• Opsonline.it
  • Facebook
  • twitter
  • youtube
  • linkedin
Visualizzazione risultati 1 fino 5 di 5
  1. #1
    soleeluna
    Ospite non registrato

    Lavoro e specializzazione

    Ciao a tutti, volevo informazioni sulle scuole di psicoterapia. per esempio volevo sapere se una volta laureati in psicologia e iscritti all'albo è proprio necessario specializzarsi in psicoterapia. Mi è ancora poco chiara la differenza tra psicologi e psicoterapeuti e qual'è l'ambito specifico nel quale possono lavorare


    Grazie in anticipo del vostro contributo.

    Ciao

  2. #2
    Partecipante Affezionato L'avatar di dina
    Data registrazione
    14-09-2004
    Residenza
    macerata
    Messaggi
    65
    ciao soleluna, in effetti in certi ambiti la differenza è sottile, nel senso che uno psicologo " semplice" può condurre colloqui di sostegno psicologico, counseling per problematiche specifiche ed altro, ma non una vera e propria psicoterapia, in cui si giunge ad una ristrutturazione completa della personalità.. tanto per capirci non si può curare chi ha delle patologia conclamate! La specializzazione non è necessaria, dipende da quello che si vuole fare da grandi! Baci D.

  3. #3
    Partecipante Affezionato L'avatar di raffaela76
    Data registrazione
    05-05-2005
    Residenza
    milano
    Messaggi
    63
    Ciao soleluna , secondo me la decisione di specializzarsi, soprattutto per diventare psicoterapeuti , dovrebbe essere principalmente sostenuta dalla motivazione di conoscere se stessi quanto più è possibile. Solo in questo modo credo ,avremo poi la possibilità di aiutare gli altri... Come diceva un mio amato docente scomparso da poco .."la psicoterapia è il cammino necessario per trasformare le nostre ferite in "feritoia", attraverso cui guardare e comprendere il dolore altrui".Spero di esserti stata utile... un saluto
    Coraggio dinanzi alla tristezza dei distacchi,
    alle passioni che selvaggiamente riassaltano e attanagliano,
    alle cose del mondo che vanno
    incontrario dei nostri amori e delle nostre speranze, ai dolori che conviene sostenere e accettare e addomesticare e ridurre a compagni severi della propria vita interiore. (Croce,1945)

  4. #4
    *Saretta*
    Ospite non registrato
    Dina..grazie!!! davvero.. non ero mai riuscita a capire la differenza fino in fondo e tu sei stata chiarissima

  5. #5
    Ospite non registrato
    Che bella espressione ha detto il tuo prof, Raffaella!!

Privacy Policy