• Opsonline.it
  • Facebook
  • twitter
  • youtube
  • linkedin
Visualizzazione risultati 1 fino 10 di 10

Discussione: pubblicità

  1. #1
    Partecipante Affezionato
    Data registrazione
    16-10-2004
    Messaggi
    74

    pubblicità

    ciao a tutti. secondo voi, uno psicologo clinico, senza master o specializzazione, può lavorare in una agenzia pubblicitaria con qualifica di psicologo? o deve fare un corso particolare?

  2. #2

  3. #3
    Partecipante Affezionato L'avatar di psicofreud
    Data registrazione
    13-05-2005
    Residenza
    emilia romagna
    Messaggi
    110
    Secondo me in linea teorica potrebbe...ma per quel che ne so io il problema non si pone...quale agenzia pubblicitaria prenderebbe uno psicologo con formazione clinica?

  4. #4
    Postatore Compulsivo
    Data registrazione
    08-12-2001
    Residenza
    Roma
    Messaggi
    3,834
    uno psicologo ad indirizzo clinico con regolare iscrizione all'Ordine Psy può a tutti gli effetti definirsi PSICOLOGO

    per lavorare in un'agenzia pubblicitaria, in assoluto, non ti serve alcun ulteriore corso di specializzazione... potrà solo essere utile nel caso in cui tu voglia acquisire qualche strumento/competenza specifica...

    un saluto ed in bocca al lupo,
    nicola

  5. #5
    Eowin
    Ospite non registrato
    La domanda comunque la dice lunga sulla percezione dei giovani psicologi di quanto non siano legittimati a svolgere alcuna professione, nemmeno quelle che la gente comune fa senza nessuna qualifica particolare, come il pubblicitario.
    Siamo solo soci pagatori di altri soci formatori, perlomeno quello che passa è questo.
    La Vs. sempre polemica Eowin.

  6. #6
    Postatore Compulsivo
    Data registrazione
    08-12-2001
    Residenza
    Roma
    Messaggi
    3,834
    cara Eowin,
    non sai quanto condivido la tua riflessione!

    Senza nulla volerne a sissis, è un dato di fatto che - soprattutto - tra i giovani non vi è alcuna identità professionale, non vi è consapevolezza di ruolo... tutto ciò disorienta, rende insicuri, deboli, passivi...

    A mio avviso, quelli che per carattere e chissà che altro, sono più svegli, pro-attivi, polemici, arrabbiati, ecc... dovrebbero cominciare a lavorare per produrre qualcosa di diverso... la psicologia può ambire a miglior dignità e valore!

    Cara Eowin, che ne dici? Ci eravamo incrociati e poi ci siamo persi, ma la carovana sto continuando a procedere e crescere... perché non unire le forse

    Un saluto,
    nicola

  7. #7
    Eowin
    Ospite non registrato
    Veramente, Nico, tempo fa avevo mandato la mia adesione al sito di altrapsicologia, ma poi non mi sono ritrovata nell'elenco degli iscritti.
    Che dici, la comunicazione sarà andata persa e devo rifare l'iscrizione?
    Ciao, E.

  8. #8
    Postatore Compulsivo
    Data registrazione
    08-12-2001
    Residenza
    Roma
    Messaggi
    3,834
    gh

    ti scrivo in PM e risolviamo

  9. #9
    Neofita L'avatar di ChetBaker
    Data registrazione
    09-03-2005
    Residenza
    Roma
    Messaggi
    5
    lavorare in un'agenzia pubblicitaria non è di per sé facile, a parte il momento economico sfavorevole a questo settore.

    la domanda è un'altra, cioé che cosa vorresti fare lì? Il creativo (copyo art) o l'account oppure il mediaplanning ? le professionalità in un'agenzia sono diverse e se non complesse come quelle di uno psicologo, richiedono comunque una preparazione.

    in bocca al lupo

  10. #10
    salve a tutti! anche a me piacerebbe lavorare nella pubblicità... per questo per il prossimo anno ho scelto il curriculum di psicologia del lavoro... cmq. quello che mi chiedo : dopo la triennale qualunque sia il curriculum se si entra nell'albo B degli psicologi c'è una qualche distinzione tra uno Psicologo del lavoro e uno Clinico? E dopo la specialistica nell'albo A???? se sapete voi qualcosa.... almeno sono in tempo per decidere....

Privacy Policy