• Opsonline.it
  • Facebook
  • twitter
  • youtube
  • linkedin
Pagina 1 di 14 12311 ... UltimoUltimo
Visualizzazione risultati 1 fino 15 di 204
  1. #1
    Partecipante Super Esperto L'avatar di urd
    Data registrazione
    13-12-2002
    Residenza
    Bari
    Messaggi
    670

    l'astensione al voto

    vedo che molti partiti politici ed esponenti della chiesa invitano fortemente all'astensionismo al prossimo referendum: vi sembra corretto?? a prescindere dall'essere a favore o contro una legge credo che sia inaccettabile che qualcuno caldeggi il non andare alle urne, un referendum serve per esprimere il proprio parere ed opinione come alle elezioni,
    il non votare non è esprimere un'opinione
    DE-PRESS (ora meno de-press)

  2. #2
    Partecipante Assiduo L'avatar di GRONCHIO
    Data registrazione
    18-10-2004
    Residenza
    Roma/Viterbo
    Messaggi
    127
    Hai ragione....anche io la penso cosi e mi sono sempre infastidita molto quando le persone dicono "che votiamo a fare tanto non cambia niente!"..
    credo che non schierarsi non sia la strada giusta per ottenere qualcosa, soprattutto quando si tratta di andare al voto. é troppo facile così!Purtroppo con tutte le pressioni che vengono dai media e la confusione che regna tra la gente e magari un bel weekend di sole ..credo sarà difficile che si raggiunga il quorum...vedremo...
    I miei sogni sono lucciole, perle di un animo ardente. Nelle tenebre calme della notte lampeggiano in frammenti di luce. Rabindranath Tagore.

    La cambio io la vita che
    non ce la fa a cambiare me
    bevi qualcosa, cosa volevi
    vuoi far l'amore con me
    la cambio io la vita che
    che mi ha deluso più di te
    portami al mare, fammi sognare
    e dimmi che non vuoi morire...

  3. #3
    Postatore Compulsivo L'avatar di ghiretto
    Data registrazione
    15-11-2004
    Residenza
    nell'orbita di Anarres
    Messaggi
    3,359
    Due considerazioni

    Che i politici spingano al non voto è scorretto, in quanto il voto è espressione di partecipazione popolare alla democrazia, in questa particolare circostanza del referendum lo è ancor di più. Che i prelati lo facciano è indecoroso, facciano i preti e non i politici, ne abbiamo già abbastanza.

    Vantando sul groppone numerose primavere, vedo a lungo termine un effetto ancora peggiore: che lo stesso voto sia screditato dalle nostre stesse mani, perchè potrebbe portare a non interpellare i cittadini (se lo saremo ancora) su questioni ancora più spinose e mandare in vacca più referendum potrebbe essere un bel fianco scoperto, diciamo un precedente affinchè gli "affari" vengano aggiustati solo in camera caritatis, senza neppure questo barlume di partecipazione che al momento ancora abbiamo, ci avete mai pensato?
    " E se scruti a lungo un abisso, anche l’abisso scruterà dentro di te" Nietzsche


    dai un'occhiata a questo sito www.altrapsicologia.it

    per usufruire del servizio contattare la scrivente per pattuire il compenso

  4. #4
    KantInero
    Ospite non registrato

    Re: l'astensione al voto

    Originariamente postato da urd
    vedo che molti partiti politici ed esponenti della chiesa invitano fortemente all'astensionismo al prossimo referendum: vi sembra corretto?? a prescindere dall'essere a favore o contro una legge credo che sia inaccettabile che qualcuno caldeggi il non andare alle urne, un referendum serve per esprimere il proprio parere ed opinione come alle elezioni,
    il non votare non è esprimere un'opinione
    A dire il vero, questo vale per le elezioni ! Nei referendum il NON votare è un diritto ed esprime una chara preferenza altrimenti NON esprimibile.

    Non voglio esprimere i miei pareri sul referendum in se per se, ad ogni modo, presso la Feltrinelli si terrà un incontro con il Prof. Selvaggi e degli esperti, i quali, per il mestiere che svolgono, dovrebbero parlare con cognizione di causa. Sarebbe una buona occasione andarci, per chi non si sente documentato a sufficienza sull'argomento.

    KantInero

  5. #5
    Postatore Compulsivo L'avatar di sunflower
    Data registrazione
    28-04-2002
    Residenza
    Taranto
    Messaggi
    3,664
    Blog Entries
    25
    In questo caso particolare - anzi in tutti i referendum abrogativi - astensione è l'invito che si rivolge al fine di far vincere, in modo indiretto, il no, evitando il raggiungimento del quorum. Chi vuole la vittoria del no, astendendosi dal voto ha più probabilità che avvenga, perchè sarebbe invalidata tutta la richiesta referendaria.
    Dunque non significa non esprimersi, ma esprimersi con un'arma in più. Tra l'altro sappiamo già cosa significa chiamare alle urne in una domenica di giugno, per quanto ci sia anche il lunedì.

    L'incontro alla Feltrinelli quando è previsto?

  6. #6
    Partecipante Super Esperto L'avatar di rexantony
    Data registrazione
    12-07-2004
    Residenza
    Lucera... per ora
    Messaggi
    724
    Visto che Nadia mi ha letteralmente tolto le parole di bocca, aggiungerei che è uno strategico/squallido modo di proporsi senza esporsi troppo dinnanzi all'opinione pubblica.
    Inoltre, raggiungere il 50% +1 degli aventi diritto, già non è semplice (vedi le questioni sollevate da Pannella), andando a proporre l'astensione si gioca a mio parere sporco due volte.
    Spesso conosciamo la strada per uscire dal labirinto che ci circonda, ma... abbiamo troppa paura di quello che che ci aspetta una volta varcata l'uscita.

    Se lanci una moneta infinite volte a terra, non sempre cadrà come credi... Prima o poi cadrà di taglio...

  7. #7
    alberag
    Ospite non registrato
    Parliamo spesso degli sprechi di quest'Italia. Immaginiamo che un ospedale acquisti un'apparecchiatura da qualche miliardo e poi resti inutilizzata per anni ed alla fine se la mangiano i topi....
    L'astensione al referendum non è dissimile: sono stati spesi dei soldi per istituire il referendum, controllare le firme e per pagare le persone che staranno ai seggi e così via.
    Invitare a non andare a votare mi sembra un modo stupido per buttare via i soldi. Di tutti noi.

  8. #8

    Ireland Addicted
    L'avatar di arpista
    Data registrazione
    12-08-2002
    Residenza
    toscana in perenne trasferta!
    Messaggi
    5,068
    Originariamente postato da alberag
    Parliamo spesso degli sprechi di quest'Italia. Immaginiamo che un ospedale acquisti un'apparecchiatura da qualche miliardo e poi resti inutilizzata per anni ed alla fine se la mangiano i topi....
    L'astensione al referendum non è dissimile: sono stati spesi dei soldi per istituire il referendum, controllare le firme e per pagare le persone che staranno ai seggi e così via.
    Invitare a non andare a votare mi sembra un modo stupido per buttare via i soldi. Di tutti noi.
    sono assolutamente daccordo queste cose da furbi mi fanno imbestialire!

  9. #9
    Postatore Compulsivo L'avatar di sunflower
    Data registrazione
    28-04-2002
    Residenza
    Taranto
    Messaggi
    3,664
    Blog Entries
    25
    Secondo me si perde di vista un fatto: se tizio vuole che vinca il no, non andando a votare sta raggiungendo il risultato, ma non sta invalidando il referendum o l'istituto giuridico del voto. Inoltre: tizio che vuole il no, non ha certo chiesto lui che si spendessero mld per il referendum, dunque perchè la sua coscienza dovrebbe risentirne?
    Credo sia una questione molto sottile. Non la considero furbizia o nascondersi. Si nasconde chi dice: no, no, io nn ne so nulla di sto referendum e non vado a votare. Ma non chi dice: voglio vinca il no perciò non vado a votare, inoltre non volendo l'abrogazione della legge, non sono io che devo rendere valido il quorum, ma chi ci tiene si vinca.

    Comunque le questioni di coscienza sono difficili da dirimersi e soprattutto su questi quesiti non c'è stata sufficinete informazione, non credete? Parlo delle persone che non hanno dimistichezza con paroloni e termini medici

  10. #10
    Postatore Epico L'avatar di belanda
    Data registrazione
    25-09-2002
    Residenza
    Il mondo
    Messaggi
    5,261
    Nn andare a votare xkè l'hanno detto"loro"..nn se ne parla proprio!!!Io ad es.PURTROPPO nn voterò..ma xkè x votare dovrei fare 6 ore all'andata e 6 ore di viaggio al ritorno..e detto molto onestamente,nn mi va...se facessero qualcosa anke SOLO x gli studenti fuori sede,vedreste come cambierebbe la musica!!!Poi,concordo..ke diavolo mettono a fare le votazioni in queste giornata di sole,di caldo??BHA
    E presi coscienza che la forza invincibile che ha spinto il mondo, non sono gli amori felici bensì quelli contrastati.
    (Gabriel García Márquez)

  11. #11

    Ireland Addicted
    L'avatar di arpista
    Data registrazione
    12-08-2002
    Residenza
    toscana in perenne trasferta!
    Messaggi
    5,068
    Originariamente postato da sunflower
    Secondo me si perde di vista un fatto: se tizio vuole che vinca il no, non andando a votare sta raggiungendo il risultato, ma non sta invalidando il referendum o l'istituto giuridico del voto. Inoltre: tizio che vuole il no, non ha certo chiesto lui che si spendessero mld per il referendum, dunque perchè la sua coscienza dovrebbe risentirne?
    Credo sia una questione molto sottile. Non la considero furbizia o nascondersi. Si nasconde chi dice: no, no, io nn ne so nulla di sto referendum e non vado a votare. Ma non chi dice: voglio vinca il no perciò non vado a votare, inoltre non volendo l'abrogazione della legge, non sono io che devo rendere valido il quorum, ma chi ci tiene si vinca.

    Comunque le questioni di coscienza sono difficili da dirimersi e soprattutto su questi quesiti non c'è stata sufficinete informazione, non credete? Parlo delle persone che non hanno dimistichezza con paroloni e termini medici

    io dico che è questione di furbizia perchè le persone che ti invitano a non andare a votare lo fanno perchè sono consapevoli che c'è sempre quel 20% e anche più che non va a votare non perchè è contrario alla fecondazione assistita ma perchè, come nel caso di entrambe le mie nonne, non lo possono fare perchè gravemente malate, o come francy che studia in una città lontana... e questo quindi è approfittarsi dell'astensione di tante persone che per motivi loro non POSSONO andare a votare!

  12. #12
    Ospite non registrato
    ma io penso che il non andare a votare sia stata una mossa dal doppio taglio avrei cercato di fare campagna per il NO spiegando le mie ragioni!

    Perchè quando bisognerà votare la chiesa ti sprona a farlo, non facendolo, beh ! si rischia di poi di pestarsi la zappa ai piedi

  13. #13
    alberag
    Ospite non registrato
    Originariamente postato da sunflower
    Secondo me si perde di vista un fatto: se tizio vuole che vinca il no, non andando a votare sta raggiungendo il risultato, ma non sta invalidando il referendum o l'istituto giuridico del voto. Inoltre: tizio che vuole il no, non ha certo chiesto lui che si spendessero mld per il referendum, dunque perchè la sua coscienza dovrebbe risentirne?
    Credo sia una questione molto sottile. Non la considero furbizia o nascondersi. Si nasconde chi dice: no, no, io nn ne so nulla di sto referendum e non vado a votare. Ma non chi dice: voglio vinca il no perciò non vado a votare, inoltre non volendo l'abrogazione della legge, non sono io che devo rendere valido il quorum, ma chi ci tiene si vinca.

    Comunque le questioni di coscienza sono difficili da dirimersi e soprattutto su questi quesiti non c'è stata sufficinete informazione, non credete? Parlo delle persone che non hanno dimistichezza con paroloni e termini medici
    Se viviamo in una repubblica che sancisce il dirtto/dovere di esprimere la propria opinione, che istitutisce la possibilità di effettuare dei referendum abrogativi in cui si chiede se eliminare o non eliminare una legge, la posizione giuridica di chi non va a votare (elezioni o referendum) è che non me ne frega nulla di questo argomento: non mi interessa e non ho un'opinione.
    Chi suggerisce di non andare a votare lo fa perchè sa che se il quorum venisse raggiunto, molto probabilmente vincerebbe il SI: questo a mio avviso significa boicottare la libera espressione dei cittadini. Cosa che puoi permetterti di fare, in Italia, solo se il prete dietro ti fa rieleggere la volta dopo.

  14. #14
    Postatore Compulsivo L'avatar di LUTHIEN
    Data registrazione
    17-10-2004
    Residenza
    grosseto
    Messaggi
    3,501
    Originariamente postato da sunflower
    Secondo me si perde di vista un fatto: se tizio vuole che vinca il no, non andando a votare sta raggiungendo il risultato, ma non sta invalidando il referendum o l'istituto giuridico del voto. Inoltre: tizio che vuole il no, non ha certo chiesto lui che si spendessero mld per il referendum, dunque perchè la sua coscienza dovrebbe risentirne?
    Credo sia una questione molto sottile. Non la considero furbizia o nascondersi. Si nasconde chi dice: no, no, io nn ne so nulla di sto referendum e non vado a votare. Ma non chi dice: voglio vinca il no perciò non vado a votare, inoltre non volendo l'abrogazione della legge, non sono io che devo rendere valido il quorum, ma chi ci tiene si vinca.
    Oltre a citare sunflower aggiungo altre precisazioni: se la situazione fosse stata diversa io avrei votato 4 NO. Il problema è che con la campagna proastensionismo che è stata fatta è invitabile l'astensione: se io voglio che vincano i NO, non posso permettermi di andare a votare e far raggiungere così il quorum, perchè in tal caso sicuramente vincerebbero i SI. Non è una scelta di menefreghismo questa, perchè la maggior parte di quelli che si asterranno avrebbero votato NO e quindi avrebbero vinto probabilmente i no. Chi vuole che la legge non passi quindi non deve andare a votare. Se si voleva evitare l'astensionismo avrebbero fatto meglio a fare una capillare campagna a favore del NO e convincere la gente ad andare a votare.
    "Sono un viandante sullo stretto marciapiede dela terra e non distolgo il pensiero dal Tuo volto, che il mondo non mi svela..." Karol Woitila
    +Luthien Tinuviel+

  15. #15
    alberag
    Ospite non registrato
    Allora pensa con la tua testa, e non con quella dei politici, e vai a votare 4 no. E se ritieni opportuno che sia giusto votare no per non far passare la legge, promuovi il voto no, non l'astensione. Chi si astiene (salvo cause di forza maggiore) se ne frega, tanto ai referendum quanto alle elezioni. Se la causa di forza maggiore è che c'è una bella giornata di sole vuol dire che te ne freghi.

Pagina 1 di 14 12311 ... UltimoUltimo

Privacy Policy