• Opsonline.it
  • Facebook
  • twitter
  • youtube
  • linkedin
Pagina 1 di 2 12 UltimoUltimo
Visualizzazione risultati 1 fino 15 di 26

Discussione: anoressia e shiatsu

  1. #1
    gimpsy2005
    Ospite non registrato

    anoressia e shiatsu

    Salve ragazzi,
    non sò più che fare, ho 28 anni e lavoro a Roma, stò con una ragazza più piccola di me (22) di cui sono follemente innamorato,
    il problema è che lei da circa 3 anni (non ci conoscevamo ancora),
    soffre di disturbi alimentari, non siamo ancora al limite, in realtà lei mangia, ma mangia pochissimo.
    è una parsona molto timida e molto chiusa, ogni situazione che le crea tensione o rabbia, le comporta dolori di stomaco, nausea, giramenti di testa e disturbi simili.
    La situazione era leggermante migliorate quando ha iniziato delle sedute shiatsu presso un amico del padre, (chiaramente non ha mai parlato del suo problema alimentare, ma solo delle tensioni e ansie). l'ultima volta che ci siamo visti ( purtroppo ci vediamo il fine settimana perchè viviamo lontani lei in abruzzo) mi ha parlato della seduta dal massaggiatore, e io mi sono incavolato, passi che questa persona l'ha fatta spogliare lasciandola in slip (e questo per lei è già stato traumatico) ma durante la seduta le ha messo la mano tra le gambe, (al di sotto degli slip), lei non sapeva come comportarsi perchè estremamente imbarazzata.
    Io non ho conoscenze in materia, ma non penso sia un comportamento professionale, ma il problema adesso è:
    io vorrei che lei non andasse più, ( cosa che ha suggerito stesso lei), ma cmq non posso non tener presente che in passato è stata meglio con queste sedute.
    cambiare massaggiatore potrebbe essere una soluzione, ma come giustificare al padre il cambio, lei si vergogna di raccontargli l'accaduto.
    io non sò più come comportarmi.....
    Help please!!!!!
    Ultima modifica di gimpsy2005 : 27-01-2006 alle ore 11.22.04

  2. #2
    Partecipante Esperto
    Data registrazione
    28-05-2004
    Messaggi
    329
    Di certo non può continuare ad andare da una persona che l'ha trattata così, abusando di lei e della fiducia dei parenti. Deve immediatamente cambiare persona, ed il "problema" di cosa dire al padre, davanti alla gravità di quanto accaduto, passa in secondo piano.
    Decida se parlarne al padre o meno, ma assolutamente, deve allontanarsi da quella persona. Poi, se vuole integrare l'aspetto dei massaggi con una chiacchierata con uno psicologo, potrebbe effettivamente esserle d'aiuto.
    Lpd

  3. #3
    Partecipante Esperto L'avatar di *trikky*
    Data registrazione
    09-10-2005
    Residenza
    roma
    Messaggi
    342
    Originariamente postato da Lpd
    Di certo non può continuare ad andare da una persona che l'ha trattata così, abusando di lei e della fiducia dei parenti. Deve immediatamente cambiare persona, ed il "problema" di cosa dire al padre, davanti alla gravità di quanto accaduto, passa in secondo piano.
    Decida se parlarne al padre o meno, ma assolutamente, deve allontanarsi da quella persona. Poi, se vuole integrare l'aspetto dei massaggi con una chiacchierata con uno psicologo, potrebbe effettivamente esserle d'aiuto.
    Lpd
    sono assolutamente d'accordo con te!!

  4. #4
    virginella
    Ospite non registrato
    è una storia incredibile... da denuncia

  5. #5
    nicholas
    Ospite non registrato
    ciao, non vorrei offenderti ma io frequento seriamente un centro shiatsu dove collaborano i migliori professionisti di Italia....Ho trovato persone estremamente consapevoli della delicatezza quasi clinica (io definirei) o preverbale, se preferisci, con un profond rispetto del loro ruolo...Mi è capitato di essere trattato in diverse aree del corpo senza turbamenti di sorta nè miei nè tantomeno degli operatori..
    Ti vorrei porre una domanda che troverai sgradevole....Sei sicuro che l'argomento sia propio quello, diciamo, ufficiale, e non sia il modo di comunicare un disagio tattile della tua compagna?
    Se mi sbaglio e per caso vuoi informazioni sull'organo competente in materia di controllo della professionalità di tali operatori, se mi scrivi in PVT sono a tua disposizione.....Ciao buona fortuna

  6. #6
    Partecipante Affezionato
    Data registrazione
    06-02-2005
    Messaggi
    69
    La lettura di Nicholas mi piace, nel senso che anch'io inizialmente sono portato a credere totalmente alla ragazza, ma potrebbe anche essere una rielaborazione ingenua della "sgradevolezza" tattile del massaggiatore..
    Potrebbe il ragazzo assistere alle sedute di massaggio e magari parlare al termine delle sensazioni con la sua fidanzata..Un primo gradino per valutare la cosa..anche se ammetto possa essere "fastidioso" per il professionista.
    Una cosa non capisco, la ragazza dopo i massaggi "e' stata bene" ma nel contempo "sta male"..Mmmh, mi sa che forse c'e' qualcosa che mi e' sfuggito...Nel senso che con il passare delle sedute, qualcosa e' successo per far cambiare i ruoli.Attenzione, non sto imputando la colpa alla ragazza, se davvero il massaggiatore l'ha toccata con intenti non inerenti la professione e' giustamente DENUNCIABILE, ma bisogna vederci un po' piu' chiaro, ovviamente secondo il mio modesto avviso.

    Resto a disposizione

    Emanuel
    Ultima modifica di emanuello72 : 19-02-2006 alle ore 20.00.25

  7. #7
    Partecipante Super Esperto L'avatar di glendolina
    Data registrazione
    16-02-2006
    Residenza
    milano
    Messaggi
    589

    POTERE MIRACOLOSO DELLO SHIATSU

    CIAO,
    IO HO UN AMICO CHE FA STUDI IN TAL SENSO (RAPPORTO ANORESSIA-SHIATSU) E I RISULTATI POSITIVI SONO INNEGABILI

    ORA, DAL MIO MODESTO PUNTO DI VISTA, TI CONSIGLIEREI DI CHIARIRE CERTAMENTE LE RESPONSABILITA' DA ENTRAMBE LE PARTI NELLA FACCENDA, MA DI NON PERDERE L'OPPORTUNITA' DI POTER GODERE DEGLI EFFETTI "MIRACOLOSI" DI QUESTA DISCIPLINA SUI DISTURBI ALIMENTARI.

    "IN BOCCA AL LUPO" A ENTRAMBI!

  8. #8
    Partecipante Affezionato
    Data registrazione
    06-02-2005
    Messaggi
    69
    Occhio con i "miracoli" glendolina..Persino la terapia cognitivo-comportamentale ci va cauta quando deve informare dei successi nel trattamento di questa delicata patologia!
    I risultati del massaggio nei disturbi alimentari non e' comprovato da alcuna ricerca ancora, casi personali o di singoli professionisti non possono divenire una generalizzazione della terapia.
    Anche lo studio che ti ho inserito alla fine di questo post (che non e' di attacco ma di informazione..), e' cauto, ed il massaggio riduce la sintomatologia, un supporto psicologico e' INDISPENSABILE quando parliamo di disturbi del comportamento alimentare!

    Ad ogni modo l'unico studio degno e' questo:
    Hart S, Field T, Hernandez-Reif M, et al. Anorexia nervosa symptoms are reduced by massage therapy. Eating Disorders: Journal of Treatment and Prevention. 2001;9:217–228.
    Ultima modifica di emanuello72 : 22-07-2007 alle ore 17.19.20

  9. #9
    Partecipante Super Esperto L'avatar di glendolina
    Data registrazione
    16-02-2006
    Residenza
    milano
    Messaggi
    589

    mi sono espressa male...

    Sicuramente un supporto psicologico è indispensabile, come di tu!!!

    Forse mi sono espressa male oppure ho usato termini ambigui come "miracoloso".

    Non volevo assolutamente sottovalutare questa patologia, anche xché ne ho un'esperienza diretta e so come può essere terribilmente seria.

    Volevo solo dire che, secondo me, lo shiatsu è una risorsa importante in tal senso, magari non comprovata scientificamente, ma cmq valida, sempre a parer mio.

    Io penso che in determinate situazioni, nulla vada lasciato intentato o trascurato,anche se non documentato rigorosamente (sempre che non abbia qualche grossa controindicazione, ovviamente)

    Lo shiatsu, a parer mio, non può che far bene alla tua compagna, come a tutti noi, certo è che deve essere praticato nel massimo rispetto della personalità e della situazione di ognuno.

    Se ti ho offeso o ti è sembrato che abbia preso in modo superficiale la preoccupazione che hai esposto, mi dispiace, figuarati che la mia intenzione era proprio il contrario, ossia rassicurarti, in qualche modo.

  10. #10
    nicholas
    Ospite non registrato
    beh scusate...ci sono fior di studi sull'inefficacia delle terapie sull'area "diciamo preverbale".... le terapie sono basate infatti tutte sulla parola e sulle atmosfere...ci sono anche memorie più "primitive". tattili olfattive etc......
    così io penso che se, come si dice,....se uno è alla ricerca.....in senso buono, intendo, tutto è utile....(c'è gente che conosco che si è curata andando semplicemente a fare la cuoca a gratis in un ristorante e imparando a cucinare....succede....)..Poi non era il vecchio donald che diceva che la vità può essere terapeutica? :-)))
    Concordo sull'approccio combinato e sulla serietà del metodo....continuo a consigliare gente con barba bianca....sia per massaggi che per terapie....
    Buon tutto a tutti...
    Nicholas

  11. #11
    Partecipante Affezionato
    Data registrazione
    06-02-2005
    Messaggi
    69
    Occhio che anche Padre Bisceglie ha la barba bianca..

  12. #12
    Partecipante Super Esperto L'avatar di glendolina
    Data registrazione
    16-02-2006
    Residenza
    milano
    Messaggi
    589
    scusa emanuello 72, ero convinta che avessi iniziato tu la conversazione e mi sono rivolta a te...

    Mi sono confusa con i nomi...

  13. #13
    gimpsy2005
    Ospite non registrato
    non posso non ringraziare tutti per la vostra preziosa partecipazione,
    credo di aver creato io delle incomprensioni nel problema, cerco di dare un pò di luce:
    credo che la terapia possa dare dei benefici alla mia compagna, anche se non credo possa sostituire un supporto psicologico per questo tipo di patologie.
    Ritengo che tutto nasca dalla mia poca conoscenza del mondo shiatsu, questo mi porta probebilmente a vedere le cose in maniera diversa.
    Se qualcuno può pensare che ci sia stato un qualche comportamento equivoco da perte della mia compagna, beh vi assicuro che non è così come non metto in dubbio la buona fede del terapeuta a priori, mi farebbe sicuramente stare un pò meglio se qualcuno mi confermasse che è possibile che in una seduta ci possa essere un trattamento di parti del corpo decisamente intime, e questo è il mio primo dubbio. Il secondo dubbio è che il terapeuta non sia stato in grado di percepire un problema grande come quello del disturbo alimentare, altrimenti non mi spiego alcune frasi che ogni tanto le dice, situazione tipo, lei soffre di tanto in tanto di forti emicranie e giramenti di testa, e quando ha esposto il problema al terapista si è sentita dire che se il dolore è nel lobo frontale dipende dal cibo che ha ingerito, come potrete immaginare lei si è sentita forte nel suo evitare il contatto con il cibo. Attualmente sono l'unica persona con la quale ha iniziato a tirare fuori i suoi disagi, ma non è difficile intuire che non è una ragazza in piena forma, quidni mi aspetto che un terapista sicuramente non forzi il dialogo, ma almeno pesi le parole.

  14. #14
    Partecipante Veramente Figo L'avatar di Ale_è_Ale
    Data registrazione
    22-07-2005
    Residenza
    Nord Est...
    Messaggi
    1,046
    Gimpsy, ciao, ho letto praticamente tutti i post, dal tuo primo fino all'ultimo. Io non mi intendo molto di shiatsu (gli analisti che conosco lo ritengono molto efficace, ma non so altro), e quello che posso dire va ovviamente preso con le pinze, visto che sono pensieri istintivi.
    Sicuramente la situazione della tua ragazza non è da sottovalutare, anche se, vedendo l'intenzione di risolverla si può essere cautamente ottimisti, e come ti hanno detto anche altre persone è consigliabile un intervento su più fronti, per così dire, senza essere invasivi, o peggio, impositivi, per così dire.
    Però, leggendoti, mi è venuta in mente una cosa.. potrebbe darsi che tu ti senta in competizione con l'operatore nei confronti della tua ragazza? Le vuoi bene, vorresti essere tu ad aiutarla (intendo dire a livello emotivo, non razionale), si può capire..
    Il disagio che lei prova verso l'operatore mi fa pensare a un'altra cosa: hai detto che questo professionista è amico del padre di lei, e quindi, forse, il setting non è pulito.. ci può essere una sorta di transfert del padre? Se non sbaglio lei non riesce a parlare dei suoi disagi alimentari con questo operatore, forse è per questo.. può dissimulare.. e se vuole cambiare può dire questo al padre, che non si sente a proprio agio, non riesce ad essere serena.
    Ultima cosa, quando lei ti ha confidato di avere quasi l'intenzione di smettere con quello specialista, non potrebbe aver esternato un tuo pensiero, un tuo dubbio, una tua perplessità, comprensibile, ma inespressa a livello emotivo?
    Se fosse così ci sarebbe il rischio di una chiusura, non trovi?... Potresti sostenerla e infonderle fiducia nell'aiuto esterno di un diverso operatore shiatsu, e magari di uno psicoterapeuta, come già hanno detto altre persone...

    Ora basta, e spero di non aver detto sciocchezze, ok?
    Facci sapere!

    Ale
    Alessandra -------<---<---@


    "(...) I riflettori chiudono gli occhi, le lampade contemporaneamente chiudono le palpebre, e la folla spalanca la sua enorme bocca per l'applauso (...)" F. Depero; Notturno Metropolitano; da Prose Futuriste


    "Great Karen Walker!" - "Honey, what's going on with your hair?" - "Give me a Martini, and don't waste room with those olives!"

  15. #15
    gimpsy2005
    Ospite non registrato
    Grazie ale,
    probabilmente innegabile un mio sentimento di competizione, che però attenzione vedo istintivamente messo in secondo piano, la sua felicità è per me troppo importante, riconosco un unico comportamento sbagliato ma che non riesco a modificare, sono troppo protettivo, lei si sente estremamente sicura dei miei sentimenti, di conseguenza ci sono momenti in cui si sente cmq forte nel suo disagio e si adagia tranquillamente.
    per quanto riguarda l'argomento padre, diciamo che il dialogo tra l
    i due è pari a 0, essendo un uomo cmq molto chiuso, è il clessico padre che non si lascia mai andare in un gesto d'affetto neppur minimo che non siano mezze frasi...
    io credo che gran parte delle sue sofferenze emotive nascano da lì, ma purtroppo non ho competenze per poter stabilire se un mio comportamento è corretto o peggiora il danno.
    di sicuro credo sia positivo che iniziamo a scendere un pochino più a fondo nei problemi, ma io non ho nessuna intenzione di forzare le sue scelte, ci sono momenti in cui lei crede di aver bisogno di un aiuto esterno, e giorni in cui per lei è tutto normale e il problema non esiste.
    Per quanto riguarda l'argomento shiatsu, sono perfettamente cosciente che la sua volontà di smettere partisse dal suo desidario di non farmi vivere condizioni di disagio, ed è per quello che io ho insistito per farla continuare, certo resta in me un dubbio che adesso và oltre le tecniche di contatto, mi preoccupa il fatto che lei non voglia parlare dei suoi disagi alimentari con il terapista, e d'altro canto lui non ha ancora percepito il problema, altrimenti non mi spiego le frasi che ogni tanto le dice.

Pagina 1 di 2 12 UltimoUltimo

Privacy Policy