• Opsonline.it
  • Facebook
  • twitter
  • youtube
  • linkedin
Visualizzazione risultati 1 fino 5 di 5
  1. #1
    Partecipante Veramente Figo L'avatar di alea
    Data registrazione
    11-04-2002
    Residenza
    torino
    Messaggi
    1,253

    SQUILLI DI TROMBA ..VI PRESENTO ( x chi non conosce) SOCIALD

    Ho trovato qualcosina su SocialDreaming ...

    Social Dreaming

    di Gordon Lawrence


    Il Social Dreaming è un metodo per portare a evidenza i potenziali significati sociali in funzione dei quali gli esseri umani vivono. Questo si ottiene attraverso la libera associazione ( che è stata un contributo di Freud) e l’ amplificazione (che è stata un contributo di Jung).

    Come funziona il Social Dreaming

    Un gruppo di persone si riunisce con lo scopo di condividere sogni. L’ incontro dura un’ ora o un’ ora e mezza. Lo scopo dell’ incontro è di “fare associazioni, il più liberamente possibile, ai sogni resi disponibili alla matrice, in modo da stabilire legami e trovare connessioni ai quali non si era mai pensato fino a quel momento.” (Fra poco tornerò sull’ idea di matrice in maniera più ampia).
    Una persona offre un sogno, seguono un altro e un altro ancora. Una volta che emerge uno schema, qualcuno ad un certo punto esprime una libera associazione. Altri possono aggiungere le proprie associazioni. In questo modo il sogno si amplifica.
    La libera associazione è la chiave di volta per lavorare con i sogni in una matrice di Social Dreaming. Perché ? Perché il significato si estende e c’ è una continua espansione di conoscenza. L’ interpretazione, che è sempre la conferma di quanto è già conosciuto, viene evitata perché arresterebbe il fluire dell’ associazione e dell’ elaborazione.

    Perché una matrice ?

    Una matrice è presente in ogni gruppo. Essa è la connessione mentale sottesa alla superficie della vita del gruppo. Attraverso la focalizzazione sull’ idea di matrice è il materiale delle libere associazioni che assume completo dominio. Non viene posto loro alcun freno. In un gruppo c’è sempre la tendenza a che emergano esperti che creano un universo di significati, al quale gli altri membri del gruppo sentono di dover aderire.
    Una matrice, al contrario, gode di un multiverso dei significati che vengono generati.

    Sulla libera associazione Christofer Bollas ( Bollas, 2002, Londra : Icon Books ) ha brillantemente scritto:
    “Pittori, romanzieri, compositori e altri operatori di ‘ arti creative ‘ si sono interessati da tempo dei metodi di Freud, e tanto più quando questi vertono sulla libera associazione. La tecnica Freudiana ha certamente influenzato la trovata surrealista di immagini contigue e sconnesse che si associano in una certa maniera inconscia; e anche il romanzo del tipo “ flusso di consapevolezza” fa appello al significato di pensiero sequenziale ( Bollas, 2002 : 72)
    La libera associazione, in quanto tale, è una forma di pensiero, ma io sostengo che anche il sognare sociale è una forma di pensiero. Le due cose , combinate, tendono a costituire un potente metodo per pensare, dalle possibilità illimitate.

    Riuscendo ad ottenere che si realizzi un sognare sociale in una matrice, la rete di relazioni mentali, di cui tutti noi siamo una parte, viene animata da sorprendenti, sincroni risultati.

    Desidero sottolineare che il sognare sociale si basa sulla generazione di pensiero.

    Alcune ipotesi di lavoro

    1. La matrice è un differente “ contenitore” per ricevere sogni e, conseguentemente, altera la natura del “ciò che è contenuto “ nel sogno, e, così, vengono cambiati il contenuto e la forma del sogno.
    2. Il sognare sociale libera il “ conosciuto non pensato “ ( Bollas, 1987 ). Questi sono i pensieri generati nella nostra esperienza di vita e che perdiamo per amnesia. Un accadimento, un evento successivo li sblocca e li recupera dall’ amnesia e dal nostro inconscio.
    3. L’ esperienza del social dreaming mi ha indotto a pensare che in questo contesto la parola “infinito” è un termine migliore che “inconscio”. Infinito nel senso di non-conosciuto, che ancora deve venire scoperto.

    Avventure nel sognare sociale

    Il Social Dreaming è stato scoperto venti anni fa, e naturalmente da allora ci sono stati molti sviluppi: non solo vari programmi in diversi paesi del mondo, ma anche sempre più numerose applicazioni in organizzazioni e gruppi specifici della società.

    Io ho sostenuto e sostengo che si tratta di un metodo di ricerca-intervento nelle organizzazioni. Attraverso il sognare sociale si può avere accesso a quel “conosciuto non pensato” che è presente in ogni organizzazione e che, una volta che viene fatto emergere, è sempre portatore di novità rilevanti, che fanno la differenza.

    E’ stato utilizzato in Israele al fine di capire le dinamiche di quella società.

    E’ stato utilizzato nelle scuole con i bambini ed ha consentito di ottenere notevoli risultati nel campo della percezione creativa.

    Conclusione

    Partendo da assunti diversi da quelli della pura psicanalisi, in tema di sogni, il sognare sociale mobilita le capacità degli individui, ottenendo tale risultato attraverso la espansione della libera associazione. La libera associazione è l’ idea rivoluzionaria del ventesimo secolo. Si oppone alla piatta riduzione al principio di causa-effetto. Si oppone al pensare “totalitario”. Il sognare sociale è democratico.



    ..... baci a tutti
    "Il Signore, il cui oracolo è a Delfi, non dice nè cela, ma accenna" Eraclito

  2. #2
    Amus
    Ospite non registrato
    Brava! Ottimo lavoro
    Adesso ci devo ragionare un pò su...
    :computer:

  3. #3
    Neofita L'avatar di poilopiomio
    Data registrazione
    19-04-2007
    Residenza
    torino-roma
    Messaggi
    14
    Blog Entries
    1

  4. #4
    Neofita L'avatar di poilopiomio
    Data registrazione
    19-04-2007
    Residenza
    torino-roma
    Messaggi
    14
    Blog Entries
    1

    social dreaming e sincronicità

    L'importanza di sognare e di scambiarsi i sogni ha inoltre una valenza spirituale, come può essere intuita dal seguente "viaggio onirico" :

    “Facevo parte di un popolo del deserto e stavamo seguendo una palla che non vedevamo ma che sapevamo che rimbalzava dal cielo sulla terra. La palla era bianca della dimensione di una palla da tennis. Una palla che avrebbe rimbalzato per sempre e che era il Tempo.

    Ad un certo punto del nostro cammino, cammino mio e del gruppo di persone mediorientali, volgevo per caso lo sguardo e la scorgevo. E guardandola mi accorgevo che si stava fermando. Si fermava ai piedi di 7 donne con bambino, sette vergini con bambino, un bambino in fasce. Allora lo dicevo agli altri, dicevo loro che non poteva essere un caso. Loro ne convenivano. Poiché non poteva fermarsi la palla, deducevamo che la palla non si era fermata lì, ma che stava continuando il suo viaggio con le 7 donne, le 7 vergini con bambino.

    Dovevamo seguire quindi la palla nelle 7 donne, e questo significava che il giorno dopo saremmo partiti all’alba al loro seguito. Per l’occasione eccezionale stava scritto che una delle 7 donne doveva cambiare sesso, e trasformarsi nel suo opposto. Le scritture non precisavano il sesso ma io sapevo che una delle 7 donne doveva trasformarsi in uomo e guidarci. La cosa eccezionale che era successa, la palla che si era fermata presso di loro, dava la possibilità di trasformarsi in uomo. E guidarci."

    (Sogno del 18 agosto 2005 Gruppi esperienziali)




    Citazione Originalmente inviato da alea Visualizza messaggio
    Ho trovato qualcosina su SocialDreaming ...

    Social Dreaming

    di Gordon Lawrence


    Il Social Dreaming è un metodo per portare a evidenza i potenziali significati sociali in funzione dei quali gli esseri umani vivono. Questo si ottiene attraverso la libera associazione ( che è stata un contributo di Freud) e l’ amplificazione (che è stata un contributo di Jung).

    Come funziona il Social Dreaming

    Un gruppo di persone si riunisce con lo scopo di condividere sogni. L’ incontro dura un’ ora o un’ ora e mezza. Lo scopo dell’ incontro è di “fare associazioni, il più liberamente possibile, ai sogni resi disponibili alla matrice, in modo da stabilire legami e trovare connessioni ai quali non si era mai pensato fino a quel momento.” (Fra poco tornerò sull’ idea di matrice in maniera più ampia).
    Una persona offre un sogno, seguono un altro e un altro ancora. Una volta che emerge uno schema, qualcuno ad un certo punto esprime una libera associazione. Altri possono aggiungere le proprie associazioni. In questo modo il sogno si amplifica.
    La libera associazione è la chiave di volta per lavorare con i sogni in una matrice di Social Dreaming. Perché ? Perché il significato si estende e c’ è una continua espansione di conoscenza. L’ interpretazione, che è sempre la conferma di quanto è già conosciuto, viene evitata perché arresterebbe il fluire dell’ associazione e dell’ elaborazione.

    Perché una matrice ?

    Una matrice è presente in ogni gruppo. Essa è la connessione mentale sottesa alla superficie della vita del gruppo. Attraverso la focalizzazione sull’ idea di matrice è il materiale delle libere associazioni che assume completo dominio. Non viene posto loro alcun freno. In un gruppo c’è sempre la tendenza a che emergano esperti che creano un universo di significati, al quale gli altri membri del gruppo sentono di dover aderire.
    Una matrice, al contrario, gode di un multiverso dei significati che vengono generati.

    Sulla libera associazione Christofer Bollas ( Bollas, 2002, Londra : Icon Books ) ha brillantemente scritto:
    “Pittori, romanzieri, compositori e altri operatori di ‘ arti creative ‘ si sono interessati da tempo dei metodi di Freud, e tanto più quando questi vertono sulla libera associazione. La tecnica Freudiana ha certamente influenzato la trovata surrealista di immagini contigue e sconnesse che si associano in una certa maniera inconscia; e anche il romanzo del tipo “ flusso di consapevolezza” fa appello al significato di pensiero sequenziale ( Bollas, 2002 : 72)
    La libera associazione, in quanto tale, è una forma di pensiero, ma io sostengo che anche il sognare sociale è una forma di pensiero. Le due cose , combinate, tendono a costituire un potente metodo per pensare, dalle possibilità illimitate.

    Riuscendo ad ottenere che si realizzi un sognare sociale in una matrice, la rete di relazioni mentali, di cui tutti noi siamo una parte, viene animata da sorprendenti, sincroni risultati.

    Desidero sottolineare che il sognare sociale si basa sulla generazione di pensiero.

    Alcune ipotesi di lavoro

    1. La matrice è un differente “ contenitore” per ricevere sogni e, conseguentemente, altera la natura del “ciò che è contenuto “ nel sogno, e, così, vengono cambiati il contenuto e la forma del sogno.
    2. Il sognare sociale libera il “ conosciuto non pensato “ ( Bollas, 1987 ). Questi sono i pensieri generati nella nostra esperienza di vita e che perdiamo per amnesia. Un accadimento, un evento successivo li sblocca e li recupera dall’ amnesia e dal nostro inconscio.
    3. L’ esperienza del social dreaming mi ha indotto a pensare che in questo contesto la parola “infinito” è un termine migliore che “inconscio”. Infinito nel senso di non-conosciuto, che ancora deve venire scoperto.

    Avventure nel sognare sociale

    Il Social Dreaming è stato scoperto venti anni fa, e naturalmente da allora ci sono stati molti sviluppi: non solo vari programmi in diversi paesi del mondo, ma anche sempre più numerose applicazioni in organizzazioni e gruppi specifici della società.

    Io ho sostenuto e sostengo che si tratta di un metodo di ricerca-intervento nelle organizzazioni. Attraverso il sognare sociale si può avere accesso a quel “conosciuto non pensato” che è presente in ogni organizzazione e che, una volta che viene fatto emergere, è sempre portatore di novità rilevanti, che fanno la differenza.

    E’ stato utilizzato in Israele al fine di capire le dinamiche di quella società.

    E’ stato utilizzato nelle scuole con i bambini ed ha consentito di ottenere notevoli risultati nel campo della percezione creativa.

    Conclusione

    Partendo da assunti diversi da quelli della pura psicanalisi, in tema di sogni, il sognare sociale mobilita le capacità degli individui, ottenendo tale risultato attraverso la espansione della libera associazione. La libera associazione è l’ idea rivoluzionaria del ventesimo secolo. Si oppone alla piatta riduzione al principio di causa-effetto. Si oppone al pensare “totalitario”. Il sognare sociale è democratico.



    ..... baci a tutti

  5. #5
    DelfinoArtista
    Ospite non registrato
    Che viaggio onirico interessante.. di cerscita e di sviluppo!

Privacy Policy