• Opsonline.it
  • Facebook
  • twitter
  • youtube
  • linkedin
Visualizzazione risultati 1 fino 5 di 5
  1. #1
    Amus
    Ospite non registrato

    Nč piante nč animali... per una volta

    Provo a dire tutto quello che ricordo...
    Mia cugina mi lasciava in custodia un neonato molto piccolo (forse due o tre mesi) era suo figlio (in realtā suo figlio ha 16 anni) e lei doveva partire.
    Di fatto non ho mai effettuato su questo bambino alcuna specifica cura (cambio pannolino, poppata, bagnetto) ma mi preoccupavo di chiedere a mia figlia se se ne fosse occupata lei. Ricordo che vedevo uscire fuori dalla sua bocca, lateralmente, dei filamenti di sangue rosso scuro provavo a tirare e il bambino piangeva perchč qualcosa bloccava l'uscita del materiale, immaginavo un grumo, come una tonsilla...
    Avete mai eviscerato del pesce? Ecco, qualcosa mi fa tornare in mente quell'operazione. Ad un tratto perō, il bambino espelleva spontaneamente quel non so che... Pensavo bene di conservare quella sostanza sconosciuta per farla ispezionare in ospedale, dove pensavo di portare il bambino, cercavo quindi un recipiente idoneo, un piccolo barattolo, ma tutto quello che mi capitava tra le mani era inadatto Non ricordo nč ansia nč agitazione, tutto si svolgeva con calma anche se c'era una certa preoccupazione nell'aria.
    ... Nell'atrio di un grande edificio, forse un supermercato, un pazzo di cui ricordo il volto sconvolto, sparava all'impazzata, era maldestro ma pericoloso, la pistola gli si inceppava, la guardava e tornava a sparare... puntava verso di me, sparava tre volte, mi colpiva tutte tre le volte, mi guardavo in corrispondenza dei colpi, avevo come dei graffietti insignificanti e non provavo dolore...

  2. #2
    Partecipante Veramente Figo L'avatar di alea
    Data registrazione
    11-04-2002
    Residenza
    torino
    Messaggi
    1,253
    ... stavo pensando ad un'associazione forte .. ho alcuni scrupoli perō a farlo su un forum .. non so perchč ..l'unica associazione che riesco a fare, come un immagine che mi balena in quello spazio strano che sta tra gli occhi, l'anima e il cervello mentre leggo il tuo sogno ... un parto ! per un collegamento strano , tortuosissimo, ma che io sento solido, l'associazione del materiale sanguinolento che esce dalla bocca del neonato con l'immagine dell'eviscerazione del pesce ... a pesare tanto, x questa interpretazione l'atmosfera che descrivi: ne ansia ne agitazione ma solo un po' di preoccupazione, nulla di pericoloso, terribile o terrificante.
    se posso continuare .. ( e mi faccio condizionare dai tutti i tuoi sogni fin qui letti) , da qualcosa di Nuovo , forse ancora immaturo, nasce "qualcosa" da sottoporre perō ancora ad "Osservazione specialistica" (in ospedale) ... il resto del sogno ... ci penso ancora un po' ..
    "Il Signore, il cui oracolo č a Delfi, non dice nč cela, ma accenna" Eraclito

  3. #3
    Amus
    Ospite non registrato
    Se non sbaglio giā un'altra volta avevi visto qualcosa di simile un altro mio sogno...
    Quando leggo le tue spiegazioni le ritengo plausibili ma, inizialmente, i miei sogni non mi rimandano a tali concetti (forse non sono abbastanza sveglia e lucida :cry: )
    Riflettendo perō, potresti aver visto bene potrebbe trattarsi sempre e ancora dello stesso parto visto che il progetto sembra si sia arenato ma io non mi sono rassegnata Quindi una parte di me, quella pigra e cosciente, ha gettato la spugna :cry: e un'altra mi sollecita a non mollare... Pensi possa trattarsi di questo?
    Lavori un altro pō per me???

  4. #4
    Partecipante Veramente Figo L'avatar di alea
    Data registrazione
    11-04-2002
    Residenza
    torino
    Messaggi
    1,253

    Re: Nč piante nč animali... per una volta

    [quote:c8cf630046="Amuschella"] un neonato molto piccolo (forse due o tre mesi)
    ................
    Di fatto non ho mai effettuato su questo bambino alcuna specifica cura ...
    .............................
    sembra tu ti stia accusando per non essertene presa cura


    Nell'atrio di un grande edificio, forse un supermercato, un pazzo di cui ricordo il volto sconvolto, sparava all'impazzata, era maldestro ma pericoloso, la pistola gli si inceppava, la guardava e tornava a sparare... puntava verso di me, sparava tre volte, mi colpiva tutte tre le volte, mi guardavo in corrispondenza dei colpi, avevo come dei graffietti insignificanti e non provavo dolore...[/quote:c8cf630046] supermercato,luogo affollato,luogo sociale,luogo deputato agli acquisti questa parte per me č difficile .... dobbiamo parlarne
    "Il Signore, il cui oracolo č a Delfi, non dice nč cela, ma accenna" Eraclito

  5. #5
    Amus
    Ospite non registrato
    Rimarco il fatto di non essermene presa cura perchč, nel sogno, č a me che veniva affidato il bambino, quindi un senso di colpa verso chi me lo aveva affidato forse in fondo c'č. Nella realtā non provo niente di simile verso "persone" mentre decisamente si verso il "prodotto" che dovrebbe giā essere pronto e che, anche per mia negligenza, giace incompiuto (prodotto del parto) Ma allora, il sogno nasce dal rammarico o č una spinta all'azione?

    Cosa dire del supermercato luogo sociale/di acquisti? Non sono neanche certa che fosse un supermercato
    Posso ribadire che ricordo benissimo le grandi vetrate trasparenti e spesse, la luce che filtrava da fuori, me e il "pazzo" che non siamo ancora dentro, non vedo prodotti sugli scaffali, non vedo scaffali, c'č solo ampio spazio, luce, vetrate, lui e me
    E' da considerare ancora come luogo sociale?

Privacy Policy