• Opsonline.it
  • Facebook
  • twitter
  • youtube
  • linkedin
Visualizzazione risultati 1 fino 12 di 12

Discussione: Tirocinio

  1. #1
    Partecipante Affezionato
    Data registrazione
    21-03-2005
    Residenza
    piemonte
    Messaggi
    110

    Tirocinio

    confesso come al solito la mia ignoranza, che deriva dall'essere abbastanza isolato dall'ambiente dell'università.

    Vorrei chiedervi se potete spiegarmi bene cos'è il tirocinio, ma soprattutto a cosa serve, se e quando è opportuno farlo (o magari se è quasi "obbligatorio"), se bisogna già essere laureati per farlo, che rapporto ha con le scuole di specializzazione, etc.

    credo interessi anche ad altri insipienti come me...

    Grazie

  2. #2
    Il tirocinio è
    mh
    non so come sia definito
    comunque consiste in un certo numero di ore spese presso altri psicologi, sotto la loro supervisione, e dovrebbe servire ad acquisire capacità utili per lavorare, per iniziare a vedere pazienti (anche se spesso li guardi solo ) per esempio nei servizi di npi alle asl, o in ospedale.
    il tirocinio a torno si fa durante il corso di studio (per laurearsi), e dopo (prima dell'esame di stato).
    Non ha alcun rapporto con le scuole di specializzazione, direi: le sedi di tirocinio non sono anche scuole di specializzazione
    ...but still I am the Cat who walks by himself, and all places are alike to me.

  3. #3
    Partecipante Affezionato
    Data registrazione
    21-03-2005
    Residenza
    piemonte
    Messaggi
    110
    grazie per la risposta; ho ancora qualche dubbio:


    cosa vuol dire che il tirocinio si fa "per laurearsi"? non puoi laurearti senza?
    e poi non ho ben capito cosa ti dà in più rispetto a uno che non l'ha fatto

  4. #4
    no a torino non puoi laurearti senza è dentro il piano di studi
    cosa ti dà in più rispetto a uno che non lo ha fatto... eeh!
    non ne ho idea
    dipende da dove/come lo fai.
    teoricamente dovresti iniziare a vedere dei pazienti, oppure (se lo fai con un professore), avere qualcuno che ti guidi per una ricerca. Ci sono casi in cui chi fa tirocinio lo fa solo formalmente, e in pratica non fa nulla, oppure la struttura è inadatta e non si fa niente di utile, ma alas. cose che capitano, no?
    ...but still I am the Cat who walks by himself, and all places are alike to me.

  5. #5
    Partecipante Assiduo L'avatar di cinfra79
    Data registrazione
    30-12-2005
    Residenza
    Modena
    Messaggi
    207
    Diciamo che dopo anni di studio e quindi di teoria, il tirocinio dovrebbe farti fare un po' di pratica e quindi acquisire strumenti, metodologie e quant'altro applicativi nel contesto in cui vorresti andare a operare nel tuo futuro professionale.
    Ovviamente dipende dalla struttura in cui potresti capitare: in alcune rischi davvero di far solo fotocopie e rispondere al telefono, mentre in altre impari veramente a lavorare e a capire come funzionano certe dinamiche inerenti al lavoro.
    Come in tutte le cose, anche qui ci vuole una sana dose di fortuna ;o)!!!
    Cinfra

  6. #6
    Partecipante Affezionato
    Data registrazione
    21-03-2005
    Residenza
    piemonte
    Messaggi
    110
    ma siete sicuri che non ci si piò laureare senza tirocinio?
    anche per il vecchio ordinamento?

    io sono del vecchio ordinamento, e non ho mai sentito questa cosa... anzi ero sicuro che si facesse DOPO la laurea

    aiuto!!!

  7. #7
    Partecipante Affezionato
    Data registrazione
    21-03-2005
    Residenza
    piemonte
    Messaggi
    110
    infatti sul sito del punto informativo per il vecchio ordinamento si parla di tirocinio "POST-LAUREAM"

  8. #8
    Partecipante L'avatar di ale_drago
    Data registrazione
    25-02-2005
    Residenza
    Caselle
    Messaggi
    57
    Qui stiamo facendo un po' di confusione!!
    Pippozzo sei del veccio ordinamento?! Se sì.. Il tirocinio è post lauream, non è obbligatorio, nel senso che è un anno propedeutico all'esame di stato per l'abilitazione. Se questa per un motio o per l'altro non ti interessa non sei obbligato farlo. Il tirocinio in aprticolare è indicato per chi si laurea con l'indirizzo clinico, poichè nellle asl e strutture pubbliche per lavorare in ambito clino devi essere abilitato. Nel caso dell'indirizzo del lavoro, invece, è molto, più discrezionale la scelta, in quanto ci sono settori in cui interessa solo la laurea e non l'abilitazione ( per es la selezione, o in certi casi la formazione).
    Per il vecchio ordinamento, erano e sottolineo erano, obbligatorie 2 epg, ma pare che per esigenze organizzative (non davano più sufficienti garanzie per l'attivazione) non siano più obbligatorie.. se le hai fatte bene, altrimentii ti laurei lo stesso.
    Mentre, per concludere, il tirocinio nell'iter universitario è prerogativa del nuovo ordinamento!
    Quindi tranquillo!
    Ciao e in bocca al lupo, Alessandra

  9. #9
    Partecipante L'avatar di ale_drago
    Data registrazione
    25-02-2005
    Residenza
    Caselle
    Messaggi
    57
    scusate...stamattina mi mangio un po' di lettere!

  10. #10
    uh ecco sì
    parlavo del nuovo ordinamento io
    ...but still I am the Cat who walks by himself, and all places are alike to me.

  11. #11
    Partecipante Affezionato
    Data registrazione
    21-03-2005
    Residenza
    piemonte
    Messaggi
    110
    fiuuu! grazie mille per la risposta! io sono del v.o. indirizzo clinico; siamo rimasti in pochi.

    Quindi... dopo un anno di tirocinio puoi accedere all'esame di stato per l'abilitazione alla professione.
    E poi puoi lavorare ad esempio nelle strutture pubbliche (ma non come psicoterapeuta; per quello ci vuole una specializzazione più lunga).
    Ho capito bene?

    poi ci sono delle altre specializzazioni che (al di là della psicoterapia) ti danno possibilità professionali più ampie e differenziate? (che ignoranza la mia)

  12. #12
    Partecipante L'avatar di ale_drago
    Data registrazione
    25-02-2005
    Residenza
    Caselle
    Messaggi
    57
    dopo un anno di tirocinio puoi accedere all'esame di stato per l'abilitazione alla professione. Yes!
    E poi puoi lavorare ad esempio nelle strutture pubbliche (ma non come psicoterapeuta; per quello ci vuole una specializzazione più lunga). Yes


    poi ci sono delle altre specializzazioni che (al di là della psicoterapia) ti danno possibilità professionali più ampie e differenziate? Sì è proprio così.

    Le specializzazioni (intese come master o altri corsi professionalizzanti) servono per conoscere meglio un aspetto particolare del tuo indirizzo (devo ammettere la mia ignoranza in ambito clinico, perchè nn ne conosco) mentre le scuole di specializzazione per psicoterapeuti (ne sta facendo una la mia amica) durano in media due tre anni, si fa altro tirocinio e si affronta un altro esame per l'abilitazione.. ma qte valgono solo dopo l'abilitazione( credo..in effetti mi sorge un dubbio..anche i medici possono iscriversi alle scuole di psicoterapia..forse è necessario per tutte le professionalità essere iscritti ad un albo professionale..ma su qto mi riservo un punto interrogativo).
    A presto!
    Ale

Privacy Policy