• Opsonline.it
  • Facebook
  • twitter
  • youtube
  • linkedin
Visualizzazione risultati 1 fino 15 di 15
  1. #1
    Partecipante Super Esperto
    Data registrazione
    26-07-2003
    Messaggi
    743

    Educazione affettiva alla materna

    Una collega mi ha chiesto di aiutarla a preparare un progetto di educazione affettiva nelle scuole materne (dato che alle elementari secondo lei sono saturi...)
    In effetti ora mi sto trovando in crisi perchè non solo non mi vengono idee (tutto mi sembra di livello troppo "alto", implica leggere o scrivere ed è più adatto a bambini delle elementari) ma anche a livello bibliografico trovo tutte cose per bambini "grandi".
    A me piacerebbe impostare qualcosa sulle emozioni, sulla consapevolezza delle emozioni e dei sentimenti e su come gestire la rabbia e l'aggressività, ma sono in alto mare perchè non ho testi di riferimento (in particolare che suggeriscano attività pratiche dato che l'idea sarebbe andare noi nelle classi...)
    Se avete idee, contributi o suggerimenti... grazie in anticipo, sperando anche possa essere utile a qualcuno che voglia cimentarsi con qualcosa di simile!
    Vimae

  2. #2
    Postatore Compulsivo L'avatar di sulinari
    Data registrazione
    11-01-2005
    Residenza
    provincia di Bologna
    Messaggi
    2,954
    il tuo post mi aveva incuriosito e così ho letto. io sto lavorando in una materna come educatrice... Proverò a pensare a qualcosa, ma effettivamente non è facile...non mi viene in mente bibliografia sull'argomento..
    qui ci sono anch'io --> http://internos7.wordpress.com/

    Perfer et obdura. Dolor hic tibi proderit olim.

  3. #3
    Ospite non registrato
    Ciao,

    prendi questo libro: l'ho letto ed è fatto bene, ci sono anche idee per progetti di questo tipo alle materne
    Donata Francescato / Anna Putton / Simona Cudini “Star bene insieme a scuola – Strategie per un’educazione socio-affettiva dalla materna alla media inferiore”.
    Carocci editore 2000

    E poi guarda questo link:

    http://www.edscuola.it/archivio/anto..._affettiva.htm

    uhmmm ma quando riuscirò a fare qualcosa del genere anch'io? Avevo fatto con il mio tutor supervisione ad un progetto per insegnanti e relativa formazione ... com'è dura l'avventura ...





    In bocca al lupo!

    Ciao ciao.

  4. #4
    Partecipante L'avatar di **kioko**
    Data registrazione
    23-02-2005
    Messaggi
    43
    io ti consiglierei il materiale del prof. Di Pietro (www.mariodipietro.it)

  5. #5
    Partecipante Super Esperto
    Data registrazione
    26-07-2003
    Messaggi
    743
    Il libro Star bene a scuola ce l'ho e l'ho letto, però mi sembra ben poco operativo (a parte qualche cosa nella parte finale che però non mi ha ispirato molto e mi è sembrata poco applicabile).
    L'ho trovato più utile per la scuola elementare...
    Lo stesso per i materiali di Di Pietro sull'educazione razionale emotiva: guarderò meglio il sito però ho già qualche suo libro e mi è sembrato più adatto per la fascia alta delle elementari o per le medie.
    Un paio di anni fa ho usato il suo libro L'educazione razionale emotiva in una quarta elementare ma alcune cose erano troppo complicate persino per i bambini di 4°!!!
    Presuppone una capacità di pensiero e riflessione sui propri sentimenti che non vedo possibile nei bambini di materna...
    Vimae

  6. #6
    briciola79
    Ospite non registrato
    Ciao,io sono un'insegnante della materna e spero presto di luarearmi in psicologia(ovvio)al più presto.Se mi posso permettere,vorrei lasciarti solo due parole sull'argomento.In realtà è molto difficile trovare qualche inventiva se non sei nella situazione o meglio i bambini piccoli sono una fonte di grosse sorprese ma la migliore tattica con loro è non averne!Io credo che invece dei testi forse dovresti passare in biblioteca e vedere se hanno libri x giochi con carta e penna.Oppure partire dalla vita quotidiana e rappresentarla.Insomma cercare di prenderli su più fronti...Io ho lavorato bene con dei libri sul pratico.Spero che queste due parole possano esserti state utili.Ah cerca di andare anche tu in classe loro(i bimbi)ti aiuteranno.

  7. #7
    briciola79
    Ospite non registrato
    Ah dimenticavo cerca di vederli per quello che sono,piccoli cuccioli ed a volte non sono cosi x causa loro.Ah mi raccomando la semplicità,quindi lascia perdere tutte quelle "stronzate" che hai letto sui nostri bei manuali.Un bacione e buona fortuna

  8. #8
    rossoblu
    Ospite non registrato
    Ciao! io tenterei la strada della fiaba.
    Ho letto una recensione in rete (Vertici) su questo libro di Alba Marcoli
    Il bambino nascosto
    Mondadori, 1993
    Euro 7,80
    Io purtroppo non l'ho ancora lettoma ti riporto la recensione (spero che si possa fare...!):

    Il tentativo di Alba Marcoli, psicologa e psicoterapeuta analitica con una lunga attività di formazione psicologica per genitori ed educatori, è quello di mettere alla portata di tutti concetti psicologici attraverso l'uso delle favole. Tale strumento si è dimostrato molto efficace nel rendere di immediata comprensione ciò che accade tutti i giorni sotto gli occhi di genitori ed educatori, di chiarire ciò che si nasconde dietro certi comportamenti definiti negativi. Alba Marcoli sostiene che un'opera di prevenzione permette di individuare in tempo il disagio del bambino e indebolire la possibilità che si consolidi e che si sviluppi in comportamenti devianti nell'adolescenza o in età adulta come realtà psicologica che va poi a ricadere su altri figli. (...)
    Viene usato il mondo animale, lupacchiotti, scoiattoli, conigli, orsacchiotti, lepri, per far riferimento a temi che attraversano l'infanzia, come: la paura di essere abbandonati, il non sentirsi amato, la paura di perdere i genitori, la paura della separazione da ciò che è familiare, la mancanza dei limiti, ecc. Le favole prendono spunto da storie reali e l'autrice fa uso deliberatamente di un linguaggio semplice, non solo per raggiungere un pubblico di non esperti, ma soprattutto per allentare le resistenze e ricontattare così un'affettività e delle emozioni sepolte da tempo. Il tentativo è quello di spingere i genitori, dalla struttura psicologica ormai consolidata, a guardare le cose con l'ottica dei figli, riappropriandosi degli occhi dei bambini che sono stati.

    Protagonista principale è il Bosco delle Sette Querce che fa da sfondo all'inizio e alla fine di ogni racconto, a ricordare come ogni storia, pur complessa, si inserisce all'interno di un ordine più grande che trascende la singola esperienza e anche la sostiene rendendola parte di un tutto. Dunque questo bosco, sempre uguale e sempre diverso, allude al fluire che ci circonda, fatto di ritmi ciclici che si ripetono continuamente nonostante terribili esperienze attraversino le nostre singole vite. Nel Bosco delle Sette Querce, i cuccioli si radunano tutte le sere nella Scuola dello Spiazzo ad ascoltare gli anziani che raccontano storie sui fatti della vita e sul senso di questa, così che ogni piccolo cucciolo apprenda gli strumenti per districarsi nella vita."

    Spero che il libro possa esserti utile, ma comunque, se la mia idea ti sembra applicabile (personalmente per le scuole materne il veicolo della fiaba mi sembra il migliore!), puoi trovare parecchio anche in rete!
    Ah dimenticavo... se decidi per questa strada leggi "Il mondo incantato" di Bruno Bettelheim!

  9. #9
    Partecipante Super Esperto
    Data registrazione
    26-07-2003
    Messaggi
    743
    Conosco il libro della Marcoli ma si tratta di fiabe per adulti, per genitori.
    Lei le usa in gruppi di genitori come stimolo per avviare la discussione e non mi sembrano adatte per dei bambini, anche perchè gli argomenti su cui sono state costruite attengono molto di più il mondo della genitorialità che quello infantile...
    In quanto al libro di Bettelheim è molto interessante la sua analisi dei significati psicoanalitici della fiaba ma a me è sembrata una lettura molto teorica, quasi antropologica, ma con ben pochi spunti operativi....

    In quanto a Briciola79 non sono ben sicura di aver capito l'intervento: mi stai dicendo che sarebbe meglio tentare la strada delle attività pratiche piuttosto che discussioni o riflessioni "guidate"?
    Perchè anche io credo che cose troppo teoriche rischierebbero di venir vissute come "lezioni scolastiche", il problema è che non avendo esperienza con bambini di quell'età in gruppo classe non ho idea nemmeno di quali attività pratiche proporre!
    Mi piacerebbe qualcosa che raccontasse anche di esperienze pratiche, di attività da proporre...
    Poi un progetto sarà comunque inevitabile ma non tanto per i bambini quanto per gli adulti che li circondano (dirigente che deve approvarlo): non posso proporre di andare lì e vedere perchè mi devoo pagare (spero) e quindi devono sapere quante ore mi servono e in linea di massima cosa ho intenzione di fare in modo da poter decidere se gli piace o no.
    Vimae

  10. #10
    Partecipante L'avatar di **kioko**
    Data registrazione
    23-02-2005
    Messaggi
    43
    Non tutte le attività proposte da Di Pietro possono essere utilizzate a tutte le età, ma due ann fa io e una mia collega abbiamo usato parte del suo libro "L'ABC delle mie emozioni", ovviamente adeguatamente riadattato in alcuni punti, con dei bambini di prima e terza elementare.
    Utile potrebbe essere anche il libro "Aiutare i bambini...a esprimere le emozioni. Attività psicoeducative con il supporto di una favola" della Sunderland (Ed. Erickson). Però non l'ho mai usato...
    Un saluto

  11. #11
    Partecipante Super Esperto
    Data registrazione
    26-07-2003
    Messaggi
    743
    Dato che questo è il periodo per presentare progetti, provo a rilanciare la richiesta...
    magari aprendolo anche alla possibilità di proporre attività di stimolazione cognitiva (un pò tipo i materiali IPDA), ma soprattutto rilancio l'educazione all'affettività perchè c'è veramente pochissimo (o almeno io non sono riuscita a trovare nulla).
    Quasi tutti i libri Erickson che ho visto sono tarati per la fine del ciclo della scuola elementare e riesco a fatica ad adattarli a bambini di 2^, figuriamoci scuola materna!
    Vimae

  12. #12
    scioppetta
    Ospite non registrato
    Ciao!
    Anch'io sto progettando qualcosa del genere anche se mi è stato chiesto di focalizzarmi anche sull'aspetto dello sviluppo sessuale oltre che affettivo- emotivo (aiuto!!!) per bambini del I ciclo di scuola elementare.

    Posso consigliarti
    http://gold.indire.it/nuovo/generale...00000000199E1E
    scarica il terzo allegato

    ...spero ti sia utile e in bocca al lupo!

    P.S. Se ti va teniamoci in contatto per ulteriori novità...

  13. #13
    Partecipante Super Esperto
    Data registrazione
    26-07-2003
    Messaggi
    743
    Grazie!!!
    E' fantastico, credo proprio fosse quello che cercavo...
    ero pronta ad acquistare quintalate di libri e questo invece è anche gratis!
    Per l'educazione sessuale (elementare) segnalo
    DEL RE-BAZZO
    Educazione sessuale e relazionale affettiva, ERICKSON.
    Ha delle schede operative abbastanza utili (anche se molte riguardano il secondo ciclo della scuola elementare) ed è molto molto centrato proprio sulla sessualità (e meno sull'educazione alle emozioni).
    Vimae

  14. #14
    scioppetta
    Ospite non registrato
    Sono contenta di esserti stata d'aiuto!
    Riguardo il libro che mi hai consigliato spero di trovarlo presto in libreria perchè, purtroppo, ho poco tempo per stilare il progetto...sai piuttosto qualche sito che indichi schede o attività operative?
    Buon lavoro!!!

  15. #15
    Partecipante Super Esperto
    Data registrazione
    26-07-2003
    Messaggi
    743
    Sui siti non sono molto in gamba, ho solo trovato delle attività ma più di tipo ludico sul sito www.igiochidielio.it
    Prova a dare un'occhiata per vedere se può esserti utile...
    Vimae

Privacy Policy