• Opsonline.it
  • Facebook
  • twitter
  • youtube
  • linkedin
Visualizzazione risultati 1 fino 15 di 15
  1. #1
    Partecipante Affezionato L'avatar di korsy
    Data registrazione
    07-07-2004
    Residenza
    London - UK
    Messaggi
    89

    Riforma Universitaria & accesso alla professione

    Il 26 ottobre a Roma si è tenuta una giornata studio sulla Riforma universitaria e l'accesso alla professione di psicologo.
    programma giornata studio
    Qualcuno ha partecipato o, almeno, ha notizie su come sia
    andata?

  2. #2
    Partecipante Affezionato L'avatar di korsy
    Data registrazione
    07-07-2004
    Residenza
    London - UK
    Messaggi
    89
    Mi pongo una domanda e mi do una risposta alla maniera "marzulliana".
    Uno degli esiti della giornata studio è la ratifica della necessità di ripristinare il ciclo unico per la laurea in psicologia:vedi articolo allegato.
    Immagini allegate Immagini allegate

  3. #3
    Ospite non registrato
    sarà che sto ancora dormendo...ma spiegato in parole povere?Non ho capito che cosa ne sarà dei laureati triennali

  4. #4

    Silvietta
    L'avatar di sildel82
    Data registrazione
    22-01-2005
    Residenza
    prov di udine
    Messaggi
    2,146
    Io invece, da laureata triennale, non ho capito un'altra cosa: ma perchè è stata fatta la riforma del 3+2? Può andare bene per alcune professioni, ma per la nostra è assolutamente inutile, anzi danneggia e basta..
    Silvia


  5. #5
    Partecipante Affezionato L'avatar di korsy
    Data registrazione
    07-07-2004
    Residenza
    London - UK
    Messaggi
    89
    In effetti l'articolo risulta un tantino oscuro se non si conoscono gli antefatti: la riforma del 3+2 è stata imposta a tutti corsi di laurea, salvo alcune eccezioni, indistintamente.
    L'ordine sin dall'inizio si è opposto alla possibilità che una laurea triennale potesse abilitare alla professione di psicologo e ha da sempre richiesto il ripristino del ciclo unico, voci rimaste clamantis in desertum, per cui in prima battuta ci si è accontentati di un compromesso: psico junior Vs psicologo poi mutato in dott.tecn&scienz-psico Vs psicologo per marcare maggiormente la differenza agli occhi degli utenti.
    L'ultimo passo è stato quello di accodarsi alla riforma della laurea in giurisprudenza richiedendo o un percorso ad Y (un anno propedeutico comune al percorso professionalizz(3) e quello metodologico(3+2)) oppure l'istituzione di un'ulteriore classe.
    Si è optato x la seconda scelta cosicché dovrebbe essere istituita una classe di tecniche psicologiche (3 anni => dott.tecniche psico) professionalizzante e una classe in scienze psicologiche a ciclo unico (5 anni =>psicologo) più metodologica.
    Presumo che i vecchi corsi proseguranno fino ad esaurimento così come per il Vecchio Vecchio Ordinamento.
    ciao

  6. #6
    Postatore Compulsivo L'avatar di Itsuki
    Data registrazione
    10-12-2004
    Residenza
    ROMA
    Messaggi
    3,057
    quindi ci sarà un vecchio "nuovo ordinamento" quando saranno ripristinati i clicli quinquennali?? e io mi sono fatta sta schifo di riforma per la gloria?? ma non potevano farlo prima?? che io ho scelto pure lo sperimentale e mi faceva comodo un corso di 5 anni con meno esami??

    speriamo almeno per i posteri che accettino questa proposta... che ha più senso!!

    grazie korsy (ero all'oscuro di questa discussione, che invece mi interessa molto ) e grazie anche ad isotta che me l'ha linkata nella discussione nella stanza di roma
    Frequentatrice (ormai) molto saltuaria di opsonline!!
    EX-moderatrice della stanza di neuropsicologia e scienze cognitive

    Finalmente ho un sito personale "SERIO"
    + visita il sito scientifico +


    Ho anche un altro sito "demenziale" con gli appunti di psicologia & altre cavolate divertenti...tutto GRATIS!!

    + entra nel sito demenziale +

    My soul is painted like the wings of butterflies, fairy tales of yesterday will grow but never die...I can fly, my friends!

  7. #7
    maddychan
    Ospite non registrato
    Ma che ca...
    L'università italiana si fa sempre meno seria... Ci credo che stiamo perdendo credibilità sulla scena internazionale!

    Conoscevo la proposta della riforma a Y e non mi pareva una brutta idea, ma se ripristinano il quinquennio è ancora meglio. Anche se così, al "vecchio vecchio" ordinamento toccherà sbrigarsi o si troverà ancora più abbandonato a se stesso... E a noi del 3+2 succederanno le stesse cose che successero a loro.

  8. #8
    psicosarix
    Ospite non registrato
    secondo me il nostro ordine non è molto "furbo" e nemmeno le nostre facoltà.
    3+2 ... 5+4 (tipo vecchio ord. +scuola spec) ... 5+2 (vecchio ord+ master) ... quello che manca è l'INFORMAZIONE! quando ti iscrivi non ti mettono MAI al corrente di come stanno davvero le cose.
    perchè NESSUNO dice con chiarezza ai ragazzi che la triennale non vale nulla? che ci fai davvero niente? così si mettono già tranquilli di fare 5 anni e stop. tanto già il 99% degli studenti fa il più 2! secondo me si ferma solo chi ha capito che non era la sua strada ed allora strappa almeno un pezzo di carta.
    tanto il quinquennio non glielo fanno ripristinare,
    allora invece di aprire 3000 triennali che ne aprano quelli giusti che corrispondono al +2 poi, no???????
    secondo me ci prendono per il "sederino" come al solito!

  9. #9
    Partecipante Affezionato L'avatar di korsy
    Data registrazione
    07-07-2004
    Residenza
    London - UK
    Messaggi
    89
    secondo me il nostro ordine non è molto "furbo" e nemmeno le nostre facoltà

    Tutto l'opposto, il problema è proprio la furbizia delle università!
    Difatti la proliferazione di corsi triennali ad accesso pressoché libero (circa 250posti x indirizzo, quasi 1000 per facoltà con almeno i 4 indirizzi classici) ha portato un grande afflusso di soldi in termini di tasse, fondi dal ministero, posti per professori e pubblicazioni vendute agli studenti.
    Il problema del raccordo con il mercato del lavoro(leggi saturazione del mercato) viene poi,talvolta, obliquamente attenuato con una maggiore selettività all'accesso della specialistica o dall'assenza della stessa per particolari indirizzi.
    Ciò crea una massa di triennalisti costretti nella migliore delle ipotesi ad allungare il proprio percorso di un anno per recuperare debiti formativi o a"migrare" presso altre università.
    Comunque a quanto sembra il ciclo unico verrà ripristinato nel
    2006, la notizia è di oggi:
    Immagini allegate Immagini allegate

  10. #10
    psicosarix
    Ospite non registrato
    ok! se per furbo intendi uno che fa i suoi interessi economici invece che gli interessi culturali e di futuro professionale degli studenti, allora sono furbe!!!

    il fatto che ripristino la quinquennale significa che tolgono le triennali? o che faranno una quinquennale e delle triennali? perchè se facessero ex novo delle triennali potrebbero fare ad esempio trienni per il counseling ... così magari tornano anche loro nell'alveo della psciologia e rimettiamo un po' di ordine nel caos più assoluto ... non so se è una buona o una cattiva idea ... magari dal confronto nasce "l'idea", quella che funziona.

  11. #11
    Partecipante Veramente Figo L'avatar di manuelas
    Data registrazione
    19-11-2004
    Residenza
    modena
    Messaggi
    1,268
    incredibile...

    non oso immaginare cosa ne uscirà tra gente incatsrata tra vecchio e nuovo e nuovissimo...e abilitati triennali che devono rifare l'esame per forza e che non lo sapevano...che confusione ragazzi...

    forse però è un segno deciso del fatto che la professione non si può ridurre a moduli limitati e limitanti la formazione e le possibilità applicative...

    ne uscirà un gran casino. Ma era ora...certo che pensarci prima...

  12. #12
    Daidaidaidai
    Ospite non registrato
    Come sempre si capisce molto poco--- secondo me cmq la 3+2 va bene così com'è: ha dato l'opportunità a molti studenti lavoratori o adulti di prendersi un titolo di laurea di primo livello nella nostra disciplina il che in fondo non è male per diffondere la cultura psicologica... sempre meglio quello che leggere i libri di morelli... inoltre la 3+2 secondo me può incoraggiare la migrazione verso altri Atenei che rimane a tutt'oggi uno dei pochi modi per imparare cose diverse dalla solita minestra riscaldata che ti danno rimanendo sempre nella propria uni a fare la specialistica: so di molti docenti che apportano veramente delle modifiche molto lievi al programma del corso che tengono alla specialistica rispetto quello che tenevano alla triennale. Inoltre la necessità di insegnare agli allievi le cose importanti e fondamentali della propria disciplina non sapendo se sarà approfondita o meno dovrebbe o semplicemente potrebbe spingere i docenti più lungimiranti ad evitare i classici preamboli storico-filosofici con cui si perde un sacco di tempo nei corsi di psicologia (v. anche lìimpostazione di alcuni manuali) per andare al sodo e alle questioni importanti e fondamentali che consentono di accorciare la distanza tra psicologia e scienza (l'insegnamento delle discipline scientifiche, che non mi si verrà a dire che sono più 'facili' della psicologia, prevede una manualistica molto più snella ed efficace, sperimentazione sul campo e soprattutto uno sposalizio continuo tra teoria e pratica), quella tra psicologia e realtà quotidiana (quelli del vecchio ordinamento spesso incontrano i loro primi malati mentali dopo il quinquennio dopo anni passati a IDEALIZZARE la malattia mentale e le persone che ne soffrono... e nn sono pochi quelli che si sono pentiti amaramente della scelta di studio fatta...) e infine quelli tra psicologia e mondo del lavoro. Non esiste una soluzione facile o formulistica ma vorrei spezzare una lancia alla riforma del 3+2 che mi sembra ottimo soprattutto per tutti i rami non clinici della disciplina. Grazie alla riforma io ad es. potrò lasciare Urbino e poter guadagnarmi l'accesso alla specialistica ad una facoltà più prestigiosa e con un orientamento teorico diverso: credo che questa duplice esperienza mi abbia soltanto arricchito e non fatto perdere tempo. Viceversa un quinquennio unificato non può che irrigidire i localismi già sin troppo presenti nella psicologia a livello accademico e non.
    Inoltre una NUOVA riforma rischia di trasformare in un dedalo amministrativo impraticabile per tutti quelli che ci sono dentro... che piaccia o non piaccia, meglio la 3+2 che l'ennesima riforma senza capo ne coda che impedisce alla gente di lavorare e studiare come si deve nonostante tutti i buoni propositi...

    Fabri

  13. #13
    Partecipante Affezionato L'avatar di korsy
    Data registrazione
    07-07-2004
    Residenza
    London - UK
    Messaggi
    89
    Non sono daccordo.
    A mio modesto avviso l'università dovrebbe esistere per fornire una formazione approfondita lasciando il compito di alfabetizzazione culturale ad altre iniziative.
    Cio in generale ma in particolar modo per quelle facoltà che formano all'esercizio di specifiche professioni.
    Il titolo triennale, ammettiamolo, potrà "diffondere la cultura psicologica"ma non forma nessuna realistica figura professionale ne è una dimostrazione il numero di studenti che proseguono con la specialistica(se non il numero di iscritti
    alla sezB dell'ordine).
    La questione della mobilità andrebbe affrontata in maniera diversa e cioè facilitando la "vita" agli studenti fuorisede con servizi migliori nonché lavorando sulla mentalità un pò sedentaria che ci contraddistingue(parlo per esperienza personale).
    La riforma ha portato una proliferazione di corsi senza un adeguato controllo dei requisiti e della qualità dei docenti/percorsi, un biennio non è sufficiente a recuperare lacune di una formazione che dovrebbe essere di BASE.
    E veniamo quindi alle basi:vengo dal VO e ho avuto modo di confrontare esami precedentemente sostenuti con quelli del triennio.
    Gli esami del VO, perlomeno nella mia facoltà, non contemplavano i classici preamboli storico-filosofici di cui scrivi ma un' introduzione ai fondamenti della materia senza i quali non è possibile avere una competenza adeguata della materia.
    Ti porto un esempio personale: l'esame di Intelligenza artificiale contemplava un modulo di Algebra lineare, uno sui vari modelli di reti neurali ed un terzo sulle diverse tipologie di approcci all'AI, più una prova pratica consistente in una simulazione con un modello connessionista a scelta.
    Lo stesso esame per il triennio prevede esclusivamente un
    escursus generale sulla storia e sugli approcci all 'AI.
    In sostanza il corso si limita quasi esclusivamente a quei preamboli di cui parlavi senza affrontare ne i fondamenti (algebra, algoritmi) ne gli aspetti più consistenti (modelli)della materia.
    Sfido chiunque a comprendere cosa effettivamente sia o come funzioni una rete neurale senza conoscerne l'algoritmo.
    La stessa cosa è valida per altre materie come psicofisio del sonno dove ad es non si ha tempo di insegnare la semiologia del sonno!!!
    Il principale limite del 3+2 difatti è quello di avere scisso e compattato programmi precedentemente organici così da rendere da una parte più difficile il compito del povero studente,privo dei fondamentali, mentre dall'altra fornisce una conoscenza più approssimativa.
    L'introduzione del ciclo unico permetterebbe il ripristino di corsi più organici e quindi una formazione finalizzata al raggiungimento di un corpus di competenze professionali
    lasciando, invece, ai corsi triennali la formazione di figure professionali con competenze psicologiche (es counselor) o la semplice alfabetizzazione psicologica.
    Concordo con te quando parli delle attivita pratiche (tirocinio)durante il percorso di studi.

  14. #14
    psicosarix
    Ospite non registrato
    ma la riforma sarà fatta chiedendo almeno un piccolissimo, microscopico, contributo alla base, cioè studenti e psicologi che lavorando già si rendono conto, meglio, delle esigenze e degli strumenti che il lavoro richiede, oppure cadrà dall'alto?
    per una volta sarebbe bello se potessimo formare gruppi di lavoro e di confronto e fare una riforma davvero utile agli studenti, se no basterebbe riprendere il vecchio ordinamento com'era ... bene o male funzionava!

    poi secondo me si dovrebbe fare anche una seria valutazione degli atenei. sento parlare malissimo di alcune facoltà di psicologia, proprio da chi le frequenta!!! non preparano, programmi scadenti ... sarebbe bello che la riforma aiutasse anche a aumentare il livello di preparazione di tutti.

  15. #15
    Partecipante Affezionato L'avatar di korsy
    Data registrazione
    07-07-2004
    Residenza
    London - UK
    Messaggi
    89
    quoto psicosarix in pieno

Privacy Policy