• Opsonline.it
  • Facebook
  • twitter
  • youtube
  • linkedin
Visualizzazione risultati 1 fino 9 di 9

Discussione: tesi sul DPTS

  1. #1
    Partecipante L'avatar di LauraB79
    Data registrazione
    10-01-2006
    Residenza
    Padova
    Messaggi
    47

    tesi sul DPTS

    Ciao a tutti ragazzi sono del V.O e sto iniziando la mia tesi sperimentale sul disturbo post traumatico da stress..dovrei trovare un tot d soggetti a cui sottoporre il questionario x rilevare qs disturbo, ma la mia prof continua a chiedermi, x ogni proposta d popolazione ke le faccio, se c sono sportelli o centri di assistenza ke si occupano di qs vittime.
    Allora io mi chiedo..ma per trovare qs soggetti devo per forza rivoglermi a qs centri o posso tranquillamente girare per strada e intervistare le persone?
    Io so ke sicuramente sarebbe molto + facile avere la collaborazione di qualche servizio ma la mia domanda è: posso lo stesso comunque reperire soggetti "a modo mio" o no?

  2. #2
    Partecipante Esperto
    Data registrazione
    28-05-2004
    Messaggi
    329
    Laura, ma devi proporre il questionario a soggetti tratti da una popolazione normale o ad una di persone già diagnosticate con PTSD ? Perchè nel primo caso andare per la strada a proporre questionari su esperienze traumatiche non è granchè, come del resto nel secondo la somministrazione è abbastanza complessa e richiede un "contenitore" emotivo per l'esperienza di somministrazione. Occhio che la ricerca sui traumi non è la ricerca più "leggera" che ci sia, anche e soprattutto per i soggetti...

    Ciao,
    Lpd

  3. #3
    Partecipante L'avatar di LauraB79
    Data registrazione
    10-01-2006
    Residenza
    Padova
    Messaggi
    47
    Ma sai ke io nn l'ho ancora capito?!
    Premetto ke nn mi sono ancora informata bene, ma avevo intenzione di direzionare la mia ricerca sugli abitanti dei comuni del lago di Garda che sono stati colpiti dal terremoto nel 2004, la mia prof ha detto ke è ottimo...
    forse è il caso ke chieda maggiori informazioni...

  4. #4
    Partecipante Esperto
    Data registrazione
    28-05-2004
    Messaggi
    329
    Con chi ti laurei ?

    Capire con che tipo di popolazione devi lavorare è importante che sia ben chiaro PRIMA di iniziare a raccogliere i dati...
    Comunque, da che risulta, sul Garda non vi sono state notizie di particolari traumatizzazioni diffuse... ed andare a fare un questionario "alla cieca" rispetto all'evento di due anni fa non è forse l'approccio metodologicamente più corretto o utile. Avevi già pensato allo strumento da usare ?

    Piccolo suggerimento: procurati una copia del volume "Trauma Reseach Methodology", di Eve Carlson, e leggilo con cura prima di iniziare ad impostare il disegno di ricerca ed a stabilire strumenti e modalità di raccolta dei dati.

    Ciao,
    Lpd

  5. #5
    Partecipante Veramente Figo L'avatar di orange78
    Data registrazione
    17-03-2005
    Residenza
    Collesalvetti(LI) ...anche se vorrei star a Dharamsala (India)
    Messaggi
    1,397
    chiedi info alla tuo prof. e ricerca più info sulle persone che analizz
    i

    http://www.aod.it/webaod/HomePage.ns...A?OpenDocument

    http://gattostanco.diludovico.it/arc...ndo-tra-i-blog

    guarda tra queste cose se puoi ricavarci info!

  6. #6
    Partecipante L'avatar di LauraB79
    Data registrazione
    10-01-2006
    Residenza
    Padova
    Messaggi
    47
    grazie mille ragazzi, gentilissimi

  7. #7

    Riferimento: tesi sul DPTS

    Ciao, devo fare una ricerca sul PTSD in vittime di grandi traumi (incidenti stradale e sul lavoro) e devo trovare strumenti di valutazione dello stesso da poter somministrare in rianimazione qualcune potrebbe aiutarmi PLEASE?

  8. #8
    Partecipante Affezionato
    Data registrazione
    21-12-2008
    Residenza
    Roma
    Messaggi
    118

    Riferimento: tesi sul DPTS

    Un’ottima fonte per le ricerche bibliografiche è il database PubMed al sito:

    PubMed Home

    PubMed è il database internazionale più importante e completo per la letteratura medica e per i campi limitrofi della biologia e della psicologia. Per fortuna è ad accesso libero, contrariamente ai database di psicologia che sono a pagamento. Puoi cercare quello che ti serve o usando parole-chiave (per es. nel tuo caso “PTSD traumatic brain injury” o digitando il nome degli autori, se conosci qualche autore che ha pubblicato in questo campo. Cliccando poi in alto a sinistra sulla casella Display, chiedi “Abstract” e otteni un breve riassunto del contenuto degli articoli. Spesso poi (in genere per gli articoli dal 2000 in poi) c’è anche l’indirizzo email dell’autore e puoi scrivergli direttamente per farti mandare l’articolo.

    Ti faccio un esempio della formula da usare per la richiesta (ma questo articolo lo puoi scaricare gratuitamente collegandoti con l'American Journal of Psychiatry):

    Dear Prof. Bryant

    I would appreciate to receive a reprint or electronic file of your article:

    Bryant RA, Marosszeky JE, Crooks J, Gurka JA.
    Posttraumatic stress disorder after severe traumatic brain injury.
    Am J Psychiatry. 2000 Apr;157(4):629-31.

    Yours sincerely,
    Psicopolla XXXX, Psychology student
    Via xxxxxx
    Cap xxxxx Città
    Italy
    Email: xxxxx


    L’indirizzo dell’autore dell’articolo che ti ho citato come esempio sarebbe: School of Psychology, University of Ne South Wales, Sydney, Australia. r.bryant@unsw.edu.au ma come detto, questo articolo è già libero nel web.

    E così via, troverai tantissimi articoli ed avrai solo il problema di selezionare il materiale.

    Oltre agli articoli citati in PubMed, ci sono nel web moltissime informazioni che puoi trovare sempre digitando le stesse parole chiave.

    Quanto alla scala che vorresti usare in rianimazione, non è una cosa praticabile. I pazienti in rianimazione sono in genere comatosi, intubati, non cooperativi e non in grado di parlare né di prestare attenzione. Le scale in fase di rianimazione si limitano a misurare grossolanamente le funzioni psico-motorie e basta (per es. la Glasgow Coma Scale o la KRS). Quando il paziente lascia la fase acuta della rianimazione si usano altre scale tipo Barthel-Index o FIM o EFA. Solo quando il paziente ha raggiunto un certo livello di coscienza e di funzionalità si possono valutare i PTSD con precisione. Auguri!

  9. #9
    quasi psicologa
    Ospite non registrato

    Riferimento: tesi sul DPTS

    ragà è un sito di 3 anni fa!! andrebbe chiuso (come da regolamento) e aperto un'altro! comunque buon lavoro

Privacy Policy