• Opsonline.it
  • Facebook
  • twitter
  • youtube
  • linkedin
Pagina 1 di 4 123 ... UltimoUltimo
Visualizzazione risultati 1 fino 15 di 59
  1. #1

    La scienza deve aprirsi a Dio

    link

    Le università cattoliche debbono «fare scienza nell’orizzonte di una razionalità vera, diversa da quella oggi ampiamente dominante, secondo una ragione aperta al trascendente, a Dio», perché non si può ridurre l’orizzonte della conoscenza umana al «dimostrabile mediante l’esperimento », come vorrebbero «correnti importanti della filosofia moderna»: lo ha affermato ieri il Papa, aprendo l’anno accademico dell’Università cattolica del Sacro Cuore.
    È stato uno dei discorsi di maggiore respiro tra quanti ne abbia tenuti fino a oggi il Papa teologo, paragonabile a quello con cui il 18 aprile, da cardinale decano, puntò il dito contro la «dittatura del relativismo » e all’altro con cui, il 2 ottobre, aprì il Sinodo dei vescovi, affermando che «non è tolleranza ma mistificazione» la pretesa della società secolare di «espellere Dio dalla vita pubblica».
    Benedetto XVI, rispondendo al saluto del rettore Lorenzo Ornaghi e del cardinale Dionigi Tettamanzi, è partito dal compito proprio di un’università cattolica, che consisterebbe nell’elaborare «sempre nuovi percorsi di ricerca in un confronto stimolante tra fede e ragione che mira a recuperare la sintesi armonica raggiunta da Tommaso d’Aquino e dagli altri grandi del pensiero cristiano, una sintesi contestata purtroppo da correnti importanti della filosofia moderna ».
    Secondo Papa Ratzinger, «la conseguenza di tale contestazione è stata che come criterio di razionalità è venuto affermandosi in modo sempre più esclusivo quello della dimostrabilità mediante l’esperimento: le questioni fondamentali dell’uomo, come vivere e come morire, appaiono così escluse dall’ambito della razionalità e sono lasciate alla sfera della soggettività».
    Per Benedetto XVI le conseguenze sono di grande portata: «Scompare, alla fine, la questione che ha dato origine all’università, la questione del vero e del bene, per essere sostituita dalla questione della fattibilità». Ritornare a porre quelle questioni «nel 2000», insistendo, contro corrente, a «coniugare fede e scienza» è «un’avventura entusiasmante perché, muovendosi all’interno di questo orizzonte di senso, si scopre l’intrinseca unità che collega i diversi rami del sapere, perché tutto è collegato». Si tratta di un’argomentazione che il cardinale Ratzinger aveva già abbozzato in una conferenza tenuta a Berlino nel 2000 e in un’altra letta a Roma nel maggio del 2004 su invito del presidente del Senato Marcello Pera. In tali occasioni aveva qualificatocome «secondo illuminismo» la tendenza filosofico-scientifica che riduce la sfera del razionale alle «esperienze della produzione tecnica su basi scientifiche».
    Benedetto XVI ha pure accennato alla questione della contraccezione, affermando di avere particolarmente «a cuore» l’Istituto scientifico internazionale Paolo VI di «ricerca sulla fertilità e infertilità umana per una procreazione responsabile» che opera all’interno dell’Università cattolica. Unistituto, ha detto, «nato per rispondere all’appello lanciato dal Papa Paolo VI nell’enciclica Humanae Vitae e che si propone di dare una base scientifica sicura sia alla regolazione naturale della fertilità umana che all’impegno di superare in modo naturale l’eventuale infertilità».
    Il Papa ha pure ringraziato con parole commosse il personale del Gemelli (il policlinico dell’Università cattolica) per le cure prestate a Giovanni Paolo II: «In quei giorni verso il Gemelli era rivolto da ogni parte del mondo il pensiero dei cattolici, e non solo. Dalle sue stanze di ospedale il Papa ha impartito a tutti un insegnamento impareggiabile sul senso cristiano della vita e della sofferenza, testimoniando in prima persona la verità del messaggio cristiano».


    io inizierei a rileggere galileo, tanto per.
    [“Tutte le lettere sono d'amore”]>>Yellow Letters

  2. #2
    io mordo
    Ospite non registrato
    Ma anche Giordano Bruno ...

  3. #3
    Ospite non registrato
    io direi di ripetere un po' tutti i filosofi, che ne dite?

  4. #4
    io mordo
    Ospite non registrato

    ...infatti!

  5. #5
    Partecipante Super Figo L'avatar di alita
    Data registrazione
    04-06-2003
    Residenza
    roma
    Messaggi
    1,727
    Incredibile come Giovanni Paolo II finisca per diventare la figura da smerciare per acquisire consensi...

    Dopo l'anti-darwinismo, bisognava aspettarsi di tutto e tra l'altro come mai un intervento di Rat[Na]zinger viene classificato sotto la voce "politica"?


    C'è come un dolore nella stanza,
    ed è superato in parte:
    ma vince il peso degli oggetti,
    il loro significare peso e perdita.
    |Amelia Rosselli|

    Charlotte - Vorrei poter dormire -
    | Lost in Translation|

  6. #6
    Ospite non registrato
    Originariamente postato da alita


    Dopo l'anti-darwinismo, bisognava aspettarsi di tutto e tra l'altro come mai un intervento di Rat[Na]zinger viene classificato sotto la voce "politica"?
    magari Rat[Na]tzinger te lo potresti anche tenere per te.Un po' di rispetto per coloro per i quali questa figura è u punto di riferimento.Grazie
    E non parlo come moderatrice.

  7. #7
    Postatore Compulsivo L'avatar di ghiretto
    Data registrazione
    15-11-2004
    Residenza
    nell'orbita di Anarres
    Messaggi
    3,359

    Rat(Na)tzinger

    Ratzinger ha per sua stessa ammissione militato volontario nelle Hitler Jugend, (2)

    e seguendo..

    Georg Ratzinger ha detto: "Non vedemmo nel nazismo un modello di vita, ma anzi qualcosa dietro al quale c'era malvagità". In merito alla sua iscrizione alla Hitlerjugend, "fummo costretti ad iscriverci.

    cosa vuol dire "fummo costretti"?

    Stiamo attenti a non confondere ruolo e persona che lo occupa, poichè non mettere in discussione l'Autorità, porta, per stessa ammissione del Papa, a queste conseguenze.
    " E se scruti a lungo un abisso, anche l’abisso scruterà dentro di te" Nietzsche


    dai un'occhiata a questo sito www.altrapsicologia.it

    per usufruire del servizio contattare la scrivente per pattuire il compenso

  8. #8
    Ospite non registrato
    Io non confondo proprio niente e comunque mi puoi postare tutti gli articoli di questo mondo , ma io rimango della mia opinione, a costo di sembrare imbecille e ottusa.

  9. #9
    Postatore OGM L'avatar di willy61
    Data registrazione
    20-09-2004
    Residenza
    Albino (BG)
    Messaggi
    4,192
    Blog Entries
    281

    La scienza deve aprirsi a Dio (?)

    Carissima Mia...

    Mi verrebbe in mente di dire: sarebbe pure ora di tentare di compiere il percorso inverso. Proviamo, per un post, ad immaginare cosa accadrebbe se la religione iniziasse ad aprirsi alla scienza?

    Le università cattoliche debbono «fare scienza nell’orizzonte di una razionalità vera, diversa da quella oggi ampiamente dominante, secondo una ragione aperta al trascendente, a Dio», perché non si può ridurre l’orizzonte della conoscenza umana al «dimostrabile mediante l’esperimento »,
    E qui iniziano i problemi. Proviamo ad analizzarli uno per uno:

    a) Quale sarebbe la "razionalità vera"? Qui non viene proposto alcun programma di ricerca per scoprirlo. Nulla viene detto su quali potrebbero essere i passi per distinguere la razionalità "vera" da quella "falsa", né per definire le due razionalità. Nei fatti, si effettua un'operazione di indottrinamento, in quanto si dà per scontato che esista una razionalità vera e che essa consista nell' "aprirsi al trascendente". Dal punto di vista scientifico, prima si fanno le ipotesi, poi si costruiscono gli esperimenti, poi si rilevano i risultati, poi (eventualmente) si modificano le ipotesi di partenza. Egr. Sig. Ratzinger, vogliamo tentare di fare la stessa cosa?

    b) Intanto, perché sarebbe una "riduzione", mantenere l'orizzonte della conoscenza umana entro i limiti sperimentali? Qualcuno può sostenere che accontentarsi di camminare (invece di volare) rappresenti per gli esseri umani una riduzione delle loro facoltà? Forse significa solo prendere correttamente atto di come stanno le cose in questo mondo.

    compito proprio di un’università cattolica, che consisterebbe nell’elaborare «sempre nuovi percorsi di ricerca in un confronto stimolante tra fede e ragione che mira a recuperare la sintesi armonica raggiunta da Tommaso d’Aquino e dagli altri grandi del pensiero cristiano, una sintesi contestata purtroppo da correnti importanti della filosofia moderna ».
    Proviamo, per cortesia a sintetizzare il pensiero cristiano con le acquisizioni della scienza? Quando si afferma il dogma della transustanziazione, occorrerebbe poter anche spiegare come si possa trasformare la materia senza utilizzare un anello di accelerazione di particelle. Quando si afferma la risurrezione della carne, occorre poter speigare come sia possibile ricostruire la configurazione atomica e molecolare a distanza di tempo e in assenza di banche dati di memoria. Quando si parla dell'esistrenza di una verità, occorrerebbe riprendere la fisica quantistica e cercare di capire se l'elettrone sia un'onda o una particella.

    le questioni fondamentali dell’uomo, come vivere e come morire, appaiono così escluse dall’ambito della razionalità e sono lasciate alla sfera della soggettività».
    Iniziamo a spiegare perché queste siano le questioni fondamentali, invece di dichiararlo in modo apodittico, per favore? In base a quale logica non possono essere altrettanto fondamentali altre questioni? Che so, la conoscenza del mondo, la scoperta del proprio inconscio o l'innamorarsi di qualcuno?

    Per ora basta così. Il seguito alla prossima puntata

    Buona vita

    Guglielmo
    Dott. Guglielmo Rottigni
    Ordine Psicologi Lombardia n° 10126

  10. #10
    Postatore Compulsivo L'avatar di ghiretto
    Data registrazione
    15-11-2004
    Residenza
    nell'orbita di Anarres
    Messaggi
    3,359
    Originariamente postato da isotta80
    Io non confondo proprio niente e comunque mi puoi postare tutti gli articoli di questo mondo , ma io rimango della mia opinione, a costo di sembrare imbecille e ottusa.
    Non pretendo affatto di farti cambiare alcuna idea, solo di offrire altri spunti per leggere le affermazioni di chicchessia... poi se uno vuole abbarbicarsi sopra posizioni a.prioristiche senza entrare nel merito questo è un altro discorso, liberissima di farlo!

    Mi chiedo solo se, come essere umano, posso sposare una coscienza mia personale, kantiana direi, senza dover necessariamente dipendere da un altro umano, altrettanto fallibile dunque come me, per decidere e/o valutare cosa sia o non sia giusto. Attribuire una posizione di guida a qualcuno, implica l'abdicare al proprio animo, pensiero e morale, in virtù di una maggiore che si pensa l'altro abbia, così come non mettere in discussione questa modalità, implica che, per i motivi sopracitati, se l'autorità in questione proponesse cose che contrarie allle mie personali opinioni, io vi debba necessariamente aderire.
    Parlo per sistemi massimi, e non nella fattispecie per il Papa, ma l'obbedienza cieca non mi pare abbia portato molte positività in questo mondo.
    Rispettare si, ma potendo avere la libertà di pensare e valutare con la propria testa, visto che questo Dio la ha donata a tutti.
    " E se scruti a lungo un abisso, anche l’abisso scruterà dentro di te" Nietzsche


    dai un'occhiata a questo sito www.altrapsicologia.it

    per usufruire del servizio contattare la scrivente per pattuire il compenso

  11. #11
    kentia
    Ospite non registrato
    che assurdità non riesco a credere che un uomo del nostro secolo possa dichiarare queste cose... a questo punto chi definirebbe ancora il medioevo come un periodo di oscurantismo?
    Mah... sono sconcertata

  12. #12
    Ospite non registrato
    Pat, non capisco sinceramente cosa centri il tuo discorso con la mia richiesta di rispetto( che ripeto e ci tengo a sottolinearlo non è stata fatta da me moderatrice). Se pensare con la propria testa significa dare giudizi di valore e fare battutine di dubbio gusto potevate anche dirmelo, mi sarei regolata di conseguenza
    Ho letto i tuoi articoli e anche altri,non è che stia dicendo che hai postato cose false

    Non capisco una cosa: ma qual'è il problema? Il Papa fa dichiarazioni in nome della Chiesa che rappresenta (romana cattolica) , come tutti gli altri esponenti di tutte le altre religioni di questo mondo ...Non è libero di farle? Chi vi sta obbligando a cosa?
    Ognuno è libero di pensarla come vuole grazie a Dio, qui nessuno sta imponendo niente. è solo una dichiarazione che rappresenta l'opinione della Chiesa in merito:basta.
    Di cosa vi preoccupate? Non penso sia possibile un ritorno al medioevo kentia, stai tranquilla

  13. #13
    Postatore Compulsivo L'avatar di ghiretto
    Data registrazione
    15-11-2004
    Residenza
    nell'orbita di Anarres
    Messaggi
    3,359
    C'entra il discorso...nel momento in cui il Papa afferma di essere stato costretto a fare alcune cose (sorvoliamo sul cosa ) poichè appunto essendo lui a capo di una chiesa e di uno stato, cioè dall'altra parte del sistema, da giovane comandato e ora a capo, potrebbe anche lui essere nella posizione di chi costringe altri....
    Ci preoccupiamo delle continue, incessanti, insofferenti interferenze che la chiesa attua verso lo Stato laico italiano, di null'altro, fosse vero ciò che tu dici la cosa non mi scalfirebbe neppure ...
    " E se scruti a lungo un abisso, anche l’abisso scruterà dentro di te" Nietzsche


    dai un'occhiata a questo sito www.altrapsicologia.it

    per usufruire del servizio contattare la scrivente per pattuire il compenso

  14. #14
    Partecipante Super Figo L'avatar di alita
    Data registrazione
    04-06-2003
    Residenza
    roma
    Messaggi
    1,727
    Vabbè, mi scuso con chi si è sentito offeso per la mia "battutina di dubbio gusto", mi sembra che ci sia bisogno di questo perché la discussione possa continuare. Ancora scusa.

    Ghiretto: puntuale ed esaustiva come io non ho saputo essere.

    La questione è: quanto è democratico che dall'alto venga imposto un modello di pensiero, aprioristico tra l'altro, con tale insistenza (un'insistenza sottile e, per quello che riesco a capire, neanche percepita come tale) e tale sfoggio di armi e tattiche tanto care alla politica più che ad altro?


    C'è come un dolore nella stanza,
    ed è superato in parte:
    ma vince il peso degli oggetti,
    il loro significare peso e perdita.
    |Amelia Rosselli|

    Charlotte - Vorrei poter dormire -
    | Lost in Translation|

  15. #15
    Postatore Compulsivo L'avatar di stillmad
    Data registrazione
    28-07-2004
    Residenza
    peripezie mentali
    Messaggi
    3,577
    la Chiesa deve rispettare lo Stato laico
    lo Stato laico deve rispettare la Chiesa

    e possibilmente nessuno dei due deve intromettersi negli affari dell'altro.
    mi sembra che siano secoli che si discuta su questo.
    non è una cosa nuova.
    ed il problema è proprio che quanto suddetto..non avviene purtroppo.
    per quanto sia semplice e lineare...
    io sono credente e mi da fastidio sentir prendere per il culo il Papa(come ha giustamente sottolineato Isotta!!) è ovvio però devo anche dire che Lui deve rimanere nel suo...
    anche io credevo che "non dovevamo" preoccuparci..perchè tanto la chiesa non avrebbe mica legiferato...
    e invece ragazzi devo in parte ricredermi...le cose mi puzzano...la legge sull'aborto......il comitato per la vita...mmmhhhh.......
    mi inizio un po' a preoccuapre anche io,..sono sincera....forse avevate ragione all'epoca...
    perchè uno si immagina che il Papa s'affaccia e parla..e dica cose che possano influenzare la politica..ma non è mica così limpida la faccenda...
    il Papa dice ai cardianle..il cardianle ai vescovi....e da lì..le idee vengono portate avanti..avanti..fino al mondo politico(che già è intriso di religione)...e quindi sì..devo ammettere che forse questo Papa..sta iniziano ad influenzare anche la vita di chi non crede.
    e non mi piace neanche un po'.
    anche se contiuno a rispettarLo.
    speriamo di poter ricambiare idea...che io sono sempre disponibile.
    Ultima modifica di stillmad : 27-11-2005 alle ore 15.21.21

Pagina 1 di 4 123 ... UltimoUltimo

Privacy Policy