• Opsonline.it
  • Facebook
  • twitter
  • youtube
  • linkedin
Pagina 1 di 3 123 UltimoUltimo
Visualizzazione risultati 1 fino 15 di 43

Discussione: aracnofobia

  1. #1
    kentia
    Ospite non registrato

    aracnofobia

    Salve a tutti!
    Non so se è il posto adatto per porre questa domanda...
    Comunque : c'è un rimedio all'aracnofobia? Qualcuno potrebbe spiegarmi da cosa deriva questa paura?
    Il mio problema è che non riesco a vedere nemmeno immagini stilizzate di ragni o scorpioni.
    Quando poi li vedo in movimento svengo...
    addirittura mi fa paura anche il solo gesto delle dita che li imita...
    Mi aiutate please???
    grazie!

  2. #2
    Giurato di Miss & Mister OPs L'avatar di Parsifal
    Data registrazione
    04-03-2002
    Residenza
    Nel buio vicino alle porte di Tannoiser
    Messaggi
    2,719
    Bè ci sono delle psicoterapie;sono psicoterapie comportamentali se vuoi eliminare solo questo sintomo;si fa anche presto e con prezzi bassi

  3. #3
    kentia
    Ospite non registrato
    Ti ringrazio per la risposta
    Potresti dirmi di più? Cioè che tipo di paura è, a cosa potrebbe essere associata? E' una fobia e per questo irrazionale... ma ci sarà comunque un legame con qualcos'altro? d'altra parte non ho avuto nessun tipo di esperienza traumatica al riguardo!
    Grazie ancora

  4. #4
    Giurato di Miss & Mister OPs L'avatar di Parsifal
    Data registrazione
    04-03-2002
    Residenza
    Nel buio vicino alle porte di Tannoiser
    Messaggi
    2,719
    Ciao Kentia

    Credo che ci siano idea molto varie suule fobie per gli animali;questo è un po' quello che mi ricordo... sono molto frequenti a partire dai 4-5 anni,poi tendono a diminuire;molto spesso scompaiono nell'adolescenza o subito dopo.Ricordo che per gli psicoanalisti il ragno rapprsenterebbe la madre fallica;per i comportamentisti la fobia nascerebbe attraverso l'associazione tra il ragno,uno stimolo neutro,e uno stimolo pauroso.

    Ti dirò,a me non convince nè l'una nè l'altra; secondo me (questa è un'ipotesi che faccio io adesso quindi prendila così ) il ragno può rappresentare qualcosa,effettivamente,ma non la madre o il padre o cose simili.Potrebbe essere frutto di un'associazione,fatta dalla persona, tra le caratteristiche del ragno (la sua forma,il suo modo di muoversi,il tessere ragnatele...ecc..) e una paura del soggetto.
    Ad esempio,se una persona teme particolarmente le situazioni nelle quali si sente imprigionata,costretta,soffocata o simili forse darà un significato particolare al ragno.

    Kentia,rileggendo la mia ipotesi,onestamente,mi sembra per alcune cose un po' una cazzata vedi tu

  5. #5
    Partecipante Figo L'avatar di Pandora
    Data registrazione
    21-02-2005
    Residenza
    Roma, nata e vissuta :)
    Messaggi
    906
    Ciao Kentia,
    non sono una grande esperra di trattamenti di fobie, ma da quel che so come ha detto Parsifal le terapie comportamentiste sono le più rapide ai fini della remissione del sintomo, in particolare quella che usa la tecnica chiamata desensibilizzazione sistematica.

    Per quanto riguarda il significato della fobia, beh, ci sono varie teorie, c'è persino chi dice che l'oggetto fobigeno, nel tuo caso il ragno, è ambivalente, nel senso che oltre ad avere una componente repulsiva ne ha una fortemente attrattiva.
    Chiaramente il ragno ha un significato simbolico che fa riferimento a una qualche parte della sessualità...

    insomma, sempre là si va a finire!

    Quanto alla remissione spontanea del sintomo sinceramente sono un pò scettica, visto che tutte le persone aracnofobe che conosco, compresa la mia mamma, hanno mantenuto negli anni questa fobia,costante e inalterata.

    In sostanza, per la remissione del sintomo è consigliabile una terapia comportamentista, che in genere è abbastanza breve, se poi ti preme approfondire le cause puoi rivolgerti ad uno psicoanalista, e in questo caso si va sicuramente per le lunghe

    Spero di esserti stata utile

    Dove c'è la Ragione c'è il dispotismo, dove ci sono le ragioni c'è la libertà.
    (P. Martinetti)

    Giace l'alta Cartago, appena i segni
    dell'alte sue ruine il lito serba.
    Muoiono le città, muoiono i regni
    copre i fasti e le pompe arena et erba...

    (T. Tasso)

    -Membro del Club Del Giallo - tessera n°6-SEGRETARIA DI REDAZIONE

    TUTTO CIO' CHE NON CI UCCIDE CI RENDE PIU' FORTI

  6. #6
    kentia
    Ospite non registrato
    Ringrazio tutti e due
    Parsifal, non credo assolutamente che sia una cazzata, anzi grazie ancora!!!
    Pandora, il fatto che sia fortemente attrattiva è vero scruto tutta la casa per cercarne qualcuno ma non ne sopporto la vista!!!
    Grazie davvero!

  7. #7
    Ospite non registrato
    Ciao..sono una fobica per i ragni e sto vincendo proprio in questi giorni la paura. Sono andata a vivere da sola in una zona con molto verde e ogni tanto mi capita di vederne uno per casa. Tremo moltissimo ma poi penso che comunque sono molto piu' grande di lui....
    Per quanto riguarda l'aspetto clinico...si attribusice al ragno dei problemi con il sesso, addirittura una tentata violenza. Ha molte zampe, si insinua..cattura gli insetti, aspetta che muoino. Se ci pensi e' un po' bastardo dentro....
    Per quanto riguarda la la terapia (almeno quella che conosco io) consiste nell'iniziare delle sedute parlando di ragni, si passa a guardare delle foto a distanza, fino a stare per 50 minuti in una staza con un ragno libero.
    Ci sono pazienti che alla fine ne hanno tenuto in mano uno.
    Ciao

  8. #8
    Postatore Compulsivo L'avatar di PoPpY1974
    Data registrazione
    07-10-2003
    Residenza
    Da qualche parte nella Rete
    Messaggi
    3,035
    Originariamente postato da grido_nel_vento
    Ciao..sono una fobica per i ragni e sto vincendo proprio in questi giorni la paura. Sono andata a vivere da sola in una zona con molto verde e ogni tanto mi capita di vederne uno per casa. Tremo moltissimo ma poi penso che comunque sono molto piu' grande di lui....
    Per quanto riguarda l'aspetto clinico...si attribusice al ragno dei problemi con il sesso, addirittura una tentata violenza. Ha molte zampe, si insinua..cattura gli insetti, aspetta che muoino. Se ci pensi e' un po' bastardo dentro....
    Per quanto riguarda la la terapia (almeno quella che conosco io) consiste nell'iniziare delle sedute parlando di ragni, si passa a guardare delle foto a distanza, fino a stare per 50 minuti in una staza con un ragno libero.
    Ci sono pazienti che alla fine ne hanno tenuto in mano uno.
    Ciao
    Oddio...io ho una fobia simile per gli scarafaggi, i calabroni ed altri insetti
    -grossi
    -neri
    -chitinosi... (aggettivi interessanti, non trovate? )
    ma soprattutto verso grosse "bestie" volanti.
    Se penso di dover passare 50 minuti in una stanza con un calabrone o simili mi viene la nausea...però non nascondo che mi piacerebbe superare questa paura...

  9. #9
    Partecipante Esperto L'avatar di Santiago
    Data registrazione
    27-03-2004
    Messaggi
    471
    Io credo che l'aracnofobia sia una forma di claustrofobia che si accentua nel momento in cui le relazioni con i partner o con un familiare divengono più intense, strette, "avvinghianti".

    Santiago
    "Soltanto i pesci non sanno che è acqua quella in cui nuotano, così gli uomini sono incapaci di vedere i sistemi di relazione che li sostengono" L. Hoffmann

  10. #10
    Neofita L'avatar di effegiro
    Data registrazione
    06-02-2005
    Residenza
    roma
    Messaggi
    13
    Blog Entries
    1
    Originariamente postato da PoPpY1974
    Oddio...io ho una fobia simile per gli scarafaggi, i calabroni ed altri insetti
    -grossi
    -neri
    -chitinosi... (aggettivi interessanti, non trovate? )
    ma soprattutto verso grosse "bestie" volanti.
    IO SONO TERRORIZZATA DALLE CIMICI, QUELLE VERDI O GRIGIE CHE SE LE SCHIACCI PUZZANO... SINCERAMENTE NON RICORDO DI AVERLE MAI SCHIACCIATE MA LO SO... E SO ANCHE CHE LA PAURA E' LEGATA FORTEMENTE AI MIEI STATI D'ANSIA, CHE QUANDO SONO PIù FORTI MI PORTANO A FAR AUMENTARE LA FOBIA E VICEVERSA... INOLTRE SE STO ALL'APERTO O DI GIORNO LA PAURA E' MOLTO MINORE... DA QUI FATE VOI... INOLTRE MI E' STATO SUGGERITO DI IMMAGINARMI MENTRE LE SCHIACCIO CON VIOLENZA CON UN CANOVACCIO AD ESEMPIO, QUINDI SENZA TOCCARLE E SENTIRE IL MITICO E TERRIFICO "CROC"!!!E SCARICARE UNA QUOTA DI RABBIA CHE è SEMPRE PRESENTE!!!

  11. #11
    Partecipante Esperto L'avatar di wrubens
    Data registrazione
    17-04-2003
    Messaggi
    492

    Re: aracnofobia

    Originariamente postato da kentia
    Salve a tutti!
    Non so se è il posto adatto per porre questa domanda...
    Comunque : c'è un rimedio all'aracnofobia? Qualcuno potrebbe spiegarmi da cosa deriva questa paura?
    Il mio problema è che non riesco a vedere nemmeno immagini stilizzate di ragni o scorpioni.
    Quando poi li vedo in movimento svengo...
    addirittura mi fa paura anche il solo gesto delle dita che li imita...
    Mi aiutate please???
    grazie!
    Ciao simpatica Kentia,

    credo che la prima cosa che dovresti fare è chiarire a te stessa un punto importante. Ti interessa risolvere il problema o capirne l' origine? le due cose non credo coincidano.

    Concordo con ciò che ti è già stato detto, la terapia c. comportamentale come altre terapie brevi dispone di tecniche la cui efficacia terapeutica è dimostrata. Una caratteristica importante ed affatto scontato nell' immenso mare delle terapie mentali!.

    Se ne vuoi capire l' origine la terapia comportamentale non credo sia la più adeguata e sinceramente non saprei neppure che consiglio darti.

    Lascerei perdere tutte le spiegazioni universali che tentano di capire il fenomeno.
    L' idea che si possa stabilire un nesso costante di causa effetto ed arrivare così ad una legge universale che spieghi i fenomeni psichici mi sembra un pò vecchiotta.
    Per fartela breve un modello che si pone nell' ottica di spiegare una fobia, ponendo il paziente che prova il sintomo come variabile irrilevante oltre che essere un pò vecchiotto non considera scoperte relativamente giovani come la teoria del caos, la cibernetica di primo e secondo ordine ecc...

    Ti consiglio vivamente di proiettarti sulla soluzione del problema. Magari dopo averlo risolto potrai ricercare dentro di te quelle cause che le terapie deterministe cercherebbero di appiopparti.

    Se poi sei anche una psicologa, quale occasione migliore per provare una relazione con un terapeuta e formarti le prime idee a caldo su un' eventuale specializzazione...

    Ciao Ciao


    Rubens
    "il dubbio è il tarlo del delirio"
    Rubens

  12. #12
    Partecipante Super Figo L'avatar di **Ayax**
    Data registrazione
    25-08-2005
    Residenza
    Derry, Maine (USA)
    Messaggi
    1,689
    Secondo voi sono più numerosi i ragni che soffrono di antropofobia o gli uomini che soffrono di aracnofobia ?

    [i] Tremo moltissimo ma poi penso che comunque sono molto piu' grande di lui....
    [/B]

  13. #13
    Gladstone
    Ospite non registrato
    ciao kentia,
    ho una buona notizia per te! le paure dei ragni, e degli insetti in genere, sono piuttosto semplici da eliminare e bastano poche ore o minuti in molti casi (infatti di solito sono molto sorpreso quando scopro che ci sono persone che se le trascinano dietro per anni...)

    per quanto riguarda origine, causa, significati e simili invece non sono molto informato sono troppo pratico: una volta che mi sono liberato di una cosa che non mi serve non mi interessa sapere da dove arrivava

    mi rimetto alle risposte degli esperti della community

  14. #14
    letyzzetta
    Ospite non registrato
    Le fobie sono il frutto di un meccanismo di spostamento.
    Dunque dimentica i ragni che, come oggetto fobigeno, non sono altro che una sorta di contenitore.
    Se intendi non aver paura dei RAGNI segui il consiglio di alcuni e fai una terapia comportamentale o cognitiva, sei invece intendi superare la PAURA non hai alternative: o fai un'analisi (se puoi) oppure resta in casa.

  15. #15
    Gladstone
    Ospite non registrato
    Originariamente postato da letyzzetta
    sei invece intendi superare la PAURA non hai alternative: o fai un'analisi (se puoi) oppure resta in casa.
    scusami, non vorrei fraintendere: secondo te l'unico modo per affrontare la paura è l'analisi? e chi non può è relagato alla scelta tra rimanere in casa o avere paura?!

    non ti sembra un po' riduttivo?

Pagina 1 di 3 123 UltimoUltimo

Privacy Policy