• Opsonline.it
  • Facebook
  • twitter
  • youtube
  • linkedin
Pagina 1 di 2 12 UltimoUltimo
Visualizzazione risultati 1 fino 15 di 16
  1. #1
    Postatore Compulsivo L'avatar di ghiretto
    Data registrazione
    15-11-2004
    Residenza
    nell'orbita di Anarres
    Messaggi
    3,359

    Falluja fosforo e napalm

    " E se scruti a lungo un abisso, anche l’abisso scruterà dentro di te" Nietzsche


    dai un'occhiata a questo sito www.altrapsicologia.it

    per usufruire del servizio contattare la scrivente per pattuire il compenso

  2. #2
    Postatore OGM L'avatar di willy61
    Data registrazione
    20-09-2004
    Residenza
    Albino (BG)
    Messaggi
    4,192
    Blog Entries
    281
    Sconcertanti, si, ma non inattese. È appena uscito un testo di Angelo del Boca che traccia un quadro dei crimini commessi dagli italiani nelle guerre di occupazione del passato.

    "È vero che nell’ultimo secolo e mezzo molti altri popoli si sono macchiati di imprese delittuose, quasi in ogni parte del mondo. Tuttavia, soltanto gli italiani hanno gettato un velo sulle pagine nere della loro storia ricorrendo ossessivamente e puerilmente a uno strumento autoconsolatorio: il mito degli «italiani brava gente», un mito duro a morire che ci vuole «diversi», più tolleranti, più generosi, più gioviali degli altri, e perciò incapaci di atti crudeli."

    Buona vita

    Guglielmo
    Dott. Guglielmo Rottigni
    Ordine Psicologi Lombardia n° 10126

  3. #3
    Postatore Compulsivo L'avatar di ghiretto
    Data registrazione
    15-11-2004
    Residenza
    nell'orbita di Anarres
    Messaggi
    3,359
    http://www.rainews24.rai.it/ran24/in...t_02112005.asp

    il video....

    Le immagini sono forti
    Ultima modifica di ghiretto : 08-11-2005 alle ore 00.50.15
    " E se scruti a lungo un abisso, anche l’abisso scruterà dentro di te" Nietzsche


    dai un'occhiata a questo sito www.altrapsicologia.it

    per usufruire del servizio contattare la scrivente per pattuire il compenso

  4. #4
    samy
    Ospite non registrato
    concordo con willy...troppo comodo guardare sempre quello che di sbagliato fanno gli altri,soprattutto per convincere le persone che questa guerra è sbagliata e,secondo me, usare queste notizie a fini politici,....mi pare che in italia di atti crudeli o cmq ingiusti avvengano ogni giorno ad opera,ad esempio della mafia(un sacco di ragazzi innocenti finiscono uccisi in sparatorie varie)o sbaglio?
    io non voglio difendere nessuno...però credo che spesso le notizie vengano date a caso,quando si vuole solo per motivi politici e non sempre tutte corrette
    Samy

  5. #5
    Postatore OGM L'avatar di willy61
    Data registrazione
    20-09-2004
    Residenza
    Albino (BG)
    Messaggi
    4,192
    Blog Entries
    281
    Originariamente postato da samy
    concordo con willy...troppo comodo guardare sempre quello che di sbagliato fanno gli altri,soprattutto per convincere le persone che questa guerra è sbagliata e,secondo me, usare queste notizie a fini politici,....
    Scusami se intervengo di nuovo, Samy, ma - da quel che leggo nel tuo intervento - credo tu abbia frainteso quel che volevo dire, e può essere che io l'abbia espresso male.
    Comunque:

    a) Penso che questa guerra, come ogni altra guerra, sia sbagliata, profondamente ingiusta ed inutile. Penso che avesse ragione, profondamente ragione Bertolt Brecht, quando, in una sua poesia, diceva: "Presso i vinti la povera gente faceva la fame/presso i vincitori faceva la fame la povera gente egualmente". E, finché posso, sto da quella parte.

    b) Ho postato un riferimento alle atrocità commesse da italiani perché anche noi siamo corresponsabili, a mio parere, di quanto sta accadendo in Iraq. Il Parlamento italiano ha deliberato l'invio di truppe armate per una "missione di pace" che, per quanto posso vedere e comprendere da qui, di pacifico non ha nulla. E, poiché siamo fieri (o prodi, a seconda delle tendenze politiche di ognuno) alleati degli USA, condividiamo con loro oneri ed onori, bombardamenti al napalm ed al fosforo compresi.

    c) Se me lo consenti, vorrei provare a discutere da psicologo su questa questione. Non comprendo, infatti, se tu ritenga questa guerra giusta e, se è così, in base a quali parametri si possa valutare la "giustizia" o la "giustezza" di azioni di questo genere. Per approfondimenti rimando ad una serie di testi:

    Giuseppe Di Chiara: Sindromi psicosociali. La psicoanalisi e le patologie sociali

    Franco Fornari: Psicoanalisi della guerra

    Sigmund Freud - Albert Einstein: Perché la guerra?

    Buona vita

    Guglielmo
    Dott. Guglielmo Rottigni
    Ordine Psicologi Lombardia n° 10126

  6. #6
    Postatore Compulsivo L'avatar di Itsuki
    Data registrazione
    10-12-2004
    Residenza
    ROMA
    Messaggi
    3,057
    per ora le uniche parole che mi vengono in mente sono:

    no - comment

    poi proverò articolare un discorso coerente e completo...
    Frequentatrice (ormai) molto saltuaria di opsonline!!
    EX-moderatrice della stanza di neuropsicologia e scienze cognitive

    Finalmente ho un sito personale "SERIO"
    + visita il sito scientifico +


    Ho anche un altro sito "demenziale" con gli appunti di psicologia & altre cavolate divertenti...tutto GRATIS!!

    + entra nel sito demenziale +

    My soul is painted like the wings of butterflies, fairy tales of yesterday will grow but never die...I can fly, my friends!

  7. #7
    MarioG
    Ospite non registrato
    Da un punto di vista, un fatto è evidente, e cioè che nessuno può vantarsi di appartenere ad un'etnia pacifica e priva di misfatti, ma del resto, a che servirebbe? Sentirsi migliori perchè i propri connazionali, concittadini, compaesani, parenti hanno dato prova di essere capaci o meno di atti disumani o al contrario caritatevoli?
    Questo non dimostra niente, solo forme di condizionamenti o scelte sociali cui ognuno di noi può scegliere di aderire o rifiutare. Scegliere, appunto, se essere un carnefice, un complice (quindi un menefreghista) od un uomo migliore.
    Ed è proprio questo il punto! Vedete, c'è una cosa che io proprio non riesco a capire. Affermare che la guerra è normale e di tutti, che comunque una notizia data ha fini politici e quindi strumentali,
    RENDE FORSE LA VIOLENZA PIU' ACCETTABILE?
    Come si fa a non restare disgustati, a non provare ribrezzo per chiunque uccida, torturi, e menta in nome di ideali che la violenza può solo cancellare? (non parlo ovviamente di chi attaccato si difende, quella è un'altra questione).
    E allora non importa quale sia il colore di chi compie un atto esecrabile, le foibe in jugoslavia non giustificano e non rendono più umani i nazisti, i fascisti o le persecuzioni razziali. La crudeltà di uno Stalin non può e non deve ridimensionare la ferocia di Hitler e compagnucci, così come sta avvenendo con il 'revisionismo' tanto di moda oggi. E' un pò come dire che, poichè un comunista ha ammazzato tot persone, io nazifascista ho fatto bene ad ucciderne tot + 1.
    Ci rendiamo conto di cosa stiamo avallando?
    Ma forse è semplicemente più facile, ci si scarica la coscienza con le altrui colpe e si fornisce un alibi a sè stessi e a chi non vuol vedere. E sinceramente non so se spaventarmi maggiormente per la crudeltà di chi fa della violenza il proprio credo o di chi per ignavia li lascia fare ed addirittura li appoggia.

  8. #8
    samy
    Ospite non registrato
    io non ritengo che la guerra,nessuna sia giusta....ma penso che a volte non se possa fare a meno(come era avvenuto nella 2 g.m).
    so che la guerra in Iraq non porterà a nulla,so che la fanno lì per motivi politici economici e non tanto per combattere il terrorismo...e per questo la critico.
    nel senso che se fosse stata fatta per combattere il terrorismo allora l'avrei appoggiata perchè cmq per avere libertà a volte bisogna combattere.
    Sicuaramente mi criticherete,ma avendo vissuto con un nonno che ha lottato per la libertà ed è stato torturato per questo mi dà ai nervi vedere che i terroristi ce la stanno togliendo!!a che è servito allora il suo sacrificio?

  9. #9
    Postatore Compulsivo L'avatar di ghiretto
    Data registrazione
    15-11-2004
    Residenza
    nell'orbita di Anarres
    Messaggi
    3,359
    potrebbe servire a vedere bene "chi" sono i terroristi per prima cosa....
    " E se scruti a lungo un abisso, anche l’abisso scruterà dentro di te" Nietzsche


    dai un'occhiata a questo sito www.altrapsicologia.it

    per usufruire del servizio contattare la scrivente per pattuire il compenso

  10. #10
    samy
    Ospite non registrato
    perchè secondo te chi sono i terroristi?

  11. #11
    Partecipante Esperto L'avatar di Isildur
    Data registrazione
    06-06-2004
    Residenza
    Vivo in un luogo sperduto chiamato Afragola.
    Messaggi
    475
    Originariamente postato da samy
    perchè secondo te chi sono i terroristi?
    Giusto per accendere i toni della discussione...

    sull'attentato dell 11/9 ci sono due tesi che ne spiegano le dinamiche.
    Una, quella comunemente accettata e promossa dal governo statunitense, è quella dell'attentato terroristico.
    Questa si fonda su una serie di considerazioni, fatti e congetture, come ogni buona teoria.

    L'altra teoria che gira viene detta Tesi Complottistica e sostiene sostanzialmente che quantomeno ciò che noi crediamo di sapere sull'11/9 non è ciò che è realmente accaduto o non tutto ciò che è accaduto (tel'ho esposta in maniera edulcorata).
    La tesi complottistica, però, non si limita a presentare una diversa visione dei fatti, ma sulla base di confronti, testimonianze, documenti e leggi fisiche (avallate dall'esperienza) confuta la Tesi Ufficiale più o meno in tutti i suoi punti, dimostrando che si tratta di una ricostruzione dei fatti non attendibile e fondata su ricostruzioni (di avvenimenti) parziali, lacunose, approssimative e talvolta contraddittorie (alcune cose pare contraddicano persino le leggi della fisica).

    Una volta conosciuta a fondo la Tesi Complottistica (che ci si creda o no, conoscerla fa bene al proprio senso critico) io sono convinto che definire chi siano i terroristi in questo frangente, sia tutt'altro che semplice.

    Ecco qualche filmato/documento a riguardo:

    http://www.disinformazione.info/11settembre2001.htm

    P.S.
    La guerra è sempre sbagliata ma non la difesa personale, quella non è nemmeno "guerra". Chi si è sacrificato per la propria libertà sopportando persino la tortura ha espresso il proprio sacrosanto diritto alla vita.
    Il problema è quando si rimescola nel torbido.
    Ultima modifica di Isildur : 15-11-2005 alle ore 19.37.58

    Emma Watson CBCR Fans Club

  12. #12
    Postatore OGM L'avatar di willy61
    Data registrazione
    20-09-2004
    Residenza
    Albino (BG)
    Messaggi
    4,192
    Blog Entries
    281
    APPELLO

    Bombe al fosforo a Fallujah

    I nostri sentimenti davanti ai documenti resi pubblici grazie all’indagine della RAI (la tv pubblica italiana) (http://www.rainews24.rai.it/ran24/inchiesta/body.asp), specialmente mediante il filmato documentario (http://www.rainews24.rai.it/ran24/inchiesta/video.asp, nelle versioni in italiano, inglese e arabo) sui massacri compiuti con le cosiddette armi non convenzionali nella città di Fallujah, in Iraq, sono di orrore e sgomento.

    Orrore a causa del suo contenuto, inequivocabile, e sgomento di fronte al silenzio assordante da parte di tutti i più importanti media nazionali e internazionali.

    Crediamo che, adesso, non sarà più possibile continuare a volgere il nostro sguardo da un’altra parte davanti a questo orrore. Impossibile, a meno che non decidiamo di rinunciare ad un’altra, e decisiva, parte del nostro essere donne e uomini.

    NOI NON VOGLIAMO FARLO!

    Riteniamo che questo sia un documento di importanza storica, e che ci ponga tutti quanti di fronte a molti interrogativi (sulle convenzioni internazionali, sui diritti nelle guerre internazionali, sui trattati, sui protocolli e sui tribunali internazionali); ma addirittura prima di tutto ciò, esige e comanda a tutti noi di informare tutti coloro che possiamo raggiungere, in ogni angolo del mondo, su quello che è accaduto.

    Non delegheremo questo compito a nessun altro. Perché nessun altro lo farà.

    Chiediamo quindi a tutti coloro che - nelle università, nelle industrie e nei campi della politica, dell’attività sociale, dell’azione umanitaria e dell’informazione - siano in contatto con persone di altre parti del mondo, OVUNQUE nel mondo, di contribuire alla diffusione di questo appello e del documentario, disponibile anche in inglese e in arabo al seguente indirizzo:
    http://www.rainews24.rai.it/ran24/inchiesta/video.asp
    In questo modo, questa guerra – perché QUESTA è la guerra, potrà divenire un tabù.
    Dott. Guglielmo Rottigni
    Ordine Psicologi Lombardia n° 10126

  13. #13
    samy
    Ospite non registrato
    e quindi tu credi alla tesi complottistica....io penso che la verità non la si possa sapere di nulla e che tante cose vengono dette per scopi non di informazione ma politici o per guidare le persone a scegliere diversamente da quello che avevano scelto prima....ripeto che non sono d'accordo con la guerra,ma nemmeno d'accordo a criticare sempre l'america solo perchè sono i più "Forti"...penso che anche altri popoli facciano delle cose orribili,ma non se ne parla mai come mai?

  14. #14
    Partecipante Esperto L'avatar di Isildur
    Data registrazione
    06-06-2004
    Residenza
    Vivo in un luogo sperduto chiamato Afragola.
    Messaggi
    475
    Mi sento molto limitato nello specifico ad utilizzare questo mezzo di comunicazione.

    Avrei un discorso molto ampio da fare (e poco tempo per farlo anche).
    Per ora ti rispondo questo:

    ripeto che non sono d'accordo con la guerra,ma nemmeno d'accordo a criticare sempre l'america solo perchè sono i più "Forti"...penso che anche altri popoli facciano delle cose orribili,ma non se ne parla mai come mai?
    Vedi, il fatto è che non tutti si possono occupare di tutto, per cui un giornalista che si mette a scavare a fondo sulla questione dell'11/9 certamente non avrà il tempo di scavare a fondo sui massacri nei Laogai in Cina oppure dell'estrema povertà dell'Africa. Insomma, c'è chi parla quasi solo di questo e chi quasi solo di quello.
    Sta a noi spaziare nelle nostre conoscenze tanto di qua quanto di la', visto che nei mezzi di comunicazione tradizionali non si vede più il giornalismo vero, quello che va alla ricerca della verità e la dice sempre e comunque.

    Emma Watson CBCR Fans Club

  15. #15
    Postatore OGM L'avatar di willy61
    Data registrazione
    20-09-2004
    Residenza
    Albino (BG)
    Messaggi
    4,192
    Blog Entries
    281
    Cresce lo scandalo del fosforo su Falluja
    Cresce lo scandalo del fosforo su Falluja
    Maurizio Blondet
    Una fortissima immagine del "Centro studi diritti umani" mostra gli effetti devastanti del fosforoIRAK - Lo speciale di Rai24 sulle atrocità americane a Falluja sta facendo il giro del mondo, ospitato da decine di siti internet; e sta provocando una crescente indignazione negli ambienti angloamericani.
    Viste le immagini dei corpi di civili iracheni disciolti e carbonizzati dal fosforo bianco, sentite le testimonianze dei reduci americani che hanno visto piovere le bombe al fosforo, vari gruppi stanno chiedendo l’apertura di un’indagine internazionale sui crimini di guerra commessi dagli Stati Uniti in Iraq.
    Il più autorevole è l’associazione britannica «Physicians for Social responsability» (medici per la responsabilità sociale).
    Il suo presidente, Robert Musil, ha dichiarato all’Independent: «quando esistono chiare testimonianze sull’uso di questo tipo di armi, ciò esige una piena e completa indagine. E’ dalla guerra del Vietnam che [l’uso del fosforo] è stato condannato, per via delle ferite e conseguenze che provoca».
    Il fosforo bianco, s’incendia spontaneamente all’aria, e si appiccica alla pelle, bruciando la carne fino all’osso; il suo vapore, se inalato, brucia i polmoni dall’interno, e danneggia irreversibilmente gli occhi.
    La Convenzione ONU del 1980 su «talune armi convenzionali» vieta l’uso di sostanze come il fosforo e il napalm su obbiettivi civili, ma non militari.
    Gli USA non hanno mai ratificato la convenzione e continuano a fabbricare bombe al fosforo e al napalm.
    A Falluja, il Pentagono ha ammesso di aver usato bombe al fosforo contro i nidi di presunti «terroristi», ma solo «con estrema parsimonia» e solo «per illuminare la scena dei combattimenti». Sic.
    Ma il documentario di Rai24 dimostra un uso molto esteso, con centinaia di corpi di civili «caramellizzati» e orribilmente deformati dal fosforo; anche cani, gatti e polli sono morti a centinaia a Falluja.
    I comandi USA hanno vietato per settimane il ritorno dei civili, e hanno messo in opera molti bulldozer per strappare il terreno superficiale contaminato, onde far sparire le tracce del loro crimine.
    Solo dopo hanno consentito a medici iracheni di entrare nella città distrutta.
    Ma ai medici è bastato poco per capire quello che era successo.
    Sono loro, che hanno creato un «Centro Studi sui diritti Umani» a Falluja, ad aver fornito il materiale alla RAI.
    Vale la pena di ricordare che quando alcuni giornalisti occidentali, fra cui Giuliana Sgrena, hanno cercato di indagare su quel che era accaduto a Falluja interrogando i sopravvissuti, sono stati rapiti da «terroristi islamici».
    Oltre che col fosforo, il Pentagono ha asperso generosamente Falluja con il suo napalm nuova formula, chiamato Mark77, dove il kerosene ha sostituito la benzina (il napalm è una gelatina di celluloide disciolta in benzina, brevetto Dow Chemicals: la celluloide si appiccica alla pelle, e la benzina la ustiona.
    Il kerosene migliora l’effetto perché è meno volatile (dura di più).
    Bombe da 510 libbre, ossia 2 quintali e mezzo di gelatina incendiaria.
    Continua... su http://www.effedieffe.com/interventi...rametro=esteri
    Maurizio Blondet
    Dott. Guglielmo Rottigni
    Ordine Psicologi Lombardia n° 10126

Pagina 1 di 2 12 UltimoUltimo

Privacy Policy