• Opsonline.it
  • Facebook
  • twitter
  • youtube
  • linkedin
Visualizzazione risultati 1 fino 3 di 3
  1. #1
    Partecipante Super Esperto L'avatar di rexantony
    Data registrazione
    12-07-2004
    Residenza
    Lucera... per ora
    Messaggi
    724

    Psicologia cognitiva e usabilità

    Vi posto qui di seguito una definizione "breve" che va ad abbracciare quelle che sono (a caratteri generali) le caratteristiche basilari su cui poggia la web usability

    Definizione di USABILITA':"grado in cui un prodotto può essere usato da particolari utenti per raggiungere certi obiettivi con efficacia, efficienza e soddisfazione in uno specifico contesto d'uso."

    Tra le varie definizioni questa, tratta dalla norma ISO 9241, è forse una delle più condivise.
    Il concetto di usabilità nasce negli anni 80 all'interno dell'ergonomia ovvero la disciplina che, attraverso lo studio dei comportamenti, si propone di far combaciare le esigenze con la natura e la psiche dell'uomo.
    Non è difficile immaginare a questo punto quanto influisca sulla buona riuscita di un prodotto, una analisi che vada oltre ciò che è puramente tecnico soffermandosi su quello che è strettamente legato alla psiche dell'utente. In poche parole maggiore sarà la differenza tra il modello cognitivo di chi progetta e quello di chi usufruisce tanto maggiore saranno le difficoltà riscontrate in termini di usabilità. C'è da dire che in molti casi risulta difficile, specialmente quando ci si rivolge ad un target molto ampio, immedesimarsi in un possibile utente e allo stesso tempo è improbabile calcolare tutti i fattori esterni che potrebbero influenzare una scelta o la direzione di un percorso.
    Tuttavia esistono delle regole generiche elaborate dagli psicologi della GESTALT (Wertheimer, Koffka, Kholer), che illustrano come una organizzazione a livello percettivo possa indirizzare concettualmente l'utente in direzione di percorsi prestabiliti. Si tratta delle leggi di raggruppamento e questi sono alcuni dei principi che le caratterizzano:



    VICINANZA: elementi molto vicini tra loro vengono percepiti come un unico raggruppamento;


    SOMIGLIANZA: a parità di altre caratteristiche, gli elementi più simili si raggruppano insieme;



    CHIUSURA: le linee delimitanti una superficie chiusa si percepiscono come unità più probabilmente di quelle che non si chiudono;



    DESTINO COMUNE: sono percepiti come appartenenti alla medesima configurazione gli elementi che si muovono nella stessa direzione;



    SIMMETRIA: gli stimoli tra loro simmetrici sono raggruppati insieme;



    CONTINUITA' DI DIREZIONE: a parità delle altre condizioni s'impone l'unità percettiva il cui margine offre il minor numero di cambiamenti ed interruzioni;



    BUONA FORMA: con la legge della buona forma risultano unità percettive le strutture equilibrate, armoniche, costituite secondo il principio della regolarità;



    ESPERIENZA PASSATA: infine il raggruppamento avviene anche in funzione delle nostre esperienze passate in modo che viene favorita la costituzione di oggetti con i quali abbiamo familiarità, che abbiamo già visto piuttosto che di forme sconosciute.



    L'efficacia di queste regole va chiaramente relazionata ad altri fattori i quali contribuiscono a concentrare l'attenzione dell'utente con il minor sforzo cognitivo possibile su un obiettivo prestabilito.
    Durante l'ideazione di un'interfaccia - compito spesso sottovalutato - è facile commettere errori strutturali i quali saranno causa di quel senso di smarrimento che si avverte spesso in fase di navigazione. Per comprendere a livello sensoriale cosa realmente accade durante un approccio sbagliato tra l'applicazione e chi ne usufruisce è possibile utilizzare come metafora gli spostamenti fisici di una persona in un contesto sconosciuto. Immaginate ad esempio di trovarvi all'interno della sede di una azienda che non conoscete.
    Se il vostro compito è soltanto quello di consegnare una lettera ad un ufficio interno e siete consapevoli di non dover più tornare in quel posto, nella maggioranza dei casi vi troverete a dover chiedere informazioni relative al come arrivare all'obiettivo ed in seguito al come tornare indietro.
    Diversa è sicuramente la situazione in cui ,ad esempio, siete stati trasferirti in un nuovo stabile.
    Sarà vostra premura prendere dei punti di riferimento(landmarks) che non comprendano solo il semplice tragitto locale, ma anche le relazioni che intercorrono tra i vari percorsi visitati.
    Queste relazioni contribuiscono alla creazione di una mappa mentale che può andare oltre la semplice navigazione fisica prendendo come riferimento anche elementi appartenenti all'ambiente circostante come un quadro, una scritta o una semplice macchia sul muro.
    Chiaramente ognuno, a seconda della praticità e dello spirito di osservazione, è portato considerare elementi diversi che siano facilmente memorizzabili e non è detto che il famoso cartello USCITA -> sia per voi una salvezza se avete come riferimento una macchia sul muro (specialmente se una mattina vi accorgete che le mura sono state ridipinte).Tuttavia la sua presenza sarà utile quando vi troverete obbligati a doverlo prendere per buono accettando una convenzione.
    L'utilizzo di questa metafora può essere utile per comprendere quale sia l'importanza della percezione visiva durante l'esplorazione di un sito web specialmente quando si tratta di una "prima visita". Importante è anche tener conto del fatto che la maggioranza dei visitatori del vostro web site non ha compiti da portare a termine ma soltanto la necessità di reperire informazioni. Un disorientamento o un sovraccarico cognitivo porterebbe quindi alla scelta di cercare altrove senza prendere dei riferimenti che riconducano alla vostra applicazione.
    La scelta di un linguaggio convenzionale in questi casi è senza dubbio un'arma vincente.
    Mi riferisco non solo ad una simbologia di uso comune come può essere la classica casetta per tornare alla home page, ma a veri e propri standard che fanno ormai parte del linguaggio di internet.
    Un esempio potrebbe essere il sottovalutato colore del link, che se ben utilizzato è comunicatore di diversi messaggi quali "qui puoi cliccare" o ancora "qui ci sei già stato".
    Anche se probabilmente nessuna di queste teorie ha validità empirica, l'analisi è sicuramente una necessaria e delicata fase in cui è essenziale prendere coscienza del fatto che non esiste un utente "ideale" e che, come si apprende da "la teoria dell'immagine", (Beach, Mitchell, 1987) per una corretta analisi è fondamentale spostarsi da un'ottica che esamina come le persone "dovrebbero" decidere a una in cui si studia "come" le persone effettivamente decidono.
    Spesso conosciamo la strada per uscire dal labirinto che ci circonda, ma... abbiamo troppa paura di quello che che ci aspetta una volta varcata l'uscita.

    Se lanci una moneta infinite volte a terra, non sempre cadrà come credi... Prima o poi cadrà di taglio...

  2. #2
    Partecipante
    Data registrazione
    15-03-2006
    Residenza
    roma
    Messaggi
    34

    aiuto

    ciao mi serviva qualche consiglio su questo argomento! l ho proposto come argomento tesi al professore soltanto che mi ha detto che è troppo generico ,mi ha detto di cercare qualcosa di innovativo riguardo l argomento.....ma io sono in alto mare mi sapresti dare qualche consiglio?

  3. #3
    Partecipante Esperto L'avatar di emlulaaa
    Data registrazione
    01-10-2006
    Residenza
    prov na
    Messaggi
    439
    ragazzi ho un problema!! per lunedi devo fare una ricerca sull'embodied cognition e percepition (o cognizione incarnata) che studiamo nell ambito dell'e-learnig....ma nn sono riuscita a trovare niente di buono su internet... qualcuno saprebbe consigliarmi qualche sito ?? grazie

Privacy Policy