• Opsonline.it
  • Facebook
  • twitter
  • youtube
  • linkedin
Pagina 1 di 6 123 ... UltimoUltimo
Visualizzazione risultati 1 fino 15 di 85
  1. #1
    Partecipante Esperto L'avatar di sara81
    Data registrazione
    02-06-2003
    Residenza
    Brescia
    Messaggi
    268

    professione neuropsicologia....

    salve a tutti. Mi chiedevo in che cosa possa consistere il lavoro di un neuropsicologo. penso sia una domanda piu vùche leggittima visto la specializzazione in neuropsicologia!!! spero che qlcuno mi possa chiarire le idee....vorrei scegliere questa specializazione ma nn sobùno sicura.... grazie

  2. #2
    Postatore Epico L'avatar di paky
    Data registrazione
    25-06-2002
    Residenza
    Napoli
    Messaggi
    6,026
    Se ti sei laureata a Caserta, immagino tu abba dato l'esame di neuropsicologia con il prof. Grossi... però mi pare strano che tu abbia questi dubbi, avendo conosciuto questo prof!

    Il neuropsicologo nell'ambito clinico si occupa della diagnosi e del programma di riabilitazione di disturbi cognitivi legati a danni cerebrali (ictus, malattie degenerative, tumori, traumi cranici etc), interpretando quanto osservato e quanto emerso ai test formalizzati sulla base dei modelli cognitivi esistenti. Poi può fare ricerca, partendo dal presupposto che tramite la conoscenza dei deficit legati ad una specifica sede lesionale si possano più facilmente fare inferenze sul funzionamento "normale", il più delle volte fa entrambe le cose (almeno per la mia esperienza).

    Ora, probabilmente tutte queste cose già le sapevi e chiedevi altro, o forse c'è molto di più da dire cmq io studio con il prof. Grossi per la laurea specialistica in "processi cognitivi e recupero funzionale", e lo faccio proprio perchè AMO la materia e - si spera - lavorerò come neuropsicologa!
    ...love is passion, obsession, someone you can't live without.
    I say fall head over heels.
    Find someone you can love like crazy and who'll love you the same way back.
    How do you find him? Well, forget your head and listen to your heart.
    'Cause the truth is that there's no sense living your life without this.
    To make the journey and not fall deeply in love... well, you haven't lived a life at all.
    But you have to try, because if you haven't tried, you haven't lived.

    Meet Joe Black

  3. #3
    Postatore Compulsivo L'avatar di Calethiel
    Data registrazione
    19-04-2005
    Residenza
    Roma provincia
    Messaggi
    3,590
    scusa vuoi fare la neuropsicologa e non sai in che cosa consista il suo lavoro???
    Mi sembra un pochino strano....ma se vuoi farlo davvero allora armati di tanta pazienza!!!

    Mentre il saggio indica la luna, lo stolto guarda il dito

    Non ti curar di loro, ma guarda oltre e passa

  4. #4
    Partecipante Esperto L'avatar di sara81
    Data registrazione
    02-06-2003
    Residenza
    Brescia
    Messaggi
    268
    Originariamente postato da paky
    Se ti sei laureata a Caserta, immagino tu abba dato l'esame di neuropsicologia con il prof. Grossi... però mi pare strano che tu abbia questi dubbi, avendo conosciuto questo prof!

    Il neuropsicologo nell'ambito clinico si occupa della diagnosi e del programma di riabilitazione di disturbi cognitivi legati a danni cerebrali (ictus, malattie degenerative, tumori, traumi cranici etc), interpretando quanto osservato e quanto emerso ai test formalizzati sulla base dei modelli cognitivi esistenti. Poi può fare ricerca, partendo dal presupposto che tramite la conoscenza dei deficit legati ad una specifica sede lesionale si possano più facilmente fare inferenze sul funzionamento "normale", il più delle volte fa entrambe le cose (almeno per la mia esperienza).

    Ora, probabilmente tutte queste cose già le sapevi e chiedevi altro, o forse c'è molto di più da dire cmq io studio con il prof. Grossi per la laurea specialistica in "processi cognitivi e recupero funzionale", e lo faccio proprio perchè AMO la materia e - si spera - lavorerò come neuropsicologa!
    grazie paky sei stata molto gentile...in verità neuropsicologia l'ho sostenuto con trojano.... e purttroppo non ho potuto seguire il corso. Sei stata molto utile...le informazioni che avevo non erano molte!
    quindi ti sei iscritta alla laurea specialistica di neuropsicologia a caserta?io dovrei laurearmi per febbraio e spero proprio di entrare il prima possibile...sono contenta di sapere che c'è qlcuno con la mia stessa passione...
    sai ho avuto parecchi dubbi sulla scelta della specialistica perchè si discosta molto da quello che è la psicologa intesa il piu delle volte!
    ti posso chiedere ancora un favore?sto facendo la tesi su "alzheimer" hai qualche riferimento bibliografico da potermi suggerire?? vorrei concentrarmi sul ruolo dei familiari...

    grazie

    ciao ciao

  5. #5
    Postatore Compulsivo L'avatar di Calethiel
    Data registrazione
    19-04-2005
    Residenza
    Roma provincia
    Messaggi
    3,590
    E' appena uscito in italia (l'hanno presentato martedì a roma) il libro di moyra jones sul gentlecare. Parla dell'assistenza al paziente demente.
    Se vuoi fare la tesi sull'Alzheimer innanzi tutto leggi il capitolo 31 del "manuale di neuropsicologi" di denes e pizzamiglio.
    Poi per quanto riguarda il ruolo dei familiari..cosa intendi più precisamente? Lo stress nel familiare ke assiste un malato di Alzheimer? O altro? Se specifichi meglio posso aiutarti...dovrei avere degli articoli sull'argomento...

    Mentre il saggio indica la luna, lo stolto guarda il dito

    Non ti curar di loro, ma guarda oltre e passa

  6. #6
    specialiss
    Ospite non registrato
    ciao,
    io sinceramente sono un pò confusa . non riesco a capire se uno psicologo iscritto all'albo può lavorare come neuropsicologo, anche senza la scuola di specializzazione quadriennale.
    scusate l'ignoranza, grazie....

  7. #7
    Postatore Epico L'avatar di paky
    Data registrazione
    25-06-2002
    Residenza
    Napoli
    Messaggi
    6,026
    allora.... la situazione è abbastanza controversa, perchè pare che la scuola quadriennale non sia riconosciuta. Per la mia esperienza, di solito i "neuropsicologi" attuali sono laureati in psicologia (con abilitazione) che abbiano fatto la tesi in neuropsicologia e un tirocinio in neurologia, facendo quindi esperienza in questo ambito. Le cose ora stanno cambiando con la nuova riforma universitaria, perchè sono state istituite numerose lauree triennali e specialistiche in neuropsicologia, o simili. Il mio professore, Dario Grossi, uno dei "padri" della neuropsicologia italiana, prima che iniziassi la specialistica mi ha detto queste parole: "le cliniche e i centri di riabilitazione fino ad oggi si sono fidati dell'esperienza sulla parola, tra un po' questo non basterà più e cercheranno il titolo". Titolo appunto fornito dalle nuove lauree.

    Comunque, conosco diverse persone laureate con lui che fanno le neuropsicologhe e sono nel suo gruppo di ricerca con la laurea V.O. e l'esperienza in reparti di neurologia.

    Questo è quello che posso dirti io vedendo quello che succede qui, tra Napoli e Campania... poi non so!
    ...love is passion, obsession, someone you can't live without.
    I say fall head over heels.
    Find someone you can love like crazy and who'll love you the same way back.
    How do you find him? Well, forget your head and listen to your heart.
    'Cause the truth is that there's no sense living your life without this.
    To make the journey and not fall deeply in love... well, you haven't lived a life at all.
    But you have to try, because if you haven't tried, you haven't lived.

    Meet Joe Black

  8. #8
    Partecipante Esperto L'avatar di sara81
    Data registrazione
    02-06-2003
    Residenza
    Brescia
    Messaggi
    268
    Originariamente postato da Calethiel
    E' appena uscito in italia (l'hanno presentato martedì a roma) il libro di moyra jones sul gentlecare. Parla dell'assistenza al paziente demente.
    Se vuoi fare la tesi sull'Alzheimer innanzi tutto leggi il capitolo 31 del "manuale di neuropsicologi" di denes e pizzamiglio.
    Poi per quanto riguarda il ruolo dei familiari..cosa intendi più precisamente? Lo stress nel familiare ke assiste un malato di Alzheimer? O altro? Se specifichi meglio posso aiutarti...dovrei avere degli articoli sull'argomento...
    ti ringrazio per le informazioni....poi per quanto riguarda il ruolo del familiare si intendo le dinamiche e lo stress che si possono verificare nel caregiver e nell'ambito familiare. non sono molto informata ma so che i familiari per esempio possono non accetare la malattia e comportarsi con comportamenti diversi.

    spero di essermi spiegata bene....e grazie ancora!

  9. #9
    Postatore Compulsivo L'avatar di Calethiel
    Data registrazione
    19-04-2005
    Residenza
    Roma provincia
    Messaggi
    3,590
    Concordo con quanto detto da Paky. Dove ho fatto il primo semestre di tirocinio c'erano due psicologhe, giovani, sui 34 anni, ke si occupavano di neuropsicologia, senza avere fatto nessuna scuola, ma semplicemente avendo iniziato subito dopo la laurea in un reparto di neurologia.
    Io ho fatto la tesi in neuropsicologia, l'anno di tirocinio nell'ambito (6 mesi in un consultorio per i disturbi cognitivi/centro uva(unità valutazione alzheimer) e gli altri 6 mesi in un'unità di neurologia) sono 6 mesi ke ho finito e sto continuando ad andare a neurologia, e nonostante questo so ke trovare lavoro come neuropsicologa sarà difficile, xkè negli ospedali non assumono, e quindi restano solo cliniche private e case di cura. Ma anke li la situazione non è rosea. Per questo quest'anno mi iscriverò alla scuola di specializzazione (se si decidono a fare uscire il bando!).
    Riassumendo, teoricamente può fare la neuropsicologa anke solo con la laurea (e l'abilitazione). In pratica è difficile ke t assumano!

    Sara è una bella idea per la tesi. Appena ho un attimo i cerco il materiale. Ma la vuoi fare sperimentale o compilativa?

    Mentre il saggio indica la luna, lo stolto guarda il dito

    Non ti curar di loro, ma guarda oltre e passa

  10. #10
    Postatore Epico L'avatar di paky
    Data registrazione
    25-06-2002
    Residenza
    Napoli
    Messaggi
    6,026
    Sara, per quanto riguarda la tua tesi potresti rivolgerti all'AIMA, l'Associazione Italiana Malati di Alzheimer. Fanno anche supporto ai familiari e forse possono darti qualche indicazione più precisa
    ...love is passion, obsession, someone you can't live without.
    I say fall head over heels.
    Find someone you can love like crazy and who'll love you the same way back.
    How do you find him? Well, forget your head and listen to your heart.
    'Cause the truth is that there's no sense living your life without this.
    To make the journey and not fall deeply in love... well, you haven't lived a life at all.
    But you have to try, because if you haven't tried, you haven't lived.

    Meet Joe Black

  11. #11
    Nos*
    Ospite non registrato
    Per quanto riguarda Neuropsicologia devi sapere che il Neuropsicologo è sempre oscurato dalla figura del Neuropsichiatra che in pratica oltre a studiare le stesse cose del Neuropsicologo cioè i processi cognitivi e capire che tipo di problema ha il paziente si occupa anche del trattamento farmacologico cosa che un Neuropsicologo non può fare ....negli ospedali si preferisce la figura del Neuropsichiatra .

    Ad ogni modo senza la quadriennale non si è ne carne e ne pesce...

    Un Neurologo-Un Neuropsichiatra,Uno Psichiatra sono avvantaggiati a diventare Neuropsicologi, infatti i nostri Docenti Marta sono Neurologi et cetera...ma noi una volta diventati Neuropsicologi..verremmo sempre oscurati da costoro, prima perchè hanno una laurea in Medicina e soprattutto perchè possono trattare con i farmaci....In pratica noi anche facendo la quadriennale diventiamo Psicoterapeutici ma mai Neuropsicologi anche perchè una quadriennale in Neuropsicologia per quanto ne sappia non esiste,ma esiste una specialistica in Neurologia e Neuropsichiatria..questo è il punto, quindi dovremmo laurearci in Medicina e poi specializzarci se vogliamo FARE CARRIERA e denominarci Professionisti Neuropsicologi...spero di essere stato chiaro.......rifletteteci..se voi dopo la sSpecialistica volete andare avanti come Neuropsicologi..non potete più continuare..in quel ramo..ma dovete cambiare direzione..il che...vi fa diventare Psicoterapeuta ma mai Neuropsicologi...perchè sono i Neurologi e Neuropsichiatri...ad essere tenuti in grande considerazione negli Ospedali...nelle Università...sono loro i Specialisti..e se vogliamo...è così,quindi direi di non illuderci...purtroppo,la loro parola conterà sempre di più...ed è giusto
    Ultima modifica di Nos* : 25-09-2005 alle ore 18.26.24

  12. #12
    Postatore Epico L'avatar di paky
    Data registrazione
    25-06-2002
    Residenza
    Napoli
    Messaggi
    6,026
    Nos perdonami ma hai detto una serie di inesattezze. Non hai ancora nemmeno fatto l'esame di neuropsicologia, come fai a venire qui a parlarne con tanta sicurezza?

    I nostri docenti di neuropsicologia sono neurologi perchè ai loro bei tempi la neuropsicologia è stata "inventata" dai neurologi. Il prof. Grossi, se non lo sai, è sì neurologo e psichiatra ma è un grande studioso di psicologia e attualmente ama definirsi "neurologo passato alla psicologia". Il prof. Lepore, nome importante nella ricerca, è invece uno dei primi neuropsicologi *importanti* che si è laureato in psicologia. La neuropsicologia non è AFFATTO, come hai detto tu, esclusiva dei medici, perchè la gran parte dei medici [anche neurologi, credimi] non sa e non capisce NULLA di neuropsicologia. I neurologi si affidano infatti agli PSICOLOGI [nello specifico, ai neuroPSICOLOGI] per la diagnosi dei disturbi cognitivi successivi al danno neurologico che loro accertano nelle sue componenti anatomo-fisiologiche.

    Il neuropsicologo E' psicologo, punto. Il neuropsichiatra fa altro. Il neurologo fa altro. Il neuropsicologo somministra i test neuropsicologi [cognitivi ed ecologico-funzionali] e con essi e l'osservazione clinica fa la diagnosi [che tanto spesso non può essere fatta altrimenti, in molti casi infatti il neurologo non può far altro che limitarsi a constatare le evidenze anatomo-patologiche] e pianifica l'intervento riabilitativo. Neuropsicologo e neurologo in questo sono due figure distinte e complementari.

    Poi, per la cronaca. La scuola quadriennale di psicoterapia qui non c'entra assolutamente NULLA. Ma secondo te lo psicologo è solo lo psicoterapeuta? Lo psicologo in quanto tale è esperto di processi cognitivi. Il neuropsicologo non fa altro che accertare in che modo e in che misura tali processi cognitivi risultino deficitari in seguito ad una patologia cerebrale, e in che modo si possa intervenire, nè più nè meno.
    La scuola quadriennale di NEUROPSICOLOGIA esiste, è a Roma ed è tenuta dal prof. Pizzamiglio. Però non è riconosciuta ufficialmente e non è in ogni caso l'unica strada per esercitare la professione di neuropsicologo, come ho già detto.

    Come consiglio, Nos... intervieni con tanta enfasi solo nelle discussioni in cui ti puoi sentire DAVVERO competente, lascia agli altri il resto. Senza polemica

    ...love is passion, obsession, someone you can't live without.
    I say fall head over heels.
    Find someone you can love like crazy and who'll love you the same way back.
    How do you find him? Well, forget your head and listen to your heart.
    'Cause the truth is that there's no sense living your life without this.
    To make the journey and not fall deeply in love... well, you haven't lived a life at all.
    But you have to try, because if you haven't tried, you haven't lived.

    Meet Joe Black

  13. #13
    Partecipante Affezionato
    Data registrazione
    25-09-2005
    Residenza
    Torino
    Messaggi
    100
    Anch'io ho svolto il mio tirocinio presso il servizio di neuropsicologia di una casa di cura privata! Ora che sto cercando lavoro mi piacerebbe molto continuare in questo settore ma le cose non sono così facili! Ho appena iniziato la mia ricerca e quindi non mi scoraggio! E' vero che adesso con il N.O. esiste la laurea in scienze neuropsicologiche! Ma fino ad ora i cosidetti neuropsicologi sono persone laureate in psicologia e che hanno esperienza in questo campo!

  14. #14
    Nos*
    Ospite non registrato
    Per quanto riguarda Neuropsicologia devi sapere che il Neuropsicologo è sempre oscurato dalla figura del Neuropsichiatra che in pratica oltre a studiare le stesse cose del Neuropsicologo cioè i processi cognitivi e capire che tipo di problema ha il paziente si occupa anche del trattamento farmacologico cosa che un Neuropsicologo non può fare ....negli ospedali si preferisce la figura del Neuropsichiatra .

    Ad ogni modo senza la quadriennale non si è ne carne e ne pesce...

    Un Neurologo-Un Neuropsichiatra,Uno Psichiatra sono avvantaggiati a diventare Neuropsicologi, infatti i nostri Docenti Marta sono Neurologi et cetera...ma noi una volta diventati Neuropsicologi..verremmo sempre oscurati da costoro, prima perchè hanno una laurea in Medicina e soprattutto perchè possono trattare con i farmaci....In pratica noi anche facendo la quadriennale diventiamo Psicoterapeutici ma mai Neuropsicologi anche perchè una quadriennale in Neuropsicologia per quanto ne sappia non esiste,ma esiste una specialistica in Neurologia e Neuropsichiatria..questo è il punto, quindi dovremmo laurearci in Medicina e poi specializzarci se vogliamo FARE CARRIERA e denominarci Professionisti Neuropsicologi...spero di essere stato chiaro.......rifletteteci..se voi dopo la sSpecialistica volete andare avanti come Neuropsicologi..non potete più continuare..in quel ramo..ma dovete cambiare direzione..il che...vi fa diventare Psicoterapeuta ma mai Neuropsicologi...perchè sono i Neurologi e Neuropsichiatri...ad essere tenuti in grande considerazione negli Ospedali...nelle Università...sono loro i Specialisti..e se vogliamo...è così,quindi direi di non illuderci...purtroppo,la loro parola conterà sempre di più...ed è giusto

    http://www.opsonline.it/forum/showth...threadid=23806

    http://www.opsonline.it/forum/showth...threadid=25724

    http://www.opsonline.it/forum/showth...&threadid=7369

    http://www.opsonline.it/forum/showth...s=&threadid=22

    http://www.sinp-web.org/soci.htm


    Marta

    Perfetto, sono felice di essermi totalmente sbagliato

    Concordo sui Docenti da te citati


    *Grazie seguirò alla lettera il tuo consiglio
    Ultima modifica di Nos* : 25-09-2005 alle ore 18.49.48

  15. #15
    Postatore Compulsivo L'avatar di Calethiel
    Data registrazione
    19-04-2005
    Residenza
    Roma provincia
    Messaggi
    3,590
    Posso dire ke lavoro come neuropsicologa?
    No, xkè non ho un contratto di assunzione e non sono stipendiata, ma facico "frequentazione scientifica", altro modo di chiamare lo sfruttamento.
    xò sono all'interno di un'unità di neurologia, in un ospedale (il policlinico di roma) e collaboro con neurologi.
    IO faccio i test IO li interpreto.
    LORO prescrivono le risonanze e gli altri esami, fanno la diagnosi finale sulla base dei test che IO ho fatto, dell'anamnesi e degli esami di laboratorio, e se è il caso prescrivono dei farmaci. Ma i test nn sanno neanche da che parte si guardano, e di psicologia non sanno niente. La riabilitazione la fanno gli psicologi (o neuropsicologi), non i neurologi o neuropsichiatri.

    E la scuola di neuropsicologia di pizzamiglio nn è riconosciuta xkè nn esiste un albo dei neuropsicologi, ma quetso solo x problemi "politici". Ma di questo si è già parlato in altra sede.

    Mentre il saggio indica la luna, lo stolto guarda il dito

    Non ti curar di loro, ma guarda oltre e passa

Pagina 1 di 6 123 ... UltimoUltimo

Privacy Policy