• Opsonline.it
  • Facebook
  • twitter
  • youtube
  • linkedin
Pagina 1 di 2 12 UltimoUltimo
Visualizzazione risultati 1 fino 15 di 16

Discussione: Izzo

  1. #1
    L'avatar di Haruka
    Data registrazione
    30-11-2001
    Residenza
    Montreal - Canada
    Messaggi
    12,895
    Blog Entries
    4

    Izzo

    Lo so che se ne parla tanto (troppo) ma è una cosa che mi ha impressionato tantissimo.
    Come romana il delitto del Circeo mi ha sempre : gente dei quartieri "bene" di Roma, famiglie facoltose, che per noia ammazzano una ragazza e per poco una seconda..
    Lasciando perdere i dettagli del passato (che tanto ci vengono ripetutamente ricordati da giornali e tv, alla faccia del rispetto per quella povera donna che è riuscita a salvarsi tanti anni fa.....) vorrei porvi alcuni quesiti, sperando che siano interessanti

    1) Possibile che questo Izzo sia riuscito a fregare *tutti* (perizie psichiatriche, guardie, magistrati) facendo credere davvero di essere cambiato?

    "Pur con le cautele imposte dalla originaria elevata pericolosità sociale del condannato - scrivono i magistrati - i progressi compiuti nel corso del trattamento e le prove concrete e costanti di partecipazione all'opera di rieducazione descrivono una lenta, faticosa e, per questo, più veritiera evoluzione della personalità di Izzo, che appare oggi, in senso positivo, persona assai diversa da quella che l'opinione pubblica italiana ha tristemente cristallizzato nella propria memoria storica e tale da consentire la formulazione per il futuro di un giudizio prognostico favorevole circa l'idoneità dello stesso ad una costruttiva partecipazione sociale".
    {preso dalla Repubblica}

    Parla a fatica Dario Saccomanni, il pastore evangelico responsabile della cooperativa di Campobasso dove Angelo Izzo andava ogni giorno, da quando aveva ottenuto la semilibertà. E racconta di una persona diversa che forse è riuscita a fingere anche con lui, quando parlava di cercare un riscatto. Ha fatto anche un buon lavoro, dice, togliendo tanti ragazzi dalla strada. Lo conoscevo, anzi credevo di conoscerlo. Doveva stare lì, tutti i giorni, nella sede dell'associazione, per poi tornare in cella la sera. Eppure evidentemente qualche volta si è sottratto a quell'impegno.
    {preso dal sito del Tg5}

    2) Domanda che forse i più si saranno fatti: ma che ci faceva fuori uno che s'era beccato un ergastolo??
    {si si è vero riduzione della pena a 30 anni.. ma perchè?}
    Giusto evitare la pena di morte (e per carità che questo non diventi ulteriore spunto per flame e litigi ) ma almeno l'ergastolo a sta gente glielo facciamo fà?
    Inoltre è pure evaso 2 volte...
    Insomma che ne pensate del sovraffollamento delle carceri?

    3) Parliamo di noi psicologi: secondo voi siamo "utili" alla riabilitazione? Io non sono ferrata in clinico perchè studio tutt'altro ambito psicologico, ma sarei curiosa di sapere da chi è più dentro l'argomento se al momento siamo o no pronti per intervenire seriamente all'interno delle carceri.

    {sono a stomaco vuoto probabilmente ho scritto malissimo chiedo venia }

  2. #2
    Postatore Compulsivo L'avatar di ghiretto
    Data registrazione
    15-11-2004
    Residenza
    nell'orbita di Anarres
    Messaggi
    3,359
    Haru cara

    1 più che possibile direi che è accaduto

    2 il sovraffollamento nelle carceri è un problema reale che si interseca con la cronica mancanza di fondi da destinare a strutture operatori progetti pertanto, mentre il mandato costituzionale della rieducazione del reo viene perseguito a parole, di fatto esso nella realtà è assolutamente eluso, il carcere continua ad essere un luogo di pura custodia. Mettiamoci anche che quasi la metà dei detenuti sono imputati, cioè non hanno ancora avuto una sentenza inappellabile e pertanto per la nostra Costituzione sono ancora innocenti.
    A fronte di un caso (izzo nello specifico) dove il sistema premiale delle pene alternative alla detenzione ha palesemente fallito, vi sono migliaia di casi a noi ignoti perchè silenti, in cui tali sistemi (semilibertà, permessi premio, affidamento in prova ai servizi sociali) funzionano, vogliamo punire migliaia di persone perchè uno sbaglia?

    3 non siamo pronti noi, nè gli psichiatri dall'alto dei loro scranni universitari, nè gli educatori, nè il legislatore, nè la polizia penitenziaria....
    dovremmo tutti fare una grande respiro e ammettere che lo stato dell'Arte sull'umano è ancora molto ma molto carente
    " E se scruti a lungo un abisso, anche l’abisso scruterà dentro di te" Nietzsche


    dai un'occhiata a questo sito www.altrapsicologia.it

    per usufruire del servizio contattare la scrivente per pattuire il compenso

  3. #3
    ..aggiungerei che la figura dello Psicologo ne è uscita devastata! Lo psicologo in questione è ormai il capro espiatorio di tutta la vicenda...ne esce come un mentecatto...(e di riflesso tutti noi!!!) basta leggere giornali, sentire i commenti delle persone "per strada"...
    per non parlare di Francesco Bruno che al Tg 4 ha dichiarato che gli Psicologi non sono in grado e nè hano gli strumenti per fare perizie in ambito criminologico!!!!

    Che ne pensate???
    "io sono Pessoa e...la Quarta...!"
    ....."MORBOSOooo"
    "Amo il rigore Bauhaus...cravattina nera, camicia bianca...stailosisssima"

    "...mi disturbi esteticamente..."

    http://www.radiodd.com

  4. #4
    L'avatar di Haruka
    Data registrazione
    30-11-2001
    Residenza
    Montreal - Canada
    Messaggi
    12,895
    Blog Entries
    4
    ma lol ma nn era uno psichiatra?

    Io penso (come al solito) che abbiamo un ordine ridicolo.. ma vabbè... my 2 cents

  5. #5
    Angelus
    Ospite non registrato
    Sul perchè a uno che s'era preso l'ergastolo, ma soprattutto aveva pure provato a evadere due volte, sia stata data la semilibertà, pare che sotto ci sia la solita faccenda del "collaboratore di giustizia"...
    Izzo ha collaborato [con delle fregnacce, come è stato più volte dimostrato] a vari processi prima sul terrorismo di estrema destra e poi sulla mafia.

    Se stato possibile che abbia ingannato tutti? Si che purtroppo è possibile. Noi psicologi siamo esseri umani che indagano altri esseri umani, e siamo fallibili. E' un'amarissima costatazione, ma è così.
    Come non esiste il paziente da manuale [quello che soddisfa perfettamente tutti i criteri diagnostici], così non esiste lo psicologo/psichiatra/psicoterapeuta infallibile.

    Come ne usciamo noi psicologi o comunque come ne esce tutta la categoria degli "studiosi della mente" ? Una chiavica e una mappina e la mia "paura" è che cresca la sfiducia verso una categoria già vessata da varie ridicolaggini [vedi i morelli di turno ], mentre per evitare o meglio livellare al minimo [sono abbastanza cinico da sapere che non arriveremo mai alla perfezione della nostra conoscenza, ma non per questo non dobbiamo comunque muoverci "in quella direzione" ] situazioni come quella di Izzo, avremmo bisogno di tutt'altro clima e considerazione.

    Per quanto riguarda il fatto che gli psicologi non abbiamo gli strumenti adatti a fare perizie criminologiche, probabilmente è vero, almeno in Italia, nel senso che qui la criminologia non è praticamente considerata in nessun piano di studi [io l'ho fatto per opzionale] e se esiste una specializzazione in quest'ambito, forse c'è in una sola università [forse...]

  6. #6
    Giurato di Miss & Mister OPs L'avatar di Parsifal
    Data registrazione
    04-03-2002
    Residenza
    Nel buio vicino alle porte di Tannoiser
    Messaggi
    2,719
    Boh,a me il tipo sembra avere una personalità antisociale chiara.Pensare che cambi così radicalmente e in più alla sua età mi sembra assurdo; uno psicologo dovrebbe dare per scontato che racconti un sacco di balle per manipolare gli altri.Infatti in un qualche tg avevo sentito che nella sua relazione lo psicologo parlava di un cambiamento miracoloso.Appunto:ci sarebbe voluto un miracolo;era più logico pensare a un comportamento manipolatorio verso lo psicologo stesso:insomma sembra che si sia fatto abbindolare e abbia perso un po' di realismo,cosa comunquen assolutamente umana.Queste comunque sono mie impressioni basate su pochissimem notiozie sul caso.

  7. #7
    Postatore Compulsivo L'avatar di ghiretto
    Data registrazione
    15-11-2004
    Residenza
    nell'orbita di Anarres
    Messaggi
    3,359
    forse se si fornissero gli "esperti ex art.80" di più ore per lavorare, di meno casi a testa da seguire e di gruppi di lavoro in cui diluire diffondere in equipe (vere non su carta) le ipotesi e le dinamiche di queste relazioni (supervisioni) forse ripeto, alcuni danni si potrebbero limitare....
    " E se scruti a lungo un abisso, anche l’abisso scruterà dentro di te" Nietzsche


    dai un'occhiata a questo sito www.altrapsicologia.it

    per usufruire del servizio contattare la scrivente per pattuire il compenso

  8. #8
    Partecipante Assiduo L'avatar di cinzia
    Data registrazione
    13-01-2003
    Messaggi
    208
    1 Ma qualcuno sa quali perizie ha fatto, quali test gli hanno sottoposto..credo non sia facile accedervi..cmq ho sentito che i periti non hanno particolari obblighi di aggiornamento.
    Non so come vengano scelti, ma oggi ho letto un commento su un quotidiano che diceva pressapoco" Lo psicolo vero era Izzo" che era riuscito ad adulare tutti..
    purtroppo peggiorare l'immagine dello psicologo è normale routine, ma dovremmo riflettere su questa politica giornalistica..è realista? Perchè
    2 Leggi "Crimini imperfetti", un libro del Ris(raggruppamento investigazionescientifica" -gli sconti della pena abbondano..
    3 Io voglio sperare che siamo utili per la rieducazione
    ..ma la fanno?
    Ultima modifica di cinzia : 05-05-2005 alle ore 21.14.40

  9. #9
    Sul fatto che gli Psicologi non abbiano strumenti adatti per la perizia in ambito giuridico mi sento di dissentire: conoscere in modo approfondito i test di personalità (ex. MMPI, test proiettivi come Rorschach, TAT), avere la competenza di fare una Diagnosi Strutturale attraverso colloqui clinici ad esempio è una prerogativa dello Psicologo..sul fatto che la criminologia non sia una materia presa in considerazione nelle Università è anche questo vero, ma credo sia importante iniziare ad avere la consapevolezza (in primis la competenza chiaro!!) di quali siano le nostre competenze e possibilità di intervento.

    Qual'è la differenza tra Psichiatra e Psicologo? La conoscenza "organica" come noto, ma sul versante del colloquio e sui test??? Non penso che uno Psichiatra abbia il "quid" perchè laureato in Medicina...o no???!!!

    PS John Douglas fondatore del Dipartimento di Scienze Comportamentali per l'analisi, il profilo e la ricerca dei serial killer dell'FBI, è uno Psicologo.
    Ultima modifica di castagna : 06-05-2005 alle ore 19.01.27
    "io sono Pessoa e...la Quarta...!"
    ....."MORBOSOooo"
    "Amo il rigore Bauhaus...cravattina nera, camicia bianca...stailosisssima"

    "...mi disturbi esteticamente..."

    http://www.radiodd.com

  10. #10
    Non cè proprio nessuno che voglia dire la sua in merito???
    Eppure penso che per noi Psicologi sarebbe utile confrontarci su Psychopatia e dintorni...
    "io sono Pessoa e...la Quarta...!"
    ....."MORBOSOooo"
    "Amo il rigore Bauhaus...cravattina nera, camicia bianca...stailosisssima"

    "...mi disturbi esteticamente..."

    http://www.radiodd.com

  11. #11
    Partecipante Super Figo L'avatar di marcheseblu
    Data registrazione
    27-10-2004
    Residenza
    Roma - SudTirol
    Messaggi
    1,635
    Ora sembra che abbia cambiato versione - stando a quanto riportato dai Tg -, ha dichiarato di aver ucciso perché l'amante era troppo ossessiva...
    Mah... di certo questo Izzo è un personaggio destinato a far discutere.
    Molti Psichiatri e Psicologi l'hanno definito "normale", esente da qualsiasi tipo di patologia... solo... un vero e proprio delinquente.
    Ma è proprio una tipicità della "follia seriale" quella di confondere e raggirare dietro una parvenza di normalità! Ed è mai possibile che da esperti studiosi della Mente si debba sentir parlare di "assenza" di patologie?
    Ma non tutti la pensano così... e ci sono molti bravi Criminologi [non favoriti dalla popolarità delle telecamere...] che - fortunatamente - stanno studiando attentamente il caso.
    Il Fatto è che, fintanto che i MEDIA seguiteranno a farla da Padrone, partorendo dal loro seno più meschino degli "Pseudo-Esperti" che han dalla loro solamente il "favore delle telecamere" bé... seguiteremo a non andare troppo lontano. Fintanto che dei "quanto meno improvvistati" stomaci penseranno di potersi nutrire di Psicologia così come si buttano giù caramelle il problema sussisterà sempre
    Cioè io non mi metto a pontificare di Oncologia e/o d'ingegneria nucleare ma sembra che per molti, specie - e soprattutto in TV - si possa trattare di Psicologia filosofeggiando, pur non avendone esperienza o avendone una minimimissima... e questo è il solito raccappricciante problema
    "La voce dell'intelligenza è una voce sommessa, ma non tace finché non trova ascolto"

    Hai dato un'occhiata al Regolamento di Ops? Clicca [Quì] o [Quì]

    *Die schöpferische Gestaltung des Ganzen ist mehr als die Summe der einzelnen Teile*


    *Il mio spazio* sulla "Cucina Giapponese"
    Visita il sito di Altra Psicologia

  12. #12
    Angelus
    Ospite non registrato
    Io credo che la verità verrà fuori solo quando Costanzo organizzerà un faccia a faccia Izzo - Morelli.

  13. #13
    Originariamente postato da Angelus
    Io credo che la verità verrà fuori solo quando Costanzo organizzerà un faccia a faccia Izzo - Morelli.
    temo tu abbia ragione....
    "io sono Pessoa e...la Quarta...!"
    ....."MORBOSOooo"
    "Amo il rigore Bauhaus...cravattina nera, camicia bianca...stailosisssima"

    "...mi disturbi esteticamente..."

    http://www.radiodd.com

  14. #14
    Postatore Compulsivo L'avatar di ghiretto
    Data registrazione
    15-11-2004
    Residenza
    nell'orbita di Anarres
    Messaggi
    3,359
    A proposito di cosa ha scritto marcheseblu mi permetto due considerazioni:

    1 è possibile che per noi sia inconcepibile considerare che azioni così tragiche possano essere frutto di una mente NON malata perchè dare il valore di malattia a questi agiti li rende a noi più lontani e dunque risulta difensivo?

    2 parliamo di diritto, secondo questo una persona non può essere giudicata se all'atto di un fatto comesso come reato non era capace di intendere e/o volere (art. 88 e 89 C.P.), per cui per un soggetto essere dichiarato tale comporta una non punibilità che paradossalmente (non penso sia questo il caso o almeno lo spero) se non è accompagnata da pericolosità sociale accertata porta tranquillamente a spasso i soggetti stessi. Quindi spesso, non sempre, la malattia mentale, in termini giuridici il vizio totale o parziale di mente, viene invocata come scappatoia a condanne penali. E' un campo minato in cui è difficile districarsi perchè da un lato vanno salvaguardati i singoli nelle loro peculiarità però contemporaneamente vanno distinti i simulatori e gli opportunisti di turno e ancora la società dovrebbe poter preservare se stessa da persone pericolose.

    Che ne pensate?
    " E se scruti a lungo un abisso, anche l’abisso scruterà dentro di te" Nietzsche


    dai un'occhiata a questo sito www.altrapsicologia.it

    per usufruire del servizio contattare la scrivente per pattuire il compenso

  15. #15
    Partecipante Assiduo L'avatar di cinzia
    Data registrazione
    13-01-2003
    Messaggi
    208
    Secondo l'incapacità di intedere e di volere al momento del fatto è troppo sfruttata..in Italia sono troppo permissivi..
    Per Castagna: Rispondevi a me riguardo allo psicologo dei test? Sai quali test ha fatto?

Pagina 1 di 2 12 UltimoUltimo

Privacy Policy