• Opsonline.it
  • Facebook
  • twitter
  • youtube
  • linkedin
Visualizzazione risultati 1 fino 3 di 3
  1. #1
    Partecipante
    Data registrazione
    08-01-2006
    Residenza
    Roma
    Messaggi
    55

    Deriva, erosione, convenienza?

    In alcuni messaggi precedenti richiamavo l’attenzione sui problemi generati dalla fumosa formulazione della legge che istituisce la nostra professione.

    Il problema è serio, ma noi, come comunità professionale preferiamo fare come gli struzzi.

    Invito tutti ad andare sul sito del Governo Italiano e scaricare la “GUIDA ALL'ISTRUZIONE SUPERIORE E ALLE PROFESSIONI 2006”

    http://www.governo.it/GovernoInforma...a06/index.html

    Nell’area sanitaria cercate le seguenti professioni:

    Il tecnico della riabilitazione psichiatrica;
    Il terapista della neuro e psicomotricità dell’età evolutiva;
    Il terapista occupazionale;
    L’assistente sanitario.

    Riflettete poi sull’articolo 1 della Legge 56/89
    “Le professione di psicologo comprende l’uso degli strumenti conoscitivi e di intervento per la prevenzione, la diagnosi, le attività di abilitazione/riabilitazione e di sostegno in ambito psicologico rivolte alla persona, al gruppo, agli organismi sociali e alle comunità. Comprende altresì le attività di sperimentazione, ricerca e didattica in tale ambito”.

    Non aver definito i campi di applicazione (se volete chiamateli settori di intervento) ha consentito una progressiva erosione da parte di altre professioni: nascono cosi i counsellor, i mediatori familiari, i pedagogisti clinici, etc.

    Se qualcuno è a conoscenza di qualche azione messa in atto dall’Ordine (nazionale o regionale) per tentare di modificare questa situazione dovrebbe renderla nota così da poterne discutere insieme.

    Ricordo che la difesa dei colloqui di valutazione nella selezione del personale si è ottenuta solo per mezzo di una sentenza. Quindi su una decisione su un caso singolo e non su un’azione di tutela programmatica.

    Intanto noi preferiamo “logorarci la testa” con problematiche tipo “è meglio la scuola di specializzazione A oppure quella B?”, ed intanto siamo contenti di accettare lavori da educatore (con tutto il rispetto per una categoria professionale che amo) a 3 euro l’ora.

    Davanti a me ho un vecchio cd dei Litfiba che si chiama “Aprite i vostri occhi”.

  2. #2
    Partecipante Assiduo L'avatar di musicalmente
    Data registrazione
    06-12-2004
    Messaggi
    151
    ma una persona laureata in pedagogia, con esperienza di formazione, e iscritta ora al 4° anno di counseling, può già svlogere attività di counsellor???? ti prego, dimmi di no! mi trovo in un ufficio con una persona del genere che praticamente "toglie" (anche se lei dice assolutamente di no) lavoro a noi neolaureati e non specializzati che altro non possiamo fare se non quello che fanno loro!

    non conosco azioni messe in atto da nessuno purtroppo.. ma non appena avrò notizie non esiterò a condividerle
    "e vivo di poche parole, di poche pretese, di mille altre cose.. fuori dal mondo.. la testa fra le nuvole" J.B.

  3. #3
    Partecipante Super Figo L'avatar di Pedrita
    Data registrazione
    08-07-2003
    Residenza
    Roma
    Messaggi
    1,880
    Blog Entries
    2

    Re: Deriva, erosione, convenienza?

    Originariamente postato da PsicoBart
    In alcuni messaggi precedenti richiamavo l’attenzione sui problemi generati dalla fumosa formulazione della legge che istituisce la nostra professione.

    Il problema è serio, ma noi, come comunità professionale preferiamo fare come gli struzzi.

    Invito tutti ad andare sul sito del Governo Italiano e scaricare la “GUIDA ALL'ISTRUZIONE SUPERIORE E ALLE PROFESSIONI 2006”

    http://www.governo.it/GovernoInforma...a06/index.html

    Nell’area sanitaria cercate le seguenti professioni:

    Il tecnico della riabilitazione psichiatrica;
    Il terapista della neuro e psicomotricità dell’età evolutiva;
    Il terapista occupazionale;
    L’assistente sanitario.

    Riflettete poi sull’articolo 1 della Legge 56/89
    “Le professione di psicologo comprende l’uso degli strumenti conoscitivi e di intervento per la prevenzione, la diagnosi, le attività di abilitazione/riabilitazione e di sostegno in ambito psicologico rivolte alla persona, al gruppo, agli organismi sociali e alle comunità. Comprende altresì le attività di sperimentazione, ricerca e didattica in tale ambito”.

    Non aver definito i campi di applicazione (se volete chiamateli settori di intervento) ha consentito una progressiva erosione da parte di altre professioni: nascono cosi i counsellor, i mediatori familiari, i pedagogisti clinici, etc.

    Se qualcuno è a conoscenza di qualche azione messa in atto dall’Ordine (nazionale o regionale) per tentare di modificare questa situazione dovrebbe renderla nota così da poterne discutere insieme.

    Ricordo che la difesa dei colloqui di valutazione nella selezione del personale si è ottenuta solo per mezzo di una sentenza. Quindi su una decisione su un caso singolo e non su un’azione di tutela programmatica.

    Intanto noi preferiamo “logorarci la testa” con problematiche tipo “è meglio la scuola di specializzazione A oppure quella B?”, ed intanto siamo contenti di accettare lavori da educatore (con tutto il rispetto per una categoria professionale che amo) a 3 euro l’ora.

    Davanti a me ho un vecchio cd dei Litfiba che si chiama “Aprite i vostri occhi”.
    ho dato un'occhiata... è veramente sconcertante! la nostra professione è veramente DISINTEGRATA! non ho parole!
    ma che abbiamo studiato a fare? ma che stiamo facendo?
    boh? bisogna che ci facciamo sentire e anche forte!

    [<<<Tutti sul lettino>>>clikka!
    questo è un video di sedute psicoanalitiche nei diversi film!
    il mio avatar è un quadro di BoB ArT

Privacy Policy