• Opsonline.it
  • Facebook
  • twitter
  • youtube
  • linkedin
Visualizzazione risultati 1 fino 14 di 14
  1. #1
    Partecipante Affezionato L'avatar di maker2005
    Data registrazione
    21-10-2005
    Residenza
    Napoli
    Messaggi
    113

    Mi Laureo..consigli Lavorativi Per Il Dopo

    Vorrei aprire oggi di aprire una nuova discussione ke possa essere utile a me ai nuovi neolaureati che dopo la laurea dovranno indirizzare il loro lavoro.
    La mia prima domanda è questa:
    dopo aver conseguito la Laurea Specialistica, in base all'esperienze di chi gia' sta nel campo, come ci possiamo attivare al meglio per iniziare l'attivita'?
    Spero che arrivino una marea di consigli ed idee!!!

  2. #2
    Matricola
    Data registrazione
    20-10-2004
    Residenza
    pisa
    Messaggi
    22
    Ciao Maker2005, vorrei darti volentieri qualche indicazione ma prima avrei bisogno di sapere:
    -hai già svolto il tirocinio? E se sì in quali ambiti?
    -Quale indirizzo di specializzazione hai scelto?
    -e l'esame di stato?

    Aspetto tue notizie.

  3. #3
    Registered User L'avatar di effina
    Data registrazione
    11-07-2003
    Residenza
    Firenze
    Messaggi
    144
    stessa domanda di maker.. però ho una laurea vecchio ordinamento indirizzo cinica e comunità, finisco il 14 marzo il tirocinio ed a giugno sosterò l'eds.
    Aree del tirocinio: sociale e clinica.
    E dopo l'esame??? L'idea sarebbe quella di frequentare una scuola cognitivo-comportamentale..ma dopo aver letto i vari pareri su questo forum nn sonoo più così sicura..... Attendo consigli!!

  4. #4
    Partecipante Affezionato L'avatar di maker2005
    Data registrazione
    21-10-2005
    Residenza
    Napoli
    Messaggi
    113
    Ciao effina,
    devo fare solo l'esame di stato.

  5. #5
    Matricola
    Data registrazione
    20-10-2004
    Residenza
    pisa
    Messaggi
    22

    Per Effina e Maker2005

    Dopo il tirocinio dovete cominciare a fare una "mappatura" del territorio per quanto riguarda Cooperative sociali, scuole private, enti o associazioni in ambito psicologico, agenzie formative, ecc..
    Dovete cioè cominciare a capire che cosa vi offre la vostra città e le province limitrofe. Dovreste anche aggiornare il curriculum con le attività svolte durante il tirocinio in modo tale che, anche se avete poca o nessuna esperienza professionale specifica, si capisca in che cosa vi siete formati e avete fatto esperienza durante questo anno.
    Per la mia esperienza, tutti gli psicologi clinici che io conosco hanno scelto di fare una scuola di specializzazione per poi poter fare la libera professione in qualità di psicoterapeuta. La scelta della scuola non è facile. Va scelta con giudizio in quanto poi segnerà la metodologia che applicherete e seguirete nel vostro lavoro. ci sono delle scuole valide e importanti a livello nazionale, la difficoltà è solo capire qual è la linea metodologica, l'impostazione teorica in cui vi volete specializzare. In alcuni contributi di Ops ho letto che la difficoltà maggiore è quella della spesa eccessiva richiesta da queste scuole. E' vero, ma è anche vero che alcune propongono delle borse di studio, altre hanno la possibilità di richiedere la rateizzazione. In più (io parlo della Toscana), presso gli uffici della Provincia, nello specifico presso i Centri per l'impiego, ci sono dei finanziamenti messi a disposizione delle persone "in formazione" che si chiamano "voucher formativi". Sono finanziamenti fino all'80% del percorso scelto dalla persona. C'è una domanda da presentare e si viene inseriti in una graduatoria. Non tutti quelli che ne fanno domanda ricevono il finanziamento ma informarsi e provare non costa niente!Cmq è anche vero che le ore di docenza di queste scuole sono circoscritte ai we, quindi durante la settimana si può lavorare anche con piccoli incarichi...tanto cominciamo tutti da lì!
    Non so se sono stata d'aiuto...Io sono una psicologa del lavoro e non vi nego che per noi trovare lavoro è un pò più semplice...non facilissimo ma più semplice sì. Chi ha scelto il mio indirizzo di solito non vuole fare psicoterapia e quindi risulta più breve l'inserimento nel mondo del lavoro anche se poi, anche noi dobbiamo continuare a studiare e ad aggiornarci....

  6. #6
    Partecipante Figo L'avatar di Aedon
    Data registrazione
    10-05-2002
    Residenza
    L'isola che non c'è
    Messaggi
    830

    Re: Mi Laureo..consigli Lavorativi Per Il Dopo

    Originariamente postato da maker2005
    Vorrei aprire oggi di aprire una nuova discussione ke possa essere utile a me ai nuovi neolaureati che dopo la laurea dovranno indirizzare il loro lavoro.
    La mia prima domanda è questa:
    dopo aver conseguito la Laurea Specialistica, in base all'esperienze di chi gia' sta nel campo, come ci possiamo attivare al meglio per iniziare l'attivita'?
    Spero che arrivino una marea di consigli ed idee!!!

    Io so dare un unico consiglio: tanta pazienza....

    Sostenitore del "Movimento per la riscoperta della lingua italiana"

    My Blog
    -----------------------------------------

    Il dolore di oggi...
    .......fa parte della felicità di ieri


  7. #7
    Matricola
    Data registrazione
    20-10-2004
    Residenza
    pisa
    Messaggi
    22
    Mi associo a Aedon....Di base ci vuole molta molta pazienza e molta molta motivazione per il nostro lavoro....Forza ragazzi...Ottimismo a Go-go...ce la dobbiamo fare e ce la possiamo fare....
    Scherzi a parte ma non troppo....Dobbiamo cercare di vedere ilbicchiere mezo pieno cercando sempre di essere razionali ma certo è che a essere pessimisti non si risolve granchè, non vi pare??!!!

  8. #8
    Postatore Compulsivo L'avatar di LuisaMiao
    Data registrazione
    07-02-2005
    Residenza
    Monza
    Messaggi
    3,204
    Originariamente postato da effina
    stessa domanda di maker.. però ho una laurea vecchio ordinamento indirizzo cinica e comunità, finisco il 14 marzo il tirocinio ed a giugno sosterò l'eds.
    Aree del tirocinio: sociale e clinica.
    E dopo l'esame??? L'idea sarebbe quella di frequentare una scuola cognitivo-comportamentale..ma dopo aver letto i vari pareri su questo forum nn sonoo più così sicura..... Attendo consigli!!
    sono esattamente nella stessa situazione e anch'io pensavo alla scuola cognitivo-comportamentale... per ora però ho deciso di fare un master di un anno e mezzo sugli abusi e psicologia del trauma... l'idea di altri 4 anni di scuola mi terrorizza, e senz aun lavoro nn me la sento. il master invece sì, e poi riesco a pagarmelo con il lavoreto fatto durante il tirocinio :-) In bocca al lupo!!!

  9. #9
    Partecipante Super Esperto L'avatar di Sbiru
    Data registrazione
    18-10-2004
    Residenza
    provincia Milano
    Messaggi
    623
    Blog Entries
    5
    ci vuole davvero tanta pazienza e soprattutto tanta perseveranza e voglia di fare...
    FORZA!!!
    SBIRU
    "le parole sono suono...gli esempi sono tuono!"

  10. #10
    Matricola L'avatar di roropi
    Data registrazione
    04-11-2004
    Residenza
    milano
    Messaggi
    19
    Ciao a tutti, mi sento meglio ora che so di non essere la sola a non sapere da dove cominciare...
    Ho appena finito il tirocinio in una società di selezione e ho iniziato da poco uno stage nelle risorse umane di un'azienda.
    Ho scelto di orientarmi verso l'area della psicologia del lavoro perchè, vivendo sola e fuori sede, ero terrorizzata dall'idea di non trovare lavoro. Ora mi sto accorgendo che forse questa non è la mia strada, che mi piacerebbe specializzarmi ed avvicinarmi all'area della clinica. Ma, con estremo dispiacere, mi sto rendendo conto che la situazione per chi decide di volere provare a lavorare nel privato sociale è davvero drammatica: ho spedito qualcosa come 200 curricula e non ho ricevuto neanche una risposta, una telefonata, figuriamoci un colloquio!!!. Capisco di non avere esperienza nel settore e capisco anche che ci siano persone più qualificate di me per lavorare nella clinica ma la mia laurea conterà pur qualcosa (tanto più che in cattolica a milano per chi si è laureato con il vecchio ordinamento esiste solo un unico indirizzo "psicologia sociale e dello sviluppo").
    Qualcuno sa darmi indicazioni su come muovermi per cercare qualcosa da fare?è sufficiente rispondere ad annunci di lavoro o bisogna andare fisicamente nelle cooperative a portare il proprio cv?
    Grazie a coloro che vorranno offrirmi il loro supporto

  11. #11
    Partecipante Super Esperto
    Data registrazione
    26-07-2003
    Messaggi
    743
    In questi giorni anche io ho provato a spedire un pò di curriculum a cooperative (almeno 30): pur essendo laureata con massimo dei voti, avendo master, perfezionamenti e corsi vari e soprattutto un'esperienza di lavoro come psicologa da quasi 4 anni (per la serie se non conta la laurea almeno l'esperienza conterà), nessuno mi ha risposto nemmeno per dirmi "no grazie".
    Oltretutto, proprio perchè già lavoro come psicologa per enti e scuole, cercavo solo una collaborazione di non più di qualche ora a settimana e insieme al curriculum presentavo un progetto già svolto con successo presso un altro ente (con notevole guadagno anche da parte dell'ente stesso) che mi avrebbe impegnato proprio per non più di poche ore al mese (per la serie se non sapete cosa farmi fare io ho già la soluzione).
    Non vorrei fare la pessimista ma la situazione mi sembra proprio critica...
    Vimae

  12. #12
    Postatore Compulsivo L'avatar di LuisaMiao
    Data registrazione
    07-02-2005
    Residenza
    Monza
    Messaggi
    3,204
    Originariamente postato da Vimae
    In questi giorni anche io ho provato a spedire un pò di curriculum a cooperative (almeno 30)...
    nessuno mi ha risposto nemmeno per dirmi "no grazie".
    questa è la cosa peggiore, nemmeno una risposta, un semplice "non ci interessa" sarebbe già qualcosa. e specialmente se si risponde ad annunci loro e non è un'autocandidatura... ma pare che anche questa minuscola forma di gentilezza (e in fondo, onestà!) sia stata persa...

  13. #13
    Matricola L'avatar di roropi
    Data registrazione
    04-11-2004
    Residenza
    milano
    Messaggi
    19
    Scusate, io sto cominciando a scoprire il mondo del privato sociale solo adesso, ma ho come l'impressione che i canali di reclutamento che funzionano in questo mondo siano molto diversi da quelli "consueti". Mi sa che il passaparola e le segnalazioni valgano più di un ottimo cv (vedi Vimae) e non so dire se questo sia giusto o sbagliato, dico solo che non è possibile non ricevere neanche un feedback a fronte di 200 curricula inviati!!!!!
    Se qualcuno ha esperienze diverse ce le segnali!!!

  14. #14
    Roropi sono perfettamente d'accordo con te...purtroppo la situazione non è delle migliori!

Privacy Policy