• Opsonline.it
  • Facebook
  • twitter
  • youtube
  • linkedin
Visualizzazione risultati 1 fino 11 di 11
  1. #1
    aMERIGOC
    Ospite non registrato

    C'è qualcosa che non mi convince sulle specializzazioni..

    E cioe' questo:
    Se mi laureo in Medicina e mi specializzo in qualsiasi cosa percepisco una borsa di studio-stipendio di circa 900 euro mensili per quei quattro-cinque anni.bene.
    Se mi laureo in qualunque altro corso e decido di specializzarmi pago e anche caro.male.
    un giovane medico che studia per diventare ortopedico o epatologo è troppo utile per non ricompensarlo, sembra questo il ragionamento alla base di tanta disponibilità di soldi e posti nelle tantissime scuole di medicina.
    Ma non sono forse utili i Biologi?
    i Chimici?
    Gli Psicoteraputi?
    I Farmacisti?
    I Professionisti Legali?
    Chi frequenta il Ssis?
    Da come stanno le cose mi pare che non solo a livello comune ma pure istituzionale sia diffusa la mentalita' che il medico che si specializza sia essenziale mentre gli altri vengono considerati dei cialtroni che non hanno nulla di meglio da fare ergo è giusto succhiargli il sangue..

    Che ne pensate?
    Ma soprattutto non è che non ho capito un tubo e invece esistono scuole non mediche dove si percepiscono quattrini e specializzandi medici non retribuiti a parte quelli di Psicologia Clinica (guarda caso!)??

    non nego comunque di rosicare non poco..

  2. #2
    psicosarix
    Ospite non registrato
    ... la categoria medica è molto potente!
    mi viene in mente solo questo ... concordo con te che sia ingiusto ... forse però ci sono anche interessi economici dietro le altre categorie ... ad esempio le scuole di specializzazione sono un gran bel mercato ... ma forse ci sono perchè non ci sono altri modi per diffondere la cultura ... non lo so ... mi pare che sia un agrande schifo ... e che non freghi a nessuno e che alla fina ci rimettiamo solo noi! ci sono tante discussioni su aromenti simili ... sembra che la psicologia stia andando davvero in malora!
    sono arrabbiata, ma anche sconcertata, possiamo fare davvero qualcosaoltre parlare, parlare, parlare?

  3. #3
    aMERIGOC
    Ospite non registrato

    loro sono potenti ma noi..

    ..contiamo meno di zero!!mi domando come passano il loro tempo i vari presidenti degli ordini..Forse una seria protesta di tutti gli studenti non medici d'Italia renderebbe evidente la mancanza di equità in questo stato di cose, ma chi ha voglia di farlo a due passi dalla professione (o dell'illusione di essa)?

  4. #4
    Partecipante Esperto
    Data registrazione
    28-05-2004
    Messaggi
    329
    Tieni conto che lo specializzando di Medicina è un Medico che svolge lavoro clinico di corsia (seppur supervisionato), comprendendo la responsabilità di visite specialistiche, interventi, guardie notturne, responsabilità di reparto, etc.
    Inoltre, in prima specializzazione, il medico specializzando "vive" in reparto per quattro o cinque anni, senza la minima possibilità di fare qualunque altro lavoro. La borsa di studio, in questo senso, è un limitato riconoscimento del "lavoro clinico svolto", e diventa il modo in cui lo specializzando si procura il pane.
    Nella grande maggioranza delle Scuole di Psicoterapia il tirocinio che svolgi è molto minore di quello richiesto ad uno specializzando universitario; sicuramente, però, gli specializzandi universitari di Psicologia Clinica, impegnati in circa 2000 ore di tirocinio presso il SSN nel corso dei 4 anni, dovrebbero assolutamente ricevere la Borsa come i loro colleghi medici, e su questo non ci piove.
    Ciao,
    Lpd

  5. #5
    aMERIGOC
    Ospite non registrato

    concordo ma..

    ..mi pare chiaro la logica sottesa a come stanno le cose è che il non medico che si specializza lo fa quasi per capriccio..Ho amici specializzandi in medicina e so che per la mole di lavoro che fanno la borsa di studio è veramente il minimo, su questo non ci piove.
    Ma dal momento che essi stanno cercando di appropriarsi della Psicologia (vedi l'incredibile specializzazione in Psicologia Clinica per i medici) voglio proprio vedere cosa succederà quando per lo stesso corso di specializzazione i medici prenderanno la borsa e gli psicologi pagheranno, così, giusto perchè son psicologi, e quindi dei paria..
    saremo zitti come sempre?
    mi devo ancora abilitare, ma ho quasi paura di varcare questa soglia

  6. #6
    squirrel
    Ospite non registrato

    Re: concordo ma..

    [saremo zitti come sempre?
    mi devo ancora abilitare, ma ho quasi paura di varcare questa soglia [/B][/QUOTE]

    spero proprio di no! noi di Altra Psicologia abbiamo già iniziato a farci sentire ed è solo l'inizio...
    condivido le tue perplessità...
    i medici prescrivono farmaci... ecco perchè sono così potenti... hanno dietro tutte le ditte farmaceutiche... forse dovremmo iniziare a pubblicizzare anche noi qualcosa... sarebbe un'idea!

  7. #7
    Partecipante Esperto L'avatar di australia
    Data registrazione
    16-12-2005
    Residenza
    cittadina del mondo
    Messaggi
    317
    Mi sembra una lotta contro i mulini a vento, che, FORSE, solo la nostra settima generazione riuscirà a vincere.

    A proposito, com'è andata la votazione per la scelta dei membri dell'Ordine?
    I nostri colleghi con i requisiti per votare sono riusciti a schiodare i 'senior' dalle poltrone alle quali si erano ancorati da anni?

  8. #8
    squirrel
    Ospite non registrato
    Originariamente postato da australia
    Mi sembra una lotta contro i mulini a vento, che, FORSE, solo la nostra settima generazione riuscirà a vincere.

    A proposito, com'è andata la votazione per la scelta dei membri dell'Ordine?
    I nostri colleghi con i requisiti per votare sono riusciti a schiodare i 'senior' dalle poltrone alle quali si erano ancorati da anni?
    domani è l'ultimo giorno utile per poter votare e poi lo sapremo! da noi, a Pescara, l'affluenza è stata buona e speriamo si sia raggiunto il quorum... abbiamo votato in circa 170... comunque i "senior", come li chiami tu, erano tutti appostati, come dei falchi... ma il vento di altra psicologia è spirato anche da queste parti!

  9. #9
    Partecipante Esperto L'avatar di australia
    Data registrazione
    16-12-2005
    Residenza
    cittadina del mondo
    Messaggi
    317
    Ormai si sa che l'Ordine si è salvato in extremis dal commissariamento!!!

    Io dovrei fare l'esame di stato nella sessione di maggio/giugno '06,
    in effetti sono talmente scoraggiata che non riesco a cominciare a studiare,
    dopo la rapina effettuata dai medici (pilotati in maniera sommersa dalle lobby farmaceutiche)
    penso che la psicologia clinica non abbia futuro.

    Ci mancava solo la concorrenza sleale dei counselors.
    A proposito, sia a livello di leggi, sia a livello di attività svolta,
    cosa distingue effettivamente noi psicologi dai consulenti?
    Se la legge 56 definisce la nostra professione qual'è la legge che definisce la professione del counselor?
    Mi piacerebbe tanto capire precisamente quanto è grande la fregatura e che spazio effettivo abbiamo.
    Ultima modifica di australia : 03-02-2006 alle ore 19.56.57

  10. #10
    squirrel
    Ospite non registrato
    Originariamente postato da australia
    Ormai si sa che l'Ordine si è salvato in extremis dal commissariamento!!!

    Io dovrei fare l'esame di stato nella sessione di maggio/giugno '06,
    in effetti sono talmente scoraggiata che non riesco a cominciare a studiare,
    dopo la rapina effettuata dai medici (pilotati in maniera sommersa dalle lobby farmaceutiche)
    penso che la psicologia clinica non abbia futuro.

    Ci mancava solo la concorrenza sleale dei counselors.
    A proposito, sia a livello di leggi, sia a livello di attività svolta,
    cosa distingue effettivamente noi psicologi dai consulenti?
    Se la legge 56 definisce la nostra professione qual'è la legge che definisce la professione del counselor?
    Mi piacerebbe tanto capire precisamente quanto è grande la fregatura e che spazio effettivo abbiamo.
    Iscriviti ad "Altra Psicologia", mia cara, e ne sentirai delle belle...!

  11. #11
    Postatore Compulsivo
    Data registrazione
    08-12-2001
    Residenza
    Roma
    Messaggi
    3,834
    Originariamente postato da australia
    Ci mancava solo la concorrenza sleale dei counselors.
    A proposito, sia a livello di leggi, sia a livello di attività svolta,
    cosa distingue effettivamente noi psicologi dai consulenti?
    Se la legge 56 definisce la nostra professione qual'è la legge che definisce la professione del counselor?
    Ciao Australia,

    la professione di Psicologo è regolamentata e riconosciuta dalla Legge 56 del 1989. Ha un proprio Ordinamento della professione riconosciuto dallo Stato.

    il "counselor" è una professione NON regolamentata, senza nessuna legge
    il "counselor" è riconosciuto dal CNEL come "professione presente sul mercato", ma senza alcuna regolamentazione... ciò significa che chiunque può proporsi come counselor, ciò significa che quelle associazioni di counselor non possono importi formazioni specifiche, ciò significa che gli "Albi" per counselor sono fuffe senza alcun valore legale!

    purtroppo, è proprio questa "non regolamentazione" che permette a questi counselor di proporsi nei modi più disparati...

    ed allora che fare?

    personalmente vedo tre azioni sinergiche:

    1) l'Ordine dovrebbe meglio definire l'art.1 della 56/89. Ad oggi si parla di geniriche attività di supporto, abilitazione, riabilitazione, ecc... No! Dobbiamo operativizzare questi concetti, definirli in pratiche, strumenti e metodologie!
    C'è da togliere qualsiasi zona d'ombra, così da non dare spazi di azione protetta ai counselor-fuffa

    2) c'è da cominciare a mettere in campo efficaci piani di comunicazione e marketing! La gente è confusa, disinformata, disorientata. Dobbiamo "riposizionarci" direbbe un markettaro

    3) l'Ordine dovrebbe dare un bel giro di vite anche a tutte quelle scuole di psicoterapia che, per motivi di business, vanno a sfornare decine e centinaia di counselor all'anno, svendendo e delegittimando psicologia e psicoterapia.
    Non si può avere la botte piena e la moglie ubrica... soprattutto non si può tradire gli sforzi di tanti giovani colleghi, formandogli poi nelle stesse stanze e con gli stessi docenti dei competitor (i counselor-fuffa) con minor spesa, minor tempo e minor preparazione


    Originariamente postato da australia
    penso che la psicologia clinica non abbia futuro.
    io penso che NOI siamo il futuro della psicologia e se questa non lo avrà è perché noi non siamo riusciti a darglielo :-P
    rimbocchiamoci le maniche e cominciamo

    ciauz
    nicola piccinini

Privacy Policy