• Opsonline.it
  • Facebook
  • twitter
  • youtube
  • linkedin
Visualizzazione risultati 1 fino 6 di 6
  1. #1
    Postatore Compulsivo
    Data registrazione
    08-12-2001
    Residenza
    Roma
    Messaggi
    3,834

    Che fine ha fatto la legge sulla psicologia scolastica?

    Che fine ha fatto la legge sulla psicologia scolastica?
    10.09.2005 - Autore: Carlotta Longhi
    Continua la rassegna sulle occasioni di sviluppo professionale per gli psicologi perse, negli ultimi anni, per l’incapacità della nostra categoria a promuovere compiutamente ed unitariamente le proprie competenze e capacità operative all’opinione pubblica e a chi la rappresenta in sede legislativa.
    Dove è finita la legge sulla Psicologia Scolastica?
    http://www.altrapsicologia.it/conten...sp?a=1603&z=71

  2. #2
    Giurato di Miss & Mister OPs L'avatar di Parsifal
    Data registrazione
    04-03-2002
    Residenza
    Nel buio vicino alle porte di Tannoiser
    Messaggi
    2,719
    è una buona domanda avrei circa il triplo del lavoro se ci fosse sta legge. comunque credo sia un problema politico.negli ultimi anni i soldi per la sanità nel servizio pubblico sono stati tagliati continuamente,e così più specificamente,quelli per la psicologia.Il fatto è questo: effettivamente le scuole hanno pochi soldi per pagarsi degli psicologi;dovrebbero ricevere dei soldi dallo stato;ma voi ve li immaginate tipi come Calderoli o come Silvio che propongono di aumentere le tasse dei padani per pagare lo psicologo alle scuole? l'unica è sperare nel governo prossimo venturo

  3. #3
    Super Postatore Spaziale L'avatar di firemoon
    Data registrazione
    24-09-2004
    Residenza
    Sardegna
    Messaggi
    2,855
    Salve a tutti Ora non so cosa dica la legge di cui parlate e fose non ha niente a che fare con quello che voglio dire, però vi riporto un fatto: mia madre insegna in un liceo,e attraverso dei progetti sono riusciti a far lavorare una psicologa! nello specifico questa psicologa si occupa di uno "sportello" di supporto e sostegno se così vogliamo dire e in più ha seguito una ragazza in particolare. inutile dirvi i giovamenti che ha ottenuto la scuola con l'attivazione di questi progetti! Mi rendo conto però, che la fisura dello psicologo nelle scuole è praticamente inesistente se non appunto per questi progetti (che hanno un limite di tempo!)!!!!
    quando arrivano i conti, sai
    ognuno paga comunque i suoi
    quindi tu prega il tuo Dio
    che io prego il mio!

  4. #4
    Postatore Epico L'avatar di darcylia
    Data registrazione
    22-01-2005
    Residenza
    passo dopo passo....su un cavo teso sopra Bologna
    Messaggi
    6,662
    Blog Entries
    202
    Ciao a tutti!!!!
    Quoto in pieno l'intervento di Parsifal
    Io sono una laureanda di Bologna in Psicologia del lavoro e delle organizzazioni che spera in un futuro possibilmente prossimo di lavorare come psicologa nell'orientamento scolastico.
    Il problema è (come dice Firemoon) che la figura dello psicologo scolastico di fatto non esiste!!!!! Certo ci sono situazioni e casi in cui uno psicolog riesce ad inserirsi all'interno di un istituto, ma manca una regolamentazione che definisca ufficalmente e precisamente la professione.
    Se non sbaglio, è da almeno 20 anni che in Italia se ne pala e discute.
    Nel frattempo, in Europa sono tutti più avanti di noi: basti pensare ad esempi come la Francia, dove in ogni istituto (a partire dalle elementari) è presente la figura dello psicologo scolastico, e dove l'orietamento è presente per tutto il percorso scolastico dell'individuo.
    Oppure l'Inghilterra, la Spagna, la Germania (posso riportarvi dati e cifre, ho appena letto un libro-ricerca del '02-'03 sullo stato dell'orientamento in Europa).
    Tutto ciò mi porta ad una sola conclusione: per lavorare devo trasferirmi all'estero.
    DARCYLIA

    Ex-Referente Supremo per il F.E.R.U. nel Libero Comune di Bologna

    "Despite all my rage, I am still just a rat in a cage"
    Smashing Pumpkins, "Bullet with butterfly wings"


    E nonostante tutto....
    Enjoy life, there's plenty of time to be dead
    (la mia inguaribile vena di ottimismo...)

  5. #5
    Giurato di Miss & Mister OPs L'avatar di Parsifal
    Data registrazione
    04-03-2002
    Residenza
    Nel buio vicino alle porte di Tannoiser
    Messaggi
    2,719
    Originariamente postato da darcylia
    Ciao a tutti!!!!
    Quoto in pieno l'intervento di Parsifal
    Io sono una laureanda di Bologna in Psicologia del lavoro e delle organizzazioni che spera in un futuro possibilmente prossimo di lavorare come psicologa nell'orientamento scolastico.
    Il problema è (come dice Firemoon) che la figura dello psicologo scolastico di fatto non esiste!!!!! Certo ci sono situazioni e casi in cui uno psicolog riesce ad inserirsi all'interno di un istituto, ma manca una regolamentazione che definisca ufficalmente e precisamente la professione.
    Se non sbaglio, è da almeno 20 anni che in Italia se ne pala e discute.
    Nel frattempo, in Europa sono tutti più avanti di noi: basti pensare ad esempi come la Francia, dove in ogni istituto (a partire dalle elementari) è presente la figura dello psicologo scolastico, e dove l'orietamento è presente per tutto il percorso scolastico dell'individuo.
    Oppure l'Inghilterra, la Spagna, la Germania (posso riportarvi dati e cifre, ho appena letto un libro-ricerca del '02-'03 sullo stato dell'orientamento in Europa).
    Tutto ciò mi porta ad una sola conclusione: per lavorare devo trasferirmi all'estero.
    Andiamo a lavorare a Nizza?

  6. #6
    Postatore Compulsivo
    Data registrazione
    08-12-2001
    Residenza
    Roma
    Messaggi
    3,834
    Originariamente postato da darcylia
    Il problema è (come dice Firemoon) che la figura dello psicologo scolastico di fatto non esiste!!!!!
    Sono daccordo e significa che, di fatto, non vi è una legge che prevede la figura dello psicologo nella scuola

    Ci sono invece decine di disegni leggi lasciati lì a prendere polvere, ma mai spinti a dovere dalla categoria...


    Originariamente postato da darcylia
    Tutto ciò mi porta ad una sola conclusione: per lavorare devo trasferirmi all'estero. [/B]
    Su questi invece non sono molto daccordo, o almeno prima vorrei vedere che succede se agissimo in modo più unito ed organizzato!

    Dovreste informarvi su quanto è stato fatto in termini di "relazione politica e lobbing" dai nostri rappresentanti ordinistici e vi sarebbe più chiaro che molte condizioni di non riconoscimento sono dovute ad assenza di rappresentanza...

    Credo invece che se avessimo un governo della professione capace di fare pressione politica e di coinvolgere anche la base in questo processo di riconoscimento e legittimazione, ne potremmo ottenere significativi riscontri concreti!

    Il disegno di legge diviene legge quando ai politici viene creata una significativa pressione sociale, oppure quando intravedono di poterne ricavare significativo consenso...
    E' possibile, ma va fatto!


    nicola piccinini

Privacy Policy