• Opsonline.it
  • Facebook
  • twitter
  • youtube
  • linkedin
Pagina 1 di 2 12 UltimoUltimo
Visualizzazione risultati 1 fino 15 di 22
  1. #1
    Ospite non registrato

    Il mercato cinese danneggia la nostra economia, complicità anche nostra?

    Cari amici.

    Il mercato cinese danneggia la nostra economia, complicità anche nostra?

    capisco benissimo le paure e i problemi, il mercato cinese sia espanso in seguito alle caratteristiche del capitalismo moderno, al mercato non importa niente degli esseri umani, bensì i costi sono importanti. Il mercato cinese trovà molti clienti perchè i loro prodotti pur essendo scadenti come i vestiti, servono per coprirsi dal freddo, per non uscire nudi in strada etc. Se una famiglia monoredito di 4 persone non riesce ad arrivare a fine mese, per colpa di commercianti disonesti che hanno radoppiati i prezzi! è chiaro che una persona sarà costretta a rivolgersi ai cinesi per vestirsi, vi faccio un esempio, se un abito completo mi costa 200 euro mentre dai cinesi me ne costa 30, io vado dai cinesi, e non perchè voglia fare un torto alla nostra economia, ma perchè sono costretto a farlo, mi trovo davanti ad un dilemma aiutare la nostra economia spendendo cifre esorbitanti, oppure uscire nudo in strada perchè non posso comprarli?, Se tutti i grandi imprenditori che dicono d'essere nei guai fino al collo, e che stranamente cambiano bmw o mercedes ogni mese, oppure spendono 2000 euro per una cena, s'accontetassero di guadagnare un pochino meno e di puntare alla creazione di qualità ad un prezzo ottimo, allora penso che il problema cinese possa essere combattuto.

    Signore senza potere d'acquisto e senza stipendio non si possono acquistare i buoni prodotti che costano cari, le imprese per fronteggiare la crisi, mettono in cassa integrazione gli operai, oppure vogliono abbassare i costi del lavoro, trasferendosi all'estero oppure tornando ai tempi della rivoluzione industriale, in cui si lavorava 15 ore al giorno, con conseguenze negative sulle stabilità e coesione tra i membri della famiglia.

    Ditemi voi se anche questo è giusto

  2. #2
    Postatore Compulsivo L'avatar di Itsuki
    Data registrazione
    10-12-2004
    Residenza
    ROMA
    Messaggi
    3,057
    personalmente compravo i gingilli nei negozi cinesi in zona termini da prima che si cominciasse a parlare dei danni del mercato cinese...ho comprato anche jeans e magliette (anche se solitamente non sono granchè...sono tutti uguali e un po' "da vecchia", diciamo... ) e sicuramente biancheria intima...tutto questo nei negozi.

    ora sotto casa mia hanno aperto 3 negozi casalinghi tenuti da cinesi in 1 anno. il casalinghi che c'era prima resiste perchè ci vanno gli aficionados, ma io preferisco di gran lunga quelli dei cinesi perchè tanto le cose che ci stanno valgono quanto quelle del casalinghi del risparmio casa solo che costano di meno...e al risparmio casa ci vado solo quando sono di fretta e non posso andare fino ad uno dei cinesi...

    alle bancarelle dei cinesi non ho mai comprato, non saprei...però compro sempre le cose che mi servono alle bancarelle dei napoletani (che ora hanno messo gli immigrati a vendere, così possono seguire più bancarelle in diversi luoghi contemporaneamente... )

    sinceramente del mercato e dell'economia non mi è mai importato nulla, non mi sono mai potuta permettere le scarpe della nike nè quelle dell'adidas nè quelle della puma o della lotto...giusto quando me le regalavano a natale gli zii...le magliette le compro a porta portese e le mutande prendo quelle 3 paia 1 euro (a parte quelle coi pizzi che le prendo dai cinesi )...se il mercato italiano fa schifo sarà anche colpa mia ma non posso farmene carico, dato che se non posso permettermi una cosa, solitamente non la compro o, se proprio devo comprarla perchè mi serve, prendo quella che costa di meno.
    Ultima modifica di Itsuki : 18-09-2005 alle ore 19.21.32
    Frequentatrice (ormai) molto saltuaria di opsonline!!
    EX-moderatrice della stanza di neuropsicologia e scienze cognitive

    Finalmente ho un sito personale "SERIO"
    + visita il sito scientifico +


    Ho anche un altro sito "demenziale" con gli appunti di psicologia & altre cavolate divertenti...tutto GRATIS!!

    + entra nel sito demenziale +

    My soul is painted like the wings of butterflies, fairy tales of yesterday will grow but never die...I can fly, my friends!

  3. #3
    io mordo
    Ospite non registrato

    Re: Il mercato cinese danneggia la nostra economia, complicità anche nostra?

    Originariamente postato da Paperinus
    Cari amici.

    Il mercato cinese danneggia la nostra economia, complicità anche nostra?

    capisco benissimo le paure e i problemi, il mercato cinese sia espanso in seguito alle caratteristiche del capitalismo moderno, al mercato non importa niente degli esseri umani, bensì i costi sono importanti. Il mercato cinese trovà molti clienti perchè i loro prodotti pur essendo scadenti come i vestiti, servono per coprirsi dal freddo, per non uscire nudi in strada etc. Se una famiglia monoredito di 4 persone non riesce ad arrivare a fine mese, per colpa di commercianti disonesti che hanno radoppiati i prezzi! è chiaro che una persona sarà costretta a rivolgersi ai cinesi per vestirsi, vi faccio un esempio, se un abito completo mi costa 200 euro mentre dai cinesi me ne costa 30, io vado dai cinesi, e non perchè voglia fare un torto alla nostra economia, ma perchè sono costretto a farlo, mi trovo davanti ad un dilemma aiutare la nostra economia spendendo cifre esorbitanti, oppure uscire nudo in strada perchè non posso comprarli?, Se tutti i grandi imprenditori che dicono d'essere nei guai fino al collo, e che stranamente cambiano bmw o mercedes ogni mese, oppure spendono 2000 euro per una cena, s'accontetassero di guadagnare un pochino meno e di puntare alla creazione di qualità ad un prezzo ottimo, allora penso che il problema cinese possa essere combattuto.

    Signore senza potere d'acquisto e senza stipendio non si possono acquistare i buoni prodotti che costano cari, le imprese per fronteggiare la crisi, mettono in cassa integrazione gli operai, oppure vogliono abbassare i costi del lavoro, trasferendosi all'estero oppure tornando ai tempi della rivoluzione industriale, in cui si lavorava 15 ore al giorno, con conseguenze negative sulle stabilità e coesione tra i membri della famiglia.

    Ditemi voi se anche questo è giusto
    ciao,
    non è affatto vero che i loro prodotti sono scadenti, per quanto riguarda i mobili, fanno prodotti migliori dei nostri a costi più contenuti ad esempio, lo so perchè mio padre aveva un'azienda di prefabbricati per mobili fino a qualche mese fa (che ovviamente ha dovuto chiudere).
    Non credo che siano solo le bancherelle di vestiti cinesi a provocare tutti questi danni alla nostra economia...
    Per i discorsi sulle macchine e sulle cene degli imprenditori... no comment!
    Probabilmente nessun imprenditore ha mai pensato di fare prodotti di qualità a prezzi bassi
    Paperinus, non credo che sia così semplice... o che dipenda dagli imprenditori arraffoni , la nostra manodopera costa molto più della loro e per molti imprenditori è impossibile essere competitivi anche volendo far pari (nel bilancio dico)... ...se non ci fossero quegli imprenditori che cambiano mercedes ogni mese l'economia non andrebbe affatto
    Ciao
    Ultima modifica di io mordo : 18-09-2005 alle ore 23.19.40

  4. #4
    alberag
    Ospite non registrato
    Mia sorella è andata in Cina per lavoro un paio di volte e mi ha portato dei regalini: camicie e magliette di marca ed alter cose. In Cina un CD costa 0,7€, un DVD poco più di uno. Le aziende europee ed americane sono andate la a produrre per abbattere i costi: quando ne hanno visto il pericolo han cominciato a ritrarre le mani e togliere le concessioni...peccato che nel frattempo gli avessero insegnato il mestiere.
    Io credo ceh il problema, per il futuro, non sia tanto quello della convenienza economica o del protezionismo che stanno cominciando a proporre i governi europei, quanto quello di puntare sullo sviluppo e sulla ricerca. E poi proteggere la propria conoscenza, i propri brevetti.
    PS
    al salone di francoforte è stata presentata una fuoristrada cinese: prezzo 15.000€. Guardatela bene: è uguale alla vecchia Opel Frontera....c'è da chiedersi il perchè probabilmente

  5. #5
    Ospite non registrato
    aumentare il segreto industriale? potrebbe essere una buona idea, il sistema capitalistico moderno si basa in un mercato, dove il miglior offerente è ben accetto, al mercato non importa che nazionalità abbia un imprenditore, etc, il mercato si basa sui costi. I cinesi hanno una mentalità lavorativa differente dalla nostra, per esempio lavorano la domenica anche 14 ore al giorno, la nostra mentalità lavorativa invece è differente, non lavoriamo 14 ore al giorno e per noi la domenica è sacra, fatto eccezione per coloro che fanno i turni. Piano piano i nostri diritti, quei diritti conquistati col sangue ed il sacrificio di coloro che ci hanno preceduto nel passato, stanno via via scomparendo ed il bello che molti non ne fanno un dramma, adesso il privato, che è un protagonista del capitalismo moderno, entra e gioca come ad una roulette sui 3 diritti cardine dell'essere umano che sono: Salute, Istruzione e Lavoro.

    La general motors in germania che è rappresentata dalla OPEL, ha chiaramente communicato ai suoi dipendenti l'aumento dell'orario settimanale a 40 ore lavorative, per far fronte ala crisi industriale creata da una concorrenza asiatica forte.

    A Bologna ed a Milano ho avuto occasione e fortuna di parlare con 2 persone inserite nel panorama aziendale Italiano, entrambi mi hanno riferito di acquistare i nostri prodotti e di scartare i prodotti asiatici, perchè contribuivo in maniera indiretta al vantaggio della concorrenza, in parte potrei dare ragione a queste persone, per quanto riguarda l'acquisto di prodotti nazionali, non per un fatto nazionalistico, ma per dare un aiuto alle nostre aziende. Non condivido il loro discorso sull'aumento delle ore lavorative a parità di stipendio, mi hanno riferito se vogliamo andare avanti i sacrifici sono da farsi!, pensai in quell'istante dentro di me, qui scompaiono i nostri diritti e con che velocità!.

    La coesione tra i membri famigliari verrà meno a causa dell'assenza forzata di uno o entrambi i membri portanti della stessa, con la conseguente disgregazione della stessa, si tornerà ad esempio alla moglie che si lamenta perchè il marito è sempre assente i figli, non riconosceranno più il loro padre e non lo considereranno tale, perchè sempre assente a causa del lavoro etc..

    E' una situazione che sta prendendo piega, che porterà in seguito a tensioni e conflitti sociali, i posti di lavoro saranno sempre di meno e sempre più precari.



  6. #6
    io mordo
    Ospite non registrato
    E allora cosa vogliamo fare? le facciamo saltare queste aziende?
    perchè, tu pensi che questi imprenditori potrebbero fare a meno di prendere queste decisioni?

  7. #7
    Ospite non registrato
    Ho detto che voglio far saltare le aziende? non mi pare, sto solo cercando di capire se esiste una possibilità, ed una volontà per poter salvaguardare sia i diritti dei lavoratori, che lo svilupo e la crescita aziendale,

  8. #8
    io mordo
    Ospite non registrato
    si, scusa.

  9. #9
    alberag
    Ospite non registrato
    Originariamente postato da Paperinus
    aumentare il segreto industriale? potrebbe essere una buona idea,
    Io credo non sia possibile proteggere il segreto industriale: se tu fai un'innovazione tecnologica ed io voglio copiartela la cosa più rapida è comprare il tuo prodotto, smontarlo e vedere com'è fatto dentro. Io sto dicendo che bisogna investire di più su ricerca e sviluppo, perchè le tecnologie si possono copiare, il pensiero che ci sta dietro un po' meno.

  10. #10
    Ospite non registrato
    quindi in parole povere alberag secondo te quale puo essere una delle soluzioni applicabili per risolvere questi problemi?

  11. #11
    alberag
    Ospite non registrato
    Puntare sullo sviluppo e sulla ricerca, di modo che il tuo prodotto sia migliore di quello degli altri. Se il tuo prodotto è migliore, chi può è disposto a spendere di più...ci sarà pure un motivo per cui le FIAT hanno goduto di una fama pessima negli ultimi 15-20 anni...se non ha chiuso del tutto è solo perchè il prodotto costa meno. Idem con i prodotti cinesi: le magliette che compri al mercato costano 3 euro e valgono 3 euro; quelle che compri di marca costano 40 euro e ne valgono 15....solo per l'incazzatura di non farti guadagnare un sacco di soldi unicamente per la marca la gente le compra. Poi costano meno e la gente le compra ancora di più!!

  12. #12
    Postatore Compulsivo L'avatar di francy1981
    Data registrazione
    17-10-2004
    Residenza
    nel mondo...
    Messaggi
    3,814
    Blog Entries
    1
    io sono colpita direttamente dal mercato cinese,
    allora io penso che ovviamente le loro cose costano meno:

    1-lavorano in massa giorno e notte,in nero,senza nessun diritto e molti sono bambini..quindi sfruttamento minorile

    2-non pagano tasse...la maggior parte

    3-i loro prodotti sono tutti in stock,per cui costo basso,però anche scarsa qualità...

    chi è nel settore capisce i prodotti,se sono buoni o no,beh i loro sono pessimi..almeno nell'abbigliamento.

    Io penso che la colpa si anche nostra,le cose costano poco,noi compriamo da loro,quello che loro guadagnano non lo spendono qua ma la maggior parte li manda al loro paese e quindi l'economia non gira. Cavolo ma poi troppo facile fare soldi se non si pagano le tasse,se loro iniziassero ad essere controllati quanto noi,le cose cambierebbero,e non ci si lamenterebbe che non si hanno soldi...sarà anche colpa dell'euro non discuto,ma se noi compriamo da chi a sua volta compra da noi,ok i soldi girano,cosi rgazzi i miei non girano più e la povertà aumenta,come aumenta il riuscire ad arrivare a fine mese...Io non ho mai comprato nulla da loro....sono fermamente convinta che sia sbagliato,da quando ci sono loro,mia mamma scarseggia di lavoro...e arrivare alla fine del mese è proprio dura...

    Altro episodio:la ristorazione
    costa poco ok...ma cosa c'è nel piatto?
    circa un anno fà la mia amica,che si trovava al ristorante cinese,fa fatica a respirare perchè un ossicino le si è bloccato in gola,pollo...conoglio..non ricordo cosa aveva preso,comunque andiamo al pronto soccorso,dopo aver estratto l'ossicino dalla sua gola,le viene chiesto dove era andata a mangiare?
    Al cinese,perchè?
    Le abbiamo estratto un ossicino di TOPO ...
    Episodio isolato?non credo.....


    Se sapessi che questi sono gli ultimi attimi che ti vedo, direi "ti amo" e non darei scioccamente per scontato che già lo sai.

    Nessuno può mostrare troppo a lungo una faccia a sé stesso e un'altra alla gente senza finire col non sapere più
    quale sia quella vera.
    (Nathaniel Hawthorne)

    visita questo sito...per dire ANCHE IO SONO DALLA PARTE DI BAMBINI

    My Blog....venite a trovarmi...

  13. #13
    Ospite non registrato
    il discorso di francy 1981 potrebbe essere vero, però con tutto il rispetto per tua mamma ma se lei mi vende un vestito di marca a 230 euro ed il cinese mi vende un prodotto scadente a 20 euro io che soldi non ne ho mio malgrado sono costretto a comprare dai cinesi, aumentando i loro profitti ed danneggiando altri per esempio tua mamma. Amici, che dirvi?, una famigli di 4 elementi monoreddito 900 euro al mese, affitto luce mangiare, etc. Difficilmente al 27 ci potrà arrivare ma adesso verrà il freddo dovremmo coprirci? che facciamo? muoriamo di freddo o aiutiamo la nostra economia? scelta difficile per persone sagge.

    Soluzioni? vendere prodotti buoni ad un prezzo minore, gli imprenditori italiani anzichè voler guadagnare i soldi per comprarsi la cocaina! (vedi ultima vicenda) oppure entrare in crisi per non riuscire a dominare le proprie frustazioni causata dal non potersi comprare una mercedes al mese! s'accontentassero di guadagnare per esempio 800 anzichè 1200 tutti staremo meglio. Invece adesso vogliono tagliare il costo del lavoro però i loro guadagni non vogliono tagliarli vero?

  14. #14
    Postatore Compulsivo L'avatar di francy1981
    Data registrazione
    17-10-2004
    Residenza
    nel mondo...
    Messaggi
    3,814
    Blog Entries
    1
    bhe se parli,di grandi marche e grandi prezzi,sono d'accordo,con te,però purtroppo anche i piccoli commercianti sono danneggiati,quelli che hanno merce buona ad un prezzo secondo me giusto...i cinesi hanno tutto a 5...10 euro,i commercianti che dico io,che esistono anche semplicemente andando per mercati,che vendono a 20/25 euro prodotti validi che sulla pelle stanno bene,cavolo le magliette dei cinesi,ti si incollano alla pelle,quando fà caldo fanno un effetto sauna...
    Sono contro quei grandi imprenditori che sfruttano la gente per i propri interessi,ma quei poveri commercianti che vendono per dar da mangiare alla famiglia,tra un pò si ritrovano in mezzo alla strada....


    Se sapessi che questi sono gli ultimi attimi che ti vedo, direi "ti amo" e non darei scioccamente per scontato che già lo sai.

    Nessuno può mostrare troppo a lungo una faccia a sé stesso e un'altra alla gente senza finire col non sapere più
    quale sia quella vera.
    (Nathaniel Hawthorne)

    visita questo sito...per dire ANCHE IO SONO DALLA PARTE DI BAMBINI

    My Blog....venite a trovarmi...

  15. #15
    Originariamente postato da francy1981
    [B
    circa un anno fà la mia amica,che si trovava al ristorante cinese,fa fatica a respirare perchè un ossicino le si è bloccato in gola,pollo...conoglio..non ricordo cosa aveva preso,comunque andiamo al pronto soccorso,dopo aver estratto l'ossicino dalla sua gola,le viene chiesto dove era andata a mangiare?
    Al cinese,perchè?
    Le abbiamo estratto un ossicino di TOPO ...
    Episodio isolato?non credo..... [/B]
    In un ristorante cinese di Cremona servivano carne (e ossa) di nutria, probabilmente pescate dal Po
    ...but still I am the Cat who walks by himself, and all places are alike to me.

Pagina 1 di 2 12 UltimoUltimo

Privacy Policy