• Opsonline.it
  • Facebook
  • twitter
  • youtube
  • linkedin
Pagina 1 di 5 123 ... UltimoUltimo
Visualizzazione risultati 1 fino 15 di 63
  1. #1
    Partecipante Veramente Figo L'avatar di manuelas
    Data registrazione
    19-11-2004
    Residenza
    modena
    Messaggi
    1,268

    una figlia di due mamme...!

    http://canali.libero.it/salute/psica...sicanalisi.php

    una figlia che racconta la sua vita con due mamme..l'omosessualità ed i figli..da psicologi, cosa ne pensate?
    non so bene cosa pensare sinceramente perchè è un tema controverso che scatena sentimenti e spesso idealismi...ho provato anche un po' a documentarmi, ma sono ancora più confusa...i figli in tutto questo che ruolo hanno?

    proviamo a capirci qualcosa di più?

  2. #2
    Postatore OGM L'avatar di willy61
    Data registrazione
    20-09-2004
    Residenza
    Albino (BG)
    Messaggi
    4,192
    Blog Entries
    281
    Brava! Hai posto delle domande difficili. E succede di rado.

    Non ho risposte. Provo solo a buttare giù qualche riga di pensieri nati così, verso mezzanotte e mezza.

    Non ho dati, e credo non ne abbia in mano nessuno, riguardanti la crescita psicologica dei figli di genitori omosessuali.

    Comincio a segnalare un minimo di bibliografia sull'argomento:

    Cameron, P. Cameron, K. Homosexual parents, Adolescence, 1996, 31, 757-776.

    Cameron, P. Cameron, K. Did the APA misrepresent the scientific literature to couns in suppon of homosexual custody? I Psychology, 1997, 131, 1-20.

    Cameron, P. Cameron, K. Homosexual parents: a natural comparison. Psychol Repts, 1997, in press.

    Eileen P, Huff: THE CHILDREN OF HOMOSEXUAL PARENTS: THE VOICES THE COURTS HAVE YET TO HEAR - JOURNAL OF GENDER, SOCIAL POLICY & THE LAW [Vol. 9]

    G. P. Davidson. (1987) FAMILY LIFESTYLES: LEGAL AND PSYCHOLOGICAL CONSIDERATIONS IN DETERMINING POST-SEPARATION PARENTING ARRANGEMENTS FOR CHILDREN. Family Court Review 25:2, 9-16

    THE FIGHT TO BE A PARENT... - NEW ENGLAND LAW REVIEW [Vol. 38]

    SUPREME COURT OF THE STATE OF NEW YORK — NEW YORK COUNTY INDEX NO.: 103434/2004

    George Rekers and Mark Kilgus*: STUDIES OF HOMOSEXUAL PARENTING:A CRITICAL REVIEW REGENT UNIVERSITY LAW REVIEW [Vol. 1443]

    Alternate Lifestyles: Variations in Household Forms and Family ...

    Lisa Giddings: But…Who Mows the Lawn?: The Division of Labor In Same-Sex Households. Karine S. Moe, ed, The Economics of Gender and the Family. Blackwell Publishing: Portland and Oxford.

    AMERICAN ACADEMY OF PEDIATRICS: Coparent or Second-Parent Adoption by Same-Sex Parents

    Lisa Bennett, Gary J. Gates: THE COST OF MARRIAGE INEQUALITY TO CHILDREN AND THEIR SAME-SEX PARENTS

    LGBY Parents and their children

    Massachusetts Psychiatric Society Position Paper on Same Sex Marriage

    Non ho una posizione meditata sull'argomento. Mi riprometto di leggere la documentazione che ho trovato stasera e che ho riportato qui. Suggerisco che chiunque sia interessato faccia altrettanto (e posti altro materiale, naturalmente). Mi pare ne potrebbe uscire una discussione interessante.

    Buona vita

    Guglielmo
    Dott. Guglielmo Rottigni
    Ordine Psicologi Lombardia n° 10126

  3. #3
    Postatore Compulsivo L'avatar di LuisaMiao
    Data registrazione
    07-02-2005
    Residenza
    Monza
    Messaggi
    3,204
    bella domanda!
    e grazie a Guglielmo, sempre pronto a fornire link itneressanti. Spero di riuscire a leggerli al + presto :-) anche x' mi interessano legati all'adozione (il dibattito, da noi poco sentito, di aprirla anche a coppie omosessuali)
    ho letto l'articolo postato da Manuelas: mi ha colpito come la società (e la psicologia di riflesso) sia riuscita ad evitare di confrontarsi e approfondire la situazione di crescita di bambini che vivono con genitori omosessuali.
    per il resto mi pare che l'artiloco sia più "sensazionalista" che di riflessione vera e propria (sian dal titolo non c'è l'idea che l'omo-parentalità possa non creare disagi...).
    Não sei o motivo pra ir
    só sei que não posso ficar
    não sei o que vem a seguir
    mas quero procurar.
    (Mafalda Veiga)

    Il mio blog

  4. #4
    Partecipante Veramente Figo L'avatar di manuelas
    Data registrazione
    19-11-2004
    Residenza
    modena
    Messaggi
    1,268
    non saprei..ma tutto quello che io trovo sull'argomento riguarda l'annosa questione genetica vs. educazione...ma non trova risposte definitive se non il solito "un po' e un po''"...

    grazie di aver risposto...ma in italia questi studi non esistono proprio...??
    solito..arriviamo con calma eh...

  5. #5
    [“Tutte le lettere sono d'amore”]>>Yellow Letters

  6. #6
    Partecipante Veramente Figo L'avatar di manuelas
    Data registrazione
    19-11-2004
    Residenza
    modena
    Messaggi
    1,268
    ok mi aspettavo una risposta del genere...ora me li guarderò bene...ma mi era abbastanza chiaro che gli studi portassero a questo..ma VOI cosa ne pensate?

    la società, la scuola, i gruppi dei pari...la pensano come l'APA? e qui bambini questo non ha nessun effetto? o dipende dall'equilibrio di ognuno?

  7. #7
    be', quello non è il pensiero dell'APA, è il pensiero sviluppato dall'APA sulla base di numerose ricerche.
    una prima riflessione - mi pare ovvia - è che una realtà che offre la possibilità di un'unione alle coppie omosessuali, che offre loro la possibilità di essere genitori, non è confrontabile con la nostra. probabilmente, nel pensare la situazione, siamo influenzati da quello che sappiamo e vediamo circa la considerazione dell'omosessualità *qui e ora* (questo anche per rispondere alla domanda "non ci sono studi italiani"... come potrebbero esserci? ).
    io mi fido di questi dati (devo fidarmi di questi dati); ovviamente non so quanto siano estendibili a realtà differenti.
    [“Tutte le lettere sono d'amore”]>>Yellow Letters

  8. #8
    Super Postatore Spaziale L'avatar di pollon2
    Data registrazione
    17-10-2004
    Residenza
    Reggio Emilia
    Messaggi
    2,877
    Se vuoi un parere fondato su ricerche devo recuperare un libro sulle famiglie, lo farò quanto prima, e vi posterò titolo ed autori....

    Quello che vi si diceva era assimilabile a quello che dice Mia...

    Se vuoi un parere personale....con molto coraggio (perchè di solito quando lo dico vengo...come dire...guardata malino... )....ti dirò che, soprattutto dopo aver letto i risultati di quelle ricerche, io sono assolutamente favorevole all'adozione da parte delle coppie gay...

    Credo che la famiglia stia cambiando, e sinceramente trovo che in molti casi questo possa essere un bene.....

    La distinzione che verrebbe da fare a me non è tanto tra persone omosessuali o no quanto piuttosto tra persone intelligenti e no, tra persone sensibili e no, mentalmente e culturalmente aperte e no.....

    Non credo che il solo fatto che due persone siano geneticamente "predisposte" per proceare le renda adatte a fare i genitori e viceversa....

    Poi ovviamente gli assoluti non esistono mai.....bisogna guardare anche il contesto culturale....magari crescere in una famiglia di genitori dello stesso sesso può creare meno problemi in una paese dove questo è considerato normale dalla maggioranza delle persone piuttosto che in uno dove ancora non è stata riconosciuta la semplice legittimità, con conseguente tutela giuridica, delle unioni gay....

    Pur non avendo assolutamente la presunzione di capire cosa può essere significato per lei crescere in quel tipo di famiglia, leggendo l'articolo che hai postato ed in particolare quelli che erano i "desideri" della ragazza mi sono chiesta a chi di noi, nati e cresciuti con genitori "tradizionali", non è capitato di pensare cose simili....di volere almeno qualche volta nel corso della nostra vita, una famiglia, per un aspetto o per l'altro, diversa da quella che avevamo....

    Credo sia una fase normale della crescita.....
    Ultima modifica di pollon2 : 01-04-2006 alle ore 21.31.24
    Ciambellana dei Film dell'anno 2005/06

    "Zio Stojil", ho detto stupidamente, "Stojil, Stojil, tu che mi avevi giurato di essere immortale!"
    "E' vero, ma io non ti ho mai giurato di essere infallibile... Del resto, io non muoio, arrocco."
    (Signor Malaussène, D. Pennac)

    "La cosa che preferisco fare in assoluto è niente..."
    (Winnie the Pooh)

  9. #9
    Johnny
    Ospite non registrato
    premesso che 2 persone omosex hanno il diritto di stare insieme, personalmente non sono d'accordo sull'adozione di un figlio da parte di una coppia di omosex (m o f) perché dal momento che il volere un figlio non è un bisogno, non è un diritto ,ma un DESIDERIO (aggiungo, forse anche narcisistico da parte di una coppia omosex) non trovo giusto dare bambini iun adozione.
    Ultima modifica di Johnny : 24-09-2008 alle ore 09.15.26

  10. #10
    Daidaidaidai
    Ospite non registrato
    Aspetto valutazioni su campioni italiani. C'è da premettere che i genitori etero che oggi desiderano avere figli in adozione devono sottoporsi ad un rigido controllo economico e psicologico per certificarne l'idoneità. Non vorrei che nel tentativo giusto e legittimo di nobilitare gli omosessuali da pregiudizi ingiustificati nei loro confronti (tra i tanti) si creino 'scorciatoie' per l'affido per i genitori omosessuali gettando veramente al vento la sofferenza e la dura selezione a cui vanno incontro i genitori etero. E' evidente che non tutti i genitori (omo o etero) hanno requisiti finanziari e psicologici per diventare genitori. Equità senz'altro, mettere gli omosessuali sul piedistallo e dire addirittura che sono SENZ'ALTRO genitori migliori rispetto ai tanto martoriati genitori etero (come se essere genitore fosse semplice...) direi proprio di no...

    A presto,

    Fabri

  11. #11
    Postatore OGM L'avatar di willy61
    Data registrazione
    20-09-2004
    Residenza
    Albino (BG)
    Messaggi
    4,192
    Blog Entries
    281
    Finché non vengano modificate una serie di leggi, non ci sarà alcun dato disponibile su campioni italiani. D'altra parte, i dati disponibili su quanto accade in altri paesi, potrebbero venire utilizzati per decidere in modo non ideologico, ma basandosi su dati minimamente controllati. Non credo che qui si discuta di martoriare o mettere sul piedistallo nessuno. Cerchiamo di capire quel che succede e le conseguenze che ha. E lasciamo i contenuti da campagna elettorale fuori di qui.

    Buona vita

    Guglielmo
    Dott. Guglielmo Rottigni
    Ordine Psicologi Lombardia n° 10126

  12. #12
    Io credo che un problema molto importante da considerare sia l'ambiente nel quale si cresce, ed intendo ambiente sociale. Se anche la legge passasse in Italia, questo non provocherebbe, ovviamente, l'automatica accettazione da tutta la popolazione di questo tipo di famiglie. Come sarebbero visti questi bambini, per esempio, nell'ambiente scolastico? Sarebbero derisi o trattati male o visti come mostri? Vi faccio il mio esempio: io sono atea e, ovviamente, non faccio fare religione ai miei figli, e vengo guardata come se provenissi da qualche pianeta strano o appartenessi a qualche religione particolare; i genitori degli altri bambini non si capacitano di come si possa andare contro a una "tradizione"- e nemmeno i miei parenti. Immagino i commenti se fossi sposata con una donna e non con un uomo, l'impossibilità di invitare amichetti a cena pechè i genitori ne inventerebbero di tutti i colori per non farli venire...
    Insomma, anche io sono d'accordo per l'approvazione dei matrimoni e le adozioni gay, ma il problema è che l'Italia è un paese molto chiuso, con una popolazione anziana e poco incline ai cambiamenti.
    "È orrendo che io debba stare zitta al posto loro. È orrendo che io non possa esprimere tutto il mio dolore, che debba soffocarlo e ascoltare i loro lamenti. Sono disgustosi, esagerati, non li avresti mai sopportati.
    È orrendo saperti morto, sapere che non potrò più rivedere i tuoi occhi verdi, i miei stessi occhi, che mi rimproverano di qualcosa, o che mi sorridono dopo una delle nostre giornate."
    Angie, ErisBook

  13. #13
    Super Postatore Spaziale L'avatar di pollon2
    Data registrazione
    17-10-2004
    Residenza
    Reggio Emilia
    Messaggi
    2,877
    Sinceramente credo che nessuno pensi che una coppia di gay sia "senz'altro" ed a prori una coppia di buoni genitori....non credo sia quello il problema nè quello di nobilitarli.....

    Quanto al concetto di famiglia "normale"....siamo in un momento storico-culturale in cui la famiglia sta cambiando...cosa possiamo definire normale e cosa no?
    Un bambino che ha due genitori divorziati e poi risposati con figli in seconde nozze e, se sfortunati, nuovamente separati e sentimentalmente "incasinati".... è normale?
    I bambini "sballottati" (è brutto ma rende ) da un genitore all'altro perchè dopo il divorzio loro non si parlano neppure più ed usano il figlio come mezzo di ripicche è normale...?
    Un figlio di un genitore single....cresce in una famiglia "normale"?

    Statisticamente normale? Moralmente normale? Tradizionalmente normale?

    Non lo so...non voglio provocare.....nè attaccare nessuno...mi pongo delle domande....

    Quanto poi al fatto che avere un filgio sia un desiderio...
    è verissimo, avere un figlio dovrebbe essere sempre un desiderio.....ma chi dice che il desiderio di una coppia etero che vuole adottare un bambino sia più legittimo e/o meno narcisistico di quello di una coppia gay?

    Nel momento in cui le ricerche ci dicono che crescere in quel modo non crea problemi......perchè dovremmo fare noi delle differenze?

    Se è solo un fattore "naturale" allora dovrebbero poter adottare bambini solo le coppie che sono in grado di procreare naturalmente.....perchè secondo le leggi (perdonami Willy ) della selezione naturale se uno non è in grado di procreare un motivo c'è.....non vedo tantissima differenza tra le due posizioni.....se non a livello storico culturale.....

    Spero di non aver offeso nessuno
    Ciambellana dei Film dell'anno 2005/06

    "Zio Stojil", ho detto stupidamente, "Stojil, Stojil, tu che mi avevi giurato di essere immortale!"
    "E' vero, ma io non ti ho mai giurato di essere infallibile... Del resto, io non muoio, arrocco."
    (Signor Malaussène, D. Pennac)

    "La cosa che preferisco fare in assoluto è niente..."
    (Winnie the Pooh)

  14. #14
    squirrel
    Ospite non registrato
    Originariamente postato da pollon2
    Sinceramente credo che nessuno pensi che una coppia di gay sia "senz'altro" ed a prori una coppia di buoni genitori....non credo sia quello il problema nè quello di nobilitarli.....

    Quanto al concetto di famiglia "normale"....siamo in un momento storico-culturale in cui la famiglia sta cambiando...cosa possiamo definire normale e cosa no?
    Un bambino che ha due genitori divorziati e poi risposati con figli in seconde nozze e, se sfortunati, nuovamente separati e sentimentalmente "incasinati".... è normale?
    I bambini "sballottati" (è brutto ma rende ) da un genitore all'altro perchè dopo il divorzio loro non si parlano neppure più ed usano il figlio come mezzo di ripicche è normale...?
    Un figlio di un genitore single....cresce in una famiglia "normale"?

    Statisticamente normale? Moralmente normale? Tradizionalmente normale?

    Non lo so...non voglio provocare.....nè attaccare nessuno...mi pongo delle domande....

    Quanto poi al fatto che avere un filgio sia un desiderio...
    è verissimo, avere un figlio dovrebbe essere sempre un desiderio.....ma chi dice che il desiderio di una coppia etero che vuole adottare un bambino sia più legittimo e/o meno narcisistico di quello di una coppia gay?

    Nel momento in cui le ricerche ci dicono che crescere in quel modo non crea problemi......perchè dovremmo fare noi delle differenze?

    Se è solo un fattore "naturale" allora dovrebbero poter adottare bambini solo le coppie che sono in grado di procreare naturalmente.....perchè secondo le leggi (perdonami Willy ) della selezione naturale se uno non è in grado di procreare un motivo c'è.....non vedo tantissima differenza tra le due posizioni.....se non a livello storico culturale.....

    Spero di non aver offeso nessuno
    Brava pollon, non avrei saputo dirlo meglio!

  15. #15
    Partecipante Leggendario
    Data registrazione
    30-05-2003
    Messaggi
    2,051
    [- dato che il volere un figlio non è un bisogno, non è un diritto ,ma un DESIDERIO (aggiungo, forse anche narcisistico da parte di una coppia omosex) non trovo giusto dare bambini iun adozione. [/B][/QUOTE]

    Questa ultima parte non mi è molto chiara. Il volere un figlio non è un bisogno e neanche un diritto, è un desiderio! Su questo ti do ragione. Ma non condivido il vincolare il narcisismo di avere un figlio solo alla coppia omosessuale. Così come non condivido la premessa volere un figlio è un desideio quindi non sono d'accordo nel dare un figlio in adozione. Perchè se così fosse allora non dovresti essere d'accordo neanche alle adozioni eterosessuali. Visto che sempre di desiderio si parla.

Pagina 1 di 5 123 ... UltimoUltimo

Privacy Policy