convulso dei piedi, tiravo giù le coperte che come angeli :angelico: mi proteggevano da possibili e imminenti "toccamenti"
    Il mio profondo bisogno di razionalità :teach: degli anni seguenti, mi ha portato a pensare che il sogno era, in qualche modo, generato dal fastidio di sentirmi i piedi scoperti... un pò come il dolore ai denti di Haruka determinato dall'aver tenuto le mascelle serrate; o l'impossibilità di muovere un braccio che ti fa poi svegliare col braccio indolenzito o "addormentato". Naturalmente non è un discorso deterministico ma circolare in quanto non riesco a ipotizzare una linearità tra cause ed effetti... ma mi sembra piuttosto che, alternativamente, le ipotetiche cause, diventino effetti...
    Vorrei sottolineare e richiamare alla vs attenzione i seguenti punti:
    - da Alea, come da me, la parte passibile di "toccamento" è quella scoperta ( parte esterna del letto matrimoniale), da Mia la parte coperta (il muro dal quale esce...) Significherà qualcosa?
    - Sia Alea che Mia si svegliano urlando, io mi immobilizzavo dal terrore...
    Significherà qualcosa?
    - Non molto tempo fa con Alea si è parlato di piedi... Significherà qualcosa?

  6. #6
    Partecipante Veramente Figo L'avatar di alea
    Data registrazione
    11-04-2002
    Residenza
    torino
    Messaggi
    1,253
    .... il bisogno imperioso di coprirsi il corpo (alcune parti del corpo) con le coperte per PROTEGGERSI .. mi tornano in mente gli incubi da adolescente (13-14-15-16 anni) con a tormentarmi VAMPIRI e per riuscire ad addormentarmi tiravo le coperte fin quasi al naso .. il COLLO doveva essere coperto, non mi vergogno a dirlo, Amus mi bacchetterà e PsicoIvan si sentira in "buona" compagnia .. rubavo dalla cucina qualche spicchio d'aglio quando tutti gli altri (mamma, papà, fratello e sorella) già dormivano per posizionarlo strategicamente sul davanzale della finestra della mia camera .. per poi farlo sparire al mattino presto .. in modo che nessuno potesse accorgersi del mio "rito" .....
    "Il Signore, il cui oracolo è a Delfi, non dice nè cela, ma accenna" Eraclito

  7. #7
    Amus
    Ospite non registrato
    Che adolescenza travagliata Alea! Rubare l'aglio , posizionarlo sul davanzale , svegliarsi presto per sottrarlo dalla vista dei familiari ... A parte gli scherzi , credo che certe paure accomunino un pò tutti e a certe età in particolare Io so veramente poco sul perchè ciò accada, anzi non so nulla, è certo che per ognuno le cause possono essere diverse (guai se così non fosse!) ma le reazioni, e l'ingigantimento delle sensazioni è pressochè lo stesso... almeno, così credo!

Privacy Policy