• Opsonline.it
  • Facebook
  • twitter
  • youtube
  • linkedin
Visualizzazione risultati 1 fino 9 di 9

Discussione: pregetto scuola

  1. #1
    Partecipante L'avatar di yogurt200
    Data registrazione
    30-09-2004
    Messaggi
    55

    pregetto scuola

    una preside di una scuola media mi ha suggerito di preparare un progetto e esporglielo personalmente. Ora sono in tilt totale. Non so come stenderlo materialmente ho una specie di idea cioe' proporre degli incontri con il gruppo classe e introdurre il metodo dell'educazione socioaffettiva e quindi in lavoro di gruppo e il circle time, dopodiche' affrontare sempre in gruppo argomenti come il disagio giovanile,la comunicazione virtuale,le nuove drgohe ecc...Ma ripeto non so come stendere il tutto ,quante ore sarebbero adeguate?i costi?grazie salutoni

  2. #2
    Postatore Compulsivo L'avatar di sulinari
    Data registrazione
    11-01-2005
    Residenza
    provincia di Bologna
    Messaggi
    2,954
    Quello che proponi è un lavoro davvero ampio...
    Dunque...secondo me come prima cosa ti conviene circoscrivere un po' il campo.
    Posso chiederti di dove sei? anch'io tento di lavorare con le scuole...
    qui ci sono anch'io --> http://internos7.wordpress.com/

    Perfer et obdura. Dolor hic tibi proderit olim.

  3. #3
    Partecipante L'avatar di yogurt200
    Data registrazione
    30-09-2004
    Messaggi
    55
    Sono di reggio calabria siamo un po' distanti eh! mi sono laureata alla sapienza a roma ma adesso faro' il tirocinio qui al Ser.T....Nel frattempo mi hanno consigliato di battere la strada dei progetti nelle scuole,una collega li ha fatti ma i progetti erano gia fatti e lei ha fatto solo domanda quindi non so da DOVE COMINCIARE!diciamo che le idee potrei averle ma forse non riesco a organizzare il tutto,pensavo che l'informazione sui diversi disagi agli adolescenti fosse fattibile ma forse e' davvero troppo ampio considerando che credo non siano consigliabili i progetti lunghi,forse 5 6 ore sono sufficienti mhaaaaaaaaa

  4. #4
    Postatore Compulsivo L'avatar di sulinari
    Data registrazione
    11-01-2005
    Residenza
    provincia di Bologna
    Messaggi
    2,954
    Dunque, un'idea intanto è quella di sentire la tua collega e chiederle se ti fa sbirciare qualcuno dei progetti che ha portato lei, anche solo per vedere la lunghezza e la struttura del lavoro.
    Poi, su quante classi vuoi lavorare?
    solo le terze o tutti?
    Se vuoi focalizzarti sull'educazione socioaffettiva devi considerare livelli diversi di progetto per i ragazzi di prima e quelli di terza.
    Tra l'altro visto che fai il tirocinio al sert perchè non fai un lavoro sull'uso di sostanze, sulla prevenzione delle tossicodipendenze?
    Al sert c'è un sacco di materiale, e puoi sfruttarlo.
    Non vorrei averti messo ancora più confusione in testa così!!!
    qui ci sono anch'io --> http://internos7.wordpress.com/

    Perfer et obdura. Dolor hic tibi proderit olim.

  5. #5
    Neofita
    Data registrazione
    26-01-2005
    Residenza
    roma
    Messaggi
    14
    Anche io ti consigliio vivamente di restringere il campo e di farlo sull'argomento "dipendenza da sostanze", il tirocinio al ser.t. ti sarà utilissimo in questo !!!!!
    Potresti parlare delle droghe di nuova sintetizzazione, argomento che interessa da vicino proprio i giovani adolescenti, anche se magari come argomento è un pò già sentito...... L'idea dell'educazione socio affettiva è davvero bella ma secondo me non verrebbe bene perché è un argomento dqavvero vasto che ristretto alle poche possibilità ( tempo e soldi) che un progetto ti mette a disposizione non renderebbe il massimo...
    In bocca al lupo comunque!!!

  6. #6
    Ospite non registrato
    Yogurt, mi accodo alle riflessioni precedenti ... l'educazione socio-affettiva è bellissimo, ma considera che sono necessari dai 15 ai 20 incontri, uno ogni due settimane ... e poi devi essere esperta nel condurre i gruppi di ragazzini, perchè se vuoi fare ad esempio il circle-time devi sopportare l'assenza iniziale di regole che la libertà data dal metodo comporta ... dopo un pò i ragazzi iniziano da soli ad introdurre le regole, perchè tu lì sei solo il facilitatore ... e poi di solito queste cose si organizzano formando gli insegnanti al metodo, perchè poi così si raccolgono più frutti. Devono essere loro a sperimentarlo con i loro alunni, perchè consente loro di avvicinarsi ai loro problemi e di far sì che loro la sentino più vicina, anche se comunque in altri momenti rimane la relazione asimmetrica didattica il perno attorno a cui ruotano i rapporti ... tu dovresti seguire il progetto come supervisione, ma non è assolutamente facile! Per cui ti dico: proponi loro qualcosa su cui ti senti esperta, come le droghe, è un argomento attualissimo, e la prevenzione in questo senso sempre richiesta.

    Ciao e in bocca al lupo!

  7. #7
    delfino 80
    Ospite non registrato
    salve io avrei intenzione di portare avanti un progetto sul rispetto del diverso, da proporre nelle scuole ma non ho idea di come si strutturi un progetto

  8. #8
    Ospite non registrato
    Io ho fatto un corso ("l'approccio al paziente con diverso orientamento sessuale)proprio di questo tipo, ed ho materiale per elaborare un progetto con gli insegnanti delle medie inferiori e superiori ... ma non saprei come fartelo avere! Tra l'altro ora che mi ci fai pensare ci si potrebbe ricavarne qualcosa ... Hai ragione, è proprio un tema interessante e utile. L'insegnante del corso era la dr. ssa Margherita Graglia (psicologa, psicoterapeuta) di Reggio Emilia, collabora anche con il ministero delle pari opportunità, è molto brava (ci ha fatto un corso di due giorni fatto molto bene) e mi è sembrata molto disponibile, prova a vedere se trovi in rete la sua mail, altrimenti vedo se riesco a trovarla fuori io. Poi prova a chiederle info, magari ti dice dove recuperare quel materiale. Ci aveva dato del materiale molto bello, stampato su carta plastificata a colori, ma non credo l'abbia fatto tutto lei. Era per insegnanti e ragazzi, centrato sulla comunicazione in tema di differenze di orientamento sessuale.
    Auguri!

  9. #9
    Neofita
    Data registrazione
    26-01-2005
    Residenza
    roma
    Messaggi
    14
    Dunque..... in poche parole non è facile schematizzare la modalità di stesura di un progetto. Si può iniziare con una panoramica della problematica / argomento che si intende trattare nel progetto che si presenta; si passa poi ad illustrare le modalità di risoluzione che si intende adottare per risolvere il suddetto problema, sottolineando sempre bene gli aspetti psicodinamici coinvolti nella problematica e nella metodologia applicata ( siamo sempre psicologi nol???).
    Si specificano bene giorni, ore, costi previsti, si fa un organigramma delle persone coinvolte direttamente nell'attuaizone del progetto. Il tutto più preciso che si può.
    Eco direi che più o meno queste sono le cose basilari...... Inserire una bibliografia non guasta!!!!
    In bocca al lupo e viva le ideeeeeeeeeee

Privacy Policy