• Opsonline.it
  • Facebook
  • twitter
  • youtube
  • linkedin
Pagina 1 di 2 12 UltimoUltimo
Visualizzazione risultati 1 fino 15 di 18
  1. #1
    Neofita
    Data registrazione
    03-05-2006
    Residenza
    Villar Dora (TO)
    Messaggi
    3

    psicologia per gli immigrati

    Ho in mente di stendere un progetto per introdurre l'etnopisicologo nelle scuole. A parte qualche corso sull'etnopsichiatria e una tesi di ricerca (con interviste) sull'adozione in generale, e dunque anche su quella internazionale, al momento sono alla ricerca di consigli. Ringrazio chiunque voglia rispondermi.

  2. #2
    laurauccello
    Ospite non registrato

    ciao

    penso che la tua idea sia originale e prenderà piede specie a roma che è una delle più grandi città multiculturali. io lavoro al comune ai servizi sociali.se unissimo le forze....

  3. #3
    Partecipante Figo L'avatar di Doni
    Data registrazione
    17-12-2002
    Residenza
    Bologna
    Messaggi
    957
    Mi sembra interessante!
    Anche se credo che negli USA esista la figura dell'antropologo (nelle scuole, negli ospedali, ecc), per questo genere di attività....
    La psicoanalisi è un mito tenuto in vita dall'industria dei divani (W. Allen)

  4. #4
    Neofita
    Data registrazione
    03-05-2006
    Residenza
    Villar Dora (TO)
    Messaggi
    3
    A dire il vero sono un pò demoralizzata perchè ovunque mi rivolga mi viene detto che la scuola non ha più soldi. Le idee non mi mancano, ma non posso più permettermi di fare volontariato. Ad esempio, tra le altre cose, una mi dispiace tantissimo: non trovare il modo di far circolare, negli ambienti interessati al tema, i risultati delle 15 interviste rivolte ad altrettanti figli adottatati (di 45-50 minuti l'una), che secondo me potrebbero essere un materiale di partenza utilissimo per le eventuali riflessioni degli operatori che lavorano in questo campo. Per non parlare poi della figura dello psicologo appunto nelle scuole, come polo intermediario tra famiglia immigrata e società intesa coma classe insegnanti oltre che come rete dei servizi assistenziali. Ma ripeto, sono davvero giù giù.
    Grazie ed un saluto a tutti.

  5. #5
    laurauccello
    Ospite non registrato

    risposta

    ciao, io e un mio collega ci stiamo organizzando per presentare un progetto di sensibilizzazione e facilitazione della multietnicità nelle scuole elementari. se vuoi possiamo scambiarci le idee

  6. #6
    Partecipante Assiduo L'avatar di Angelsea
    Data registrazione
    24-03-2006
    Residenza
    torino
    Messaggi
    208
    Originariamente postato da villardora
    A dire il vero sono un pò demoralizzata perchè ovunque mi rivolga mi viene detto che la scuola non ha più soldi. Le idee non mi mancano, ma non posso più permettermi di fare volontariato. Ad esempio, tra le altre cose, una mi dispiace tantissimo: non trovare il modo di far circolare, negli ambienti interessati al tema, i risultati delle 15 interviste rivolte ad altrettanti figli adottatati (di 45-50 minuti l'una), che secondo me potrebbero essere un materiale di partenza utilissimo per le eventuali riflessioni degli operatori che lavorano in questo campo. Per non parlare poi della figura dello psicologo appunto nelle scuole, come polo intermediario tra famiglia immigrata e società intesa coma classe insegnanti oltre che come rete dei servizi assistenziali. Ma ripeto, sono davvero giù giù.
    Grazie ed un saluto a tutti.
    Non demordere! le scuole sono sempre a corto di soldi...ti posso dire che lavoro a san salvario -ambiente noto per i problemi etnici- e anche qui il tema non è preso più di tanto in considerazione...perchè non provi a parlarne al tuo comune di residenza? magari riesci a fare una mini conferenza sull'argomento...apriresti una porticina per farti conoscere e far conoscere la ricerca...
    spero di esserti stata di aiuto...ciaooooo
    Angelsea

    "Cinque sensi; un intelletto inguaribilmente astratto; una memoria che seleziona alla rinfusa; un bagaglio di preconcetti e di assunti così numerosi che non posso mai esaminarne se non un piccolo numero e mai avere coscienza di tutti. Quanta parte della realtà totale può lasciare passare una macchina simile?"

    C.C. Lewis, Diario di un dolore

  7. #7
    Neofita
    Data registrazione
    16-05-2006
    Residenza
    pesaro
    Messaggi
    6
    Ciao a tutti! anche io pensavo a un progetto o un'iniziativa che riguardi gli adolesccenti immigrati nel nostro paese. mi sono anche informata su eventuali corsi, ma ho trovato solo la scuola di specializzazione in psicoterapia transculturale. mi potete dare qualche notizia su vari corsi di psicologia culturale o qualcosa del genere. ciao a tutti

    maghi

  8. #8
    giorgia10
    Ospite non registrato
    Ciao, intanto io credo che la scuola non sia il target giusto per chi si è occupato di etnopsicologia e adozione. O meglio può esserlo, ma è secondario. Io vedo molto più proficua una proposta agli enti che si occupano di adozione internazionale, i quali pagano gli esperti e li utilizzano anche nel post-adottivo.

    non trovare il modo di far circolare, negli ambienti interessati al tema, i risultati delle 15 interviste rivolte ad altrettanti figli adottatati (di 45-50 minuti l'una), che secondo me potrebbero essere un materiale di partenza utilissimo per le eventuali riflessioni degli operatori che lavorano in questo campo
    Se vuoi metterti in contatto con me possiamo parlarne.
    Io sono abbastanza dentro al mondo adottivo per motivi personali (sono mamma adottiva). L'etnopsicologia è un approccio nuovo che sta affascinando molti in questo ambito. Personalmente ne so pochissimo.

    Sono neolaureata alla triennale di Firenze di psicologia clinica e di comunità (seconda laurea) e ho tanti progetti da sviluppare in area adottiva.

    Se vuoi scrivimi a giprim@tin.it

    Ciao

    Giorgia

  9. #9
    Postatore Compulsivo L'avatar di LuisaMiao
    Data registrazione
    07-02-2005
    Residenza
    Monza
    Messaggi
    3,204
    Originariamente postato da giorgia10
    Ciao, intanto io credo che la scuola non sia il target giusto per chi si è occupato di etnopsicologia e adozione. O meglio può esserlo, ma è secondario. Io vedo molto più proficua una proposta agli enti che si occupano di adozione internazionale, i quali pagano gli esperti e li utilizzano anche nel post-adottivo.
    è vero, gli enti autorizzati per l'adozione sarebbere una bella strada... peccato che non paiono essere in cerca. e te lo dico per esperienza personale: dopo il tirocinio in una grossa ASL dove il lavoro era prevalentemente sulle adozioni, ho provato a fare il giro degli Enti per trovare qualche sbocco. La risposta, nel caso arrivi, è sempre che non cercano psicologi... E non è che psicologi esperti nell'area dell'adozione internazionale ce ne siano molti...

    e comunque, l'immigrazione è uan cosa, e l'arrivo di minori stranieri per adozione un'altra... ci sono aspetti molto diversi che non vanno confusi (e l'ho visto fare nelle scuole, con gra dolore per i bambini adottivi).
    Ultima modifica di LuisaMiao : 04-06-2006 alle ore 19.15.29

  10. #10
    giorgia10
    Ospite non registrato
    Questo è vero: non ci sono psicologi adottivi. Ad esempio in toscana non se ne trovano fuori dalle grandi città. Sto cercando uno specialista in adozioni a Pisa o dintorni: bene, ho chiesto a varie persone che fanno parte di enti o di team ASL di altre regioni. Risposta: non sanno fornirmi un nominativo.

    Il punto del rifiuto credo sia un altro. Non so quanti anni avete ma immagino che non siate delle stagionate signore della mia età e ho sentito coppie di ritorno da Enti lamentarsi spesso, stupidamente, di essere state ricevute da "ragazzini" o da "neolaureati". Segue commento: cosa ne sanno loro di genitorialità etc.?
    Presumo che gli Enti non gradiscano il giovane, per motivi di immagine.

    In aggiunta pubblicazioni all'attivo sono importanti per entrare nel giro. Molto spesso pubblicano i non-psicologi....

    Giorgia

  11. #11
    Postatore Compulsivo L'avatar di LuisaMiao
    Data registrazione
    07-02-2005
    Residenza
    Monza
    Messaggi
    3,204
    Originariamente postato da giorgia10
    Questo è vero: non ci sono psicologi adottivi. Ad esempio in toscana non se ne trovano fuori dalle grandi città. Sto cercando uno specialista in adozioni a Pisa o dintorni: bene, ho chiesto a varie persone che fanno parte di enti o di team ASL di altre regioni. Risposta: non sanno fornirmi un nominativo.

    Il punto del rifiuto credo sia un altro. Non so quanti anni avete ma immagino che non siate delle stagionate signore della mia età e ho sentito coppie di ritorno da Enti lamentarsi spesso, stupidamente, di essere state ricevute da "ragazzini" o da "neolaureati". Segue commento: cosa ne sanno loro di genitorialità etc.?
    Presumo che gli Enti non gradiscano il giovane, per motivi di immagine.

    In aggiunta pubblicazioni all'attivo sono importanti per entrare nel giro. Molto spesso pubblicano i non-psicologi....

    Giorgia
    è vero, ho solo 26 anni e il volto da ragazzina, non mi posso fare la plastica per lavorare
    ma capisco che un genitore adottivo rimanga perplesso nel vedere il mio viso, però l'esperienza che ho in adozioni dovrà pure contare qualcosa: in fondo di coppie ne ho viste un bel numero...
    Capisco la perplessità, ma io so gestirla: mi è capitato di tenere un corso per neo-mamme sul rapporto madre-bambino. Erano titubanti vista la mia età: ho preso la palla al balzo, ho esplicitato la cosa, la gestisci dicendo che sei giovane (o che lo sembri) ma che hai le carte in regola per fare quel lavoro. Anzi, una buona base per rompere il ghiaccio e fare alleanza sin da subito.
    (In fondo, alla mia età un figlio lo posso pure avere, o no?!)

  12. #12
    giorgia10
    Ospite non registrato
    Hai pienamente ragione. Sta di fatto che l'immagine stupida, da esperto di televisione brizzolato che circola, taglia le gambe ai giovani in questo ambito.

    In aggiunta le coppie arrivano all'adozione spesso attempatelle, molto più tardi rispetto ad una genitorialità biologica. Il gap appare ancora più profondo.

    Ho un'amica, un avvocato, che si occupa del lato legale delle adozioni presso gli enti. Bene, anche lei non viene presa sul serio malgrado i suoi 35 anni perché ne dimostra 25.

    Insomma, è un problema.

  13. #13
    Postatore Compulsivo L'avatar di LuisaMiao
    Data registrazione
    07-02-2005
    Residenza
    Monza
    Messaggi
    3,204
    comunque questo lo capirei a un colloquio come discorso, e non alla lettura del CV (ok, non hai bisogno di gente...) o a una breve intervista telefonica... che 2 dubbi sulla serietà dell'Ente me li ha fatti venire.

    Ad ogni modo, la cosa che volve sottolineare è che sebbene uno sia specializzato nell'immigrazione, la tematica dell'adozione si sovrappone solamente in determinati punti. Ma in altri è totalmente all'opposto... E qui bisogna stare attenti, perchè confondere le due cose, e considerare tutti quanti "bambini stranieri" può portare a leggere male i segnali e a intervenire anche peggio.
    Não sei o motivo pra ir
    só sei que não posso ficar
    não sei o que vem a seguir
    mas quero procurar.
    (Mafalda Veiga)

    Il mio blog

  14. #14
    giorgia10
    Ospite non registrato
    Ad ogni modo, la cosa che volve sottolineare è che sebbene uno sia specializzato nell'immigrazione, la tematica dell'adozione si sovrappone solamente in determinati punti. Ma in altri è totalmente all'opposto... E qui bisogna stare attenti, perchè confondere le due cose, e considerare tutti quanti "bambini stranieri" può portare a leggere male i segnali e a intervenire anche peggio.
    Assolutamente d'accordo. C'è la tendenza ad omologare le due condizioni ed è pazzesco.

  15. #15
    manuela23
    Ospite non registrato
    ..ciao a tutti , io lavoro per una cooperativa che si occupa del collocamento degli immigrati nel mondo del lavoro, la loro formazione linguistica ecc..., abbiamo fatto anche un corso di formazione professionale per operatori socio culturali per l'immigrazione...diciamo che sono abbastanza dentro al settore dell'immigrazione...se qualcuno è interessato a sviluppare un progetto o altre attività inerenti il settore dell'immigrazione io sono a disposizione...ciao

Pagina 1 di 2 12 UltimoUltimo

Privacy Policy