• Opsonline.it
  • Facebook
  • twitter
  • youtube
  • linkedin
Visualizzazione risultati 1 fino 12 di 12

Discussione: ansia..questo incubo

  1. #1
    Partecipante Esperto L'avatar di giulietta3
    Data registrazione
    28-01-2005
    Residenza
    palermo
    Messaggi
    412

    ansia..questo incubo

    ciao a tutti,
    sappiamo che i disturbi d ansia e ciò che spesso ne deriva sono terribili.
    Per vari motivi vorrei che mi raccontaste qui qualcosa che vi è capitato riguardo i disturbi d ansia,cosa fate x gestirli?
    Qual 'è l'episodio +grave che vi è capitato?
    Spero che colleboriate con sincerità a questo mio nuovo argomento.
    ciao a tutti.

  2. #2
    Partecipante Leggendario L'avatar di pinga
    Data registrazione
    09-02-2002
    Residenza
    Roma
    Messaggi
    2,111
    Booh??? In passato (avevo circa 17 anni) avevo - raramente, per fortuna - degli attacchi di panico. Prevalentemente quando ero sola nella mia camera.
    Inspiegabilmente iniziavo ad avete tachicardia, sudorazione, iniziavo a pensare che stesse per succedere qualcosa di brutto.
    Mi è accaduto fino ai 22 anni circa, con cadenza di una volta ogni sei/nove mesi. Quindi non si trattava di un disturbo.
    Poi è passata quando... ho scoperto che si trattava proprio di attacchi di panico, studiandoli all'università!
    Da quel momento in poi non ne ho più avuti. Solo una volta (circa sei mesi fa) quando, in aereo, stavamo rimanendo senza benzina e ci hanno anche dirottati. Ma era quasi inevitabile perchè una cosa del genere non mi era mai accaduta. Solo che ho capito subito cosa stava per accadere e ho cercato in tutti i modi di controllarlo e di rilassarmi, non solo per me ma anche per gli altri passeggeri che erano già abbastanza spaventati.

    Non so a cosa fossero dovuti i miei attacchi. Ho semplicemente concluso che si tratta di un problema familiare, in quanto un pò in tutta la mia famiglia si soffre di episodi di ansia (non disturbi, per fortuna)
    Adesso so riconoscerli e so controllarli (anche se, ripeto, non ci soffro abitualmente) e riesco anche ad iutare i miei familiari a riconoscerli e a non ingigantirli.


    Per il resto, posso dirti (forse non ti interesserà, ma va beh) che c'è una fortissima incidenza di disturbi ansiosi e depressivi qui al nord, rispetto al sud. Alcuni miei parenti che vivono al nord soffrono frequentemente di attacchi di panico e bevono lexotan come fosse acqua. Lo stesso vale per chi vive qui al nord, in generale. E lo confermano molti miei colleghi.
    Probabilmente questi disturbi hanno delle variabili contestuali: considera che, chi lavora al nord, ha degli orari più rigidi di coloro i quali lavorano al sud. Non parlo di vita frenetica: la velocità di palermo l'ho riscontrata solo a Milano ma è proprio questione di orari e di difficoltà nel sapersi gestire il lavoro, la casa, il marito, i figli.
    Certe volte queste difficoltà stanno a monte, a causa di una cattiva organizzazione della propria vita e sono attribuibili e se stessi e difficili da correggere. Altre volte è proprio il sistema che non ti permette di gestire tutto.
    Da qui ansia, depressione, etc.


    Per quel che riguarda il tuo amico, quello di cui parlavi nell'altra thread, cerca di capire innanzitutto se lui è conscio di avere un problema. Se questo problema gli provoca disagio e se compromette le sue funzioni lavorative e sociali.
    Ricorda che spesso un alto livello di funzionamento, come quello dei disturbi nevrotici, non sempre compromette queste aree. Pertanto forse sei più tu che ti poni il problema, che il tuo amico.
    Se, invece, tali funzioni sono compromesse ma, comunque, il tuo amico SA di avere un problema consigliagli subito uno psicoterapeuta. Ricorda di farlo sempre con molta diplomazia e calma: non sempre sentirsi consigliato di andare da uno specialista fa gioire chi è destinatario del consiglio.
    Se, invece, comprendi che non è così, provare ad aiutarlo oppure consigliargli uno psicologo sarà inutile perchè negherà sempre e comunque di avere un problema.
    In quel caso i giochi saranno molto più complessi e difficili: o lo costringete ad andare da uno psicologo (ma non devi essere tu), oppure rimarrà a cuocere nel suo brodo.

    Buona fortuna



  3. #3
    Partecipante Esperto L'avatar di giulietta3
    Data registrazione
    28-01-2005
    Residenza
    palermo
    Messaggi
    412
    grazie tantissimo xla tua risposta.era molto esauriente.
    spero che vada tutto ok.......
    bacioni e a presto.

  4. #4
    Partecipante Esperto L'avatar di giulietta3
    Data registrazione
    28-01-2005
    Residenza
    palermo
    Messaggi
    412
    ciao carla, volevo anche aggiungere che il mio amico xora è un uno stato di grande stress dovuto ad una storia d amore finta.ma sta cercando di uscirne bene.
    Ha avuto 1 attacco di panico l altra volta...dopo si sentiva confuso...anche l indomani.Non sa se la sua è paura d averne un altro.
    Lui si rende conto perfettamente di avere questo problema,mi dice che esce di casa ma ha l'ansia addosso e pur avendo una percezione normale della realtà si sente 1po confuso...cioè è consapevole di tutto:di chi è lui,i suoi genitori i suoi amici,insomma questo si. Semplicemente è come se li percepisse 1po' diversi dal solito...ma lui dice che questo fatto probabilmente deriva da questo suo stato d ansia e paura.
    Poi mi ha detto ke lui ha paura di avere 1po' di derealizzazione....io so cosa è ...è quendo ci si sente 1po distaccati dalla realtà,ma quando avviene come si riconosce se è questa esattamente?oppure se lui è solo terrorizzato d averla e invece non è cosi.
    xfavore illuminami.
    bacioni e grazie sempre.

  5. #5
    Partecipante Esperto L'avatar di giulietta3
    Data registrazione
    28-01-2005
    Residenza
    palermo
    Messaggi
    412
    ciao,ma nessuno mi illumina 1po sui quesiti di questo mio ultimo messaggio??
    effettivamente se non si sanno le cose di preciso,è meglio nn confondermi di piu.
    kisss e spero ancora in qualke novità da parte vostra.
    baci

  6. #6
    Partecipante Assiduo L'avatar di Essekra
    Data registrazione
    18-05-2002
    Residenza
    Palermo
    Messaggi
    178
    Cara giulietta, i quesiti che poni sono un pò complessi e ritengo che le conoscenze accademiche che al momento possediamo non possano colmare i tuoi dubbi.
    Da quello che hai scritto ho scorto un notevole coinvolgimento da parte tua, per cui ritengo che alla base dei tuoi interrogativi ci sia la voglia di aiutare con tutte le tue forze questa persona a te cara.
    Potremmo intavolare discorsi e fare supposizioni, ma resteremmo fermi a pure digressioni teoriche, magari anche viziate dalle nozioni che ci hanno propinato all'università.
    Penso che tu possa limitarti a stargli accanto (e noi possiamo limitarci a darti un sostegno virtuale), ma il vero aiuto (anche solo per fare chiarezza) ritengo debba provenire da una persona qualificata.
    Dico questo anche perchè purtroppo, e sottolineo PURTROPPO, molti neolaureati tendono a ritenersi già in grado di risolvere disagi e problematiche, solo perchè laureati.
    Io sto per laurearmi ed in tutta onestà sono convinta che dovrò fare ancora tanta strada prima di ritenermi in grado di prendere in mano un caso e dire la mia con certezza.
    L'etica purtroppo non viene insegnata all'università...

    In bocca al lupo giulietta
    "Tu sei una stella che riscoprirò meteora e che brillerà per sempre nel mio universo.."

  7. #7
    Partecipante Assiduo L'avatar di Essekra
    Data registrazione
    18-05-2002
    Residenza
    Palermo
    Messaggi
    178
    ....perdonami Carluzza, sono andata un pò OT
    "Tu sei una stella che riscoprirò meteora e che brillerà per sempre nel mio universo.."

  8. #8
    Super Postatore Spaziale L'avatar di sinonimo
    Data registrazione
    21-07-2005
    Residenza
    Palermo
    Messaggi
    2,880
    Blog Entries
    2
    concordo cn essekra.
    Buona vita a tutti!

  9. #9
    Partecipante Esperto L'avatar di giulietta3
    Data registrazione
    28-01-2005
    Residenza
    palermo
    Messaggi
    412
    ciao essekra,purtroppo hai ragione al 100 x100.lo so ank io ke la verità è questa
    So anche che dopo che si studia 5 anni...alla fine non è che si sa come affrontare determinate situazioni..e cio è davvero triste.Sono la prima io ad adesse inadeguata in questo senso.
    ciao ciao

  10. #10
    Partecipante Leggendario L'avatar di pinga
    Data registrazione
    09-02-2002
    Residenza
    Roma
    Messaggi
    2,111
    Ciao Giulietta, scusa ma ho avuto un paio di giorni di fuoco.
    Beh... che dirti... sicuramente, come dice Essekra, non è qui che troverai la soluzione al tuo problema, in quanto nessuno di noi è psicologo e, anche se lo fossimo, sarebbe difficile fare una diagnosi e impostare un trattamento via internet.
    Spesso improvvisarsi psicologi, pur studiando psicologia, è veramente deleterio, credimi.
    Se il tuo amico sta male e non riesce a tirarsi fuori da solo (ci sono persone che, quando vengono compiante, si crogiolano di più sul loro dolore. Dire poverino poverino a volte non serve, Giulietta. E se lui è una di queste persone hai ben poco da dire e da fare) ci vuole uno specialista.
    Io più semplicemente credo che il malessere in seguito alla rottura è normale. La persona in questione deve vedere se può uscirne da sola, se sa di poterlo fare.
    Per il resto, prendetemi con le pinze: non sono una pissicolica

  11. #11
    Partecipante Esperto L'avatar di giulietta3
    Data registrazione
    28-01-2005
    Residenza
    palermo
    Messaggi
    412
    ciao a tutti,avete ragione...in tutto cio che avete detto.
    Ma io "ingenuamente"volevo qualke consiglio..anke se cmq me li avete dati.
    IN pratica mi sta molto a cuore la questione del mio amico xchè gli voglio molto bene,ma anke xkè ank io in passato ho avuto 1 problemino d ansia....per fortuna 1 caso isolato e so cosa si prova...è davvero orribile e non lo auguro neanke al mio peggior nemico.
    cmq aldilà del mio amico,se avete esperienze da raccontare qui sull ansia mi piacerebbe molto saperle.
    un bacione.

  12. #12
    Partecipante Leggendario L'avatar di pinga
    Data registrazione
    09-02-2002
    Residenza
    Roma
    Messaggi
    2,111
    La discussione continua qui:

    http://www.opsonline.it/forum/showth...threadid=29960

    Questo thread viene momentaneamente chiuso, nella'attesa di venire unito ad un identico thread sulla dolce vita e di cui vi ho dato il link.

Privacy Policy