• Opsonline.it
  • Facebook
  • twitter
  • youtube
  • linkedin
Visualizzazione risultati 1 fino 7 di 7
  1. #1
    Partecipante Veramente Figo L'avatar di alea
    Data registrazione
    11-04-2002
    Residenza
    torino
    Messaggi
    1,253

    SOGNO "ANTICO" E COLORATO

    ... Ero una principessa egiziana (antico Egitto) e per una oscura colpa venivo condannata a essere uccisa (forse) ma non mummificata andando così incontro a Reincarnazione (come se questo fosse un supplizio) , mi reincarnavo infatti in una ragazza assira, ricordo benissimo l'ambientazione un vasto deserto e un corridoio di sabbia tra due file di gigantesche facce di Pietra (tipo le statue dell'isola di Pasqua) però in stile Assiro (per intenderci i bassorilievi babilonesi ecc.) un corridoio infinito a perdita d'occhio all'orizzonte si poteva però intavedere una stele liscissima e nero lucido (stimo di altezza spropositata per essere visibile da così lontano) sono seduta su una specie di trono in pietra tra molti "dignitari" uomini e donne, in pratica era una fila di tanti troni in pietra tutti uguali, vesti di porpora e seta e oro qualcuno indicava la stele : "egiziani , il nemico" ci siamo messi tutti in viaggio una carovana di cammelli, elefanti, baldacchini e carri, un esplosione di colori sgargianti e bellissimi tanto frastuono , in viaggio nel deserto un viaggio durato 28 anni, trascorso in un lampo per ritrovarci comunque tutti "giovani" come alla partenza e nel frattempo con molti bimbi al seguito da noi nati nel viaggio (viaggio di 28 anni - bimbi di 8/9 anni ?????) il viaggio finisce ... in Piazza della Repubblica a Torino ai giorni nostri ,per intenderci PORTA PALAZZO sede del più grosso mercato di Torino ora anche zona alta concentrazione di immigrati (avrò associato noi stranieri con altri stranieri ??) devo dire però che mi ha lasciato come dire "un buon sapore in bocca" questo sogno associato però a molte perplessità

    ... ditemi ditemi
    "Il Signore, il cui oracolo è a Delfi, non dice nè cela, ma accenna" Eraclito

  2. #2
    Amus
    Ospite non registrato
    Tu mi confondi Il tuo sogno è eccessivamente complesso se considerato nella sua interezza (almeno per me!) Si può provare a ragionarci prendendone singoli pezzi, ad es. ciò che mi colpisce è che tu sei una principessa (non mi importa in questo momento se egiziana), e la cosa mi rimanda all'idea di una buona autostima che, in sogno, ti porta ad identificarti con un personaggio certo non privo di importanza (Anche se, a pensarci, lo stesso elemento potrebbe essere letto come
    desiderio inconscio di rinforzareun'autostima vacillante
    ) Ad un certo punto subentra poi l'oscura colpa (perchè oscura? forse neanche tu sai quale sia? Ti stupisce in sogno non saperlo o questo elemento passa inosservato?) e la conseguente condanna...
    Aiutami ad andare avanti... mi sto perdendo :specchio:

  3. #3
    Partecipante Veramente Figo L'avatar di alea
    Data registrazione
    11-04-2002
    Residenza
    torino
    Messaggi
    1,253
    oscura perchè mi ricordo benissimo la "punizione" : il supplizio del non essere mummificata ho dovuto dedurre che a monte ci fosse una "colpa" oscura perchè l'atmosfera magica e straniante era quella di antiche camere buie e fumose con molti sacerdoti, e ricollego questo a qualche documentario visto con la ricostruzione delle sale e dei cerimoniali propri della mummificazione come rito sacro.
    Se ci fosse qualche esperto in egittologia a frequentare il forum ci terrei molto a sapere se effettivamente non essere mummificati potesse essere una punizione, mi viene in mente che la mummificazione doveva dare la sicurezza di risvegliarsi nel mondo dei morti con il proprio corpo ... reincarnarsi quindi rimanderebbe al senso di perdita del proprio corpo
    "Il Signore, il cui oracolo è a Delfi, non dice nè cela, ma accenna" Eraclito

  4. #4
    Amus
    Ospite non registrato
    Purtoppo non sono un'egittologa e quello che conosco, anch'io l'ho appreso dai documentari Ad intuito (ma chissà poi che ne pensavano gli antichi egiziani!...) può darsi che il non meritare la mummificazione fosse dovuto a grave colpa, certo l'essere mummificati era proprio di dignitari e nobili e tu, "principessa" avresti meritato di diritto tale privilegio Che avrai mai combinato in "quella vita"?

  5. #5
    Partecipante Veramente Figo L'avatar di alea
    Data registrazione
    11-04-2002
    Residenza
    torino
    Messaggi
    1,253
    io pensavo che una qualche forma di mummificazione la ricevessero anche i non nobili, cioè che fosse una pratica pressochè "democratica" senza tombe o piramidi ma mummificati tutti, però a pensarci avremmo tutto il deserto pieno di mummie egiziane .....
    strani scherzi fa l'immaginazione
    mi piaceva però l'idea della pratica religiosa intesa a preservare i corpi di tutti per la nuova vita nell'aldilà ... forse sto solo cercando di placare quel piccolo disagio che mi è nato da quando mi hai fatto notare che poco umilmente ho voluto indossare i panni di una principessa che ci devo fare il mio EGO a volte ha di queste uscite e svetta in cima a grandiose costruzioni di IPERSTIMA
    "Il Signore, il cui oracolo è a Delfi, non dice nè cela, ma accenna" Eraclito

  6. #6
    Amus
    Ospite non registrato
    Non potrebbe essere questa la causa per cui, al party, ti sei beccata quel calcio in gola che ti ha fatto urlare di dolore?
    Non è intenzionale la riapertura di questo vecchio post rileggevo per caso e, non so a seguito di quale associazione, mi è tornato in mente quel calcio
    Mi viene anche in mente che, forse quella stessa notte, qcn mi sparava intenzionalmente e il risultato erano dei graffietti indolori; mentre tu venivi colpita per sbaglio ma con urla di dolore...
    Sai che penso? Forse dovrei un pò allontanarmi da questa stanza
    Si, mi allontano per qualche giorno... mi sento troppo influenzata e un pò a disagio :cry:
    Poi torno però...

  7. #7
    Partecipante Veramente Figo L'avatar di alea
    Data registrazione
    11-04-2002
    Residenza
    torino
    Messaggi
    1,253
    :cry: però torni vero?
    "Il Signore, il cui oracolo è a Delfi, non dice nè cela, ma accenna" Eraclito

Privacy Policy