• Opsonline.it
  • Facebook
  • twitter
  • youtube
  • linkedin
Visualizzazione risultati 1 fino 10 di 10

Discussione: Fuga e altro

  1. #1
    Postatore Epico L'avatar di Ember
    Data registrazione
    22-07-2002
    Residenza
    Urbino
    Messaggi
    11,724

    Fuga e altro

    Nel sogno di stanotte io e una non molto ben identificata amica (che più avanti sarà sicuramente la mia amica M) fuggiamo da due uomini (uno è il boss -molto somigliante a un mio professore, forse lui stesso- e l'altro prende ordini) che vogliono impossessarsi di qualcosa che abbiamo (c'è un "primo tempo" nel sogno che però non ricordo o forse neanche ho sgonato, dove appunto trovavamo questa cosa...). Mi pare che avessimo un numero di un fumetto rarissimo che il boss voleva ma ricordo anche che pensavo ci dovesse essere una storia di spionaggio dietro, perchè ritenevo stupido inseguirci e pedinarci per un fumetto!

    Io e questa mia amica camminando notiamo la macchina di questi tizi parcheggiata di fronte a un'autofficina, dove vovevamo passare (davanti o proprio dentro, non so). Allora ci prende il panico, e decidiamo di prendere la bicicletta e fuggircene in un paesino vicino per un pò. E'stato bello perchè siamo salite su questa bici un pò traballante, eravamo spaventate si, ma anche molto emozionate perchè era come se partissimo per un viaggio lunghissimo, così alla cieca. Per la prima volta in un sogno non ho ansia di avvisare i miei genitori della mia partenza
    Arriviamo in un paesino con due case, polveroso e che puzzava di sterco di cavallo ma ci sentivamo al sicuro e libere. Incontriamo diversi personaggi: un ragazzo bellissimo che vuole darci un passaggio (ma il ragazzo lo lascio all'amica, che pareva molto interessata) che però rifiutiamo, un padre con un bimbo al quale invece cerchiamo di far capire che siamo inseguite e ci serve aiuto ma lui (per quanto dolcissimo e premuroso) non coglie la richiesta, e una ragazza bellissima anche lei, che poi si scopre innamorata del ragazzo del quale la mia amica è innamorata (forse il giovane di prima, forse quello di cui l'amica -che ora è sicuro M- era innamorata tanto tempo fa nella realtà... o forse i due sono la stessa persona). Allora mentre le due battibeccano questa ragazza ci porta in un palazzo. Ci ritroviamo con altre persone in un salotto che sembra quello di mio nonno ma più luminoso. A un certo punto però la bella ragazza si infuria e la stanza diventa buia. Guardo bene i vetri delle finestre e noto che dietro è sceso all'improvviso un immenso velo nero che ricopre tutta la casa. La ragazza, fiera del mio stupore dice di essere Le Tenebre. Un'altra ragazza, sempre presente nella stanza dice: "tu forse puoi mettere paura e aiutare lo svolgersi dei fatti, ma solo io, l'Acqua, posso donare vita..." (mi porge un bicchiere nel quale con un cenno della mano fa nascere un minuscolo gamberetto rosso e blu) "... e toglierla!" (il gamberetto viene come risucchiato dal nulla).

    Impressionate dall'accaduto, io e l'amica decidiamo che preferiamo consegnarci ai due che ci pedinavano piuttosto che continuare a stare con quei pazzi poi non ricordo più, ma ricordo scene successive.

    Siamo in una piazza di Urbino, e suona una fanfara militare. Ci sono dei miei amici che suonano e quando hanno finito, prendo il trombone del mio amico Paolo (o del mio ragazzo, suonano entrambi il trombone e in genere è a lui che lo frego sempre dopo le prove) e faccio la cretina strimpellandolo un pò, quando vedo che mio padre parla con degli anziani. Più tardi gli chiedo cosa volessero, e lui mi dice che erano dei signori che avendo fatto la guerra al fianco di mio nonno gli avevano consegnato dei ricordi in forma cartacea di una bellezza impressionante su di lui (è morto), al che mio padre si è deciso a scrivere una sua biografia. Mi fa piacere ma allo stesso tempo non vedo che cosa si potesse scrivere su mio nonno.
    Forse è significativo il fatto che io mi rivedo molto in mio nonno.

    Dalla piazza vado poi con mia mamma verso un portone, dal quale esce il mio prof di solfeggio con la tuta da sci e tutto l'equipaggiamento. E'vero che è uno sciatore ma siamo a maggio e a Urbino fa molto caldo e quindi mi metto a ridere. Lui però è arrabbiato perchè non sono andata a lezione (è vero, ieri ho sgarrato), ma dice che tutto sommato non importa, che questo è l'anno dei tromboni, e che l'importante è che a lezione ci vadano i trombonisti. Non capisco, però mi viene in mente che in effetti (è vero) un ragazzo che conosco ha il diploma di trombone tra non molto.
    Il prof mi dice di entrare nel portone, io lo faccio e mi trovo in una specie di cinema che va via via riempiendosi di gente. Vedo un mio amico che distribuisce libretti e volantini e gli chiedo di che si tratta. Lui mi dice che il professore-sciatore ha organizzato un seminario sul trombone!
    "ma di che si tratta?" "il tema è l'interpretazione di Bach, e ci saranno grandi interpreti a eseguire dei brani". non mi risulta che Bach abbia scritto granchè per trombone (non conosco nulla) però la Bach è una marca di tromboni e accessori per tromboni. Voglio restare, ma voglio anche andare via perchè ho qualcos'altro da fare. Mia madre esce perchè deve andare a lavorare, e io esco con lei.

    Questo è il sogno di oggi. Ne ho uno arretrato che se riesco a ricordare, lo aggiungerò.
    *** Homo sum: humani nihil a me alienum puto ***

    oPS-StaNZa Di uRBiNo iL Mio FoRuM



    Anche Ember nella setta dell'ASD *asdatrice musicista*
    [thanks to Angelus, fondatore della setta]

  2. #2
    Postatore Epico L'avatar di Ember
    Data registrazione
    22-07-2002
    Residenza
    Urbino
    Messaggi
    11,724
    Altro sogno (scusate se sono un pò prolissa! Questo è un pò più breve però)... sono in spiaggia a Pesaro, è sera e c'è un picnic.
    Mi dicono che hanno messouna nuova specie nelle nostre acque: la foca il mare infatti è pieno di foche, però pian piano iniziano ad arrivare anche degli squali per mangiare le foche. Il mare si riempie di squali bianchi (intendo la razza proprio), grossi, grassi, che saltano e divorano le foche. E'uno spettacolo! Ma è anche spaventoso! Cerco di avvisare quante più persone possibili di evitare di entrare in acqua, ma mentre telefono dal cellulare la spiaggia si rempie di lupi neri come il petrolio. E questa è una parte molto dolce, perchè sebbene i lupi (uno in particolare) mi attaccassero, sto bene... mi piacciono, quasi mi diverte combattere contro di loro e non faccio fatica. La testa di quello che mi attacca è grossa quasi quanto me! Chiudo con le braccia la sua bocca così che non riesce a mordermi e intanto il suo pelo morbido mi accarezza la pelle. Dopo un pò la mia resistenza viene meno e chiamo aiuto. Arriva Federico, il mio ragazzo, che prende il lupo e lo sta per gettare in acqua, ma io non voglio vederlo morire annegato, allora lo butta dietro una duna di sabbia, e quando guardo vedo che il lupo è scomparso.

    Notti fa invece ho sognato che ero in una specie di monastero dove insegnavano a comunicare con gli animali, e a domarli. La notte dormivo con dei bambini (anche io forse ero una bambina) in una piccola stanza, e di giorno venivamo portati in luoghi ogni volta diversi, foreste, deserti... ci si poteva specializzare, ed io avevo scelto la specializzazione in serpenti e volatili. Col passare del tempo, riesco a imparare persino a volare (un pò). Un giorno però un serpente gigantesco e velenosissimo rapisce un mio compagno di corso (che però era specializzato in altri animali)... in quel momento io sono l'unica abbastanza avanti con gli studi da poter convincere il serpente a rilasciarlo. Ma davanti alla tana del serpente ho una paura pazzesca, non riesco a chiamarlo fuori, voglio solo andare via, ma allo stesso tempo voglio salvare il compagno. Volo attraverso il deserto per cercare aiuto, ma ho come la sensazione che sia troppo tardi...
    *** Homo sum: humani nihil a me alienum puto ***

    oPS-StaNZa Di uRBiNo iL Mio FoRuM



    Anche Ember nella setta dell'ASD *asdatrice musicista*
    [thanks to Angelus, fondatore della setta]

  3. #3
    Postatore Epico L'avatar di Ember
    Data registrazione
    22-07-2002
    Residenza
    Urbino
    Messaggi
    11,724
    Altro spezzone, sogno con animali: in una gabbia metto un criceto e dei pappagalli, e vedo che vanno d'accordo e si nutrono a vicenda, qualche giorno dopo però, combattono fino a morire tutti
    *** Homo sum: humani nihil a me alienum puto ***

    oPS-StaNZa Di uRBiNo iL Mio FoRuM



    Anche Ember nella setta dell'ASD *asdatrice musicista*
    [thanks to Angelus, fondatore della setta]

  4. #4
    agex
    Ospite non registrato
    Ember non ti abbiamo trascurato, il ritardo è dovuto esclusivamente al fatto che ci eravamo imposti di rimanere in attesa di conoscere la durata dell’assordante silenzio degli altri clinici che si ribellano e si sentono disturbati dai nostri interventi scientifici, sinceramente ci aspettavamo un loro contributo di fronte al preziosissimo materiale che ci hai offerto, abbiamo penato per non risponderti… credici. Ci illudevamo che i nostri detrattori avrebbero partecipato al dibattito clinico…





    “Nel sogno di stanotte io e una non molto ben identificata amica (che più avanti sarà sicuramente la mia amica M) fuggiamo da due uomini (uno è il boss -molto somigliante a un mio professore, forse lui stesso- e l'altro prende ordini) che vogliono impossessarsi di qualcosa che abbiamo (c'è un "primo tempo" nel sogno che però non ricordo o forse neanche ho sgonato, dove appunto trovavamo questa cosa...). Mi pare che avessimo un numero di un fumetto rarissimo che il boss voleva ma ricordo anche che pensavo ci dovesse essere una storia di spionaggio dietro, perchè ritenevo stupido inseguirci e pedinarci per un fumetto!”

    Segnale di pericolo nei confornti di un desiderio: con l’amica (del cuore???) ti cacci nei guai.


    ”Io e questa mia amica camminando notiamo la macchina di questi tizi parcheggiata di fronte a un'autofficina, dove vovevamo passare (davanti o proprio dentro, non so). Allora ci prende il panico, e decidiamo di prendere la bicicletta e fuggircene in un paesino vicino per un pò.”

    L’amica assomiglia alla figura materna che la vuoi tutta per te, in un frullatore di sentimenti

    “E'stato bello perchè siamo salite su questa bici un pò traballante, eravamo spaventate si, ma anche molto emozionate perchè era come se partissimo per un viaggio lunghissimo, così alla cieca. Per la prima volta in un sogno non ho ansia di avvisare i miei genitori della mia partenza”

    Appunto stavi con mammà!!!!


    ”Arriviamo in un paesino con due case, polveroso e che puzzava di sterco di cavallo ma ci sentivamo al sicuro e libere. Incontriamo diversi personaggi: un ragazzo bellissimo che vuole darci un passaggio (ma il ragazzo lo lascio all'amica, che pareva molto interessata) che però rifiutiamo, un padre con un bimbo al quale invece cerchiamo di far capire che siamo inseguite e ci serve aiuto ma lui (per quanto dolcissimo e premuroso) non coglie la richiesta, e una ragazza bellissima anche lei, che poi si scopre innamorata del ragazzo del quale la mia amica è innamorata (forse il giovane di prima, forse quello di cui l'amica -che ora è sicuro M- era innamorata tanto tempo fa nella realtà... o forse i due sono la stessa persona). Allora mentre le due battibeccano questa ragazza ci porta in un palazzo. Ci ritroviamo con altre persone in un salotto che sembra quello di mio nonno ma più luminoso.

    Mio nonno??? Il padre di mammà????

    “A un certo punto però la bella ragazza si infuria e la stanza diventa buia. Guardo bene i vetri delle finestre e noto che dietro è sceso all'improvviso un immenso velo nero che ricopre tutta la casa. La ragazza, fiera del mio stupore dice di essere Le Tenebre. Un'altra ragazza, sempre presente nella stanza dice: "tu forse puoi mettere paura e aiutare lo svolgersi dei fatti, ma solo io, l'Acqua, posso donare vita..." (mi porge un bicchiere nel quale con un cenno della mano fa nascere un minuscolo gamberetto rosso e blu) "... e toglierla!" (il gamberetto viene come risucchiato dal nulla). Impressionate dall'accaduto, io e l'amica decidiamo che preferiamo consegnarci ai due che ci pedinavano piuttosto che continuare a stare con quei pazzi poi non ricordo più, ma ricordo scene successive.”

    Ti è chiaro ora?????



    ”Siamo in una piazza di Urbino, e suona una fanfara militare. Ci sono dei miei amici che suonano e quando hanno finito, prendo il trombone del mio amico Paolo (o del mio ragazzo, suonano entrambi il trombone e in genere è a lui che lo frego sempre dopo le prove)..

    Cosa freghi???? Sai cosa vuol dire a Roma fregare????

    “.. e faccio la cretina strimpellandolo un pò, quando vedo che mio padre parla con degli anziani.”

    Stavolta è papà….ehm

    “ Più tardi gli chiedo cosa volessero, e lui mi dice che erano dei signori che avendo fatto la guerra al fianco di mio nonno gli avevano consegnato dei ricordi in forma cartacea di una bellezza impressionante su di lui (è morto), al che mio padre si è deciso a scrivere una sua biografia. Mi fa piacere ma allo stesso tempo non vedo che cosa si potesse scrivere su mio nonno. Forse è significativo il fatto che io mi rivedo molto in mio nonno.”

    Forse….


    ”Dalla piazza vado poi con mia mamma verso un portone, dal quale esce il mio prof di solfeggio con la tuta da sci e tutto l'equipaggiamento.”

    Anche i guanti???? Sai cosa i “guanti”???

    “E'vero che è uno sciatore ma siamo a maggio e a Urbino fa molto caldo e quindi mi metto a ridere. Lui però è arrabbiato perchè non sono andata a lezione (è vero, ieri ho sgarrato), ma dice che tutto sommato non importa, che questo è l'anno dei tromboni, e che l'importante è che a lezione ci vadano i trombonisti. Non capisco, però mi viene in mente che in effetti (è vero) un ragazzo che conosco ha il diploma di trombone tra non molto.”

    Tromboni “voce del verbo trombare….”


    ”Il prof mi dice di entrare nel portone, io lo faccio e mi trovo in una specie di cinema che va via via riempiendosi di gente. Vedo un mio amico che distribuisce libretti e volantini e gli chiedo di che si tratta. Lui mi dice che il professore-sciatore ha organizzato un seminario sul trombone!

    Trombare???? Di nuovo è una fissa!!!!


    "ma di che si tratta?" "il tema è l'interpretazione di Bach, e ci saranno grandi interpreti a eseguire dei brani". non mi risulta che Bach abbia scritto granchè per trombone (non conosco nulla) però la Bach è una marca di tromboni e accessori per tromboni. Voglio restare, ma voglio anche andare via perchè ho qualcos'altro da fare. Mia madre esce perchè deve andare a lavorare, e io esco con lei.”

    Questo è il sogno di oggi. Ne ho uno arretrato che se riesco a ricordare, lo aggiungerò.

    Altro sogno (scusate se sono un pò prolissa! Questo è un pò più breve però)... sono in spiaggia a Pesaro, è sera e c'è un picnic. Mi dicono che hanno messo una nuova specie nelle nostre acque: la foca

    Hai detto “foca” oppure c’era la “i” ....????



    “il mare infatti è pieno di foche, però pian piano iniziano ad arrivare anche degli squali per mangiare le foche.”

    Succede…nelle migliori famiglie…

    “ Il mare si riempie di squali bianchi (intendo la razza proprio), grossi, grassi, che saltano e divorano le foche. E'uno spettacolo! Ma è anche spaventoso!”

    Come dire datti una calmata!!!!

    “Cerco di avvisare quante più persone possibili di evitare di entrare in acqua, ma mentre telefono dal cellulare la spiaggia si rempie di lupi neri come il petrolio. E questa è una parte molto dolce, perchè sebbene i lupi (uno in particolare) mi attaccassero, sto bene... mi piacciono, quasi mi diverte combattere contro di loro e non faccio fatica.”

    Ovviamente conosci al tavoletta del lupo e l’agnello…

    “La testa di quello che mi attacca è grossa quasi quanto me! Chiudo con le braccia la sua bocca così che non riesce a mordermi e intanto il suo pelo morbido mi accarezza la pelle. Dopo un pò la mia resistenza viene meno e chiamo aiuto. Arriva Federico, il mio ragazzo, che prende il lupo e lo sta per gettare in acqua, ma io non voglio vederlo morire annegato, allora lo butta dietro una duna di sabbia, e quando guardo vedo che il lupo è scomparso.”

    Ti sei domandata, invece, perché ci hai messo finalmente Federico????

    ”Notti fa invece ho sognato che ero in una specie di monastero dove insegnavano a comunicare con gli animali, e a domarli.”

    A fare che…. domarli???

    “ La notte dormivo con dei bambini (anche io forse ero una bambina) in una piccola stanza, e di giorno venivamo portati in luoghi ogni volta diversi, foreste, deserti... ci si poteva specializzare, ed io avevo scelto la specializzazione in serpenti e volatili.”

    Insomma uccelli, insieme alle fregate e alle trombate e alle foche????

    “ Col passare del tempo, riesco a imparare persino a volare (un pò). Un giorno però un serpente gigantesco e velenosissimo rapisce un mio compagno di corso (che però era specializzato in altri animali)... in quel momento io sono l'unica abbastanza avanti con gli studi da poter convincere il serpente a rilasciarlo.”

    Insomma ua storia psicosessuale????

    “ Ma davanti alla tana del serpente ho una paura pazzesca, non riesco a chiamarlo fuori, voglio solo andare via, ma allo stesso tempo voglio salvare il compagno. Volo attraverso il deserto per cercare aiuto, ma ho come la sensazione che sia troppo tardi...”

    Insomma un bel sogno: complimenti..ora aspettiamo gli altri clinici…hanno un da fare…

    “Altro spezzone, sogno con animali: in una gabbia metto un criceto e dei pappagalli, e vedo che vanno d'accordo e si nutrono a vicenda, qualche giorno dopo però, combattono fino a morire tutti…”

    Grazie ember ci hai dato un contributo interessantissimo, noi possiamo aggiungere che ora per te le cose vanno veramente bene……o no????

  5. #5
    Postatore Epico L'avatar di Ember
    Data registrazione
    22-07-2002
    Residenza
    Urbino
    Messaggi
    11,724
    Dai, non mi sembra abbiate dei detrattori sul forum! Semmai è che la stanza non è molto frequentata...

    In effetti scrivendo avevo immaginato che ci avreste visto riferimenti sessuali, nel trombone, nelle foche, nei serpenti... però c'è da dire che tutte queste sono cose che io nella mia vita quotidiana "utilizzo" spesso. A parte forse i serpenti... il trombone è davvero lo strumento del mio ragazzo, e davvero quando non suona glie lo "prendo" e ci strimpello io (non so se in questo ci vedete del sesso ma vi giuro che se avesse suonato qualsiasi altro strumento a fiato avrei fatto lo stesso! Forse vi suonerà pure strano il fatto che sono un'appassionata di fiati vabbè...). Sogno spesso animali che durante il giorno ho creato sotto forma di origami. Visto che sono una schiappa, mi cimento solo nella foca e nell'uccello!
    La foca che combatte con lo squalo e viene divorata è un'immagine ricorrente nei miei sogni.

    L'amica del sogno non è l'amica del cuore... anzi è una persona che non vedo da molto. Forse mi va di rivederla, forse no... chissà, forse è la mamma e infatti si, il salotto è quello del padre di mia mamma.

    Riguardo al sogno della fanfara, come ho detto sopra tutti questi riferimenti sessuali non li vedo. O meglio, se così fosse vivrei in un mondo di riferimenti sessuali anche da sveglia
    Il mio professore ad esempio è sciatore, l'ho detto. E il trombone che ritorna lo vedo collegato alla prima parte, dove "frego" (lo so che vuol dire!) quello del mio ragazzo...

    Si, ogni volta che sogno Federico mi chiedo perchè. E'strano, perchè gli racconto sempre i miei sogni e si lamenta di non esserci mai, ma in realtà quando c'è ha sempre una bella parte lo sogno sempre quando vedo che non ce la posso fare da sola. Lui per me rappresenta la forza e la dolcezza, nei sogni mi salva sempre o mi fa regali strabilianti! Un pò è così anche nella vita reale.

    Il sogno in cui devo domare gli animali invece lo sento anche io abbastanza sessuale, si....

    Ieri ho sognato che andavo a Parigi, e perdevo Tatì, uno dei miei pappagalli, quello azzurro (eh lo so, sarò fissata con gli uccelli, ma ho davvero dei pappagallini che fuggono sempre) e l'anno dopo (commento di mamma: "il tempo nei tuoi sogni è estremamente compresso" ) tornavo a Parigi e vedevo che tutti gli uccelli della città (soprattutto i piccioni) erano diventati azzurri! Questo perchè Tatì in quell'anno non aveva fatto che accoppiarsi con pennuti di ogni sorta, generando dei bellissimi (ma mostruosi) figli blu.

    In questo periodo sto sognando veramente tanto. Sto bene. Dovrei essere nel panico più totale invece con tutti gli impegni che ho!
    *** Homo sum: humani nihil a me alienum puto ***

    oPS-StaNZa Di uRBiNo iL Mio FoRuM



    Anche Ember nella setta dell'ASD *asdatrice musicista*
    [thanks to Angelus, fondatore della setta]

  6. #6
    agex
    Ospite non registrato
    “Dai, non mi sembra abbiate dei detrattori sul forum! Semmai è che la stanza non è molto frequentata...”

    I detrattori ce li abbiamo eccome, ma non è un fatto personale, ovviamente, noi pensiamo che ci siano di mezzo vari interessi: crediamo che ci sia la tendenza a svilire tutti i contributi riguardanti “l'intrapsichico”, ovvero cosa succede al cervello nei processi psichici (vedi codice binario), in sostanza si vorrebbe far credere che l’intrapsichico e dunque il sintomo e la malattia siano di pertinenza esclusivamente farmacologica (sostanze attive, placebo, erbe, ecc.), allo psicologo dovrebbe, invece, rimanere un ruolo di supporto allo smercio delle suddette sostanze e di studio esclusivo relazionale tra soggetto e ambiente.

    Ma la forza del codice binario non si ferma, in sintesi il contributo scientifico supera tutte le barricate....e tu ci dai la prova.

    “In effetti scrivendo avevo immaginato che ci avreste visto riferimenti sessuali, nel trombone, nelle foche, nei serpenti...”

    Certo ci sembra ovvio, ma noi sosteniamo che il “sessuale” non sia necessariamente il “genitale”, ma una metafora del piacere paradossale, infatti per esemplificare si dice piacere sessuale, ma per noi non fa differenza con il piacere del cibo, del digiuno ecc. Noi ci occupiamo del piacere paradossale e il trombone, la foca, ecc. si prestano a metaforizzare l’area.

    “. però c'è da dire che tutte queste sono cose che io nella mia vita quotidiana "utilizzo" spesso. A parte forse i serpenti... il trombone è davvero lo strumento del mio ragazzo, e davvero quando non suona glie lo "prendo" e ci strimpello io (non so se in questo ci vedete del sesso ma vi giuro che se avesse suonato qualsiasi altro strumento a fiato avrei fatto lo stesso! Forse vi suonerà pure strano il fatto che sono un'appassionata di fiati vabbè...). “

    Siamo d’accordo con te su tutta la linea, ma ribadiamo la componente di sfida e di piacere paradossale che ben si presta ad essere fraintesa con il trombone e i fiati.

    “Sogno spesso animali che durante il giorno ho creato sotto forma di origami. Visto che sono una schiappa, mi cimento solo nella foca e nell'uccello! “

    ”La foca che combatte con lo squalo e viene divorata è un'immagine ricorrente nei miei sogni.”

    Concordiamo invece che il sogno segnala la componente piacevole della lotta impari.

    ”L'amica del sogno non è l'amica del cuore... anzi è una persona che non vedo da molto.”

    Sì ma nel sogno è considerata, trattata come amica..anche se nella realtà è semplicemente conoscente….

    “Forse mi va di rivederla, forse no... chissà, forse è la mamma e infatti si, il salotto è quello del padre di mia mamma.”

    Bene ci siamo…

    ”Riguardo al sogno della fanfara, come ho detto sopra tutti questi riferimenti sessuali non li vedo.”

    La fanfara ha un effetto magico, prodigioso, ricordiamo i film di Fellini, la fanfara è un po’ grottesca e comica…

    “O meglio, se così fosse vivrei in un mondo di riferimenti sessuali anche da sveglia “

    Non la intendiamo così: di piacere per il paradosso…

    “Il mio professore ad esempio è sciatore, l'ho detto. E il trombone che ritorna lo vedo collegato alla prima parte, dove "frego" (lo so che vuol dire!) quello del mio ragazzo...”

    ”Si, ogni volta che sogno Federico mi chiedo perchè.”

    Bene: noi sosteniamo che nei rapporti ciò che si deve tenere conto è la possibilità di instaurare il piacere paradossale….(l’amore non è bello se non è stuzzicarello…)

    “E'strano, perchè gli racconto sempre i miei sogni e si lamenta di non esserci mai, ma in realtà quando c'è ha sempre una bella parte…

    E’ bello poter raccontare i propri sogni nella vita di coppia, ma la lettura deve essere utile non alla competizione…..(vedi sopra).

    “ lo sogno sempre quando vedo che non ce la posso fare da sola.”

    E’ giusto..si sogna perché è un segnale di pericolo e dunque di aiuto.

    “ Lui per me rappresenta la forza e la dolcezza, nei sogni mi salva sempre o mi fa regali strabilianti! Un pò è così anche nella vita reale.”

    Ti sembra che faciliti un rapporto equilibrato???

    ”Il sogno in cui devo domare gli animali invece lo sento anche io abbastanza sessuale, si....”

    N’ata volta???

    ”Ieri ho sognato che andavo a Parigi, e perdevo Tatì, uno dei miei pappagalli, quello azzurro (eh lo so, sarò fissata con gli uccelli, ma ho davvero dei pappagallini che fuggono sempre) e l'anno dopo (commento di mamma: "il tempo nei tuoi sogni è estremamente compresso") tornavo a Parigi e vedevo che tutti gli uccelli della città (soprattutto i piccioni) erano diventati azzurri! Questo perchè Tatì in quell'anno non aveva fatto che accoppiarsi con pennuti di ogni sorta, generando dei bellissimi (ma mostruosi) figli blu.”

    Noi la mettiamo più sul piano dell’onnipotenza magica dell’evento (Parigi!!!!).

    ”In questo periodo sto sognando veramente tanto. Sto bene. Dovrei essere nel panico più totale invece con tutti gli impegni che ho!”

    Vedi cara che sognare e poi impegnarsi ad analizzarli aiuta a stare bene!!! Ecco il prodigio del sogno in campo clinico, alla faccia dei nostri detrattori…..hai confermato il nostro assunto di base. Ti siamo grati.

  7. #7
    Postatore Epico L'avatar di Ember
    Data registrazione
    22-07-2002
    Residenza
    Urbino
    Messaggi
    11,724
    Non mi sono chiari questi passaggi (scusate se non utilizzo la funzione "quote" ma sono un pò di fretta)...

    * “ Lui per me rappresenta la forza e la dolcezza, nei sogni mi salva sempre o mi fa regali strabilianti! Un pò è così anche nella vita reale.”

    Ti sembra che faciliti un rapporto equilibrato???

    * Noi la mettiamo più sul piano dell’onnipotenza magica dell’evento (Parigi!!!!).

    * Vedi cara che sognare e poi impegnarsi ad analizzarli aiuta a stare bene!!!

    (e se non ci si impegnasse ad analizzarli? Io credo che si starebbe comunque meglio per il fatto di aver sognato)
    *** Homo sum: humani nihil a me alienum puto ***

    oPS-StaNZa Di uRBiNo iL Mio FoRuM



    Anche Ember nella setta dell'ASD *asdatrice musicista*
    [thanks to Angelus, fondatore della setta]

  8. #8
    Partecipante Veramente Figo L'avatar di alea
    Data registrazione
    11-04-2002
    Residenza
    torino
    Messaggi
    1,253
    (e se non ci si impegnasse ad analizzarli? Io credo che si starebbe comunque meglio per il fatto di aver sognato)

    per la mia esperienza personale è il processo di "prestare attenzione" ai sogni che fa sentire "meglio" (di questo meglio però potremmo parlarne, forse non è un meglio = semplice, rasserenante, gratificante ma ... )
    "Il Signore, il cui oracolo è a Delfi, non dice nè cela, ma accenna" Eraclito

  9. #9
    agex
    Ospite non registrato
    Non mi sono chiari questi passaggi (scusate se non utilizzo la funzione "quote" ma sono un pò di fretta)...

    * “ Lui per me rappresenta la forza e la dolcezza, nei sogni mi salva sempre o mi fa regali strabilianti! Un pò è così anche nella vita reale.” ”Ti sembra che faciliti un rapporto equilibrato???”

    Il sogno è un segnale di pericolo nei confronti di un desiderio e sembra che ti dica: stai attenta che vuoi vivere un rapporto di tipo squilibrato, dove c’è una vittima e un salvatore. Cui prodest? I rapporti per essere tali dovrebbero contenere pari valore l’uno per l’altro.

    ” Noi la mettiamo più sul piano dell’onnipotenza magica dell’evento (Parigi!!!!).”

    Insomma l’eccitamento del viaggio.



    ”Vedi cara che sognare e poi impegnarsi ad analizzarli aiuta a stare bene!!! “”e se non ci si impegnasse ad analizzarli? Io credo che si starebbe comunque meglio per il fatto di aver sognato”


    Come prima cosa è importante sognare , la riflessione migliora la comprensione, generalmente è così, poi c’è chi se ne frega e allora cosa possiamo aggiungere???

    ”per la mia esperienza personale è il processo di "prestare attenzione" ai sogni che fa sentire "meglio" (di questo meglio però potremmo parlarne, forse non è un meglio = semplice, rasserenante, gratificante ma ... )

    Noi siamo dell’opinione che per prima cosa occorre prestare attenzione poi la riflessione serve a migliorare...

  10. #10
    Postatore Epico L'avatar di Ember
    Data registrazione
    22-07-2002
    Residenza
    Urbino
    Messaggi
    11,724
    Il fatto che nella coppia ci sia un salvatore non esclude che l'altro sia necessariamente vittima, anzi penso che in un rapporto in un certo senso i "salvatori" siano entrambi, vicendevolmente altrimenti non sarebbe un rapporto molto sano!

    Riguardo a Parigi non so, è una città che odio e alla quale ho legati principalmente brutti ricordi (a parte un paio)... forse è che una mia amica mi aveva detto che sarebbe andata qualche giorno a Parigi, e sebbene non la invidiassi per la meta, la invidio per il tempo libero che è riuscita a racimolare per partire!
    *** Homo sum: humani nihil a me alienum puto ***

    oPS-StaNZa Di uRBiNo iL Mio FoRuM



    Anche Ember nella setta dell'ASD *asdatrice musicista*
    [thanks to Angelus, fondatore della setta]

Privacy Policy