• Opsonline.it
  • Facebook
  • twitter
  • youtube
  • linkedin
Visualizzazione risultati 1 fino 9 di 9
  1. #1
    Partecipante Esperto L'avatar di silviats
    Data registrazione
    06-11-2004
    Residenza
    trieste
    Messaggi
    431

    urgentissimo:esame dopodomani!!!

    ragazzi AIUTOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOO!!!!!!!!! Dopodomani ho l'esame di colloquio clinico (e sottolineo che io faccio neuropsicologia e di dinamica non ho mai fatto nulla in vita). ora avrei bisogno che qualcuno molto blandamente mi speigasse cos'è l'identificazione proiettiva dello psicologo e cos' è il campo.

    grazie mille

  2. #2
    Daidaidaidai
    Ospite non registrato
    ahaha silvia ma ti riduci all'ultimo momento??? ehehe dai non ti preoccupare non è niente di difficile. Per quanto riguarda il campo bisogna vedere a quale teorico si fa precisamente riferimento ma in generale ci si riferisce al campo come quel particolare legame o dimensione dell'esperienza che prende luogo durante l'interazione con un'altra persona (in questo caso tra il clinico e il paziente); in parole semplici: quando parli con una persona si crea un'intesa, un'emozione, si condividono una rete di sensazioni e/o di significati: ecco questo è il campo. L'identificazione proiettiva invece è un concetto propriamente psicodinamico (mentre la teoria del campo è ad es. di estrazione sociale - v. K. Lewin) e si riferisce al processo di scissione/proiezione. Facciamo un esempio pratico. Immaginiamo che una mela sia caduta dalla cassa di frutta ma che noi inavvertitamente l'abbiamo comprata. QUando andiamo a mangiare la mela e ci accorgiamo della parte andata a male prendiamo un coltello e tagliamo via la parte andata male. Questa è la scissione: le parti inaccetabili di noi vengono 'tagliate' e quindi separate psichicamente da quelle buone. Ora però siamo rimasti con una mela buona e una fetta cattiva: dove buttiamo la parte andata a male? La buttiamo ad es. nel cestino dell'immondizia. Questa è la proiezione: le parti scisse vengono buttate via da noi e più precisamente vengono gettate sull'altra persona.
    Ad es. io provo un'eccitazione sessuale inaccetabile nei confronti dell'altra persona (io persona capace di autocontrollo sessuale = mela buona; desiderio inaccettabile e disturbante = parte bacata). Non posso assolutamente convivere con un simile sentimento, devo eliminarlo (prendo il coltello e taglio la mela = scissione del sè in un sè buono e integro e in un sè residuo e rifiutato). La parte scissa però non può rimanere a contatto con quella bella che io voglio preservare: devo cioè liberarmene. Come? Tramite la proiezione sulla persona che mi produce quel sentimento sessuale primitivo e inaccettabile.
    Risultato: io avrò la netta impressione che la persona che mi sta di fronte sia estremamente e insopportabilmente seduttiva nei miei confronti. La mia percezione del comportamento del soggetto sarà cioè alterata da questa mia proiezione e mi porterà a reagire alla paziente o al paziente in modo esasperato o estremo.
    Di norma quando questo si verifica, salvo reazioni controtransferali provocate (ad es. veramente la paziente/il paziente può essere stata seduttiva/o ma la mia percezione è stata distorta dalla mia eccitazione sessuale non riconosciuta), è un segno di scarsa preparazione da parte dello psicologo/psicoterapeuta: questi fenomeni infatti si attivano solo quando vengono toccati dei nodi insoluti della nostra crescita personale... nodi che si suppone siano già stati affrontati durante l'analisi personale.
    Ho cercato di darti una mano... spero di esserci riuscito è un bel po' che non macino psicodinamica quindi può darsi che ho detto qualche fregnaccia in bocca al lupo per l'esame... e la prossima volta non ridurti all'ultimo momento !!!

    Ciao!

  3. #3
    Partecipante Esperto L'avatar di silviats
    Data registrazione
    06-11-2004
    Residenza
    trieste
    Messaggi
    431
    ciao, grazie mille!!! comunque non mi sono ridotta all'ultimo minuto, il programma lo conosco, solo che ieri sono stata a sentire un po' di orali e ho visto che parlava anche di queste cose che a lezione on ha detto e sui testi di riferiento non erao spiegate e che mi hanno detto che lei ha dato per scontate perchè si fanno nei corsi di dinamica base che però io non avevo in piano i studi... voleo solo avere un'idea così se domani usa questi concetti per farmi ragionare su qualcosa non cado dalle nuvole! grazie mille comunque

  4. #4
    Partecipante Affezionato
    Data registrazione
    21-03-2005
    Residenza
    Bologna
    Messaggi
    100
    l'identificazione proiettiva, e nn la proiezione, è quel processo che fa provare e spesso agire delle cose al terapeuta. ti fa sentire angosciato, irritato e ti può spingere ad interrompere o a fare qualc, quando sarebbe meglio star fermi!
    Roberto

  5. #5
    Daidaidaidai
    Ospite non registrato
    Non ti preoccupare silvia dicevo solo per scherzare. In bocca al lupo per l'esame.

  6. #6
    Partecipante Esperto L'avatar di silviats
    Data registrazione
    06-11-2004
    Residenza
    trieste
    Messaggi
    431
    crepi il lupaccio!

  7. #7
    Daidaidaidai
    Ospite non registrato
    Allora sto esame????

  8. #8
    Partecipante Esperto L'avatar di silviats
    Data registrazione
    06-11-2004
    Residenza
    trieste
    Messaggi
    431
    bene! 29! non trenta perchè ha detto che ero troppo agitata!!!!!

  9. #9
    Daidaidaidai
    Ospite non registrato
    ahahah sti psicodinamici te fanno lo screening quando dai l'esame complimenti vorrei vedere loro all'esame di psicometria... erano bianchi come mozzarelle te lo dico io
    Complimenti ancora!

    Fabri

Privacy Policy