• Opsonline.it
  • Facebook
  • twitter
  • youtube
  • linkedin
Visualizzazione risultati 1 fino 15 di 15
  1. #1
    Postatore Epico L'avatar di Ember
    Data registrazione
    22-07-2002
    Residenza
    Urbino
    Messaggi
    11,724

    Curiosità: tipi di orientamento

    Quanti e quali tipi (almeno i più diffusi) di psicoterapie ci sono e in cosa differiscono esattamente? All'Università ci fanno solo una gran confusione mentre vorrei avere le idee più chiare...
    *** Homo sum: humani nihil a me alienum puto ***

    oPS-StaNZa Di uRBiNo iL Mio FoRuM



    Anche Ember nella setta dell'ASD *asdatrice musicista*
    [thanks to Angelus, fondatore della setta]

  2. #2
    Partecipante Veramente Figo L'avatar di manuelas
    Data registrazione
    19-11-2004
    Residenza
    modena
    Messaggi
    1,268
    negli articoli di ops mi sembra ci sia un articolo prprio su questo...prova a vedere...

  3. #3
    Postatore Epico L'avatar di Ember
    Data registrazione
    22-07-2002
    Residenza
    Urbino
    Messaggi
    11,724
    Grazie, ci darò un'occhiata
    *** Homo sum: humani nihil a me alienum puto ***

    oPS-StaNZa Di uRBiNo iL Mio FoRuM



    Anche Ember nella setta dell'ASD *asdatrice musicista*
    [thanks to Angelus, fondatore della setta]

  4. #4
    Giurato di Miss & Mister OPs L'avatar di Parsifal
    Data registrazione
    04-03-2002
    Residenza
    Nel buio vicino alle porte di Tannoiser
    Messaggi
    2,719
    Ho letto un solo articolo nel settore psicoterapie;comunque a giudicare da quello e dal numero di titoli dedicati alla psicoanalisi ho l'impressione che la tendenza generale di chi scrive quegli articoli sia pro-psicoanalisi

  5. #5
    Postatore OGM L'avatar di willy61
    Data registrazione
    20-09-2004
    Residenza
    Albino (BG)
    Messaggi
    4,192
    Blog Entries
    281

    Re: Curiosità: tipi di orientamento

    Originariamente postato da Ember
    Quanti e quali tipi (almeno i più diffusi) di psicoterapie ci sono e in cosa differiscono esattamente? All'Università ci fanno solo una gran confusione mentre vorrei avere le idee più chiare...
    Ember! Bellissima domanda.

    Dunque, da un breve giro nella rete, mi risultano circa 480 diverse scuole di psicoterapia, in tutto il mondo.

    E, ovviamente, occorrerebbe catalogarle per correnti teoriche. Un compito che si revela spesso, se non impossibile, quantomeno arduo.

    Un interessante articolo di Psychomedia, di Tullio Carere-Comes, cerca di fare il punto della situazione... e finisce per proporre un modello ulteriore, che si aggiunge a tutti quelli che già esistono . Ma è un buon articolo e merita più di una lettura.

    Ti posto una mia suddivisione personale in "categorie", sapendo bene quanto questo sia un terreno assai scivoloso, dato che all'interno di ognuna di esse esistono ulteriori divisioni e frammentazioni, che non aiutano certo a costruire un quadro comprensibile:

    Indirizzo psicodinamico: comprende le diverse interpretazioni della psicoanalisi e dell'analisi del profondo. Gli autori di riferimento (ognuno dei quali ha dato origine ad una sua scuola specifica) sono: Freud, Jung, Adler, Klein, Bion, Fornari, Lacan, per citare solo i principali. All'interno del movimento psicoanalitico sono esistiti analisti (e ne esistono tuttora) che hanno "costruito" una modalità personale e tutta loro di intendere e praticare la psicoterapia, ma che non hanno dato origne ad una "scuola" precisa, per quanto abbiano influenzato altre scuole già esistenti. Tra questi, posso citare Winnicott, Hans Loewald e Green, all'estero; Assaggioli e Verdiglione in Italia.

    Indirizzo cognitivo-comportamentale: Assodato che nessuno parla più di modelli puramente comportamentali (alla Skinner e Watson, per intenderci), anche questo è un campo estremamente frammentato. Comprende autori e teorici come Guidano e Liotti, in Italia. E spero mi perdonerete, ma è il settore delle psicoterapie che conosco meno. Spero che mi perdonerete di muovo se faccio rientrare in questo campo anche forme di psicoterapia come la scuola della Gestalt (Sapiro), la PNL (Bandler e Grinder) e l'ipnosi (Erikson).

    Indirizzo di gruppo: Andiamo da teorici molto vicini alla psicoanalisi , a fondatori che hanno introdotto modifiche sostanziali all'impianto psicoanalitico, sia dal puntodi vsta classico che teorico. Alcuni nomi: Bion, Foulkes, Pagliarani.

    Indirizzo sistemico: Fa riferimento a Watzlawick e collaboratori. Diffuso soprattutto nella forma della terapia familiare, recentemente è stato applicato anche alla psicoterapia individuale. In Italia è rappresentato da diverse correnti che fanno riferimento alla scuola di Milano di Selvini-Palazzoli. Gianfranco Cecchin, uno dei più brillanti interpreti di questa corrente teorica (sistemico-costruzionista) è morto recentemente per un incidente automobilistico.

    Indirizzo integrato: il più recente e meno discusso e conosciuto. Ricerca un'integrazione (a volte a costo di una certa dose di sincretismo) tra diverse correnti teoriche.

    Indirizzi a mediazione corporea: dallo psicodramma al teatro utilizzato in alcune scuole sistemico-costruzioniste, alla bioenergetica di Wilhelm Reich. Sono molte e difficili da ricondurre a modelli conosciuti e condivisi.

    Questo è quel che mi viene in mente stasera. Ma magari ci scrivo un articolo.

    Buona vita

    Guglielmo
    Ultima modifica di willy61 : 26-09-2005 alle ore 23.34.58
    Dott. Guglielmo Rottigni
    Ordine Psicologi Lombardia n° 10126

  6. #6
    Giurato di Miss & Mister OPs L'avatar di Parsifal
    Data registrazione
    04-03-2002
    Residenza
    Nel buio vicino alle porte di Tannoiser
    Messaggi
    2,719
    Per quel che riguarda il cognitivismo io,effettivamente,toglierei la PNL,l'ipnosi e la Gestalt.Come riferimenti generali: Beck Ellis,Kelly (per il costruttivismo).Attualmente ci sono molte correnti al suo interno che approfondiscono temi diversi.Il cognitivismo è,attualmente,l'indirizzo più orientato verso la ricerca e che mostra più interesse per l'approfondimento di temi nuovi

  7. #7
    squirrel
    Ospite non registrato
    Ed io aggiungerei l'indirizzo umanistico-esistenziale, al quale appartengo, del quale uno dei maggiori esponenti era Carl Rogers (terapia centrata sulla persona), tra gli altri Rollo May, V. Frankl, Maslow (terapia esistenziale) e Pearls (terapia della gestalt).

  8. #8
    Partecipante Assiduo L'avatar di cinzia
    Data registrazione
    13-01-2003
    Messaggi
    208
    ciao squirrol, la tua scuola segue un autore in particolare? a me interessa la gestalt..

  9. #9
    letyzzetta
    Ospite non registrato
    Il desiderio di intervenire è, in questo caso, pari alla mia capacità di autocensura.
    Saluto tutti, in particolare Willy,
    L

  10. #10
    squirrel
    Ospite non registrato
    Si la mia scuola segue Carl Rogers con al sua terapia centrata sulla persona! La Gestalt è un'altra importantissima scuola rappresentata all'interno della corrente umanistico-esistenziale, anche a me piace tantissimo... se potessi tornare indietro è la specializzazione che prenderei. Noi, nella nostra scuola di specializzazione abbiamo lavorato con i sogni, in gruppo, con un approccio derivato dalla gestalt: è stata un'esperienza stimolante, innovativa ed emozionante!

  11. #11
    Partecipante Affezionato L'avatar di Lelefante
    Data registrazione
    19-10-2005
    Residenza
    Napoli
    Messaggi
    82
    Originariamente postato da squirrol
    La Gestalt è un'altra importantissima scuola rappresentata all'interno della corrente umanistico-esistenziale, anche a me piace tantissimo... se potessi tornare indietro è la specializzazione che prenderei.
    squirrol mi chiedevo se ti riferisci alla laurea specialistica o ad una scuola di specializzazione, scusa l'ignoranza ma sono un po disinformato sull'argomento.

    Tempo un anno dovrei terminare la laurea di primo livello, ovviamente devo scegliere quale laurea specialistica prenderò dopo, e nei miei studi mi è piaciuto molto appunto l'indirizzo umanistico - esistenziale.

    Esiste una laurea specialistica che si avvicini a questo indirizzo?!?! O dovrò frequentare una qualche scuola di specializzazione?!?! se si quale?? ed i requisiti per accedervi?!?!
    Signore, aiutami a concentrarmi su una c- Che bella farfalla! -osa alla volta.

  12. #12
    squirrel
    Ospite non registrato
    Ciao lelefante,
    io mi riferivo ad una scuola di specializzazione, non so se, attualmente, esista una laurea specialistica ad indirizzo umanistico-esistenziale... sai io sono un pò datatella... mi sono laureata nel lontano 1982!!! Ai miei tempi esistevano i corsi di laurea in psicologia solo a Roma ed a Padova, pensa un pò!
    Io mi sono specializzata presso quello che allora si chiamava FDI, ovvero Facilitator Development Institute, e che ora è l'Istituto dell'Approccio Centrato sulla Persona, che ha sede a Roma in piazza Vittorio Emanuele II n° 99, tel.: (06) 77200357.
    I requisiti per accedervi erano il possesso della laurea in psicologia od in medicina. Spero di esserti stata utile, se vuoi ho dei colleghi ed amici, del mio stesso indirizzo, che sono a Napoli ed hanno attivato dei corsi di formazione, fammi sapere!

  13. #13
    Partecipante Super Esperto L'avatar di nicole
    Data registrazione
    05-03-2005
    Messaggi
    552
    io la Gestalt,non la conosco per niente,e da quel poco di infarinatura che dà la scuola ne capisco ancora meno...ossia non riesco a capire,o meglio immaginare,perchè capire no visto che il testo non spiega, dicevo non riesco a immaginare all'atto pratico come si svolge questa terapia.

  14. #14
    squirrel
    Ospite non registrato
    Nel nostro corso di specializzazione abbiamo utilizzato la terapia della Gestalt nel gruppo sui sogni, Fritz Perls sostiene che ogni singolo elemento del sogno, umano o non umano, rappresenti una parte della personalità del sognatore, molto spesso una sua parte "alienata". Il sognatore racconta e rivive il sogno più di una volta, usando sempre il tempo presente ed assumendo, una dopo l'altra, le prospettive dei sigoli elementi del sogno, gli si chiede, cioè, di immaginare di essere, per esempio, il cane, l'albero, la casa, ecc., che ha sognato, di cercare di descriversi il più completamente e dettagliatamente possibile e di cercare di esprimere anche le proprie sensazioni ed emozioni. Poi inizia un dialogo tra la parte del sogno con la quale il sognatore si è, di volta in volta, identificato ed il sognatore stesso. Il concetto è questo: Perls sostiene che, recitando la parte di questa o quella immagine del sogno, trasformandosi, in qualche modo, in essa, il sognatore possa riappropriarsi ed accettare quei frammenti e quelle parti di se che vi si esprimevano.
    Più in generale, Pearls dipende sia dalle teorie dinamiche della personalità nella sua interpretazione della motivazione e delle difese, contemporaneamente, l'importanza che egli attribuisce al campo dell'esperienza immediata, lo avvicina molto al pensiero degli altri terapisti esistenziali. Anche secondo Perls, come per Carl Rogers, l'organismo ha una capacità intrinseca di crescita e di sviluppo ed il fine della terapia è quello di restaurare il meccanismo di autoregolazione, cioè il paziente deve iniziare a rendersi conto delle proprie esigenze e deve imparare a soddisfarle. Il terapeuta aiuta il paziente a diventare quello che egli realmente è, a trovarsi, dietro i suoi giochi di copertura, le sue maschere, le sue difese, attraverso un processo che porta al dispiegarsi delle potenzialità naturali, alla liberazione ed all'espressione di emozioni, sensazioni e sentimenti. In questo tipo di terapia i fattori non-verbali hanno la stessa importanza di quelli verbali e le tecniche comprendono le "regole", una delle quali, per esempio, è il principio del qui ed ora, cioè l'usare sempre il tempo presente, ed i "giochi", tra i quali possiamo ricordare il "gioco delle parti", nel quale il paziente deve interpretare differenti ruoli o parti di se stesso, od il "gioco delle esagerazioni", nel quale il paziente esagera un movimento, magari appena accennato, in modo da capire tutto quello che esso implica... bè, spero di averti fornito qualche elemento in più per poter riuscire ad immaginare come possa funzionare questo tipo di terapia.

  15. #15
    Partecipante Super Esperto L'avatar di nicole
    Data registrazione
    05-03-2005
    Messaggi
    552
    Squirrol grazie veramente, certo che avere la possibilità di conoscerti,sicuramente ci sarebbe un bello scambio di idee,naturalmente con più formazione da parte tua,e avere conoscenze che non ho.
    Non so che dire,grazie ancora
    ciao nicole

Privacy Policy